La fondazione di parole

IL

PAROLA

OTTOBRE, 1913.


Copyright, 1913, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

Qual è il fondamento logico della dottrina dell'espiazione, e come può essere riconciliato con la legge del karma?

Se l'espiazione è presa alla lettera e le cause che si dice abbiano reso necessaria l'espiazione devono essere considerate alla lettera, non c'è spiegazione razionale della dottrina; nessuna spiegazione può essere razionale. La dottrina non è razionale. Poche cose nella storia sono così repellenti nella bruttezza, così barbari nel trattamento, così scandalosi per la ragione e l'ideale della giustizia, come la dottrina dell'espiazione. La dottrina è:

L'unico e unico Dio, autoesistente in ogni tempo, ha creato i cieli, la terra e tutte le cose. Dio creò l'uomo nell'innocenza e nell'ignoranza e lo mise in un giardino del piacere per essere tentato; e Dio creò il suo tentatore; e Dio disse all'uomo che se avesse ceduto alla tentazione sarebbe sicuramente morto; e Dio creò una moglie per Adamo e mangiarono il frutto che Dio proibì loro di mangiare, perché credevano che fosse un buon cibo e li avrebbe resi saggi. Quindi Dio maledisse la terra, maledisse Adamo ed Eva e li scacciò dal giardino e maledisse i bambini che avrebbero dovuto generare. E una maledizione di dolore, sofferenza e morte era su tutta l'umanità futura a causa del cibo di Adamo ed Eva che mangiava il frutto che Dio proibì loro di mangiare. Dio non poteva o non voleva revocare la sua maledizione fino a quando, come detto, "ha dato il suo Figlio unigenito", Gesù, come sacrificio di sangue per rimuovere la maledizione. Dio accettò Gesù come espiazione per il fatto sbagliato dell'umanità a condizione che "chiunque crede in lui non perisca", e con la promessa che con tale convinzione avrebbero "avuto la vita eterna". A causa della maledizione di Dio, ogni anima che ha creato per ogni corpo che è nato nel mondo è stata condannata, e ogni anima che fa è condannata, a soffrire nel mondo; e, dopo la morte del corpo, l'anima è condannata all'inferno, dove non può morire, ma deve subire tormenti senza fine, a meno che quell'anima prima della morte non si creda peccatrice e crede che Gesù sia venuto per salvarla dai suoi peccati ; che il sangue che Gesù avrebbe versato sulla croce è il prezzo che Dio accetta del suo unico figlio, come espiazione per il peccato e il riscatto dell'anima, e quindi l'anima sarà ammessa dopo la morte in cielo.

Per le persone cresciute sotto le buone influenze vecchio stile della loro chiesa, e specialmente se non hanno familiarità con le leggi naturali della scienza, la loro familiarità con queste affermazioni salverà l'innaturalità di esse e impedirà loro di sembrare strane. Quando esaminati alla luce della ragione, sono visti nella loro nuda orrore, e non tutti i fuochi dell'inferno minacciati possono impedire a chi così vede di denunciare tale dottrina. Ma chi denuncia la dottrina non dovrebbe denunciare Dio. Dio non è responsabile per la dottrina.

La dottrina letterale dell'espiazione non può in alcun modo riconciliarsi con la legge del karma, perché allora l'espiazione sarebbe stata uno degli eventi più ingiusti e irragionevoli mai registrati, mentre il karma è la legge operativa della giustizia. Se l'espiazione fosse un atto di giustizia divina, allora la giustizia divina sarebbe un termine improprio e più ingiusto di qualsiasi atto illegale di un mortale. Dov'è un padre che darebbe il suo unico figlio per essere perseguitato e crocifisso, assassinato da molti manichini fatti da lui stesso e che, a causa della sua incapacità di farli agire secondo il suo piacere, aveva pronunciato un maledizione della distruzione su di loro; poi si era pentito della sua maledizione e aveva accettato di perdonarli se avessero creduto che li avesse perdonati e che la morte e lo spargimento del sangue di suo figlio li avessero giustificati dai loro atti.

È impossibile pensare a un simile modo di agire come divino. Nessuno poteva crederlo umano. Ogni amante del fair play e della giustizia avrebbe pietà per i manichini, proverebbe simpatia e amicizia per il figlio e richiederebbe una punizione per il padre. Un amante della giustizia disprezzerebbe l'idea che i manichini dovrebbero cercare il perdono del loro creatore. Chiederebbe al fabbricante di chiedergli perdono per averli trasformati in manichini e insistendo sul fatto che il produttore deve fermarsi e correggere i suoi molti errori e correggere tutti gli errori che ha commesso; che doveva o eliminare tutto il dolore e la sofferenza che aveva causato essere portato nel mondo e di cui sosteneva di avere una pre-conoscenza, oppure che doveva fornire i suoi manichini, non semplicemente ragionare il potere sufficiente per mettere in discussione la giustizia dei suoi editti, ma con un'intelligenza sufficiente per consentire loro di vedere un po 'di giustizia in ciò che ha fatto, in modo che possano prendere il loro posto nel mondo e continuare volontariamente con il lavoro assegnato a loro, invece di essere schiavi, alcuni sembrano godere del lusso non acquisito e dei piaceri, delle posizioni e dei vantaggi che la ricchezza e l'allevamento possono dare, mentre altri sono guidati attraverso la vita da fame, dolore, sofferenza e malattia.

D'altra parte, nessun egoismo o cultura è un mandato sufficiente per un uomo di dire: l'uomo è la produzione dell'evoluzione; l'evoluzione è l'azione o il risultato dell'azione della forza cieca e della materia cieca; la morte finisce tutto; non c'è inferno; non c'è salvatore; non c'è Dio; non c'è giustizia nell'universo.

È più ragionevole dire: c'è giustizia nell'universo; poiché la giustizia è la giusta azione della legge e l'universo deve essere gestito dalla legge. Se la legge è necessaria per la gestione di un'officina meccanica per impedire che si rompa, la legge non è meno necessaria per la gestione delle macchine dell'universo. Nessuna istituzione può essere condotta senza una guida o un'intelligenza cumulativa. Ci deve essere intelligenza nell'universo abbastanza grande da guidare le sue operazioni.

Ci deve essere un po 'di verità nella credenza nell'espiazione, che ha vissuto e trovato il benvenuto nel cuore delle persone per quasi duemila anni, e oggi conta milioni di sostenitori. La dottrina dell'espiazione si basa su una delle grandi verità fondamentali dell'evoluzione dell'uomo. Questa verità è stata deformata e distorta da menti non allenate e non sviluppate, menti non abbastanza mature per concepirla. Fu nutrito dall'egoismo, sotto l'influenza della crudeltà e del massacro, e crebbe nella sua forma attuale attraverso i secoli bui dell'ignoranza. Sono passati meno di cinquant'anni da quando le persone hanno iniziato a mettere in discussione la dottrina dell'espiazione. La dottrina è vissuta e vivrà perché c'è qualche verità nell'idea della relazione personale dell'uomo con il suo Dio, e grazie all'idea del sacrificio di sé per il bene degli altri. Le persone stanno iniziando a pensare a queste due idee. La relazione personale dell'uomo con il suo Dio e il sacrificio di sé per gli altri, sono le due verità nella dottrina dell'espiazione.

L'uomo è il termine generale usato per designare l'organizzazione umana con i suoi molteplici principi e nature. Secondo la visione cristiana, l'uomo è un triplice essere, di spirito, anima e corpo.

Il corpo è stato creato dagli elementi della terra ed è fisico. L'anima è la forma su cui è modellata la materia fisica e in cui sono i sensi. È psichico. Lo spirito è la vita universale che entra e rende viva l'anima e il corpo. Si chiama spirituale. Spirito, anima e corpo compongono l'uomo naturale, l'uomo che muore. Alla morte, lo spirito o la vita dell'uomo ritorna alla vita universale; il corpo fisico, sempre soggetto a morte e dissoluzione, ritorna attraverso la disintegrazione negli elementi fisici da cui era composto; e l'anima, o forma del fisico, simile all'ombra, svanisce con la dissoluzione del corpo ed è assorbita dagli elementi astrali e dal mondo psichico da cui proviene.

Secondo la dottrina cristiana, Dio è una trinità nell'Unità; tre persone o essenze in una unità di sostanza. Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo. Dio Padre è il creatore; Dio Figlio è il Salvatore; Dio lo Spirito Santo è il consolatore; questi tre sussistono in un unico essere divino.

Dio è la mente, auto-esistente, prima del mondo e dei suoi inizi. Dio, la mente, si manifesta come natura e come divinità. La mente che agisce attraverso la natura crea il corpo, la forma e la vita dell'uomo. Questo è l'uomo naturale soggetto alla morte e che deve morire, se non sopraelevato dalla morte mediante un intervento divino nello stato di immortalità.

La mente ("Dio il padre", "il padre in cielo") è la mente superiore; che invia una parte di se stesso, un raggio ("il Salvatore", o "Dio Figlio"), la mente inferiore, per entrare e vivere nell'uomo mortale umano per un periodo di tempo; dopo che periodo, la mente inferiore, o raggio dall'alto, lascia il mortale per tornare da suo padre, ma manda al suo posto un'altra mente ("lo Spirito Santo", o "il Consolatore", o "Avvocato"), un aiutante o insegnante, per assistere colui che aveva ricevuto o accettato la mente incarnata come suo salvatore, per compiere la sua missione, il lavoro per il quale si era incarnato. L'incarnazione di una parte della mente divina, chiamata veramente il figlio di Dio, era ed è o può essere il redentore dell'uomo mortale dal peccato e il suo salvatore dalla morte. L'uomo mortale, l'uomo di carne, in cui è venuto o potrebbe venire, può, con la presenza della divinità dentro di lui, imparare a cambiare e può cambiare dalla sua condizione naturale e mortale allo stato divino e immortale. Se, tuttavia, l'uomo non dovesse voler evolvere dal mortale all'immortale, deve rimanere soggetto alle leggi della mortalità e morire.

Il popolo della terra non è nato da un uomo mortale e una donna mortale. Ogni essere mortale nel mondo che è umano è chiamato in essere mortale da molti dei. Per ogni essere umano c'è un dio, una mente. Ogni corpo umano nel mondo è per la prima volta nel mondo, ma le menti che agiscono attraverso, con o dentro, gli esseri umani nel mondo non agiscono così per la prima volta. Le menti hanno agito in modo simile con altri loro corpi umani nei tempi passati. Se non riesce a risolvere e perfezionare il mistero dell'incarnazione e dell'espiazione mentre agisce con o nel presente corpo umano, quel corpo e quella forma (anima, psiche) moriranno e quella mente ad esso connessa dovrà incarnarsi ancora e ancora fino a si ha un'illuminazione sufficiente, fino al compimento dell'espiazione o dell'unificazione.

La mente incarnata in ogni essere umano è il figlio di Dio, vieni a salvare quell'uomo dalla morte, se l'uomo personale avrà fede nell'efficacia del suo salvatore di superare la morte seguendo la Parola, che il salvatore, la mente incarnata, fa conoscere ; e l'insegnamento è comunicato in gradi secondo la fede dell'uomo personale in lui. Se l'uomo accetta la mente incarnata come suo salvatore e segue le istruzioni che poi riceve, purificherà il suo corpo dalle impurità, fermerà l'azione sbagliata (peccando) con l'azione giusta (giustizia) e manterrà vivo il suo corpo mortale fino a quando non sarà redento la sua anima, la psiche, la forma del suo corpo fisico, dalla morte, e la rese immortale. Questo corso d'azione dell'addestramento del mortale umano e la sua trasformazione in immortale è la crocifissione. La mente è crocifissa sulla sua croce di carne; ma con quella crocifissione il mortale, soggetto alla morte, supera la morte e guadagna la vita immortale. Quindi il mortale ha messo l'immortalità ed è elevato al mondo degli immortali. Il figlio di Dio, la mente incarnata ha quindi compiuto la sua missione; ha fatto il lavoro che è suo dovere fare, in modo da poter tornare da suo padre in cielo, la mente superiore, con la quale diventa una cosa sola. Se, tuttavia, l'uomo che ha accettato la mente incarnata come suo salvatore, ma la cui fede o conoscenza non è abbastanza grande per seguire l'insegnamento che ha ricevuto, allora la mente incarnata è ancora crocifissa, ma è una crocifissione per l'incredulità e il dubbio del mortale. È una crocifissione quotidiana che la mente persiste nella o sulla sua croce di carne. Per l'umano, il corso è: il corpo muore. La discesa della mente all'inferno, è la separazione di quella mente dai suoi desideri carnali e carnali durante uno stato dopo la morte. Il sorgere dai morti è la separazione dai desideri. L'ascesa al cielo dove "giudica il rapido e il morto", è seguita dalla determinazione di quali saranno le condizioni del corpo mortale e della psiche, che saranno create per la sua prossima discesa nel mondo, con l'obiettivo di effettuare il illuminazione ed espiazione.

Per l'uomo che è salvato, la cui mente incarnata rende immortale, l'intera vita di Gesù deve essere vissuta mentre vive ancora nel corpo fisico nel mondo fisico. La morte deve essere superata prima che il corpo muoia; la discesa all'inferno deve essere prima, non dopo, la morte del corpo; l'ascensione al cielo deve essere raggiunta mentre il corpo fisico è vivo. Tutto ciò deve essere fatto consapevolmente, volentieri e con conoscenza. Se non lo è, e l'uomo ha semplicemente una credenza nella sua mente incarnata come salvatore, e se, pur comprendendo come, ma non ottenendo la vita immortale prima della morte, muore, la volta successiva per la discesa nell'atmosfera del mondo e in quello dell'uomo mortale, la mente non entrerà nella forma umana che ha chiamato in essere, ma la mente agisce come il consolatore (lo Spirito Santo), che cura l'anima umana ed è un sostituto del figlio di dio o mente, che era incarnata nella vita o nelle vite precedenti. Agisce così a causa della precedente accettazione della mente da parte dell'uomo come figlio di Dio. È la trapunta intorno a lui che ispira, consiglia, impartisce istruzioni, in modo che, se l'uomo lo desidera, può portare avanti il ​​lavoro per l'immortalità che era stato lasciato fuori nella vita precedente, interrotto dalla morte.

Gli esseri umani che non si rivolgono alla mente per la luce, devono rimanere nell'oscurità e rispettare le leggi della mortalità. Soffrono la morte e la mente ad essi connessa deve passare attraverso l'inferno durante la vita e durante la sua separazione dalla sua connessione terrena dopo la morte, e questo deve continuare attraverso i secoli, fino a quando non è disposto e in grado di vedere la luce, per sollevare la mortale all'immortalità e diventare tutt'uno con la sua fonte madre, suo padre nei cieli, che non può essere soddisfatto fino a quando l'ignoranza lascia spazio alla conoscenza e l'oscurità si trasforma in luce. Questo processo è stato spiegato in gli editoriali Living Forever, vol. 16, nn. 1-2, e in Momenti con amici in The Word, vol. 4, pagina 189, e Vol. 8, pagina 190.

Con questa comprensione della dottrina dell'espiazione si può vedere cosa si intende per "e Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna". Con questa comprensione, la dottrina dell'espiazione si riconcilia con la legge della giustizia costante ed eterna inesorabile costante, la legge del karma. Questo spiegherà la relazione personale dell'uomo con il suo dio.

L'altra verità, l'idea di sacrificio di sé per il bene degli altri, significa che dopo che l'uomo ha trovato e segue la sua mente, la sua luce, il suo salvatore e ha superato la morte e guadagnato la vita immortale e sa di essere senza morte, lo farà non accettare le gioie del cielo che ha guadagnato, per se stesso da solo, ma, invece di essere soddisfatto della sua vittoria sulla morte, e di godere solo dei frutti delle sue fatiche, decide di dare i suoi servizi all'umanità per alleviare i loro dolori e sofferenze, e aiutarli al punto di trovare la divinità interiore e di raggiungere l'apoteosi che ha raggiunto. Questo è il sacrificio del sé individuale al Sé universale, della mente individuale alla Mente universale. È il dio individuale che diventa tutt'uno con il Dio universale. Vede e sente e conosce se stesso in ogni anima umana vivente e ogni anima come essere in lui. È il principio Io-Io-Tu e Tu-tu-Io. In questo stato si realizza la paternità di Dio, la fratellanza dell'uomo, il mistero dell'incarnazione, l'unità e l'unità di tutte le cose e la totalità dell'Uno.

HW Percival