La fondazione di parole

IL

PAROLA

MAGGIO, 1910.


Copyright, 1910, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

È possibile sviluppare una nuova specie di verdura, frutta o pianta, totalmente diversa e diversa da qualsiasi altra specie conosciuta? Se è così, come è fatto?

È possibile. Uno che ha conseguito in questa linea un successo straordinario e ampiamente noto è Luther Burbank di Santa Rosa, in California. Per quanto ne sappiamo, il signor Burbank non ha ancora sviluppato una specie completamente diversa e nuova, ma non c'è nulla che gli impedisca di farlo se continua con il suo lavoro. Fino ad oggi, per quanto ne sappiamo, i suoi sforzi sono stati diretti all'incrocio di alcune varietà di frutti e piante, producendo non una specie totalmente diversa, ma una con le caratteristiche di entrambi o di uno dei due o più varietà utilizzate nello sviluppo della nuova crescita. Sono stati pubblicati molti resoconti del lavoro di Mr. Burbank, anche se è molto probabile che non abbia detto tutto ciò che sa e tutto ciò che fa, per ottenere il successo che è suo. Ha reso un servizio inestimabile per l'uomo: ha preso alcune escrescenze finora inutili e discutibili e le ha trasformate in arbusti utili, cibi genuini o bellissimi fiori.

È possibile sviluppare qualsiasi verdura, pianta, frutto o fiore, di cui la mente possa concepire. La prima cosa necessaria per sviluppare una nuova specie è: concepirla. Se una mente non può concepire una nuova specie, quella mente non può svilupparne una, sebbene, mediante l'osservazione e l'applicazione, possa produrre nuove varietà di vecchie specie. Chi desidera inventare una nuova specie deve meditare bene sul genere della specie che avrebbe e quindi deve meditare intensamente e con sicurezza su di essa. Se ha fiducia e userà la sua mente operosamente e non lascerà che il suo pensiero vaghi su altri tipi né si conceda fantasie oziose, ma penserà e rimuginerà sulle specie che avrebbe, quindi, nel corso del tempo, concepirà il pensiero che gli mostrerà il tipo che ha tanto desiderato. Questa è la prima prova del suo successo, ma non è abbastanza. Deve continuare a rimuginare sul pensiero che ha concepito e pensare pazientemente a quel particolare pensiero senza girovagare verso gli altri. Mentre continua a pensare, il pensiero diventerà più chiaro e saranno resi chiari i mezzi con cui le nuove specie possono essere portate nel mondo. Nel frattempo, dovrebbe mettersi al lavoro con quelle specie che sono più vicine a quella che ha in mente; sentirsi in loro; conoscere i diversi movimenti ed essere in sintonia con e impressionare la linfa della pianta che attraversa le sue arterie e vene, sentirne le simpatie e fornirle, attraversare le piante che ha selezionato e poi pensare la sua specie nella incrocio, per sentirlo svilupparsi dalle due varietà che ha scelto e per dargli forma fisica. Non dovrebbe, e non sarà scoraggiato, se è andato così lontano, se non vede immediatamente la sua nuova specie come prodotto. Dovrebbe provare a riprovare e, mentre continua a provare, si rallegrerà nel tempo nel vedere nascere le nuove specie, come farebbe sicuramente se farà la sua parte.

Chi vuole far nascere una nuova specie deve conoscere poco della botanica quando inizia per la prima volta, ma dovrebbe familiarizzare con tutto ciò che può imparare su questo lavoro. Tutte le cose in crescita hanno sentimenti e l'uomo deve sentirsi con loro e amarli, se conoscesse i loro modi. Se vuole avere il meglio che c'è in loro, deve dare il meglio che ha loro. Questa regola è valida in tutti i regni.

HW Percival