La fondazione di parole

IL

PAROLA

GIUGNO, 1906.


Copyright, 1906, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

In una riunione alcune sere fa è stata posta la domanda: Un teosofo è un vegetariano o un mangiatore di carne?

Un teosofo può essere un mangiatore di carne o un vegetariano, ma il vegetarismo o il consumo di carne non ne fanno uno teosofo. Sfortunatamente, molte persone hanno supposto che il sine qua non per una vita spirituale sia il vegetarismo, mentre una simile affermazione è contraria agli insegnamenti dei veri istruttori spirituali. "Non ciò che entra nella bocca contamina l'uomo, ma ciò che esce dalla bocca, contamina l'uomo", disse Gesù. (Matt.xvii.)

"Non credere che tu sia seduto nelle foreste oscure, in orgoglioso isolamento e a parte gli uomini; non credere a quella vita su radici e piante. . . Oh, devoto, che questo ti condurrà all'obiettivo della liberazione finale ”, dice la Voce del Silenzio. Un teosofo dovrebbe usare il suo miglior giudizio ed essere sempre governato dalla ragione nella cura della sua salute fisica e psichica. Per quanto riguarda la questione del cibo, la prima domanda che dovrebbe porsi è "Quale cibo è necessario per mantenere il mio corpo in salute?" Quando lo scopre con un esperimento, allora lascia che prenda quel cibo che la sua esperienza e osservazione gli mostrano per adattarsi al meglio alle sue esigenze fisiche e mentali. Quindi non avrà dubbi sul cibo che dovrà mangiare, ma sicuramente non parlerà o non penserà al maria carne o al vegetablearianismo come qualifiche del teosofo.

 

 

Come può un teosofo reale considerarsi un teosofo e mangiare carne quando sappiamo che i desideri dell'animale vengono trasferiti dalla carne dell'animale al corpo di chi lo mangia?

Un vero teosofo non afferma mai di essere un teosofo. Ci sono molti membri della Società Teosofica ma pochissimi teosofi reali; perché un teosofo è, come suggerisce il nome, uno che ha raggiunto la saggezza divina; uno che si è unito al suo Dio. Quando parliamo di un vero teosofo, dobbiamo dire che uno ha saggezza divina. In generale, sebbene non con precisione, parlando, tuttavia, un teosofo è un membro della Società Teosofica. Chi afferma di conoscere i desideri dell'animale di essere trasferito nel corpo di chi lo mangia dimostra che non lo sa. La carne dell'animale è la forma di vita più sviluppata e concentrata che può essere normalmente utilizzata come cibo. Questo rappresenta il desiderio, certamente, ma il desiderio dell'animale nel suo stato naturale è molto meno vanitoso del desiderio nell'essere umano. Il desiderio in sé non è cattivo, ma diventa cattivo solo quando una mente malvagia si unisce a esso. Non è il desiderio stesso che è cattivo, ma gli scopi malvagi a cui è posto dalla mente e al quale può indurre la mente, ma dire che il desiderio dell'animale come entità viene trasferito al corpo umano è un dichiarazione errata. L'entità chiamata kama rupa, o corpo del desiderio, che aziona il corpo dell'animale, non è in alcun modo collegata alla carne di quell'animale dopo la morte. Il desiderio dell'animale vive nel sangue dell'animale. Quando l'animale viene ucciso, il corpo del desiderio esce dal suo corpo fisico con il sangue vitale, lasciando la carne, costituita dalle cellule, come la forma di vita concentrata che è stata elaborata da quell'animale dal regno vegetale. Il mangiatore di carne avrebbe lo stesso diritto di dire, e sarebbe più ragionevole se lo dicesse, che il vegetariano si stava avvelenando con acido prussico mangiando lattuga o uno qualsiasi degli altri veleni che abbondano di verdure, di quanto il vegetariano potesse davvero e dire correttamente che il mangiatore di carne stava mangiando e assorbendo i desideri degli animali.

 

 

Non è vero che gli yogi dell'India, e gli uomini di conquiste divine, vivono di verdure e, in tal caso, non dovrebbero quelli che si sviluppano da soli a evitare la carne e anche a vivere con le verdure?

È vero che la maggior parte degli yogi non mangia carne, né quelli che hanno grandi risultati spirituali e che abitualmente vivono separati dagli uomini, ma non ne consegue che, poiché lo hanno fatto, tutti gli altri dovrebbero astenersi dalla carne. Questi uomini non hanno conseguimenti spirituali perché vivono di verdure, ma mangiano verdure perché possono fare a meno della forza della carne. Ancora una volta dovremmo ricordare che coloro che hanno raggiunto sono abbastanza diversi da quelli che stanno cercando di iniziare a raggiungere, e il cibo dell'uno non può essere il cibo dell'altro perché ogni corpo ha bisogno del cibo più necessario per mantenere la salute. È patetico in quanto è divertente vedere che nel momento in cui viene percepito un ideale, chi lo percepisce probabilmente suppone che sia alla sua portata. Siamo come bambini che vedono un oggetto lontano ma che ignorano allungando la mano per afferrarlo, senza tener conto della distanza che interviene. È un peccato che gli aspiranti aspiranti allo yogiship o alla divinità non imitino le caratteristiche divine e l'intuizione spirituale degli uomini divini invece di affrontare le abitudini e i costumi più fisici e materiali e pensare che così facendo diventeranno anche divini . Uno degli elementi essenziali per il progresso spirituale è imparare ciò che Carlyle chiama "L'eterna idoneità delle cose".

 

 

Che effetto ha il consumo di verdure sul corpo dell'uomo rispetto al consumo di carne?

Ciò è in gran parte determinato dall'apparato digerente. La digestione viene effettuata nella bocca, nello stomaco e nel canale intestinale, aiutata dalle secrezioni del fegato e del pancreas. Le verdure vengono digerite principalmente nel canale intestinale, mentre lo stomaco è principalmente un organo di digestione della carne. Il cibo preso in bocca è lì masticato e mescolato con la saliva, i denti indicano la tendenza naturale e la qualità del corpo rispetto al suo essere erbivoro o carnivoro. I denti mostrano che l'uomo è carnivoro per due terzi e erbivoro per un terzo, il che significa che la natura gli ha fornito due terzi dell'intero numero dei suoi denti per mangiare carne e un terzo per le verdure. Nel corpo sano naturale questa dovrebbe essere la proporzione del suo cibo. In condizioni sane l'uso di un tipo ad esclusione dell'altro provocherà uno squilibrio della salute. L'uso esclusivo delle verdure provoca la fermentazione e la produzione di lievito nel corpo, portando a tutti i tipi di malattie a cui l'erede è erede. Non appena inizia la fermentazione nello stomaco e nell'intestino, ci sono formazioni di lievito nel sangue e la mente diventa instabile. Il gas di acido carbonico che si sviluppa colpisce il cuore e agisce così sui nervi da provocare attacchi di paralisi o altri disturbi nervosi e muscolari. Tra i segni e le evidenze del vegetarismo vi sono irritabilità, stanchezza, vampate nervose, alterazione della circolazione, palpitazione del cuore, mancanza di continuità di pensiero e concentrazione della mente, abbattimento della salute robusta, ipersensibilità del corpo e tendenza a medianità. Il consumo di carne fornisce al corpo la forza naturale di cui ha bisogno. Rende del corpo un animale forte, sano e fisico e costruisce questo corpo animale come una fortezza dietro la quale la mente può resistere agli attacchi di altre personalità fisiche che incontra e che deve affrontare in ogni grande città o raduno di persone .

HW Percival