La fondazione di parole

IL

PAROLA

LUGLIO, 1909.


Copyright, 1909, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

Hanno menti animali e pensano?

Alcuni animali mostrano una notevole capacità di comprendere ciò che viene detto loro e faranno ciò che viene detto come se avessero capito. Gli animali non hanno la mente come l'essere umano capisce la parola, né pensano, anche se sembrano capire molto di ciò che viene loro detto e faranno molte delle cose che gli viene detto di fare. La mente è il principio individualizzante nell'uomo che lo causa e gli consente di pensare a se stesso come Io-sono-io. Gli animali non hanno questo principio e nulla nelle loro azioni o comportamenti suggerirebbe di averlo. Non avendo mente, non possono pensare perché il pensiero è possibile solo dalla presenza della mente con il desiderio. Gli animali hanno il desiderio come loro principio dominante e attuatore, ma non hanno la mente come i corpi degli animali umani.

In un senso diverso da quello umano, l'animale ha una mente. Il senso in cui si può dire che un animale ha la mente è che agisce dall'impulso della mente universale, senza alcun principio individualizzante. Ogni animale, che non è immediatamente sotto l'influenza dell'uomo, agisce secondo la sua natura. Un animale non può agire diversamente dalla sua natura, che è la natura animale. L'uomo può agire secondo la sua natura animale rigorosamente, o secondo ordinari istinti umani e costumi sociali o commerciali, oppure può trascendere l'animale e l'essere umano ordinario e agire in un modo santo e simile a Dio. Questa scelta della sua azione che l'uomo ha, è possibile perché ha una mente o è una mente. Se l'animale avesse o fosse una mente, sarebbe possibile che una tale scelta fosse notata nella sua azione. Ma un animale non agisce mai diversamente dalla specie a cui appartiene, e quale specie determina la natura e l'azione dell'animale. Tutto ciò si applica all'animale nel suo stato naturale o nativo o condizione e quando non viene interferito né viene meno sotto l'influenza immediata dell'uomo. Quando l'uomo porta un animale sotto la sua influenza, cambia quell'animale nella misura in cui esercita la sua influenza su di esso. L'uomo è in grado di esercitare la sua influenza mentale sull'animale in un modo simile in cui esercita l'influenza della sua mente sull'animale in se stesso. Il desiderio è il principio dell'animale, mente il principio caratteristico dell'uomo. Il desiderio è il veicolo della mente. Il desiderio è il problema con cui la mente funziona. La ragione per cui gli animali possono essere addestrati ad obbedire ai comandi dell'uomo è perché il principio del desiderio risponderà all'azione della mente e obbedirà ai suoi dettami quando la mente persisterà nei suoi sforzi per governare l'animale. Quindi l'animale non pensa quando esegue gli ordini di un uomo. L'animale obbedisce semplicemente automaticamente al pensiero della mente che lo dirige. A titolo illustrativo, si può affermare che nessun animale è stato conosciuto per comprendere e obbedire a un ordine diverso da altri ordini prima di darlo. Ogni cosa che fa è simile in natura a ciò che è stato insegnato dall'uomo a fare. Il carattere della mente è pianificare, confrontare, originare. Nessun animale ha la capacità o la capacità di pianificare una cosa, di confrontarsi per argomento o di originare una linea d'azione per sé o per un altro animale. Gli animali eseguono trucchi o obbediscono agli ordini perché sono stati istruiti e addestrati a eseguire e obbedire a loro e ciò è dovuto alla mente dell'uomo proiettata sul desiderio dell'animale che riflette il suo pensiero in azione.

 

 

Qualsiasi influenza malvagia può essere portata agli esseri umani dalla presenza di animali domestici?

Ciò dipende dall'essere umano più che dall'animale. Ognuno può aiutare l'altro, ma su quanto l'aiuto può essere dato o il danno fatto deve essere deciso dall'umano. L'animale è aiutato dall'associazione con l'uomo se l'uomo insegnerà e controllerà l'animale con gentilezza. L'animale nel suo stato selvaggio e nativo non ha bisogno di aiuto umano, ma quando l'allevamento e l'addomesticamento dell'uomo portano l'animale sotto l'influenza della sua mente, l'animale non è più in grado o ha la possibilità di cacciare il proprio cibo per sé e per i giovani . Allora l'uomo diventa responsabile dell'animale; e avendo assunto tale responsabilità è dovere dell'uomo curare e proteggere l'animale. L'uomo fa questo non perché desideri l'elevazione e l'educazione dell'animale, ma perché desidera mettere l'animale nei suoi stessi usi. In questo modo abbiamo addomesticato animali come il cavallo, la mucca, la pecora, la capra, il cane e i polli. Le entità che animano i corpi degli animali vengono educate a determinati usi con i corpi animali che preparano ad animare un corpo umano in qualche evoluzione futura o mondo. In questo modo c'è uno scambio tra l'animale e l'uomo. L'animale è educato dall'uomo per i servizi che rende l'uomo. Il principio del desiderio dell'animale viene agito dalla mente dell'uomo, e con tale azione e reazione continue il principio del desiderio dell'animale viene preparato dal principio umano della mente dell'uomo, così che in un periodo molto lontano il principio del desiderio dell'animale può essere allevato in uno stato che gli consente di associarsi immediatamente e direttamente con la mente. L'uomo adempierà il suo dovere meglio se compie il suo dovere in modo intelligente e allegro invece che con la forza delle circostanze e con riluttanza. L'uomo aiuterà gli animali se li guarda nella luce appena delineata e li tratterà gentilmente e con considerazione e mostrerà loro un certo affetto; avrebbero poi risposto ai suoi desideri in un modo che lo avrebbe sorpreso. Nel mostrare loro affetto, tuttavia, si dovrebbe prestare attenzione. Tale affetto non dovrebbe essere quello di un pazzo sciocco e stravagante, ma l'affetto che si prova per l'anima in tutte le creature viventi. Se l'uomo lo facesse, svilupperebbe gli animali e gli risponderebbero in un modo che indurrebbe l'uomo presente a pensare in modo positivo che gli animali avessero intelligenza nel senso di avere la facoltà di ragionare. Ma anche allora, se l'animale sembrava agire in modo molto più intelligente del meglio, al momento non sarebbero ancora in possesso del potere del pensiero o della facoltà di ragionamento.

L'associazione tra l'umano e l'animale è malvagia e perniciosa quando gli animali vengono portati fuori dalla loro sfera da esseri umani sciocchi e fatti per riempire un luogo che non è né animale, né umano né divino. Questo viene fatto da uomini o donne che cercano di fare un idolo con un animale domestico. Di solito un cane o un gatto viene selezionato per tale scopo. L'animale domestico è fatto oggetto di adorazione o adorazione. Il povero essere umano riversa da un cuore traboccante una ricchezza di parole stupide sull'oggetto della sua adorazione. L'idolatria degli animali domestici è stata portata a tali estremi da avere l'animale domestico adattato alle mode più recenti o speciali e fatto indossare collane gioiello o altri ornamenti, e di avere assistenti in livrea appositamente per la pulizia profumare e nutrirlo. In un caso hanno fatto delle passeggiate con un cane o l'hanno guidato in una carrozza speciale che potrebbe avere l'aria fresca senza essere affaticato. L'animale domestico fu così nutrito durante la sua vita e quando la morte venne fu collocata in un'elaborata bara; le cerimonie sono state eseguite su di esso ed è stato seguito dal suo fedele e dai suoi amici in un cimitero appositamente preparato per esso, dove è stato posto a riposo in un ambiente piacevole e un monumento posto sopra per commemorare il triste evento. Un animale non deve essere incolpato di questo come questo; ogni colpa è da attribuire all'umano. Ma l'animale è ferito da tale azione perché viene tolto dalla sua sfera naturale e messo in una sfera a cui non appartiene. Non è quindi adatto a rientrare nella sfera da cui è stato preso e non è in grado di agire in modo naturale, utile e appropriato nella posizione data dall'anormale essere umano. Tale azione è un abuso di opportunità di posizione da parte dell'umano, che perderà tutto e rivendicherà con tale abuso una posizione simile in una vita futura. La sprecata opportunità di posizione, lo spreco di denaro, il degrado di altri esseri umani nel costringerli a essere servi dell'animale domestico e nel mettere l'animale nel posto che gli è stato assegnato, dovranno essere tutti pagati per miseria, delusione e degrado nelle vite future. Ci sono poche pene troppo severe per un essere umano che fa un idolo con un animale e adora quell'animale. Tale azione è un tentativo di rendere un potenziale dio il servo di una bestia, e tale tentativo deve ricevere i suoi meriti.

Sotto certe condizioni, l'influenza degli animali è molto dannosa per certi esseri umani. Per esempio, quando una persona è debole o addormentata, un gatto o un vecchio cane non dovrebbero essere autorizzati a toccare il corpo, perché quando il corpo non ha la presenza della sua mente o la mente non è cosciente nel corpo umano, il magnetismo animale del corpo umano verrà prelevato dal cane o gatto o altro animale che lo tocchi. L'animale si accovaccia istintivamente vicino o tocca il corpo umano perché riceve una certa virtù da esso. Una prova di ciò è che un cane, specialmente un vecchio cane, si strofinerà sempre contro un corpo umano. Questo lo fa per un doppio scopo; per essere graffiato, ma più particolarmente perché riceve una certa influenza magnetica dal corpo umano che si appropria. Può essere stato frequentemente notato che un gatto seleziona una persona che giace addormentata e si raggomitolerà sul petto e fa le fusa contenta mentre assorbe il magnetismo della persona addormentata. Se continua così notte dopo notte, la persona diventerà sempre più debole fino alla morte. Poiché gli animali possono assorbire il magnetismo dall'uomo, ciò non dovrebbe indurre l'uomo a rifuggire un animale o ad essere poco gentile con esso, ma piuttosto a fargli usare il suo giudizio nel trattare gli animali, mostrare loro tutta la gentilezza e l'affetto che l'uomo dovrebbe provare per tutti i viventi creature; ma dovrebbe anche addestrarli con l'esercizio della disciplina, che li educerà a esseri utili e doverosi, invece di permettere loro di fare come vogliono, perché è troppo pigro o negligente per addestrarli o perché mostra sciocchi e stravaganti indulgenza dei loro impulsi.

HW Percival