La fondazione di parole

IL

PAROLA

LUGLIO, 1908.


Copyright, 1908, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

Puoi dirmi qualcosa sulla natura del fuoco o della fiamma? È sempre sembrata una cosa più misteriosa. Non riesco a ottenere informazioni soddisfacenti dai libri scientifici.

Il fuoco è lo spirito della fiamma. La fiamma è il corpo del fuoco.

Il fuoco è l'elemento guida energizzante attivo in tutti i corpi. Senza fuoco tutti i corpi sarebbero stati fissati in modo inamovibile: un'impossibilità. Il fuoco è quello in ogni corpo che costringe le particelle del corpo a cambiare. Nell'uomo, il fuoco agisce in vari modi. L'elemento del fuoco entra attraverso il respiro e nel sangue. Brucia i tessuti di scarto che vengono portati via dal sangue e rimossi attraverso i canali escretori, come i pori, i polmoni e il canale intestinale. Il fuoco fa cambiare il corpo forma astrale, molecolare del fisico. Questo costante cambiamento produce calore nel corpo. Il fuoco e l'ossigeno, il corpo grossolano in cui si manifesta il fuoco, stimolano i desideri, provocando esplosioni di passione e rabbia, che bruciano il corpo astrale e consumano la forza nervosa. Tale azione del fuoco è elementare e secondo l'impulso naturale.

C'è un altro incendio, noto ad alcuni come il fuoco alchemico. Il vero fuoco alchemico è il fuoco della mente nel pensiero, che resiste ai fuochi e ai controlli elementali e li costringe a conformarsi al design intelligente come determinato dalla mente; mentre, quando non controllati dall'uomo, i fuochi elementali del desiderio, della passione e della rabbia, sono controllati dalla mente universale, cioè dalla mente nella natura, che non è individualizzata, chiamata Dio, natura o Dio che agisce attraverso la natura. L'uomo, in quanto mente individuale, agendo sui fuochi elementali e costringendoli a conformarsi al design intelligente, li induce a entrare in nuove combinazioni e si pensa al risultato delle combinazioni di fuochi elementali. Attraverso il pensiero e il pensiero i fuochi del corpo e della materia elementare prendono forma nei mondi invisibili. Queste forme di pensiero nei mondi invisibili costringono la materia grossolana ad adattarsi alle forme.

Alcune delle caratteristiche del fuoco e della fiamma sono che sono calde, che non rimangono mai le stesse per un istante, che sono diverse da qualsiasi altro fenomeno che conosciamo, che danno luce, che producono fumo, che cambiano forma riducendoli in cenere, che attraverso la fiamma, il suo corpo, il fuoco appare all'improvviso mentre scompare, che vanno sempre verso l'alto e sono puntati. Il fuoco che vediamo è quella condizione in cui lo spirito del corpo, tenuto in schiavitù dalla materia grossolana, viene liberato e ritorna nel suo stato elementare primitivo. Sul suo stesso piano, nel suo mondo, il fuoco è libero e attivo, ma nel corso della manifestazione per involuzione l'azione del fuoco è ridotta e controllata e infine si svolge all'interno dei corpi di cui è lo spirito, poiché il fuoco è il spirito in tutti i corpi. Il fuoco tenuto unito dalla materia grossolana che possiamo chiamare fuoco latente. Questo fuoco latente è in tutti i regni della natura. Il fuoco latente è, tuttavia, più attivo in alcuni dipartimenti di ciascuno dei regni che in altri dipartimenti dello stesso regno. Ciò è dimostrato dalla selce e dallo zolfo nel minerale, dal legno duro e dalla paglia nel regno vegetale e dal grasso e dalla pelle nei corpi degli animali. Il fuoco latente è presente anche in alcuni fluidi, come l'olio. Un corpo infiammabile richiede solo la presenza del fuoco attivo per evocare e liberare il latente dalla sua prigione. Non appena evocato, il fuoco latente diventa visibile per un momento, quindi passa nel mondo invisibile da cui proviene.

Il fuoco è uno dei quattro elementi conosciuti da tutti gli occultisti. Il fuoco è il più occulto degli elementi. Nessuno degli elementi noti come fuoco, aria, acqua e terra è visibile all'occhio, tranne nelle condizioni più grossolane di quell'elemento. Quindi vediamo solo le fasi o gli aspetti più bassi degli elementi di cui comunemente parliamo come terra, acqua, aria e fuoco. Ognuno dei quattro elementi è necessario nella costruzione della materia fisica, e ciascuno degli elementi è rappresentato in connessione con ciascuno degli altri. Poiché ogni particella di materia fisica mantiene i quattro elementi in combinazione in determinate proporzioni, ciascuno dei quattro elementi viene riportato alla sua condizione elementare non appena la combinazione viene scomposta. Il fuoco è ciò che di solito interrompe la combinazione e fa tornare gli elementi che sono entrati nella combinazione ai loro stati originali. Quando viene evocato il fuoco, essendo il fattore principale nei corpi infiammabili, sembra semplicemente scomparire. Nel passare fa sì che gli elementi aria, acqua e terra ritornino alle loro diverse fonti. L'aria e l'acqua di ritorno sono viste nel fumo. Quella parte del fumo che è l'aria, e che di solito si nota nel fremito del fumo, diventa presto invisibile. Quella parte del fumo che è l'acqua ritorna nell'elemento acqua dall'umidità, anch'essa sospesa nell'aria e che diventa invisibile. L'unica porzione rimasta è la parte più grossolana dell'elemento terra, che è nella fuliggine e nelle ceneri. Oltre al fuoco latente c'è il fuoco chimico che è dimostrato dall'azione corrosiva di alcune sostanze chimiche messe in contatto con altre sostanze chimiche, dall'ossigeno assorbito dal sangue e dai fermenti che causano la digestione degli alimenti. Poi c'è il fuoco alchemico generato dal pensiero. L'azione del fuoco alchemico del pensiero fa sì che il desiderio grossolano venga trasmutato in un ordine superiore del desiderio, che viene nuovamente raffinato e sublimato in aspirazioni spirituali, il tutto dal fuoco alchemico del pensiero. Poi c'è il fuoco spirituale che riduce tutte le azioni e i pensieri in conoscenza e costruisce un corpo spirituale immortale, che può essere simbolizzato da un corpo spirituale di fuoco.

 

 

Qual è la causa di grandi conflitti, come incendi di praterie e incendi che sembrano scaturire simultaneamente da diverse parti di una città, e qual è la combustione spontanea.

Ci sono molte cause che contribuiscono alle conflagrazioni, ma queste molte cause sono rappresentate nella causa immediata della conflagrazione, che è la presenza dell'elemento fuoco prima che appaia la fiamma. Dovrebbe essere chiaro che il fuoco come elemento è in grado di combinarsi con altri elementi, sul piano del fuoco o su altri piani. Dalla combinazione dei diversi elementi otteniamo risultati definiti. Quando l'elemento fuoco è presente con grande forza, domina gli altri elementi presenti e li costringe all'accensione per la sua prepotente presenza. La presenza dell'elemento fuoco evoca il fuoco nei corpi vicini e attraverso la fiamma di transizione l'elemento fuoco incarcerato ritorna nella sua fonte originale. La fiamma che salta viene utilizzata dal fuoco che la evoca per entrare nel mondo attraverso la fiamma. Quando l'elemento del fuoco domina l'atmosfera con sufficiente forza, agisce su tutta la materia infiammabile; poi dalla più pura provocazione, come l'attrito, questa materia si accende. Praterie o incendi boschivi possono essere causati dal fuoco dell'accampamento di un viaggiatore o dai raggi del sole al tramonto, e l'incendiarismo può essere la causa dell'incendio di una grande città, ma questi non sono affatto la causa principale in ogni momento. Si può aver notato spesso che lo sforzo di accendere un fuoco in condizioni molto favorevoli è seguito abbastanza frequentemente da un totale fallimento, mentre, sul lancio di un fiammifero acceso su una banchina, o sul nudo pavimento di un grande edificio dove nulla sembra presente che brucerà facilmente, ma il fuoco è stato generato dal fiammifero luminoso e si è diffuso così rapidamente che ha bruciato un intero edificio a terra, per quanto grandi sforzi possano essere stati per salvarlo. Le conflagrazioni che hanno consumato grandi città sono principalmente dovute alla presenza dell'elemento fuoco in ciascuno di questi casi, per quanto possano essere molte le altre cause che contribuiscono.

Si dice che la combustione spontanea sia l'unione troppo rapida della materia infiammabile con l'ossigeno. Ma la causa è principalmente dovuta alla preparazione di materia infiammabile in conflitto che attira l'elemento fuoco. Quindi, l'attrito tra due materiali infiammabili, come olio e stracci, è seguito dall'improvviso unire la materia con l'ossigeno nell'aria; questo induce l'elemento fuoco, che fa infiammare il materiale.

 

 

Come si formano metalli come oro, rame e argento?

Ci sono metalli, che a volte vengono chiamati metalli sacri. Ognuna di queste è la forza, la luce o la qualità precipitata e imprigionata che emana da uno dei sette corpi di luce che vediamo nello spazio e chiamiamo pianeti. La forza, o luce, o qualità, di ciascuno di quei corpi che chiamiamo pianeti è attratta dalla terra con la sua luna. Queste forze vivono e sono chiamate spiriti elementali degli elementi o dei pianeti. La terra con la sua luna dà corpo e forma alle forze elementali. I metalli rappresentano i sette stadi o gradi attraverso i quali le forze elementali devono passare nel regno minerale prima di poter avere un'entità distinta e passare in regni superiori di natura fisica. Ci sono molti usi ai quali possono essere impiegati i sette metalli. Le cure possono essere effettuate e le malattie causate dall'uso o dall'abuso dei metalli. I metalli possiedono qualità che danno la vita e anche la morte. Ognuno di questi può essere evocato, consciamente o inconsciamente, quando prevalgono determinate condizioni. Sarebbe pedante dare l'ordine della progressione dei metalli e le loro virtù corrispondenti, anche se eravamo in possesso dei fatti, perché, mentre vi è una progressione ordinata da stato a stato delle forze elementali che lavorano attraverso i metalli, questo ordine non può essere utilizzato da tutti allo stesso modo; ciò che si applicherebbe a beneficio di uno sarebbe disastroso per un altro. Ogni persona, sebbene costruita secondo lo stesso piano, ha nella sua composizione alcune qualità che corrispondono agli spiriti elementali dei metalli; alcuni di questi sono utili, altri sono nemici. In generale, tuttavia, l'oro rappresenta il più alto stadio di sviluppo tra i metalli. I sette metalli indicati sono stagno, oro, mercurio, rame, piombo argento e ferro. Questa enumerazione non deve essere considerata come l'ordine di progressione o il contrario.

I metalli più comunemente usati nelle epoche passate non sono attualmente i più comuni. L'oro è da noi considerato il più prezioso dei sette metalli, sebbene non sia il più utile. Oggi potremmo più facilmente rinunciare all'oro di quanto possiamo fare con il ferro. Tra i metalli, il ferro è il più necessario per la nostra civiltà, poiché entra in tutte le fasi della vita industriale, come l'erezione di strutture alte, l'operazione di costruzione e l'uso di navi a vapore, di ferrovie, motori, strumenti, utensili domestici e mobili . È usato a scopo decorativo ed è prezioso ed essenziale in medicina. Altre civiltà hanno attraversato i loro diversi periodi, che sono conosciuti come l'età d'oro, del bronzo d'argento (o del rame) e del ferro. Le persone della terra, in generale, sono nell'età del ferro. È un'età che è dura e che cambia più rapidamente di qualsiasi altra. Ciò che facciamo ora ci influenzerà più positivamente che a qualsiasi altra età perché le cose si muovono più rapidamente nell'età del ferro rispetto a qualsiasi altra. Le cause sono seguite dalle loro conseguenze più rapidamente nel ferro che in qualsiasi altra età. Le cause che istituiamo ora passeranno all'età da seguire. L'età da seguire è l'età d'oro. In America, dove si sta formando una nuova razza, siamo già entrati.

I sette metalli qui elencati sono annoverati tra i settanta elementi dispari postulati e tabulati dalla scienza moderna. Quanto a come sono formati, abbiamo detto che le forze, le luci o le qualità provenienti dai sette corpi nello spazio, chiamati pianeti, sono attratti dalla terra. La terra crea un'attrazione magnetica e, a causa delle condizioni prevalenti, vengono fatte precipitare queste forze che si accumulano gradualmente per accrescimento, formando particelle su particelle all'interno della cinghia magnetica che attirano la forza. Ognuna delle sette forze è nota per il suo particolare colore e qualità e per il modo in cui le particelle si trovano insieme. Il tempo necessario per la formazione di qualsiasi metallo dipende dalle condizioni prevalenti, poiché l'oro può essere prodotto in un tempo estremamente breve quando sono presenti tutte le condizioni necessarie.

HW Percival