La fondazione di parole

IL

PAROLA

APRILE, 1906.


Copyright, 1906, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

Un teosofo crede nelle superstizioni? è stato chiesto a una festa di amici non molto tempo fa.

Un teosofo accetta tutti i fatti e non perde mai la sua ragione. Ma un teosofo non si ferma e si accontenta del fatto; si sforza di rintracciarlo alla sua origine e vedere le sue conseguenze. La superstizione è la credenza o la pratica di qualcosa senza realmente sapere il perché. In una luce più ampia, la superstizione è un consenso della mente a un istinto o tendenza riguardo ad una pratica senza altra ragione di credenza. Le superstizioni di un popolo sono le deboli riflessioni della conoscenza dimenticata. La conoscenza sparita e coloro che avevano la conoscenza, la gente continua la pratica delle forme; e così le forme e le credenze sono tramandate dalla tradizione di generazione in generazione. Man mano che si allontanano ulteriormente dalla conoscenza, si aggrappano più vicino alle loro superstizioni e possono persino diventare fanatici. La pratica senza la conoscenza è superstizione. Visita le chiese in una grande città la domenica mattina. Vedi le formalità di culto; assistere alla processione di coristi; notare le insegne d'ufficio di coloro che svolgono il servizio; osservare statue, ornamenti sacri, strumenti e simboli; ascolta la ripetizione e la formula dell'adorazione: cosa? Potremmo incolpare qualcuno che non ha familiarità con tutto ciò per averlo chiamato superstizione e dicendo che eravamo un popolo superstizioso? Siamo quindi inclini a considerare le credenze altrui che raramente sono più superstiziose della nostra stessa gente. Le superstizioni sostenute da coloro che chiamiamo "ignoranti" e "creduloni" devono aver avuto origine. Chi lo sapesse deve rintracciare le tradizioni o le superstizioni alla loro origine. Se lo faranno otterranno conoscenza, che è l'opposto della sua riflessione non intelligente: la superstizione. Uno studio senza pregiudizi delle proprie superstizioni rivelerà una terribile ignoranza di se stessi. Continua lo studio e porterà alla conoscenza di sé.

 

 

Quali sono le basi per la superstizione che una persona nata con un "caul" può possedere qualche facoltà psichica o potere occulto?

Questa convinzione discende attraverso i secoli dall'antichità, quando l'umanità intrattenne rapporti con esseri all'interno e intorno alla terra. Quindi la vista dell'uomo, l'udito e altri sensi occulti interiori, furono annebbiati crescendo in una vita più sensuale e materiale. Non c'è parte del corpo umano che non sia in relazione con una certa forza e potere in uno o più dei mondi invisibili della natura. Ciò che viene chiamato "caul" è legato al mondo astrale. Se, quando l'uomo nasce in questo mondo fisico, il caul rimane con lui, imprime o impressiona il corpo astrale con certe tendenze e lo sintonizza con il mondo astrale. Nella vita successiva queste tendenze possono essere superate, ma mai completamente cancellate, poiché la linga sharira, il corpo del disegno astrale, viene sintonizzata per ricevere impressioni dalla luce astrale. La superstizione che gli uomini di mare attribuiscono a questa reliquia, in quanto è un presagio di "buona fortuna" o come conservante contro l'annegamento, si basa sul fatto che era una protezione dell'embrione dagli elementi avversi nel prenatale mondo, quindi ora può proteggerlo dal mondo fisico dai pericoli dell'acqua che corrispondono alla luce astrale e agli elementi che, sebbene siano chiamati fisici, sono comunque meno occulti e hanno origine nel mondo astrale.

 

 

Se un pensiero può essere trasmesso alla mente di un altro, perché questo non viene eseguito con la stessa accuratezza e con tutta l'intelligenza di cui è portatrice la normale conversazione?

Non è fatto perché non "parliamo" nel pensiero; né abbiamo ancora imparato il linguaggio del pensiero. Tuttavia, i nostri pensieri vengono trasferiti alle menti degli altri più spesso di quanto si supponga, sebbene non sia fatto in modo così intelligente come converseremmo perché non siamo stati costretti dalla necessità di comunicare tra loro solo attraverso il pensiero e, perché non si prenderà la briga di educare la mente e i sensi a farlo. Un nato tra le persone colte è curato, formato, disciplinato ed educato nei modi dei genitori o del cerchio in cui è nato. Smetti di pensare, e si vedrà subito che richiede lunghi anni di pazienza da parte dell'insegnante e uno sforzo costante da parte dell'alunno per imparare l'arte di parlare, leggere e scrivere una lingua e imparare le abitudini, i costumi e le modalità di pensiero in quella lingua. Se richiede un tale sforzo e formazione in questo mondo fisico per imparare una lingua, non è strano che poche persone siano in grado di trasferire correttamente i pensieri senza l'uso delle parole. Non è più occulto trasferire il pensiero senza parole di quanto lo sia trasferire il pensiero mediante l'uso delle parole. La differenza è che abbiamo imparato a farlo nel mondo dei discorsi, ma restiamo ancora ignoranti come i bambini senza parole nel mondo del pensiero. Il trasferimento del pensiero per parola richiede due fattori: quello che parla e quello che ascolta; la trasmissione è il risultato. Questo sappiamo come fare, ma il modo reale in cui parliamo e comprendiamo è occulto per noi come lo è il transfert del pensiero senza parole. Non sappiamo come e in che modo operano i diversi organi del corpo per produrre il suono emesso; non sappiamo con quale processo il suono emesso viene trasmesso attraverso lo spazio; non sappiamo come il suono viene ricevuto dal timpano e dal nervo uditivo; né mediante quale processo viene interpretato dall'intelligenza all'interno di chi comprende il pensiero trasmesso dal suono. Ma sappiamo che tutto ciò è stato fatto e che ci capiamo dopo qualche modo.

 

 

Abbiamo qualcosa di analogo al processo di trasferimento del pensiero?

Sì. I processi telegrafici e fotografici sono molto simili a quelli del transfert del pensiero. Deve esserci l'operatore che trasmette il suo messaggio, deve esserci il destinatario che lo capisce. Quindi ci devono essere due persone che sono disciplinate, addestrate o istruite per trasmettere e ricevere i pensieri reciproci se lo farebbero in modo intelligente e con la stessa accuratezza con cui si svolge la normale conversazione intelligente, proprio come due persone devono essere in grado di parlare la stessa lingua se conversassero. Si dice che molte persone sono in grado di farlo, ma lo fanno solo in modo molto poco intelligente, perché non sono disposti a sottoporre la mente a un rigido corso di allenamento. Questo allenamento della mente dovrebbe essere altrettanto ordinato e condotto con la stessa cura, così come la vita dello studioso in una scuola ben disciplinata.

 

 

Come possiamo conversare per pensiero in modo intelligente?

Se uno osserverà attentamente la propria mente e la mente degli altri, si renderà conto che i suoi pensieri sono trasmessi agli altri da un processo misterioso. Chi converserebbe con il pensiero senza l'uso delle parole deve imparare a controllare le funzioni della sua mente. Man mano che le funzioni della mente sono controllate e si è in grado di mantenere la mente ferma su qualsiasi soggetto, si percepirà che la mente ritaglia la forma, prende la forma e il carattere del soggetto che è in esame e una volta trasmette questo soggetto o pensiero all'oggetto a cui è diretto, volendolo lì. Se questo viene fatto correttamente, la persona a cui è diretto il pensiero lo riceverà sicuramente. Se non viene fatto correttamente, ci sarà un'impressione indistinta su ciò che è destinato. Per quanto riguarda la lettura o la conoscenza dei pensieri, anche le funzioni della mente devono essere controllate se il pensiero di un altro deve essere ricevuto e compreso. Ciò avviene nello stesso modo in cui una persona ordinariamente intelligente ascolta le parole di un altro. Per comprendere correttamente bisogna ascoltare attentamente le parole pronunciate. Per ascoltare attentamente la mente dovrebbe essere tenuta il più ferma possibile. Se i pensieri irrilevanti entrano nella mente dell'ascoltatore, non viene data la necessaria attenzione e le parole, anche se ascoltate, non vengono comprese. Se uno leggesse il pensiero di un altro, la sua mente dovrebbe essere tenuta in uno spazio vuoto attento in modo che l'impressione del pensiero trasmesso possa essere preservata in modo chiaro e distinto. Quindi se quel pensiero è chiaro e distinto, non ci sarà alcuna difficoltà a comprenderlo. Vediamo quindi che la mente del trasmettitore del pensiero e la mente del ricevente del pensiero devono entrambe essere addestrate alla pratica, se il transfert del pensiero deve essere condotto in modo accurato e intelligente.

 

 

È giusto leggere il pensiero degli altri se vorrebbe o no?

Certamente no. Fare questo è imperdonabile e disonesto come entrare nello studio di un altro, saccheggiare e leggere i suoi documenti privati. Ogni volta che uno emette un pensiero, esso è impresso nell'individualità del mittente e porta un'impressione o una firma. Se il pensiero è di natura che il mittente non desidera che sia conosciuto, l'impressione o la firma del mittente lo contrassegna in modo molto simile a come contrassegneremmo una busta "privata" o "personale". Ciò fa sì che sia invisibile all'aspirante disonesto a meno che il pensiero non sia sciolto nella sua formazione ed è collegato al disordine. Dal vero occultista, un tale pensiero non verrebbe letto o interferito. Se non fosse per questa barriera, tutti gli aspiranti maestri dei poteri occulti sarebbero stati in grado di diventare milionari durante la notte e, forse, avrebbero eliminato la necessità di guadagnare così tanto per lezione o per seduta. Avrebbero sconvolto il mercato azionario, formando una fiducia occulta con i mercati del mondo, poi si sarebbero attaccati a vicenda e sarebbero terminati in modo tempestivo, come quello dei "gatti Kilkenny".

HW Percival