La fondazione di parole

IL

PAROLA

DICEMBRE, 1908.


Copyright, 1908, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

Perché a volte si dice che Gesù fu uno dei salvatori dell'umanità e che i popoli dell'antichità avevano anche i loro salvatori, invece di dire che era il Salvatore del mondo, come è sostenuto da tutta la cristianità?

L'affermazione è dovuta a diverse cause. Alcuni rilasciano la dichiarazione perché l'hanno ascoltata da altri; alcuni, che conoscono la storia degli antichi, perché la storia dei popoli antichi registra il fatto che hanno avuto molti salvatori. I salvatori di popoli diversi differiscono in base ai bisogni delle persone da cui provengono e alla cosa particolare da cui devono essere salvati. Così un salvatore sembrava liberare il popolo da una pestilenza, o carestia, o dalle invasioni di un nemico o di una bestia selvaggia. Un altro salvatore sembrò liberare le persone dalle quali proveniva dalla barbarie per insegnare loro le lingue, le arti e le scienze necessarie alla civiltà, o per illuminare le loro menti e la loro comprensione. Chiunque abbia letto in qualche modo i sistemi religiosi del mondo vedrà chiaramente che i salvatori sono apparsi secoli o migliaia di anni prima della data in cui si dice che Gesù fosse nato.

Se si dice che Gesù è il salvatore del mondo da tutta la cristianità, tale dichiarazione sarebbe un manifesto dell'ignoranza e dell'arroganza di tutta la cristianità, ma fortunatamente per la cristianità non è così. Negli ultimi anni, in particolare, il mondo occidentale è diventato e sta conoscendo meglio le storie e le scritture di altri popoli, e un sentimento più amichevole e una buona amicizia vengono mostrati a quelli di altre razze e delle loro fedi. Il mondo occidentale ha imparato a valorizzare le riserve di saggezza contenute nei tesori letterari dei popoli antichi. Il vecchio spirito di poche persone elette da Dio o autoeletti per essere salvati dagli innumerevoli numeri del passato è scomparso e al suo posto sta arrivando un riconoscimento della giustizia e dei diritti di tutti.

 

 

Puoi dirci se ci sono persone che celebrano la nascita dei loro salvatori intorno al venticinquesimo giorno di dicembre (nel momento in cui si dice che il sole entri nel segno Capricorno?

Il ventesimo giorno di dicembre è stato un momento di grande gioia in Egitto, e si è tenuto un festival in onore del compleanno di Horus. Tra i riti e le cerimonie prescritte nei libri sacri della Cina, la festa delle altre antiche religioni è seguita da vicino. Durante l'ultima settimana di dicembre, al momento del solstizio d'inverno, i negozi e le corti sono chiusi. Le solennità religiose vengono quindi celebrate e vengono chiamate le feste della gratitudine a Tie Tien. Il persiano Mitra era chiamato mediatore o salvatore. Hanno festeggiato il suo compleanno il venticinque dicembre in mezzo a grandi gioie. È stato riconosciuto che a quel tempo il sole si ferma e poi inizia a tornare a nord dopo il suo lungo soggiorno a sud, e si dice che quaranta giorni furono messi a parte per il ringraziamento e il sacrificio. I romani celebravano il venticinque dicembre con una grande festa in onore di Bacco, poiché fu in quel momento che il sole iniziò il suo ritorno dal solstizio d'inverno. In tempi successivi, quando molte cerimonie persiane furono introdotte a Roma, lo stesso giorno fu solennizzato come una festa in onore di Mitra, lo spirito del sole. Gli indù hanno sei festival successivi. Il venticinquesimo dicembre le persone decorano le loro case con ghirlande e carta dorata e fanno universalmente regali ad amici e parenti. Quindi si vedrà che a questa data i popoli dell'antichità adoravano e si rallegravano. Che fosse al tempo del solstizio d'inverno non possono essere semplici incidenti o coincidenze. È molto più ragionevole supporre che, in tutte le apparenti coincidenze del passato, vi sia una verità di fondo di profondo significato mistico.

 

 

Alcuni dicono che la nascita di Cristo sia una nascita spirituale. Se è così, perché è il Natale che viene celebrato per il corpo fisico mangiando e bevendo, in modo materiale, che è l'esatto contrario delle nostre concezioni di spiritualità?

La ragione di ciò risale ai cristiani dei primi secoli. Nei loro sforzi per quadrare le loro dottrine con le credenze dei pagani e dei pagani, hanno incorporato le loro festività nel loro calendario. Ciò rispondeva a un duplice scopo: soddisfaceva i costumi di quelle persone e li portava a supporre che il tempo dovesse essere sacro per la nuova fede. Ma, adottando le feste e le feste, lo spirito che le ha spinte è andato perduto e solo i simboli più brutali sono stati preservati dagli uomini del nord, dai druidi e dai romani. Orge selvagge vennero abbandonate e fu concessa la piena licenza; ghiottoneria e ubriachezza hanno prevalso in quel periodo. Con i primi, la causa della loro gioia era dovuta al riconoscimento del fatto che il Sole avesse superato il punto più basso nel suo corso apparente e dal venticinquesimo dicembre iniziò il suo viaggio, che avrebbe causato il ritorno della primavera e li avrebbe salvati dal freddo e dalla desolazione dell'inverno. Quasi tutte le nostre osservanze durante la stagione natalizia hanno la loro origine con gli antichi.

 

 

In "Moments with Friends", del vol. 4, pagina 189, si dice che Natale significhi "La nascita del sole invisibile della luce, il Principio di Cristo", che, come continua, "Dovrebbe nascere nell'uomo". Se è così, ne consegue che anche la nascita fisica di Gesù avvenne il venticinque dicembre?

No, non segue così. In effetti si afferma in "Momenti con amici" di cui sopra che Gesù non è il corpo fisico. Che è un corpo distinto dal fisico, sebbene sia nato attraverso e dal fisico. Il modo di questa nascita è stabilito e viene fatta una distinzione tra Gesù e il Cristo. Gesù è un corpo che assicura l'immortalità. In effetti, l'immortalità non è raggiunta da nessun individuo fino a quando Gesù o il corpo immortale non sono nati per lui. È questo corpo immortale, Gesù, o con qualsiasi nome che fosse conosciuto agli antichi, che è il salvatore dell'uomo e non fino alla sua nascita fu salvato dalla morte. La stessa legge vale oggi come allora. Chi muore non è diventato immortale, altrimenti non potrebbe morire. Ma chi è diventato immortale non può morire, altrimenti non è immortale. L'uomo deve quindi raggiungere l'immortalità prima della morte, oppure reincarnarsi e continuare a reincarnarsi, fino a quando non viene salvato dalla morte dal suo corpo immortale Gesù. Ma Cristo non è un corpo, come lo è Gesù. Per noi e per noi, Cristo è un principio e non una persona o un corpo. Pertanto è stato detto che Cristo deve nascere dentro. Ciò significa, per coloro che non sono immortali, che le loro menti sono illuminate dalla presenza del principio di Cristo e sono in grado di comprendere la verità delle cose.

 

 

Se Gesù o Cristo non vivessero e insegnassero come dovrebbe aver fatto, come mai un simile errore avrebbe potuto prevalere per così tanti secoli e dovrebbe prevalere oggi?

Gli errori e l'ignoranza prevalgono fino a quando non vengono sostituiti dalla conoscenza; con la conoscenza, l'ignoranza scompare. Non c'è spazio per entrambi. In assenza di conoscenza, che si tratti di conoscenza materiale o spirituale, dobbiamo accettare i fatti così come sono. Desiderare che i fatti siano diversi non li cambieranno in alcun modo. Non ci sono fatti nella storia riguardanti la nascita di Gesù o di Cristo. I termini Gesù e Cristo esistevano secoli prima della nascita di fama. Non abbiamo alcuna traccia di un tale essere nel momento in cui si dice che sia nato. Quello che era vissuto - e che aveva causato un tale disturbo e riconoscimento come personaggio importante - avrebbe dovuto essere ignorato dagli storici di quel periodo è assurdo. Si dice che Erode, il re, abbia fatto uccidere molti bambini per assicurarsi che il "bambino piccolo" non dovesse vivere. Si dice che Pilato abbia condannato Gesù e che Gesù sia risorto dopo la sua crocifissione. Nessuno di questi eventi straordinari è stato registrato dagli storici di quel tempo. L'unico record che abbiamo è quello che è contenuto nei Vangeli. Di fronte a questi fatti non possiamo affermare che la nascita reputata autentica. Il meglio che si può fare è dargli un posto tra i miti e le leggende del mondo. Che continuiamo nel nostro errore riguardante la presunta nascita e morte di Gesù non è strano. È una questione di abitudine e abitudine con noi. La colpa, se c'è una colpa, ricade su quei primi padri della chiesa che rivendicarono e stabilirono il dogma della nascita e della morte di Gesù.

 

 

Intendi dire che la storia del cristianesimo non è altro che una favola, che la vita di Cristo è un mito e che per quasi 2,000 il mondo ha creduto in un mito?

Il mondo non ha creduto nel cristianesimo per quasi 2,000 anni. Il mondo non crede nel cristianesimo oggi. I cristiani stessi non credono abbastanza negli insegnamenti di Gesù per vivere una centesima parte di essi. I cristiani, così come il resto del mondo, si oppongono agli insegnamenti di Gesù nella loro vita e nel loro lavoro. Nessun singolo insegnamento di Gesù è pienamente osservato dai cristiani. Per quanto riguarda la differenza tra fatto e favola, abbiamo menzionato che non ci sono fatti riguardanti la nascita storica e la vita di Gesù. La favola e il mito sono ritenuti da molti cristiani la base delle religioni pagane, ma la fede cristiana appartiene alla stessa classe. È un dato di fatto, la religione cristiana ha infatti meno basi rispetto a molte delle grandi religioni del mondo. Ciò non significa che il cristianesimo sia falso, né che tutte le religioni siano false. C'è un vecchio detto che all'interno di ogni mito c'è un logos. Un mito è una narrazione che contiene una verità profonda. Questo è vero per il cristianesimo. Il fatto che così tanti siano stati avvantaggiati nella storia antica e nei nostri tempi dalla credenza nella vita e dal potere salvifico di Gesù deve avere un potere segreto; qui sta la sua forza. L'aspetto di ogni grande insegnante o insegnamento è secondo una certa legge, la legge dei cicli o delle stagioni. Il tempo della rinomata nascita di Gesù fu il ciclo o la stagione per la promulgazione e lo sviluppo di una verità recentemente rivelata. Crediamo che a quel tempo tra le persone ci fosse una persona che aveva raggiunto l'immortalità, la nascita di un corpo di Gesù già menzionato, che avendo raggiunto così tanto, ha dato l'insegnamento dell'immortalità a coloro che considerava in grado di ricevere e comprendere e che lì si radunava attorno a lui un numero che veniva definito suo discepolo. Che non ci sia storia di ciò è dovuto al fatto che non è stato conosciuto dalle persone che non erano a conoscenza del mistero relativo alla vita immortale. Rimanendo e insegnando ai suoi discepoli per un po ', poi se ne andò, e i suoi insegnamenti furono promulgati dai suoi discepoli. La ragione della persistenza nella credenza di Cristo e dei suoi insegnamenti è che nell'uomo esiste una convinzione di fondo nella possibilità della sua immortalità. Questa credenza latente trova espressione negli insegnamenti che la chiesa ha distorto nella loro forma attuale.

HW Percival