La fondazione di parole

IL

PAROLA

OTTOBRE, 1907.


Copyright, 1907, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

Gli argomenti trattati in queste colonne sono di interesse generale e proposti dai lettori di THE WORD. MOMENTI CON GLI AMICI, desideriamo rimanere tutto ciò che il titolo suggerisce. Non intendono in alcun modo essere controversi. Le domande fatte dagli amici si sforzano di ricevere una risposta da uno di loro e alla maniera degli amici. Gli argomenti, per amor di discussione, raramente favoriscono l'amicizia.

Il seguente articolo, ricevuto subito dopo l'emissione della PAROLA di marzo, potrebbe non sembrare al lettore esattamente come le precedenti domande e risposte in MOMENTI CON GLI AMICI, ma a causa dell'interesse generale degli argomenti discussi e della richiesta seria del corrispondente per pubblicare le sue obiezioni in THE WORD, UN AMICO risponderà alle sue obiezioni come richiesto, fermo restando che le obiezioni sono ai principi e alle pratiche della scienza cristiana, e non alle personalità - Ed. LA PAROLA

New York, marzo 29, 1907.

All'editore di THE WORD.

Signore: Nel numero di marzo di THE WORD, “A Friend” pone e risponde a una serie di domande su Christian Science. Queste risposte mostrano che lo scrittore ha adottato alcune premesse sfavorevoli alla scienza cristiana, che, se portato alle loro logiche conclusioni, sono ugualmente sfavorevoli alla pratica di tutti gli organi religiosi. Alla prima domanda, "È sbagliato usare mezzi mentali anziché fisici per curare i mali fisici?" Si risponde praticamente "sì". Si afferma che "ci sono casi in cui si è giustificati nell'usare il potere del pensiero per superare i mali fisici , nel qual caso diremmo che non era sbagliato. Nella stragrande maggioranza dei casi è decisamente sbagliato usare mezzi mentali anziché fisici per curare i mali fisici. "

Se con l'uso di mezzi mentali lo scrittore si riferisce al funzionamento di una mente umana su un'altra mente umana, per rimuovere i mali fisici, allora concordo con lui che è sbagliato in ogni caso. Gli scienziati cristiani non impiegano la mente umana in ogni caso per rimuovere i mali fisici. Qui sta la differenza tra la scienza cristiana e la scienza mentale, che è trascurata da "A Friend".

Gli scienziati cristiani impiegano mezzi spirituali, solo attraverso la preghiera, per curare le malattie. L'apostolo Giacomo disse: "La preghiera della fede salverà i malati". La scienza cristiana insegna come fare "la preghiera della fede" e, poiché i malati sono guariti attraverso la preghiera della scienza cristiana, è la prova che è "la preghiera di fede ”.“ A Friend ”ha inconsapevolmente confuso il trattamento di Christian Science e il trattamento mentale. La scienza cristiana si basa interamente su Dio, attraverso la preghiera, mentre la cosiddetta scienza mentale, sia che essa operi attraverso la suggestione mentale, l'ipnotismo o l'ipnotismo, è l'operazione di una mente umana su un'altra mente umana. I risultati in quest'ultimo caso sono transitori e dannosi e meritano pienamente la condanna assunta da tale pratica da "un amico". Nessuno, tuttavia, può opporsi alla preghiera a Dio, né nessuno può dire che la preghiera sincera per un altro possa mai essere pregiudizievole.

Un'altra domanda è: "Gesù e molti dei santi non curarono i mali fisici con mezzi mentali, e se sì, era sbagliato?"

Nel rispondere a questa domanda "A Friend" ammette di aver guarito i malati e che non era sbagliato per loro farlo. Dice, tuttavia, "Gesù e i santi non hanno ricevuto denaro per le loro cure", e dice anche: "Quanto diversamente da Gesù e senza dubbio sembrerebbe che Gesù o i suoi discepoli o uno dei santi addebitino così tanto per visita a ogni paziente, cura o nessuna cura. "

I fatti sono che Gesù guarì i malati e insegnò ai suoi discepoli come fare allo stesso modo. Questi discepoli a loro volta insegnarono agli altri e per trecento anni il potere di guarigione fu regolarmente esercitato dalla chiesa cristiana. Quando Gesù mandò per la prima volta una banda di suoi discepoli con il comando di predicare il Vangelo e di guarire i malati, ordinò loro di non accettare la retribuzione per i loro servizi. Quando li mandò fuori la volta successiva, tuttavia, disse loro di portare con sé le loro borse e dichiarò che "il lavoratore è degno del suo assunzione". Questo testo è stato accettato per quasi duemila anni come autorità sufficiente per il clero e altri si sono impegnati nel lavoro cristiano per accettare un risarcimento per i loro servizi, e non vi può essere motivo ragionevole per fare un'eccezione nel caso degli scienziati cristiani. I religiosi sono impiegati dalle chiese per predicare e pregare, e in quasi tutti i casi viene pagato un salario fisso. I praticanti della scienza cristiana predicano entrambi il Vangelo e pregano, ma non ricevono uno stipendio fisso. La loro carica è così piccola da essere banale e viene pagata volontariamente dall'individuo che cerca il loro aiuto. Non vi è alcuna costrizione al riguardo, e in ogni caso è una questione personale tra il paziente e il medico di cui gli estranei non si preoccupano. Per essere un praticante di scienze cristiane, bisogna abbandonare gli affari secolari e dedicarsi tutto il tempo al lavoro. Per fare questo, devono almeno avere alcuni mezzi per le necessità ordinarie. Se non fosse prevista alcuna compensazione, è evidente che i poveri sarebbero esclusi del tutto da questo lavoro. Questa domanda è stata risolta dalla chiesa della scienza cristiana su una base che è assolutamente corretta e soddisfacente per le parti stesse. Non vi è alcuna lamentela da parte di coloro che si rivolgono a Christian Science per chiedere aiuto perché siano sovraccarichi. Tale lamentela di solito proviene da coloro che non hanno avuto nulla a che fare con la scienza cristiana. In ogni caso, deve essere ammesso da tutti coloro che desiderano trattare equamente l'argomento, che se è giusto pagare il sacerdote per predicare e pregare per la guarigione dei malati, è ugualmente giusto pagare uno scienziato cristiano per tale Servizi.

Davvero tuo.

(Firmato) VO STRICKLER.

L'interrogante afferma che "abbiamo adottato determinate premesse sfavorevoli alla scienza cristiana, che, se portate alle loro logiche conclusioni, sono ugualmente sfavorevoli a tutti gli organismi religiosi".

Che le premesse siano sfavorevoli alla scienza cristiana è vero, ma non vediamo come dalle loro logiche conclusioni queste premesse sarebbero sfavorevoli alla pratica di tutti gli organi religiosi. La scienza cristiana sostiene che i suoi insegnamenti sono unici tra le fedi moderne, e questo è senza dubbio vero. Poiché tali premesse sono sfavorevoli alla scienza cristiana, non ne consegue affatto che le stesse premesse si applicano a tutti gli organismi religiosi; ma se tutti gli enti religiosi dovessero negare i fatti e insegnare le menzogne, allora dovremmo essere senza esitazione sfavorevoli per loro nelle nostre premesse per le loro dottrine e pratiche, quando l'occasione richiedeva che le nostre opinioni fossero espresse.

Facendo riferimento alla prima domanda e risposta ad essa, che è apparso nella WORD di marzo, 1907, lo scrittore della lettera di cui sopra dice nel secondo paragrafo che è d'accordo con noi che “l'operazione di una mente umana su un'altra mente umana, per rimuovere il fisico mali, è sbagliato in ogni caso. "

Leggendo questo, sorge spontanea la domanda, quale sia quindi la necessità di ulteriori obiezioni o argomentazioni; ma siamo stupiti dall'affermazione che segue: "Gli scienziati cristiani non impiegano la mente umana in ogni caso per rimuovere i mali fisici".

Se è vero che la mente umana non viene utilizzata dallo scienziato cristiano nei suoi sforzi e nelle sue pratiche per rimuovere i mali fisici, allora il caso viene rimosso dai tribunali del mondo e non è quindi per nessuna corte di inchiesta. Pertanto, lo scienziato cristiano non deve preoccuparsi di alcun commento sfavorevole sulle sue pratiche, ed è fuori dalla sfera di MOMENTS WITH FRIENDS tentare di affrontare un argomento che non riguarda la mente umana. Ma sembra quasi impossibile che una simile affermazione possa essere fatta in modo veritiero. Se si afferma che è la mente divina (o qualsiasi altro tipo di mente) che rimuove i mali fisici, e non la mente umana, come può la mente divina agire senza la mente umana? Se la mente divina, o qualunque principio rivendichi lo "scienziato", agisce, come viene indotta quell'azione senza il suggerimento o l'impiego della mente umana? Ma la mente divina dovrebbe essere in grado di agire e rimuovere i mali fisici senza l'impiego o l'uso della mente umana, allora perché è necessario l'intervento di uno scienziato cristiano per rimuovere mali fisici di qualsiasi tipo? D'altra parte, l'unica alternativa è che né la mente divina né quella umana sono impiegate nella rimozione dei mali fisici. Se è così, come possiamo noi esseri umani, senza l'uso della mente umana, sapere o immaginare che esistano i mali fisici, o una mente divina o la mente umana. Lo scrittore della lettera conclude il secondo paragrafo dicendo: "Qui sta la differenza tra la scienza cristiana e la scienza mentale, che è trascurata da" A Friend ". ''

Riconosciamo di non conoscere questa distinzione tra scienza cristiana e scienza mentale. La distinzione fatta dallo scienziato cristiano è a favore dello scienziato mentale, in quanto, secondo l'affermazione nella lettera, lo scienziato mentale usa ancora la mente umana, mentre lo scienziato cristiano non lo fa.

All'inizio del terzo paragrafo lo scrittore della lettera dice: “Gli scienziati cristiani impiegano mezzi spirituali attraverso la preghiera solo per curare la malattia. L'apostolo Giacomo disse: "La preghiera della fede salverà i malati". ''

Queste affermazioni confondono piuttosto che chiarire le citazioni precedenti. Sorge naturalmente la domanda: quale distinzione intende lo scrittore dedurre tra mezzi spirituali e mezzi mentali? Per lo psichico, lo ipnotizzatore e lo psicologo dilettante, tutte le azioni che non si ritiene siano dovute a una causa fisica sono raggruppate sotto una testa comune e chiamate psichiche, mentali o spirituali; preferibilmente spirituale. Non è chiaro come lo scrittore abbia intenzione di usare la sua frase "mezzi spirituali", tranne per il fatto che sostiene che la preghiera non è un'operazione mentale. Ma se la preghiera non è un'operazione mentale o non ha a che fare con la mente umana, che cos'è allora la preghiera? Chi è colui che prega? Per cosa prega, a chi prega e per cosa?

Se colui che prega è uno scienziato cristiano, come può iniziare la sua preghiera senza la mente umana? Ma se non è più umano ed è diventato divino, non ha bisogno di pregare. Se uno prega, prendiamo che la sua preghiera è diretta a un potere superiore al suo, da cui la preghiera. E se è umano, deve usare la mente per pregare. Chi prega deve pregare per qualcosa. L'inferenza è che prega sui mali fisici e che questi mali fisici devono essere rimossi. Se l'import della preghiera è per la rimozione dei mali fisici, l'essere umano che prega deve usare la sua umanità e la sua mente per conoscere i malati fisici e chiederne la rimozione a beneficio del malato umano. La preghiera è il messaggio o la richiesta indirizzata alla persona, al potere o al principio che deve rimuovere il malato fisico. Si dice che la preghiera sia indirizzata a Dio; ma chi desidera indirizzare efficacemente un messaggio o una petizione a un inferiore, uguale o superiore, deve sapere come indirizzare tale messaggio o petizione in un modo che ottenga i fini desiderati. Uno che prega o fa una petizione non farebbe una petizione su un potere inferiore a se stesso, dal momento che non potrebbe accogliere la sua richiesta, né chiederebbe a uno dei suoi pari di fare ciò che lui stesso potrebbe fare. È quindi ragionevole supporre che colui a cui fa appello sia superiore. Se è superiore in potenza e onnisciente in azione, allora la petizione deve essere quella di informare colui a cui è indirizzato a qualcosa che non conosce. Se non lo sa, non è completamente saggio; ma se lo sa, è un atto di insolenza e impudenza da parte del firmatario richiedere un'intelligenza onnipotente e onnipotente per compiere un'azione, in quanto la richiesta suggerisce che l'intelligenza onnisciente sia trascurata per eseguire ciò che avrebbe dovuto fare o non sapeva che avrebbe dovuto essere fatto. Se, d'altra parte, permettendo che l'intelligenza sia onnipotente e onnipotente, ma non si occupasse di affari umani, allora chi intercede o prega per la rimozione dei mali fisici deve essere consapevole di quei mali fisici, e usa la sua mente umana in qualche modo iniziale per far conoscere i mali fisici attraverso la preghiera a Dio, l'intelligenza. La petizione deve essere per la rimozione dei mali, e quindi in ogni caso la mente è usata per fini fisici. L'inizio è fisico, il processo deve essere mentale (qualunque altra cosa possa seguire); ma la fine è fisica.

Quanto alla preghiera di fede sorge la domanda: che cos'è la fede? Ogni essere in forma umana ha fede, ma la fede di uno non è la fede di un altro. La fede di uno stregone nei risultati positivi delle sue pratiche differisce dalla fede dello scienziato cristiano che può avere successo nelle sue pratiche, ed entrambi questi differiscono dalla fede di un Newton, un Keppler, un Platone o un Cristo. Un fanatico che ha cieca fiducia nel suo dio di legno ottiene risultati così come uno dei suddetti che hanno anche fede. Quella che viene definita azione di successo può essere basata su convinzioni cieche, speculazioni sicure o conoscenze effettive. I risultati saranno secondo la fede. Il principio di fede è lo stesso in ciascuno, ma la fede differisce nel grado di intelligenza. Pertanto, se gli scienziati cristiani affermano di guarire attraverso la preghiera della fede, le cure effettuate devono essere conformi al grado di fede nel suo uso intelligente. Può essere infernale o divino; ma in ogni caso, poiché l'apostolo Giacomo disse che "la preghiera della fede salverà i malati", non lo farà. I fatti sono i testimoni e non l'apostolo Giacomo.

Lo scrittore continua: "'A Friend' ha confuso inconsapevolmente il trattamento di Christian Science e il trattamento mentale."

In questo caso, "A Friend" riconosce il suo errore; eppure non vede come gli scienziati cristiani possano imparare a fare e "fare 'la preghiera della fede" "senza l'uso delle loro menti umane. Questo dubbio sembra essere supportato dalla seguente affermazione: “La scienza cristiana si basa interamente su Dio attraverso la preghiera, mentre la cosiddetta scienza mentale, sia che operi attraverso suggerimenti mentali, ipnotismo o mesmerismo, è il funzionamento di una mente umana su un'altra mente umana . I risultati in quest'ultimo caso sono transitori e dannosi e meritano pienamente la condanna imposta da tale pratica da "un amico". ''

Mentre qui non parliamo di scienziati mentali e affermiamo che le affermazioni di cui sopra sono corrette, tuttavia nei loro libri gli scienziati mentali affermano insieme agli scienziati cristiani di fare affidamento interamente su Dio, o con qualunque termine possano designare Dio. Ciò non chiarisce la differenza rivendicata dallo scrittore, per le ragioni già avanzate. Le cure effettuate dagli scienziati mentali sono affermate da loro come efficaci e numerose in proporzione ai professionisti come le cure degli scienziati cristiani. Qualunque sia il principio di cura in questione, le cure sono effettuate dai due tipi di "scienziati". Tuttavia, le affermazioni dello scrittore della lettera di cui sopra per la scienza cristiana sono molto pronunciate, come accentuato dalla sua denuncia degli scienziati mentali su che guarda con dispiacere. Ciò è reso evidente dall'uso e dall'assenza di lettere maiuscole nei termini "Scienza cristiana" e "scienza mentale". In tutta la lettera le parole "Scienza cristiana" o "Scienziati" sono in maiuscolo, mentre nel parlare di scienze mentali o scienziati, i capitali sono notevolmente assenti. Alla fine del paragrafo precedente leggiamo: "Nessuno, tuttavia, può opporsi alla preghiera a Dio, né nessuno può dire che la preghiera sincera per un altro possa mai essere dannosa".

"A Friend" sostiene questa affermazione, ma deve aggiungere che la preghiera per un altro, per essere sincera e benefica, deve essere altruista; la preghiera, sebbene appaia per il beneficio apparente di un altro, se ci deve essere una remunerazione personale o la ricevuta di denaro, non può che essere contaminata e cessa di essere altruista, perché i benefici personali devono essere ricevuti oltre al beneficio che deriva dal conoscenza dell'esecuzione del servizio.

Nel paragrafo che inizia: "I fatti sono che Gesù ha guarito i malati e ha insegnato ai suoi discepoli come fare allo stesso modo", il nostro Corrispondente tenta di dimostrare la legittimità dell'azione della scienza cristiana nel pagare, con il seguente: "Quando Gesù per primo mandò una banda di discepoli con il comando di predicare il Vangelo e di guarire i malati, ordinò loro di non accettare la retribuzione per i loro servizi. Quando li mandò fuori la volta successiva, tuttavia, disse loro di portare con sé le loro borse e dichiarò che "il lavoratore è degno del suo ingaggio". ''

Il primo riferimento nel Nuovo Testamento che si applica alla dichiarazione del nostro Corrispondente si trova in Matt., Cap. x., vs. 7, 8, 9, 10: “E, come andate, predicate, dicendo: Il regno dei cieli è vicino. Guarisci gli ammalati, purifica i lebbrosi, risveglia i morti, scaccia i diavoli: liberamente hai ricevuto, dai liberamente. Non fornire né oro, né argento, né ottone, nelle tue borse; né scrip per il tuo viaggio, né due cappotti, né scarpe, né ancora doghe; perché l'operaio è degno della sua carne ”.

Non possiamo vedere nulla di quanto sopra per giustificare lo scienziato cristiano per il risarcimento esigente. In realtà l'affermazione "liberamente avete ricevuto, date liberamente", discute contro di essa.

In Marco, cap. vi., contro 7-13, troviamo: “E chiamò a lui i dodici, e cominciò a mandarli avanti per due e due, e diede loro il potere sugli spiriti impuri; e comandò loro che non dovessero prendere nulla per il loro viaggio, tranne un bastone; niente scrip, niente pane, niente soldi nella borsa. Ma sii calzato con i sandali: e non indossare due cappotti …… E uscirono e predicarono che gli uomini dovessero pentirsi. E scacciarono molti diavoli e ungevano con olio molti malati e li guarirono ”.

Quanto sopra non discute a favore delle pratiche degli scienziati cristiani, e in effetti gli scienziati cristiani non possono pretendere di seguire nessuna delle istruzioni di cui sopra.

Il prossimo riferimento che troviamo in Luca, cap. ix., vs. 1-6: “Quindi chiamò insieme i suoi dodici discepoli e diede loro potere e autorità su tutti i diavoli, e per curare le malattie. E li mandò a predicare il regno di Dio e a guarire i malati. E disse loro: Non prendere nulla per il tuo viaggio, né doghe, né scrip, né pane, né denaro; né hanno due mani a testa. E in qualunque casa in cui entri, rimani, e poi parti …… .. E se ne andarono, e attraversarono le città predicando il Vangelo e guarendo dappertutto ”. Non vi è alcuna menzione sopra di compensazione, e le stesse istruzioni riguardanti l'assenza di retribuzione, la semplicità del vestito, è evidente. Quanto sopra non supporta il nostro corrispondente nelle sue affermazioni.

Il prossimo riferimento è in Luca, cap. x., contro 1-9, dove si dice: “Dopo queste cose il Signore ne nominò anche altre settanta, e le mandò due e due davanti alla sua faccia in ogni città e luogo dove egli stesso sarebbe venuto ……. Non trasportare né borsa, né scrip, né scarpe; e non salutare nessun uomo a proposito. E in qualunque casa entri, per prima cosa, la pace sia in questa casa. E se il figlio della pace sarà lì, la tua pace si baserà su di essa: in caso contrario, si volgerà di nuovo a te. E nella stessa casa rimangono, mangiano e bevono, le cose che danno: perché il lavoratore è degno del suo ingaggio. Non andare di casa in casa. E in qualunque città tu entri e loro ti ricevano, mangino le cose che ti sono state poste: E guarisci i malati che sono lì dentro, e dì loro: Il Regno di Dio è venuto vicino a te ”.

Quanto sopra contiene la citazione nella lettera "che il lavoratore è degno del suo assunzione"; ma questa assunzione è chiaramente il "mangiare e bere le cose che danno". Certamente da questo riferimento il nostro Corrispondente non può rivendicare il diritto a ricevere un compenso diverso dal semplice mangiare e bere che gli viene dato nella casa del paziente. Finora tutti i riferimenti sono stati contrari al ricevimento di qualsiasi indennizzo diverso dal cibo e dal riparo che viene dato al guaritore. E come mostrato in MOMENTS WITH FRIENDS, la natura fornisce sempre questo per il vero guaritore.

Passiamo ora all'ultimo riferimento, Luke. cap. xxii., vs. 35-37: “E disse loro, quando vi ho mandato senza borsellino, e scrip e scarpe, vi mancava qualcosa? E dissero: niente. Poi disse loro, ma ora, colui che ha una borsa, lascia che lo prenda, e allo stesso modo il suo scrip: E chi non ha la spada gli ha permesso di vendere la sua veste e comprarne una. Perché vi dico che ciò che è scritto deve ancora essere realizzato in me. E fu considerato tra i trasgressori: perché le cose che mi riguardano hanno fine ”.

Il significato nei passaggi precedenti sembra essere che Gesù non sarebbe più con i discepoli e che avrebbero dovuto combattere a modo loro; ma non c'è assolutamente alcun riferimento al risarcimento per la cura della malattia. In effetti, l'istruzione di portare con sé le loro borse e la loro bacchetta suggerirebbe l'opposto della compensazione: che avrebbero dovuto pagare a modo loro. In questo fatto, ciò che il nostro Corrispondente avanza come prova a sostegno delle affermazioni e delle pratiche della scienza cristiana, risulta essere contro di loro. Il nostro corrispondente ha ferito il suo caso con ciò che avanza a favore. Le istruzioni fornite da Gesù non sono seguite né nello spirito né nella lettera. Gli scienziati cristiani non sono né cristiani nei loro insegnamenti né discepoli di Gesù; sono discepole della signora Eddy e promulgatrici delle sue dottrine e non hanno il diritto di far avanzare gli insegnamenti di Gesù né come insegnamenti loro o della signora Eddy né a sostegno delle loro affermazioni e pratiche.

Il corrispondente continua: “Questo testo è stato accettato per quasi duemila anni, come autorità sufficiente per il clero e altri impegnati nel lavoro cristiano, per accettare un risarcimento per i loro servizi, e non vi può essere alcun motivo ragionevole per fare un'eccezione nel caso di scienziati cristiani ".

Non sembra giusto che gli scienziati cristiani seguano determinate pratiche del clero della chiesa cristiana e si scusino per l'accettazione del risarcimento perché il clero lo fa e allo stesso tempo ignorare del tutto la chiesa cristiana nelle sue principali dottrine e tentativo di soppiantare il cristianesimo da parte di Christian Science. La chiesa cristiana osserva certe pratiche e insegna certe dottrine, che centinaia di migliaia di persone della cristianità condannano, e i capi della chiesa cristiana di ogni denominazione agiscono contro gli insegnamenti di Gesù, sebbene detengano le dottrine; ma questo non ha nulla a che fare con ciò che è sbagliato, se è sbagliato, per gli scienziati cristiani accettare denaro per rimuovere i mali fisici con mezzi mentali o, se la frase è preferibile, con mezzi spirituali, perché se Dio o mezzi spirituali, cura, quindi la cura è di Dio, ed è un dono dello spirito, e lo scienziato cristiano non ha il diritto di accettare denaro fisico dove non ha effettuato la cura, e sta ottenendo denaro con false pretese.

Lo scrittore continua: “I religiosi sono impiegati dalle chiese per predicare e pregare, e in quasi tutti i casi viene pagato un salario fisso. I praticanti di scienze cristiane predicano entrambi il Vangelo e pregano, ma non ricevono uno stipendio fisso ”.

Questo è senza dubbio vero, ma, buoni uomini d'affari, raccolgono la paga per il loro tempo e lavoro. Continuando sulla questione del risarcimento, lo scrittore dice: "La loro carica è così piccola da essere banale, ed è pagata volontariamente dall'individuo che cerca il loro aiuto".

Che l'accusa sia piccola e insignificante e che sia pagata volontariamente, può forse essere così nello stesso senso in cui un uomo può rinunciare alla sua borsa quando pensa di essere migliore, o che un soggetto ipnotizzato farà volontariamente i suoi beni e darà i suoi soldi ai suoi ipnotizzatore. L'affermazione che gli scienziati cristiani non hanno uno stipendio fisso e che le accuse fatte sono così piccole da essere quasi banali, è estremamente ingenua e deve fare appello all'ingenuità del lettore. Il reddito di alcuni praticanti e lettori nella chiesa della scienza cristiana è "così piccolo da essere banale" solo quando si considerano le possibilità future del reddito dello scienziato cristiano.

Facendo riferimento alla dichiarazione del nostro corrispondente che "la loro carica è così piccola da essere quasi banale" e "questa domanda è stata risolta dalla Chiesa della scienza cristiana su una base che è eminentemente corretta e soddisfacente per le parti stesse. Non ci sono lamentele da parte di coloro che si rivolgono a Christian Science per chiedere aiuto perché sono sovraccarichi. "

Mettiamo in relazione quanto segue dai molti casi ai quali è stata chiamata la nostra attenzione. Un ingegnere su una ferrovia locale aveva un affetto nervoso per il braccio destro che minacciava di renderlo inabile al lavoro. L'aiuto fu invano cercato da molti medici. I consigli dei suoi medici furono seguiti ogni volta che era possibile, e i suoi compagni di lavoro gli fornirono persino i mezzi per fare un viaggio in mare come consigliato. Ma questo non ha comportato alcun beneficio. Ha quindi provato un praticante di scienze cristiane ed è stato in qualche modo sollevato. Ciò lo indusse a unirsi al culto e divenne un credente ardente, e si sforzò di convertire i suoi amici che lo avrebbero ascoltato. Ma non è stato guarito. Un giorno gli è stato chiesto perché, se fosse stato aiutato così tanto, il suo praticante di scienze cristiane non poteva curarlo. La sua risposta fu: "Non posso permettermi di farmi curare da me". Alla domanda per una spiegazione, disse che aveva impiegato tutti i soldi che poteva radunare per essere alleviato quanto allora, e che non poteva ottenere denaro abbastanza insieme per essere completamente guarito. Spiegò inoltre che lo scienziato cristiano non poteva permettersi di dedicare abbastanza tempo per effettuare una cura completa a meno che non fosse pagato per questo; che lo scienziato cristiano deve vivere, e poiché dipendeva per la sua vita dalla paga ricevuta per le sue cure, poteva solo curare coloro che potevano permettersi di pagare per le cure. Questo votante della scienza cristiana sembrava pensare che fosse assolutamente giusto non essere curato a meno che non avesse i soldi per pagare la sua cura.

Continuando sul tema della ricezione di denaro dal paziente per le prestazioni erogate, il corrispondente afferma: "Non vi è alcuna costrizione a riguardo, e in ogni caso si tratta di una questione personale tra il paziente e il medico, di cui gli estranei non sono interessati."

Apparentemente, non vi è alcuna costrizione a ricevere la paga o a darla. Questa è una domanda che è lasciata all'inferenza, ma il corrispondente non può facilmente eliminare la questione dell'ultima parte della frase. Che gli estranei non si occupino di questioni personali tra uomo e uomo è vero; ma questo non si applica alla pratica della scienza cristiana. La scienza cristiana si sforza di far conoscere le sue dottrine e le sue pratiche non sono semplicemente una questione di interesse privato e personale tra uomo e uomo. Le pratiche della scienza cristiana sono di dominio pubblico. Colpiscono gli interessi della comunità, della nazione e del mondo. Colpiscono i vitali dell'umanità; negano i fatti, assumono falsità, attaccano il senso morale di giusto o sbagliato, influenzano la sanità mentale e l'integrità della mente; rivendicano onniscienza e onnipotenza pratiche per il fondatore del loro culto, una donna dipendente dalla maggior parte delle fragilità del suo genere umano; avrebbero fatto e ridotto il mondo spirituale per essere il servitore di questa terra fisica; il loro ideale di religione sembra essere, nel suo scopo principale, semplicemente la cura della malattia e il lusso del corpo fisico. La chiesa dello scienziato cristiano è fondata e costruita sulla cura dei mali fisici, tenendo conto delle condizioni fisiche. L'intera religione della scienza cristiana accende il successo mondano e la vita nella vita fisica; sebbene affermi di essere spirituale nell'origine, nello scopo e nella pratica. Il successo nella vita e la salute del corpo fisico sono giusti e adeguati; ma tutto ciò su cui è costruita la chiesa della scienza cristiana, conduce lontano dal culto del principio di Cristo e del vero Dio. Con gli scienziati cristiani, a giudicare dalle loro affermazioni, Dio esiste principalmente allo scopo di rispondere alle loro preghiere. Cristo esiste ma come figura da indicare per dimostrare che lo scienziato cristiano è giustificato nella sua pratica, e al posto di Dio o Cristo e della religione, la signora Eddy è da loro deificata e custodita in un alone di gloria e trasformata da li in un oracolo, il cui decreto è inviolato e infallibile, dal quale non vi sono risarcimenti o cambiamenti.

Alle tre frasi seguenti nella lettera fu data risposta in

MOMENTI CON GLI AMICI.

La frase seguente, tuttavia, presenta un aspetto diverso, sebbene affronti ancora il tema del risarcimento. "Questa domanda è stata risolta dalla chiesa della scienza cristiana su una base che è assolutamente corretta e soddisfacente per le parti stesse".

Solo così; ma questo è solo ciò che qualsiasi organo politico o cosiddetto religioso corrotto potrebbe dire riguardo alle loro pratiche. Sebbene possa essere considerato eminentemente corretto e soddisfacente per gli scienziati cristiani, non è così per il pubblico più di quanto non sarebbe se i detenuti di un manicomio dovessero essere autorizzati a fare ciò che potrebbero possibilmente avere una nozione è eminentemente adatta e adeguata .

Lo scrittore della lettera lo conclude dicendo: “In ogni caso, deve essere ammesso da tutti coloro che desiderano trattare l'argomento in modo equo, che se è giusto pagare il sacerdote per predicare e pregare per il recupero dei malati, è ugualmente giusto pagare uno scienziato cristiano per tali servizi. "

Ancora una volta attiriamo l'attenzione sull'ingiustizia di tentare di gettare la colpa, se c'è la colpa, sul sacerdote della chiesa cristiana e di giustificare le azioni degli scienziati cristiani con la pratica del clero cristiano. Non è una pratica nella chiesa cristiana che il sacerdote riceva una paga per pregare per i malati. Egli, come sottolineato dallo scienziato cristiano, riceve uno stipendio fisso per predicare il Vangelo come ministro della chiesa e non come guaritore. Ma la questione non è se sia giusto o sbagliato pagare i sacerdoti per predicare e pregare per il recupero dei malati, e quindi scusare gli scienziati cristiani per un servizio simile.

Il tentativo di gettare l'argomento sul clero cristiano indebolisce l'argomento dello scienziato cristiano. La domanda è: è giusto o sbagliato prendere soldi per il dono dello spirito? Se è sbagliato, allora se il sacerdote lo fa o no, non è una scusa per false pretese o affermazioni fatte dagli scienziati cristiani.

Per quanto riguarda la base della scienza cristiana, sembrerebbe che se tutte le possibilità di guadagnare denaro dall'insegnamento delle dottrine della scienza cristiana o dalla cura, o dal tentativo di guarigione, dei mali fisici venissero rimosse, il culto cesserebbe di esistere, perché il I produttori di denaro della scienza cristiana o ne perderebbero il rispetto, o non ne avrebbero bisogno. Quanto ai credenti nella scienza cristiana, se la cura dei mali fisici venisse eliminata, le fondamenta della loro credenza nelle dottrine della scienza cristiana sarebbero infrante e la loro "spiritualità" scomparirebbe con le basi fisiche.

HW Percival