La fondazione di parole

IL

PAROLA

NOVEMBRE, 1915.


Copyright, 1915, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

Cos'è la memoria?

La memoria è la riproduzione di impressioni per qualità, attributi o facoltà inerenti a ciò su cui sono state fatte le impressioni. La memoria non produce un soggetto, una cosa o un evento. La memoria riproduce le impressioni che sono state fatte dal soggetto o cosa o evento. Tutti i processi necessari alla riproduzione delle impressioni sono inclusi nel termine memoria.

Esistono quattro tipi di memoria: memoria dei sensi, memoria della mente, memoria cosmica, memoria infinita. La memoria infinita è l'essere consapevole di tutti gli stati e le occorrenze nell'eternità e nel tempo. La memoria cosmica è la riproduzione di tutti gli avvenimenti dell'universo nella sua eternità. La memoria mentale è la riproduzione o revisione da parte della mente dei cambiamenti attraverso i quali è passata dalla sua origine. Non vi è alcun vantaggio pratico derivante dall'investigare nella natura della memoria della mente infinita e cosmica. Sono qui menzionati per completezza. La memoria dei sensi è la riproduzione da parte dei sensi delle impressioni fatte su di loro.

La memoria che viene utilizzata dall'uomo è la memoria dei sensi. Non ha imparato a usare e non conosce le altre tre - memoria della mente, memoria cosmica e memoria infinita - perché la sua mente è allenata solo all'uso della memoria dei sensi. La memoria dei sensi è posseduta da animali, piante e minerali. Rispetto all'uomo, il numero di sensi che lavorano per produrre memoria diminuisce nell'animale, nella pianta e nel minerale. Il ricordo sensoriale dell'uomo può essere chiamato memoria della personalità. Esistono sette ordini di ricordi che compongono la memoria della personalità completa. Vi sono sette sensi nella personalità completa dell'uomo. Questi sette ricordi sensoriali o ordini di ricordi della personalità sono: memoria della vista, memoria del suono, memoria del gusto, memoria dell'olfatto, memoria del tocco, memoria morale, "io" o memoria dell'identità. Questi sette sensi costituiscono l'unico tipo di memoria che l'uomo ha nel suo stato attuale. Quindi la memoria della personalità è limitata al tempo dal quale chi si ricorda riproduce a se stesso le sue prime impressioni su questo mondo, alla riproduzione delle impressioni fatte nei momenti precedenti il ​​momento presente. Il modo di registrare le impressioni e la riproduzione delle impressioni registrate attraverso la vista, il suono, il gusto, l'olfatto, il tatto, i sensi morali e "io", e i complessi processi e mescolanza di questi per mostrare il lavoro dettagliato necessario per "un ricordo , "Sarebbe troppo lungo e noioso. Ma può essere preso un sondaggio che può essere interessante e dare una comprensione della memoria della personalità.

L'arte della fotografia illustra la memoria visiva: come le impressioni dagli oggetti vengono ricevute e registrate e come le impressioni vengono successivamente riprodotte dal record. Uno strumento fotografico è un'applicazione meccanica del senso della vista e dell'azione del vedere. Vedere è il funzionamento del meccanismo dell'occhio e delle sue connessioni, per registrare e riprodurre le impressioni rivelate e fatte dalla luce. Nel fotografare un oggetto, l'obiettivo viene scoperto e ruotato verso l'oggetto, l'apertura del diaframma è impostata per l'ammissione della giusta quantità di luce, la messa a fuoco è determinata dalla distanza dell'obiettivo dall'oggetto da fotografare; viene dato il limite di tempo per l'esposizione — della pellicola sensibilizzata o della piastra pronta a ricevere l'impressione dell'oggetto prima che esso — e viene presa l'impressione, la foto. L'apertura delle palpebre scopre la lente dell'occhio; l'iride, o diaframma dell'occhio, si adatta automaticamente all'intensità o all'assenza di luce; la pupilla dell'occhio si espande o si contrae per focalizzare la linea di visione dell'oggetto vicino o distante; e l'oggetto è visto, l'immagine è presa dal senso della vista, mentre la messa a fuoco è mantenuta.

I processi di vista e fotografia sono simili. Se l'oggetto si muove o se l'obiettivo si muove o la messa a fuoco cambia, ci sarà un'immagine sfocata. Il senso della vista non è uno degli apparati meccanici dell'occhio. Il senso della vista è una cosa distinta, un essere distinto dal semplice meccanismo dell'occhio poiché la piastra o il film sono distanti dalla fotocamera. È questo senso della vista, distinto dal fatto di essere collegato al meccanismo dell'occhio, che registra le impressioni o le immagini degli oggetti ricevute attraverso l'apparato meccanico dell'occhio.

Vedere è la presa dei registri che possono essere riprodotti dalla memoria visiva. La memoria della vista consiste nel lanciare o stampare sullo schermo visivo l'immagine o l'impressione che è stata registrata e fissata dal senso della vista al momento della visione dell'oggetto riprodotto. Questo processo di memoria visiva è illustrato dalla stampa di immagini dal film o dalla lastra dopo che è stato sviluppato. Ogni volta che una persona o una cosa viene ricordata, viene fatta una nuova stampa, per così dire. Se uno non ha una chiara memoria dell'immagine, è perché in lui ciò che è vista, il senso della vista, non è sviluppato e non allenato. Quando il senso della vista è sviluppato e allenato, può riprodurre qualsiasi scena o oggetto con cui è stato colpito con tutta la vividezza e il realismo presenti nel momento in cui è stato visto.

Anche le stampe fotografiche, se prese a colori, sarebbero scarse copie o illustrazioni della memoria visiva quando sono ben addestrate. Un piccolo esperimento può convincere una delle possibilità della sua memoria visiva o di altre memorie sensoriali che compongono la sua memoria della personalità.

Chiudete gli occhi e girateli verso un muro o un tavolo su cui sono presenti molti oggetti. Ora lascia che apra gli occhi per una frazione di secondo e li chiuda, avendo in quel momento cercato di vedere tutto su cui erano rivolti gli occhi. Il numero di cose che vede e la nitidezza con cui le vede serviranno a mostrare quanto non sviluppata sia la sua memoria visiva. Un po 'di pratica mostrerà come è possibile per lui sviluppare la sua memoria visiva. Potrebbe dare molto tempo o una breve esposizione, per vedere cosa può vedere. Quando disegna le tende sugli occhi, alcuni degli oggetti che ha visto con gli occhi aperti saranno debolmente visti con gli occhi chiusi. Ma questi oggetti si affievoliranno e alla fine scompariranno e quindi non potrà vederli e nella migliore delle ipotesi avrà solo una nuda impressione nella sua mente di ciò che aveva visto con la sua memoria visiva. Lo sbiadimento dell'immagine è dovuto all'incapacità del senso della vista di trattenere l'impressione fatta dall'oggetto. Con l'esercizio della vista o della memoria dell'immagine per riprodurre oggetti presenti con gli occhi chiusi o per riprodurre scene o persone passate, la memoria dell'immagine verrà sviluppata e potrebbe essere così rafforzata e allenata da produrre prodigi sorprendenti.

Questo breve profilo della memoria visiva servirà ad indicare quali sono gli altri ricordi sensoriali e come funzionano. Mentre la fotografia illustra la memoria visiva, il fonografo illustra la registrazione dei suoni e la riproduzione dei dischi come memorie sonore. Il senso del suono è distinto dal nervo uditivo e dall'apparato auricolare come il senso della vista è distinto dal nervo ottico e dall'apparato oculare.

Possono essere prodotti meccanismi meccanici per copiare il senso del gusto e l'olfatto e il senso del tatto poiché la fotocamera e il fonografo sono controparti, anche se scarse copie e copie inconsapevolmente - degli organi umani collegati alla vista e ai sensi del suono.

La memoria dei sensi morali e la memoria dei sensi "io" sono i due sensi distintamente umani e sono dovuti e resi possibili dalla presenza della mente immortale che usa la personalità. Dal senso morale la personalità impara le leggi della sua vita e le riproduce come memoria morale per quanto riguarda la questione del giusto e dell'errore. La memoria sensoriale dell '"io" consente alla personalità di identificarsi in connessione con qualsiasi evento nelle scene o invasioni in cui ha vissuto. Al momento la mente incarnata non ha memoria oltre la memoria della personalità, e i ricordi di cui è capace sono solo quelli che sono stati nominati e che compongono la personalità nel suo insieme, che è limitata a ciò che può essere visto o ascoltato, o odorato, o assaggiato, o toccato, e che si sente giusto o sbagliato quanto a se stesso come un'esistenza separata.

In la parola di dicembre verrà data risposta alla domanda "Che cosa causa la perdita di memoria" e "Che cosa fa dimenticare il proprio nome o dove vive, sebbene la sua memoria non possa essere compromessa sotto altri aspetti".

HW Percival