La fondazione di parole

IL

PAROLA

OTTOBRE 1912.


Copyright, 1912, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

Come si può proteggersi dalle bugie o dalle calunnie altrui?

Essere onesti nei pensieri, sinceri nei discorsi e solo nell'azione. Se un uomo non pensa a nessuna bugia ed è sincero nel parlare, le bugie o le calunnie non possono prevalere contro di lui. Alla luce dell'apparente ingiustizia e calunnia immeritata nel mondo, questa affermazione non sembrerebbe confermata dai fatti. Eppure è vero. Nessuno desidera essere calunniato; nessuno vuole essere mentito; ma la maggior parte delle persone mentono e diffamano gli altri. Forse la bugia è solo una piccola, una "bugia bianca"; forse la calunnia è fatta solo in termini di pettegolezzi, per fare conversazione. Tuttavia, una bugia è una bugia, tuttavia può essere colorata o chiamata. Il fatto è che è difficile trovare qualcuno che pensa onestamente, parla in modo sincero e agisce in modo giusto. Si può ammettere che questa affermazione è generalmente vera per gli altri, ma è probabile che la neghi se viene applicata a lui. La sua negazione, tuttavia, dimostra l'affermazione vera nel suo caso, ed è la sua stessa vittima. L'abitudine universale di gridare contro le menzogne ​​e denunciare la calunnia in generale, ma non diminuire il nostro contributo alla fornitura, provoca e mantiene così ampia una varietà e una scorta della merce in circolazione attiva e fa sì che coloro che hanno a che fare con la fornitura di essere così suscettibile o ferito da bugie e calunnie.

Una bugia è nel mondo morale ciò che l'omicidio è nel mondo fisico. Chi tenta di uccidere ucciderebbe il corpo fisico. Colui che mente su un altro ferisce o tenta di distruggere il personaggio di quell'altro. Se l'aspirante assassino non riesce a trovare un'entrata per la sua arma nel corpo fisico della vittima designata, non riuscirà nel suo tentativo di omicidio ed è probabile che quando viene catturato subisca la pena del suo atto. Per impedire l'ingresso nel suo corpo dell'arma dell'assassino, la vittima designata deve essersi protetta con uno stemma o qualcosa che resiste all'attacco. L'assassino nel mondo morale usa una bugia, una menzogna, una calunnia, come sue armi. Con questi attacca il personaggio della sua vittima designata. Per proteggersi dalle armi dell'assassino, la vittima designata deve avere un'armatura attorno a sé. L'onestà nei pensieri, la sincerità nei discorsi e la giustizia negli atti costruiranno attorno a lui un'armatura invulnerabile agli attacchi. Questa armatura non si vede, ma non si vede nemmeno una bugia o una calunnia, né si vede il personaggio. Sebbene non viste, queste cose sono più reali di quanto non lo siano una pistola, un coltello o un'armatura d'acciaio. Una bugia o una calunnia non possono influenzare il carattere di chi è custodito dall'onestà e dalla sincerità, perché la verità e l'onestà sono virtù permanenti; bugie e calunnie sono i loro opposti e sono vizi che sono impermanenti. Una bugia non può prevalere contro una verità. La calunnia non può prevalere contro l'onestà. Ma se invece di essere onesto nel suo pensiero un uomo pensa bugie e parla in modo falso, il suo modo di pensare e il suo linguaggio rendono il suo personaggio vulnerabile e negativo alle bugie positive o alla calunnia rivolta a lui. Se, tuttavia, il suo personaggio è protetto da un'armatura fatta della sua onestà nei pensieri e della verità nei discorsi, allora le armi puntate su di lui indietreggeranno su colui che li ha lanciati e che subirà lui stesso le conseguenze del suo stesso atto. Tale è la legge nel mondo morale. Colui che ferisce il personaggio di un altro con bugie e calunnie a sua volta soffrirà delle falsità degli altri, sebbene la pena possa essere differita. È meglio per le proprie intenzioni omicide nei confronti di un altro indietreggiare immediatamente su di lui e dall'armatura di onestà e sincerità della sua vittima designata, perché è più probabile che veda e vedrà presto l'inutilità di pensieri e azioni sbagliati e volontà prima imparano a non mentire, a non fare il male perché non può fare il male senza ferirsi. Dopo aver appreso che non deve fare il male se vuole evitare la pena del male, imparerà presto a fare il bene perché è giusto e migliore.

Le piccole "bugie bianche" e la calunnia oziosa non sono le piccole cose innocue che sembrano essere agli occhi ignari. Sono i semi di omicidi e altri crimini, anche se può passare molto tempo tra la semina dei semi e la raccolta del frutto.

Quando uno dice una bugia che non viene individuata, è sicuro di dirne un'altra e un'altra, fino a quando non viene scoperto; e diventa un bugiardo indurito, confermato nell'abitudine. Quando uno mente, invariabilmente dice a un'altra bugia di nascondere la sua prima e una terza a nascondere le due, e così via fino a quando le sue bugie si contraddicono a vicenda e si distinguono come forti testimoni contro di lui. Più riuscirà inizialmente ad aumentare il numero delle sue bugie, più sarà sopraffatto e schiacciato quando questi figli del suo pensiero saranno chiamati a testimoniare contro di lui. Chi si protegge da onestà, veridicità, giustizia, nei suoi pensieri, parole e azioni, non si limiterà a proteggersi dagli attacchi di menzogna e calunnia; insegnerà come non attaccarlo coloro che lo attaccherebbero e come si proteggono avendo un'armatura invisibile ma invulnerabile. Sarà un vero filantropo a causa della forza morale che gli altri sono stati stimolati a sviluppare. Sarà un vero riformatore, stabilendo onestà, verità e giustizia nel pensiero e nella parola. Quindi, con la cessazione del crimine, le case di correzione saranno eliminate e le prigioni saranno abolite, e con le menti attive, l'uomo avrà la felicità e percepirà cos'è la libertà.

HW Percival