La fondazione di parole

IL

PAROLA

NOVEMBRE, 1913.


Copyright, 1913, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

Che cosa è la risata e perché la gente ride?

La risata è l'espressione di un atteggiamento della mente e delle emozioni attraverso suoni vocali inarticolati. Dall'individuo e dalle circostanze che eccitano le sue risate, dipendono dalla varietà e dalla natura delle risate; come la risatina, il titolo, il gorgoglio, della giovinezza semplice ed esuberante; la risata dolce, argentea, dolce o generosa della generosa buona natura; la risata di derisione, disprezzo, sarcasmo, ironia, ridicolo, disprezzo. Poi c'è l'abominevole risata dell'ipocrita.

La risata è sicuramente un indicatore del personaggio e della combinazione del corpo e della mente di chi ride, come il linguaggio è l'indice dello sviluppo della mente che le dà articolazione. Un raffreddore alla testa, la raucedine o altri mali fisici possono influenzare la morbidezza e la rotondità di una risata, ma tali impedimenti fisici non possono mascherare lo spirito e il carattere che entra in quella risata.

Le vibrazioni fisiche della risata sono causate dall'azione delle corde vocali e della laringe sull'aeronautica su di esse. Ma l'atteggiamento della mente al momento della risata dà lo spirito alla risata, e agisce così sul sistema nervoso da costringere tali agitazioni muscolari e vocali che daranno corpo e qualità al suono in cui è lo spirito della risata espresso.

Come molte delle meraviglie della vita, la risata è così comune che non è vista come meravigliosa. È meraviglioso.

Senza mente non c'è risata. Per poter ridere bisogna avere la mente. Un idiota può fare rumore, ma non può ridere. Una scimmia può imitare e fare smorfie, ma non può ridere. Un pappagallo può imitare i suoni delle risate, ma non può ridere. Non sa di cosa stia cercando di ridere; e tutti nel vicinato sanno quando un pappagallo imita le risate. Gli uccelli possono saltare, svolazzare e cinguettare sotto il sole, ma non ci sono risate; gatti e gattini possono fare le fusa, rotolare, balzare o zampare, ma non riescono a ridere. Cani e cuccioli possono impennarsi, saltare e abbaiare nello sport giocoso, ma non gli viene dato di ridere. A volte, quando un cane guarda un volto umano con ciò che viene chiamato "tale intelligenza" e con quello che sembra essere uno sguardo consapevole, si dice che forse capisce il divertimento e sta cercando di ridere; ma non può. Un animale non può ridere. Alcuni animali a volte possono imitare i suoni della voce, ma questa non è una comprensione delle parole. Al massimo può essere solo un'eco. Un cane non può capire il significato delle parole né delle risate. Nella migliore delle ipotesi, può riflettere il desiderio del suo padrone e in una certa misura rispondere a quel desiderio.

La risata è un'espressione spontanea di rapido apprezzamento da parte della mente, di una condizione che rivela inaspettatamente qualcosa di inattitudine, goffaggine, inadeguatezza, incongruenza. Questa condizione è fornita da alcuni eventi, azioni o parole.

Per ottenere il massimo beneficio dalle risate ed essere in grado di ridere prontamente, la mente deve, oltre alla rapidità di comprendere l'imbarazzo, l'incongruenza, l'imprevisto di una situazione. ha sviluppato la sua facoltà immaginativa. Se non c'è immaginazione, la mente non vedrà più di una situazione e quindi mancherà di vero apprezzamento. Ma quando c'è immaginazione, la mente immaginerà rapidamente da quell'evento altre occorrenze e situazioni ridicole e metterà in relazione le incongruenze con l'armonia.

Alcune persone sono veloci nel capire una situazione e nel vedere il punto in uno scherzo. Altri possono capire la situazione, ma senza immaginazione non riescono a vedere cosa suggerirebbe o portare a quella situazione e a cosa è correlata, e sono lenti nel vedere il punto in una battuta o in una situazione umoristica e tardivamente nello scoprire perché altre persone stanno ridendo.

La risata è una necessità nello sviluppo umano, e specialmente nello sviluppo della mente per soddisfare tutte le condizioni della vita. Ci sono piccole risate nel macinare la pressione monotona e le difficoltà. Quando la vita richiede una costante lotta per ottenere una nuda esistenza, quando la guerra e la fragilità si estendono sulla terra, quando la morte raccoglie i suoi raccolti da fuoco, inondazioni e terremoti, allora si vedono solo i terrori e le difficoltà e le difficoltà della vita. Tali condizioni mettono in evidenza e costringono la resistenza e la forza della mente e la rapidità in azione. Queste qualità mentali si sviluppano affrontando e superando tali condizioni. Ma anche la mente ha bisogno di facilità e grazia. La mente inizia a sviluppare equilibrio, facilità, grazia, dalle risate. La risata è necessaria per facilità e grazia mentale. Non appena vengono forniti i bisogni primari della vita e cominciano a dare spazio a molte cose, arrivano le risate. Le risate rendono la mente indifesa e toglie la sua rigidità. Le risate aiutano la mente a vedere la luce e l'allegria della vita, così come il buio e il freddo. La risata allevia la mente dallo sforzo dopo la sua lotta con cose serie, severe e terribili. Le risate si adattano alla mente per nuove imprese. Acquisendo il potere di ridere, la mente può rinnovare la sua forza e far fronte alle difficoltà, prevenire la malinconia e persino la follia e può spesso scacciare malattie o malattie. Quando un uomo presta troppa attenzione alle risate, allora l'amore delle risate gli impedisce di apprezzare la serietà, le responsabilità, i doveri e il lavoro della vita. Un uomo del genere può essere facile, cordiale e bonario, può vedere il lato divertente delle cose ed essere un bravissimo, gioviale bravo ragazzo. Ma mentre continua a rendere piacevole la risata, diventa più morbido e inadatto a soddisfare le realtà severe della vita. Può aver pietà e ridere dell'uomo che pensa prende la vita troppo sul serio, eppure capisce e apprezza la vita non meglio di colui che attraversa la vita portando un cuore pesante e gravato da un cipiglio.

Più del personaggio di un uomo può essere conosciuto in breve tempo dalle sue risate che dalle sue parole, perché cerca meno di nascondere e può nascondere meno nelle sue risate. Con le parole può e spesso significa l'opposto di ciò che dice.

C'è a malapena qualcuno che non accoglierà la ricca, piena risonanza, generosa risata di apprezzamento dell'astuzia e del buon umore temperati nel suo volume e tono per adattarsi all'evento e al luogo, e che non riusciranno a evitare il vuoto vuotare o ridacchiare di un persona che persiste clandestinamente nella sua risatina o inghiottire, indipendentemente dal fatto che l'occasione lo provochi. Se una persona è o non è ben educata, la pienezza o la superficialità della mente o dell'emozione possono essere conosciute dalla sua risata. Quelli con tendenza al nervosismo, attacchi o isteria, li mostreranno con i loro brevi sussulti spasmodici, o le loro lunghe, acute e penetranti urla di risate. I suoni rumorosi, raspanti e metallici, il sibilo, lo stridio, sono indicativi di carattere tanto quanto un personaggio ben arrotondato si rivela dalla sua armonia nelle risate. L'armonia delle risate mostra uno sviluppo del personaggio ben completato, indipendentemente da ciò che può scatenare la risata. Le discordie nelle risate mostrano mancanza di sviluppo in un personaggio, non importa come si possa provare a nascondere ciò che gli manca. Le discordie danno luogo all'armonia delle risate, man mano che il personaggio si sviluppa. Il tono, il tono e il volume della discordia nella risata, indicano la mancanza o la svolta nello sviluppo del personaggio.

Chi ha il magnetismo nella sua risata è di solito una disposizione naturale e sensuale. L'astuto, l'astuzia, l'avaro e il crudele si respingeranno dalle loro risate, sebbene possano attirare o ingannare con le loro parole.

HW Percival