La fondazione di parole

IL

PAROLA

GIUGNO, 1916.


Copyright, 1916, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

La dottrina teosofica delle nostre sofferenze sulla terra non è la retribuzione karmica, al pari della dichiarazione teologica della nostra sofferenza come retribuzione all'inferno, in quanto entrambe le asserzioni devono essere accettate semplicemente per fede; e, inoltre, uno è buono come l'altro per produrre bontà morale?

Entrambe le dottrine sono alla pari e devono essere prese in considerazione solo quando la mente è irragionevole o in uno stato infantile. Le dottrine sono accettate, allo stesso modo in cui l'alfabeto e la tavola di moltiplicazione sono presi da un bambino - sulla fede.

Quando la mente ragionata esamina le dottrine, scopre che la sofferenza sulla terra si basa sulla legge e sulla giustizia ed è dimostrata dall'esperienza nella vita e che la dottrina infernale è un editto arbitrario incorniciato dalla politica teologica. La mente non può trovare alcuna ragione per la sofferenza eterna all'inferno come punizione per i torti fatti in gran parte attraverso l'ignoranza in una breve vita sulla terra, specialmente quando i torti sembrano essere costretti spesso dalla forza delle circostanze e dell'ambiente, che non è stato causato dal malato.

La reincarnazione e la sofferenza sulla terra come punizione karmica, quando applicate per spiegare i fatti della vita, si trovano a funzionare secondo la legge, analogamente alla tabella di moltiplicazione e all'aritmetica. La sofferenza è vista come il risultato di aver agito contro la legge, e non è una punizione, ma l'esperienza necessaria per imparare a non agire così. È più credibile all'intelligenza che il mondo e il posto dell'uomo in esso siano il risultato della legge piuttosto che il risultato del capriccio di un despota.

La dottrina teologica dell'inferno non può davvero dirsi buona quanto la dottrina teosofica della punizione karmica, per produrre bontà morale, poiché la forza morale non può mai nascere dalla paura servile. La dottrina infernale è costringere il bene attraverso la paura della punizione. Invece genera codardia morale e suggerisce un'azione ingiusta.

La dottrina della punizione karmica attraverso la reincarnazione, aiuta la mente a trovare il proprio posto e lavorare nel mondo e mostra la vera via attraverso la vita. La bontà morale è il risultato.

Non ci sono prove dell'inferno teologico. Il senso di giustizia si ribella e dissipa la paura mentre la mente cresce in forza e comprensione. La prova del karma è il senso di giustizia insito nell'uomo. La capacità di vederlo e comprenderlo dipende dalla sua volontà di vedere le sue malefatte e di correggerle semplicemente con l'azione.

HW Percival