La fondazione di parole

IL

PAROLA

AGOSTO, 1909.


Copyright, 1909, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

C'è qualche motivo per rivendicare chi dice che le anime degli uomini scomparsi si sono incarnate in uccelli o animali?

C'è un motivo per l'affermazione, ma l'affermazione nel suo insieme non è vera. Le anime umane non si reincarnano in uccelli o animali a meno che questi termini non siano applicati agli esseri umani. Dopo la morte di un essere umano, i principi di cui era composta la sua parte mortale ritornano nei rispettivi regni o regni da cui erano stati attinti per la costruzione del corpo dell'uomo mortale. Ci sono molti motivi per cui è possibile affermare che l'anima umana può tornare alla vita nel corpo di un animale. La causa principale di tale affermazione è la superstizione e la tradizione; ma la tradizione spesso conserva una verità profonda in forma assurda letterale. La superstizione è la forma che era la base della conoscenza precedente. Chi detiene una superstizione senza sapere cosa significa crede nella forma, ma non ha la conoscenza. Coloro che nei tempi moderni credono nella tradizione che le anime umane si reincarnano negli animali, si aggrappano alla superstizione o alla tradizione perché hanno perso la conoscenza che la dichiarazione esteriore e letterale nasconde. Lo scopo dell'incarnazione e della reincarnazione della mente nei corpi è che imparerà ciò che la vita nel mondo può insegnare. Lo strumento attraverso il quale apprende è la forma umana animale. Dopo che è morto da una forma umana alla morte e sta per reincarnarsi, si accumula per se stesso ed entra in un'altra forma umana animale. Ma non entra in nessuna delle specie di animali. Non entra nel corpo di un animale. Il motivo è che la forma strettamente animale non offrirà l'opportunità di continuare la sua educazione. Il corpo animale ritarderebbe solo la mente. Gli errori di una vita non potrebbero essere corretti dalla mente in un corpo animale se fosse possibile che la mente si trovi in ​​un corpo animale, perché l'organismo animale e il cervello non potrebbero rispondere al tocco della mente individuale. Lo stadio umano nello sviluppo del cervello è necessario affinché la mente contatta la forma animale umana; il cervello animale non è uno strumento adatto per la mente umana attraverso cui lavorare. Se fosse possibile per la mente reincarnarsi in un animale, la mente, sebbene così incarnata, sarebbe incosciente di se stessa come una mente nel corpo animale. Tale incarnazione della mente in un corpo animale non avrebbe senso, poiché nessun errore poteva essere corretto e espiato. Gli errori possono essere corretti, i torti corretti e le lezioni apprese e le conoscenze acquisite solo mentre la mente è in un corpo umano e possono contattare un cervello che risponderà al suo tocco. È quindi irragionevole supporre che una legge possa realizzare qualsiasi cosa che una mente che ha agito attraverso una forma umana dovrebbe incarnarsi in uno qualsiasi dei tipi di animali.

 

 

Si dice in l'Editoriale sul Pensiero, La Parola, Vol. 2, No. 3, dicembre, 1905, che: “L'uomo pensa e la natura risponde schierando i suoi pensieri in una processione continua mentre guarda con uno sguardo meravigliato senza pensare alla causa. . . L'uomo pensa e fruttifica la natura con il suo pensiero, e la natura produce la sua discendenza in tutte le forme organiche come i figli dei suoi pensieri. Alberi, fiori, bestie, rettili, uccelli sono nelle loro forme la cristallizzazione dei suoi pensieri, mentre in ognuna delle loro diverse nature è una rappresentazione e una specializzazione di uno dei suoi desideri particolari. La natura si riproduce secondo un determinato tipo, ma il pensiero dell'uomo determina il tipo e il tipo cambia solo con il suo pensiero. . . Le entità che vivono la vita nei corpi degli animali devono avere il loro carattere e la forma determinati dal pensiero dell'uomo fino a quando loro stessi possono pensare. Quindi non avranno più bisogno del suo aiuto, ma costruiranno le proprie forme proprio mentre il pensiero dell'uomo ora costruisce il proprio e il loro. ”Puoi spiegare più pienamente come i diversi pensieri dell'uomo agiscono sulla materia del mondo fisico così come produrre diversi tipi di animali come il leone, l'orso, il pavone, il serpente a sonagli?

Per rispondere a questa domanda sarebbe necessario scrivere un articolo come uno degli editoriali di The Word. Questo non può essere fatto nello spazio dedicato a Moments with Friends, e deve essere lasciato al dipartimento editoriale di questa rivista. Cercheremo comunque di delineare il principio in base al quale viene realizzato ciò che è indicato nella citazione precedente.

Tra tutte le creature viventi l'uomo è l'unico essere che ha la facoltà creativa (in quanto distinta dalla procreativa). La facoltà creativa è il suo potere di pensiero e di volontà. Il pensiero è il prodotto dell'azione della mente e del desiderio. Quando la mente agisce sul desiderio, il pensiero viene generato e il pensiero prende forma nella materia vitale del mondo. Questa materia di vita è su un piano super-fisico. I pensieri che prendono forma esistono nello stato super-fisico sul piano del pensiero. Il desiderio come principio cosmico su cui agisce la mente dell'uomo produce pensieri secondo la natura della mente e il desiderio. Questi pensieri secondo la natura della mente e il desiderio. Questi pensieri, quando così prodotti, sono i tipi di forme che appaiono nel mondo e questi tipi di forme sono animati da determinate entità o fasi della vita che non possono creare forme per se stesse.

L'uomo ha dentro di sé la natura di ogni animale nel mondo. Ogni tipo o specie animale rappresenta un desiderio particolare e si trova negli esseri umani. Ma sebbene tutte le nature animali siano nell'uomo, lui, cioè il suo tipo, è umano, e gli animali in lui sono visti in quei momenti solo quando permette a passioni e desideri di prendere possesso e manifestare la loro natura attraverso di lui. È come se tutta la creazione animale fosse composta da così tanti fili che sono stati uniti e avvolti nel suo corpo ed è l'animale composito di tutta la creazione animale. Guarda il volto di un uomo quando viene preso da un parossismo di passione, e la natura dell'animale allora dominante sarà chiaramente vista in lui. Il lupo guarda fuori dalla sua faccia e può essere visto a modo suo. La tigre lo attraversa come se si precipitasse sulla sua preda. Il serpente sibila attraverso il suo discorso e luccica attraverso i suoi occhi. Il leone ruggisce mentre la rabbia o la lussuria agisce attraverso il suo corpo. Ognuno di questi dà luogo all'altro mentre passa attraverso il suo corpo e l'espressione del suo viso cambia anche nel tipo. È quando l'uomo pensa nella natura della tigre, del lupo o della volpe che crea il pensiero della tigre, del lupo o della volpe e il pensiero vive nel mondo della vita fino a quando non viene attirato nei mondi psichici inferiori per dare forma al entità che nascono attraverso la procreazione. Tutti questi diversi tipi di animali attraversano la forma e vengono espressi di fronte all'uomo mentre le immagini si muovono dietro uno schermo. Tuttavia, non è possibile per il lupo apparire come una volpe o la volpe come una tigre o uno di questi come un serpente. Ogni animale agisce secondo la sua natura e non si comporta mai come nessun altro tipo di animale oltre a se stesso. Questo perché, come affermato nella citazione, e come verrà mostrato più avanti, ogni animale è una specializzazione, un particolare tipo di desiderio nell'uomo. Il pensiero è il creatore di tutte le forme del mondo e l'uomo è l'unico animale che pensa. Si trova in relazione al mondo fisico come si dice che Dio, il creatore, sia correlato all'uomo. Ma c'è un altro modo in cui l'uomo è la causa dell'apparizione degli animali nel mondo fisico. Questo spiegherà anche uno dei molti significati di ed è la ragione per l'affermazione nelle antiche scritture che l'uomo può reincarnarsi o trasmigrare nei corpi degli animali. È questo: durante la vita il desiderio nell'uomo è un principio animale molteplice, che non ha una forma definita. Durante la vita dell'uomo, il desiderio in lui è in continua evoluzione e nessun tipo definito di animale rimane in evidenza molto a lungo con lui. Il lupo è seguito dalla volpe, la volpe dall'orso, l'orso dalla capra, la capra dalle pecore e così via, o in qualsiasi ordine, e questo continua di solito attraverso la vita a meno che non ci sia una tendenza pronunciata in un uomo in cui uno dei tanti animali domina gli altri nella sua natura ed è una pecora o una volpe o un lupo o sopporta tutta la sua vita. Ma in ogni caso, alla morte, il mutevole desiderio della sua natura è fissato in un determinato tipo di animale che può ancora avere per un certo periodo la forma astrale umana. Dopo che la mente si è allontanata dal suo animale, l'animale perde gradualmente il profilo di controllo dell'umano e assume il suo vero tipo di animale. Questo animale quindi è una creatura senza vestigia dell'umanità.

HW Percival