La fondazione di parole

IL

PAROLA

GENNAIO, 1910.


Copyright, 1910, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

Lo spirito agisce con l'uomo e quali sono gli esseri spirituali?

Dobbiamo porre la domanda prima di poter rispondere. Poche persone smettono di pensare a cosa significano quando usano termini come spirito e spiritual. Se fossero richieste delle definizioni di queste persone, ci sono pochi che non sentirebbero la loro ignoranza sul significato dei termini. C'è tanta confusione nella chiesa quante ne esiste. Le persone parlano di spiriti buoni e spiriti maligni, spiriti saggi e spiriti folli. Si dice che ci sia uno spirito di Dio, uno spirito dell'uomo, uno spirito del diavolo. Poi ci sono numerosi spiriti della natura, come lo spirito del vento, dell'acqua, della terra, del fuoco e lo spirito è attribuito all'alcol. Ogni animale è creato con un certo spirito e alcune scritture parlano di altri spiriti che si impossessano degli animali. Il culto noto come Spiritismo, o Spiritismo, parla di spiriti custodi, controlli spirituali e terra spirituale. Il materialista nega che esista uno spirito. Il culto noto come Christian Science, facendo un uso liberale del termine, aumenta la confusione e lo usa con convenienza intercambiabile. Non c'è accordo su quale sia lo spirito o su quale stato o qualità si applichi alla parola spirituale. Quando si usa la parola spirituale, in generale, si intende che copre qualità, attributi e condizioni che si suppone non siano fisici, non materiali, non terreni. Quindi sentiamo parlare di oscurità spirituale, luce spirituale, gioia spirituale e dolore spirituale. Si dice che le persone abbiano visto immagini spirituali; si sentono persone spirituali, espressioni spirituali, sentimenti spirituali e persino emozioni spirituali. Non c'è limite all'indulgenza nell'uso delle parole spirito e spirituale. Tale confusione continuerà finché le persone si rifiuteranno di pensare definitivamente a ciò che significano o a ciò che esprimono nella loro lingua. Dobbiamo usare termini definiti per rappresentare pensieri definiti, in modo che possano essere conosciute idee definite. Solo con una terminologia definita possiamo sperare di scambiare opinioni l'una con l'altra e scoprire la via attraverso la confusione mentale delle parole. Lo spirito è lo stato primario e anche l'ultimo, la qualità o la condizione di tutte le cose manifestate. Questo primo e ultimo stato è ben lontano dall'analisi fisica. Non può essere dimostrato dall'analisi chimica, ma può essere dimostrato alla mente. Non può essere rilevato dal fisico, né dal chimico, perché i loro strumenti e test non risponderanno, e perché questi non sono sullo stesso piano. Ma può essere dimostrato alla mente perché la mente è di quel piano e può andare in quello stato. La mente è simile allo spirito e può saperlo. Lo spirito è ciò che inizia a muoversi e ad agire separatamente da una sostanza madre. La sostanza genitrice dello spirito è priva di azione, immobile, passiva, quiescente e omogenea, salvo quando una parte di se stessa parte da se stessa per attraversare un periodo di manifestazione chiamato involuzione ed evoluzione, e salva quando quella parte che è partita ritorna nuovamente nel suo genitore sostanza. Tra la partenza e il ritorno la sostanza madre non è come sopra descritto.

La sostanza quando viene così prodotta non è più sostanza, ma è materia ed è come un unico grande fuoco, mare etereo o globo in movimento ritmico, il tutto costituito da particelle. Ogni particella, come è il tutto, è doppia nella sua natura e indivisibile. È materia spirituale. Sebbene ogni particella possa e debba successivamente passare attraverso tutti gli stati e le condizioni, tuttavia non può in alcun modo o in alcun modo essere tagliata, separata o divisa in se stessa. Questo primo stato è chiamato spirituale e sebbene di natura doppia, ma inseparabile, la materia-spirito può essere chiamata spirito mentre si trova in questo primo o stato spirituale, perché lo spirito predomina interamente.

Seguendo il piano generale verso l'involuzione o manifestazione in questa materia universale, spirituale o mentale, la materia passa in un secondo e in uno stato inferiore. In questo secondo stato la questione è diversa rispetto al primo. La dualità nella questione è ora mostrata chiaramente. Ogni particella non sembra più muoversi senza resistenza. Ogni particella è auto-mossa, ma incontra resistenza in sé. Ogni particella nella sua dualità è costituita da ciò che si muove e da ciò che viene mosso, e sebbene duplice nella sua natura, i due aspetti sono uniti come uno. Ciascuno serve uno scopo all'altro. La roba ora può essere correttamente chiamata materia-spirito, e lo stato in cui si trova la materia-spirito può essere chiamato stato di vita della materia-spirito. Ogni particella in questo stato sebbene chiamata materia spirituale è dominata e controllata da quella in sé, che è spirito, e lo spirito in ogni particella di materia spirituale domina l'altra parte o natura di se stessa che è materia. Nello stato di vita della materia spirituale, lo spirito è ancora il fattore preponderante. Man mano che le particelle di materia spirituale continuano verso la manifestazione o l'involuzione, diventano più pesanti, più dense e più lente nei loro movimenti fino a quando non passano allo stato di forma. Nello stato della forma, le particelle che erano libere, si muovono da sole e sono perennemente attive sono ora ritardate nei loro movimenti. Questo ritardo è dovuto al fatto che la natura della materia della particella sta dominando la natura spirituale della particella e poiché la particella si fonde con la particella e attraverso tutto, la natura della materia delle particelle domina la loro natura spirituale. Man mano che le particelle si uniscono e si combinano con le particelle, diventando sempre più densi, finalmente giungono al confine del mondo fisico e la materia è quindi alla portata della scienza. Quando il chimico scopre i diversi caratteri o metodi della materia, gli danno il nome di elemento; e così otteniamo gli elementi, che sono tutti materia. Ogni elemento che combina con gli altri rallegra determinate leggi, condensa, precipita ed è cristallizzato o centralizzato come materia solida intorno a noi.

Ci sono esseri fisici, esseri elementali, esseri viventi ed esseri spirituali. La struttura degli esseri fisici è di cellule; gli esseri elementi sono composti da molecole; gli esseri viventi sono atomici; gli esseri spirituali sono di spirito. Il chimico può esaminare il fisico e sperimentare la materia molecolare, ma non è ancora entrato nel regno della materia spirituale se non per ipotesi. L'uomo non può vedere né percepire un essere vivente o un essere spirituale. L'uomo vede o percepisce ciò a cui è sintonizzato. Le cose fisiche vengono contattate attraverso i sensi. Gli elementi vengono rilevati attraverso i sensi in sintonia con essi. Per percepire la materia spirituale o gli esseri della materia spirituale, la mente deve essere in grado di muoversi liberamente in se stessa, separata dai suoi sensi. Quando la mente può muoversi liberamente senza l'uso dei suoi sensi, percepirà la materia spirituale e gli esseri viventi. Quando la mente sarà così in grado di percepire, allora sarà in grado di conoscere gli esseri spirituali. Ma gli esseri spirituali o gli esseri viventi così conosciuti non sono e non possono essere quelle creature dei sensi senza corpi fisici, che sono chiamati con noncuranza e negligenza spiriti o esseri spirituali, e che bramano e bramano di carne. Lo spirito agisce con l'uomo in proporzione mentre l'uomo sintonizza la sua mente con lo stato dello spirito. Lo fa con il suo pensiero. L'uomo è nella sua parte più alta un essere spirituale. Nella sua parte mentale è un essere pensante. Quindi nel suo desiderio la natura è un essere animale. Lo conosciamo come un essere fisico di carne, attraverso il quale spesso vediamo l'animale, spesso entrano in contatto con il pensatore, e in rari momenti lo vediamo come un essere spirituale.

Come essere spirituale l'uomo è l'apice dell'evoluzione, la manifestazione primaria e ultima e il risultato di un'evoluzione. Lo spirito all'inizio dell'involuzione o della manifestazione è indivisibile.

Poiché la materia spirituale primaria ha coinvolto gradualmente, fase per fase, da stato a stato, e infine ciò che era materia spirituale è tenuto in schiavitù e imprigionato dall'altro lato della natura di se stesso che è materia, quindi lo spirito gradualmente, fa un passo a poco a poco, riafferma la sua supremazia sulla materia di se stesso e, superando la resistenza della materia di se stessa, riscatta infine quella materia a poco a poco dal fisico grossolano, attraverso il mondo del desiderio, attraverso lunghe tappe che finalmente raggiungono il mondo di pensato; da questo stadio sale per aspirazione verso il raggiungimento e il raggiungimento finali del mondo dello spirito, il mondo della conoscenza, dove ritorna a se stesso e conosce se stesso dopo il suo lungo soggiorno negli inferi della materia e dei sensi.

HW Percival