La fondazione di parole

IL

PAROLA

LUGLIO, 1910.


Copyright, 1910, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

È possibile mettere un pensiero fuori dalla mente? Se è così, come è fatto? come si può prevenire il suo ripetersi e tenerlo fuori dalla mente?

È possibile tenere un pensiero fuori dalla mente, ma non è possibile estrarre un pensiero dalla mente come vorremmo mettere un vagabondo fuori di casa. Il motivo per cui così tanti non sono in grado di tenere lontani i pensieri indesiderabili e non sono in grado di pensare su linee definite, è perché credono nell'idea prevalente che devono eliminare i pensieri dalle loro menti. È impossibile estrarre un pensiero dalla propria mente perché nel manifestarlo si deve dare attenzione al pensiero, e mentre la mente presta attenzione al pensiero è impossibile liberarsi di quel pensiero. Colui che dice: vattene, cattivo pensiero, o, non penserò a questo o quello, mantiene quella cosa nella sua mente in modo sicuro come se fosse rivettata lì. Se uno si dice che non deve pensare a questa o quella cosa, sarà come gli asceti, gli eremiti e i fanatici che fanno un elenco di cose a cui non devono pensare e quindi procedono a ripassare mentalmente questo elenco e mettere quei pensieri fuori di testa e falliscono. La vecchia storia di "Il grande orso verde" lo illustra molto bene. Un alchimista medievale è stato assillato da uno dei suoi allievi che volevano sentirsi dire come trasmutare il piombo in oro. Il suo maestro disse all'alunno che non poteva farlo, anche se gli era stato detto, perché non era qualificato. Continuando a supplicare l'allievo, l'alchimista decise di dare una lezione all'alunno e gli disse che mentre stava andando in viaggio il giorno seguente gli avrebbe lasciato la formula con cui avrebbe potuto riuscire se fosse stato in grado di seguire tutte le istruzioni , ma che sarebbe necessario prestare la massima attenzione alla formula ed essere precisi in ogni dettaglio. L'allievo è stato felice e ha iniziato con entusiasmo i lavori al momento designato. Ha seguito attentamente le istruzioni ed è stato accurato nella preparazione dei suoi materiali e strumenti. Vide che i metalli della giusta qualità e quantità erano nei loro crogioli adeguati e che veniva prodotta la temperatura richiesta. Stava attento che i vapori fossero tutti conservati e passati attraverso gli alambicchi e le storte, e ha scoperto che i depositi di questi erano esattamente come indicato nella formula. Tutto ciò gli ha procurato molte soddisfazioni e, mentre proseguiva con l'esperimento, ha acquisito fiducia nel suo successo finale. Una delle regole era che non avrebbe dovuto leggere la formula ma seguirla solo mentre procedeva con il suo lavoro. Mentre procedeva, arrivò alla dichiarazione: ora che l'esperimento è proseguito finora e che il metallo è a fuoco bianco, prendi un po 'di polvere rossa tra l'indice e il pollice della mano destra, un po' di polvere bianca tra l'indice e il pollice della mano sinistra, posizionati sopra la massa luminosa che ora hai davanti a te ed essere pronto a lasciar cadere queste polveri dopo aver obbedito al prossimo ordine. Il giovane fece come ordinato e continuò a leggere: ora hai raggiunto il test cruciale e il successo seguirà solo se sarai in grado di obbedire a quanto segue: non pensare al grande orso verde ed essere sicuro di non pensare al grande orso verde. Il giovane si fermò senza fiato. “Il grande orso verde. Non devo pensare al grande orso verde ”, ha detto. “Il grande orso verde! Qual è il grande orso verde? am, pensando al grande orso verde. " Mentre continuava a pensare che non doveva pensare al grande orso verde, non poteva pensare a nient'altro, fino a quando finalmente gli venne in mente che avrebbe dovuto continuare l'esperimento e sebbene il pensiero di un grande orso verde fosse ancora nella sua mente si rivolse alla formula per vedere quale fosse il prossimo ordine e lesse: Hai fallito nel processo. Hai fallito nel momento cruciale perché hai permesso alla tua attenzione di essere presa dal lavoro per pensare a un grande orso verde. Il calore nella fornace non è stato mantenuto, la giusta quantità di vapore non è riuscita a passare attraverso questa e quella storta, ed è inutile ora far cadere le polveri rosse e bianche.

Un pensiero rimane nella mente fintanto che viene prestata attenzione ad esso. Quando la mente cessa di prestare attenzione a un pensiero e lo pone su un altro pensiero, il pensiero che ha attenzione rimane nella mente e ciò che non ha attenzione esce. Il modo per sbarazzarsi di un pensiero è quello di mantenere la mente in modo deciso e persistente su un argomento o un pensiero definito e particolare. Si scoprirà che se ciò viene fatto, nessun pensiero che non si riferisce all'argomento può intromettersi nella mente. Mentre la mente desidera una cosa, il suo pensiero ruota attorno a quella cosa del desiderio perché il desiderio è come un centro di gravità e attira la mente. La mente può liberarsi da quel desiderio, se lo desidera. Il processo attraverso il quale viene liberato è che vede e comprende che il desiderio non è il migliore per esso e quindi decide su qualcosa di meglio. Dopo che la mente ha deciso il soggetto migliore, dovrebbe indirizzare il suo pensiero verso quel soggetto e l'attenzione dovrebbe essere riservata solo a quel soggetto. Con questo processo, il baricentro viene cambiato dal vecchio desiderio al nuovo soggetto del pensiero. La mente decide dove sarà il suo centro di gravità. Qualunque sia il soggetto o l'oggetto che la mente va là sarà il suo pensiero. Quindi la mente continua a cambiare il suo soggetto di pensiero, il suo centro di gravità, fino a quando non impara a posizionare il centro di gravità in se stesso. Fatto ciò, la mente ritira in sé le sue ramificazioni e funzioni, attraverso i viali dei sensi e degli organi dei sensi. La mente, non funzionando attraverso i suoi sensi nel mondo fisico, e imparando a trasformare le sue energie in se stessa, alla fine si risveglia alla propria realtà come distinta dai suoi corpi carnali e di altri. In tal modo, la mente non solo scopre il suo vero sé, ma può scoprire il vero sé di tutti gli altri e il mondo reale che penetra e sostiene tutti gli altri.

Tale realizzazione potrebbe non essere raggiunta in una sola volta, ma sarà realizzata come il risultato finale di tenere lontani dalla mente i pensieri indesiderati, occupandosi e pensando agli altri che sono desiderabili. Nessuno è in grado di pensare solo al pensiero a cui desidera pensare e quindi di escludere o impedire ad altri pensieri di entrare nella mente; ma sarà in grado di farlo se proverà e continuerà a provare.

HW Percival