La fondazione di parole

IL

PAROLA

DICEMBRE, 1915.


Copyright, 1915, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

Cosa causa la perdita di memoria?

La perdita della memoria è il risultato di una causa fisica o psichica o mentale. La causa fisica immediata della perdita di memoria è un disturbo nei centri nervosi del cervello, che impedisce ai sensi di funzionare attraverso i rispettivi nervi. Per illustrare: se ci sono alcuni difetti del nervo ottico, del centro visivo e del talami ottico, in modo da farli perdere il contatto con il distinto "senso della vista" o l'essere che è vista, allora questo essere non può afferrare né usare i suoi canali fisici in modo da riprodurre per la mente l'oggetto fisico che era stato colpito dal senso. Se le ramificazioni del nervo uditivo e del centro nervoso sono state influenzate, allora il "senso del suono" non è in grado di gestirle, e quindi non può riprodurre nella mente il suono fisico o il nome dell'oggetto o della scena che il senso della vista aveva fallito per riprodursi, e quindi ci sarebbe la perdita della memoria della vista e della memoria del suono a causa di cause fisiche. Ciò illustrerà la perdita della memoria gustativa e della memoria olfattiva, a causa di cause fisiche. Una pressione sui centri nervosi, un colpo alla testa, un'improvvisa commozione cerebrale a causa di una caduta, alterazione della circolazione, shock nervosi dovuti a eventi imprevisti, possono essere cause immediate di perdita fisica della memoria.

Se l'ostacolo fisico o il difetto dei nervi nei loro centri è stato rimosso o riparato, si è verificata solo una perdita temporanea della memoria fisica. Se la rimozione o la riparazione è impossibile, la perdita è permanente.

La memoria non è mantenuta da nessuna parte dell'organismo fisico, né dall'organismo fisico nel suo insieme. I sette ordini di memoria: memoria della vista, memoria del suono, memoria del gusto, memoria dell'olfatto, memoria del tatto o del sentimento, memoria morale, "io" o memoria dell'identità, menzionata in "Moments with Friends", nel numero di novembre 1915—Crea la memoria dei sensi nel suo insieme e che qui è chiamata memoria della personalità. Ognuno dei ricordi sensoriali e tutti e sette i ricordi coordinati e che lavorano insieme formano la memoria della personalità. La memoria della personalità ha due lati o aspetti: il lato fisico e il lato psichico. Il lato fisico della memoria della personalità ha a che fare con il corpo fisico e il mondo fisico, ma il rilevamento e la memoria di questi sono nei sensi psichici e non nel corpo fisico né negli organi dei sensi. La memoria della personalità inizia quando l'elementale umano, l'essere umano, riesce a regolare e coordinare due o più dei suoi sensi con i rispettivi organi di senso del suo corpo fisico e focalizzarli su un oggetto fisico. Naturalmente, il senso dell '"io" deve essere uno dei sensi coordinati e focalizzati con uno o più sensi focalizzati e funzionanti attraverso i loro particolari organi di senso. Il primo ricordo che uno ha della sua esistenza nel mondo fisico è quando il suo senso dell'io della sua personalità si è svegliato ed è stato coordinato con uno o più dei suoi altri sensi, mentre erano focalizzati su qualche oggetto fisico o accadendo. Il bambino o il bambino può vedere gli oggetti e sentire i rumori prima che il senso dell'io si svegli e si coordini con la vista e l'udito. Durante quel periodo è semplicemente animale. Solo quando il bambino è in grado di pensare, sentire o dire "io" in connessione con il vedere, l'udire o altri sensi, inizia l'esistenza umana o la memoria della personalità. Il lato fisico della memoria della personalità termina con la morte del corpo fisico, momento in cui l'elementale umano con i suoi sensi si ritira dal suo guscio, dal corpo fisico, e viene tagliato dagli organi e dai centri nervosi.

Il lato psichico della memoria della personalità dovrebbe iniziare in coincidenza o prima dell'inizio della memoria della personalità. Quindi il senso dell'io sarebbe sveglio e si collegherebbe come una forma con uno o più dei sensi psichici, come la chiaroveggenza o il chiaroudienza, e questi sarebbero collegati e così collegati agli organi fisici dei sensi che il mondo psichico e il mondo fisico sarebbe adattato e correlato al corpo fisico e ai suoi organi. Ma questo adattamento dello psichico con il lato fisico della memoria della personalità non viene fatto, e i sensi psichici di solito non si aprono naturalmente nell'uomo. I ricordi sensoriali psichici di solito sono così strettamente collegati agli organi fisici e agli oggetti fisici dei sensi che l'uomo di solito non è in grado di distinguere o avere memoria dell'esistenza a parte il suo corpo fisico.

Se il lato psichico della memoria della personalità è rivolto verso le cose fisiche, la personalità psichica finirà subito dopo la morte del corpo fisico e la vita e le azioni della personalità saranno terminate e cancellate. Tale evento sarà come un vuoto o una macchia o una cicatrice creata sulla mente connessa con quella personalità. Quando i sensi sono rivolti a soggetti ideali del pensiero, come il miglioramento del genere umano, l'educazione e il miglioramento dei sensi occupandoli con soggetti ideali nella poesia, o nella musica, nella pittura o nella scultura o nella ricerca ideale delle professioni , quindi i sensi si impressionano di conseguenza sulla mente e la mente porta oltre la morte il ricordo di quelle percezioni sensoriali ideali che sono state impresse su di essa. La personalità è spezzata dopo la morte, e i ricordi particolari della personalità collegati agli oggetti e alle cose fisiche in quella vita sono distrutti dalla rottura dei sensi che ha creato quella personalità. Laddove, tuttavia, i sensi psichici di quella personalità si occupavano di soggetti ideali collegati alla mente, lì la mente porta con sé le impressioni. Quando la mente ha costruito per essa la nuova personalità formata dai suoi nuovi sensi, i ricordi della personalità passata trasportati dalla mente come impressioni, a loro volta, impressioneranno i sensi e aiuteranno il loro sviluppo lungo i particolari soggetti con cui avevano il passato è stato preoccupato.

La perdita della memoria della vita passata e delle vite precedenti è causata dalla perdita delle personalità precedenti e precedenti. Poiché l'umanità non ha altra memoria che i sette ordini di memoria della personalità, un uomo non può conoscere o ricordare se stesso a parte i sensi della sua personalità, né a parte gli oggetti collegati a quella personalità. Perde la memoria di una vita passata perché i sensi di una personalità sono disordinati e spezzati dalla morte, e non c'è più niente da riprodurre come ricordi sensoriali nella vita successiva, le cose di cui quella personalità si occupava.

La perdita parziale o totale della memoria delle cose connesse a questa vita è dovuta al deterioramento o alla perdita permanente dello strumento attraverso il quale funziona quella memoria, o alla lesione o alla perdita degli esseri elementali che producono memoria. La perdita della vista o dell'udito può essere dovuta a una causa fisica, come una lesione all'occhio o all'orecchio. Ma se l'essere che si chiama vista o l'essere chiamato suono rimane incolume e la lesione all'organo viene riparata, allora la vista e l'udito verranno ripristinati. Ma se questi esseri fossero essi stessi feriti, allora non ci sarebbe solo perdita della vista o dell'udito, in proporzione alla lesione, ma questi esseri non sarebbero in grado di riprodurre come ricordi le immagini e i suoni con cui avevano familiarità.

La perdita di memoria, quando non dovuta a cause fisiche, è prodotta dall'abuso dei sensi o dalla mancanza di controllo e educazione dei sensi, o dall'usura degli elementali dei sensi, con conseguente vecchiaia, o dall'essere della mente interessato ai temi del pensiero senza riguardo alle condizioni attuali.

L'eccessiva indulgenza della funzione sessuale infligge danno all'essere chiamato vista; e il grado della lesione subita determina il grado di perdita parziale o la perdita totale della memoria della vista. La mancata osservanza degli usi delle parole e della relazione dei suoni impedisce la crescita e lo sviluppo dell'essere noto come senso del suono e rende incapace di riprodurre come memorie sonore le vibrazioni che aveva ricevuto. L'abuso del palato o la negligenza nel coltivare il palato, attenua l'essere chiamato gusto e lo rende incapace di differenziare i gusti e di riprodurre la memoria del gusto. Al palato viene abusato dall'alcool e da altri stimolanti aggressivi e dall'eccessiva alimentazione senza attenzione alle particolari prelibatezze del gusto nel cibo. La perdita della memoria dei sensi può derivare da irregolarità nelle azioni della vista e dei suoni e dei sensi del gusto, facendo esplodere lo stomaco e l'intestino con più di quello che possono digerire o inserendo in essi ciò che non riescono a digerire. Ciò che si chiama odore è nella personalità un essere elementale, un essere del sesso magneticamente polarizzato. Le irregolarità dell'azione, dannose per gli altri sensi, possono depolarizzare e sfocare il senso dell'olfatto o smagnetizzarlo e renderlo incapace di registrare o riprodurre le emanazioni caratteristiche di un oggetto; e, indigestione o alimentazione impropria possono ristagnare o disorganizzare e causare la perdita della memoria dell'olfatto.

Tali sono le cause della perdita di particolari ricordi sensoriali. Ci sono difetti di memoria che non sono in realtà perdita di memoria, sebbene siano spesso così chiamati. Una persona va ad acquistare determinati articoli, ma al suo arrivo al negozio non ricorda cosa è andato a comprare. Un'altra persona non riesce a ricordare parti di un messaggio, né cosa avrebbe fatto, né cosa stesse cercando, o dove mettesse le cose. Un altro dimentica i nomi di persone, luoghi o cose. Alcuni dimenticano il numero sulle case o sulle strade in cui vivono. Alcuni non sono in grado di ricordare ciò che hanno detto o fatto ieri o la settimana prima, sebbene possano essere in grado di descrivere con precisione gli avvenimenti nella loro prima infanzia. Spesso tali difetti della memoria sono segni di attenuazione o logoramento dei sensi con l'avanzare dell'età; ma anche tale avanzamento della vecchiaia è dovuto alla mancanza di controllo dei sensi da parte del controllo della mente e al fatto di non aver addestrato i sensi ad essere veri ministri della mente. "Cattiva memoria," dimenticanza "," distrazione ", sono i risultati dell'incapacità di uno di controllare la mente in modo tale che la mente possa controllare i sensi. Altre cause di difetti della memoria sono gli affari, il piacere e le sciocchezze, che coinvolgono la mente e sono autorizzati a eliminare o cancellare ciò che aveva intenzione di fare. Ancora una volta, quando la mente è impegnata con soggetti di pensiero non correlati alle condizioni attuali o ai sensi, i sensi vagano verso i loro oggetti naturali, mentre la mente è impegnata con se stessa. Quindi segue la distrazione, l'oblio.

Il mancato ricordo è dovuto principalmente al fatto di non prestare la necessaria attenzione a ciò che si desidera sia ricordato, di non rendere chiaro l'ordine e di non caricare con forza sufficiente l'ordine che dovrebbe essere ricordato.

 

 

Che cosa induce a dimenticare il proprio nome o il luogo in cui vive, sebbene la sua memoria non possa essere compromessa per altri aspetti?

Il non ricordare il proprio nome e il luogo in cui si vive, è dovuto al lancio del senso dell '"io" e dei sensi e dei suoni fuori dal tatto o fuori fuoco. Quando il senso dell '"io" viene disattivato o escluso dagli altri sensi nella memoria della personalità e gli altri sensi sono adeguatamente correlati, la personalità agirà senza avere identità, vale a dire, a condizione che non sia ossessionata o presa da qualche altra entità. Chi ha un'esperienza del genere potrebbe riconoscere luoghi e conversare su cose ordinarie che non necessitavano di identificazione in relazione a se stesso. Ma si sarebbe sentito vuoto, vuoto, perso, come se stesse cercando qualcosa che aveva conosciuto e dimenticato. A questo proposito non si avrebbe il solito senso di responsabilità. Agirebbe, ma non per senso del dovere. Mangiava quando aveva fame, beveva quando aveva sete e dormiva quando era affaticato, un po 'come fanno gli animali, quando richiesto dall'istinto naturale. Questa condizione potrebbe essere causata da un'ostruzione del cervello, in uno dei ventricoli o da un'interferenza con il corpo ipofisario. In tal caso, il senso di "io" sarebbe ripristinato quando l'ostacolo sarebbe stato rimosso. Quindi il senso dell'io tornerebbe in contatto e si focalizzerebbe con gli altri sensi, e quella persona ricorderebbe immediatamente il suo nome e riconoscerebbe dove si trovava e la sua casa.

HW Percival