La fondazione di parole

IL

PAROLA

NOVEMBRE, 1906.


Copyright, 1906, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

Parlando di chiaroveggenza e questioni occulte, un amico chiede: È davvero possibile per uno di vedere nel futuro?

Sì. È possibile. Il tempo è diviso da passato, presente e futuro. Guardiamo nel passato, quando ricordiamo una cosa vedendo con gli occhi della nostra mente ciò che è accaduto. Questo vedere nel passato tutti possono farlo, ma non tutti possono vedere nel futuro, perché pochi usano la conoscenza del passato in modo intelligente per vedere nel futuro. Se uno prendesse in considerazione tutti i fattori e le portate di un evento passato, la sua conoscenza gli consentirebbe di prevedere certi eventi futuri, perché sebbene il futuro sia quella divisione del tempo che non è ancora arrivata, in realtà, tuttavia, le azioni del passato creano , modella, determina, limita il futuro e, quindi, se uno è in grado, come uno specchio, di riflettere la conoscenza del passato, può prevedere eventi futuri.

 

 

Non è possibile per uno vedere le occorrenze del passato e le occorrenze come saranno in futuro in modo chiaro e distinto come vede il presente?

È possibile, e molti l'hanno fatto. Per fare questo si usa quella che viene chiamata chiaroveggenza, visione chiara o seconda vista. Per vedere in modo chiaroveggente, viene utilizzata una seconda serie di facoltà o il senso interiore del vedere. L'occhio può essere usato, sebbene non sia essenziale per la chiaroveggenza, poiché quella facoltà che funziona attraverso il senso della vista può trasferire la sua azione dall'occhio a qualche altro organo o parte del corpo. Gli oggetti possono quindi essere visti, ad esempio, dalla punta delle dita o dal plesso solare. Laddove il chiaroveggente osserva ciò che chiamiamo oggetti lontani che sono passati o eventi che devono venire, la parte del corpo da cui ciò avviene è solitamente nel cranio appena sopra le sopracciglia. Là, come su uno schermo panoramico, appare la scena o l'oggetto che è spesso visto distintamente come se il chiaroveggente fosse proprio in quel luogo. Tutto ciò che è quindi necessario per comunicare ciò che si vede è la facoltà di parola.

 

 

Com'è possibile per uno vedere la chiaroveggenza quando tale visione si oppone a tutta la nostra esperienza?

Tale visione non è nell'esperienza di tutti. È nell'esperienza di alcuni. Molti di coloro che non hanno avuto l'esperienza dubitano della testimonianza di coloro che l'hanno avuta. Non è contrario alle leggi naturali, perché è del tutto naturale ed è possibile per coloro il cui linga sharira, il corpo astrale, non è troppo saldamente unito alle sue cellule fisiche. Consideriamo gli oggetti che vediamo e cosa vediamo attraverso questi oggetti. La visione stessa è un mistero, ma le cose che riguardano la visione non le consideriamo un mistero. Quindi, abbiamo occhi fisici attraverso i quali guardiamo nell'aria e lì vediamo oggetti fisici. Pensiamo che questo sia abbastanza naturale, e così è. Consideriamo i diversi regni in cui è possibile la vista. Supponiamo di essere sulla terra come vermi o insetti; dovremmo avere il senso della vista, ma le nostre facoltà sarebbero molto limitate. Gli organi che conosciamo come occhi non potrebbero essere usati per vedere grandi distanze e la vista fisica sarebbe limitata a spazi molto brevi. Avanza di una fase e supponi di essere pesci. La distanza attraverso la quale potremmo quindi vedere nell'acqua sarebbe molto maggiore e gli occhi sarebbero in sintonia con la registrazione delle vibrazioni luminose che provengono dall'acqua. Come pesci, tuttavia, dovremmo negare la possibilità di vedere in qualsiasi altro modo che attraverso l'acqua o, di fatto, che ci fosse un elemento come l'aria. Se per caso sporgessimo il naso e alzassimo gli occhi sopra l'acqua nell'aria, non dovremmo essere in grado di respirare e gli occhi non sarebbero utili a causa del loro elemento. In quanto animali o esseri umani, siamo uno stadio avanti rispetto ai pesci. Vediamo attraverso la nostra atmosfera e siamo in grado di percepire gli oggetti attraverso gli occhi a distanze molto maggiori che attraverso l'acqua. Ma sappiamo che la nostra atmosfera, essendo densa e torbida, limita la nostra visione. Tutti sanno che nelle atmosfere di Chicago, Cleveland e Pittsburg si possono vedere oggetti a una distanza di poche miglia. Nelle città dove tutto è più chiaro, si possono vedere trenta o quaranta miglia, ma dalle montagne dell'Arizona e del Colorado si possono coprire distanze di parecchie centinaia di miglia, e tutto questo con gli occhi fisici. Proprio come si può vedere più chiaramente salendo in atmosfere più chiare, così si può vedere in modo chiaroveggente salendo in un altro elemento più alto dell'aria. L'elemento che viene utilizzato dal chiaroveggente per vedere è l'etere. Per il chiaroveggente che vede nell'etere la nostra idea di distanza perde valore proprio come l'idea di distanza del verme o del pesce perderebbe significato per un abitante in alta quota, il cui occhio attento potrebbe rilevare oggetti invisibili a chi vive negli strati inferiori delle pianure.

 

 

Quali sono gli organi usati nella chiaroveggenza e in che modo la propria visione viene trasferita dagli oggetti a portata di mano a quelli a grande distanza, e dal visibile visibile allo sconosciuto invisibile?

Qualsiasi organo del corpo può essere utilizzato per scopi chiaroveggenti, ma quelle parti o organi del corpo che sono istintivamente o intelligentemente utilizzati dal chiaroveggente sono il centro visivo sulla corteccia del cervello, i seni frontali, il talami ottico e il corpo ipofisario. Gli oggetti fisici vicini vengono riflessi dalle onde luminose atmosferiche sull'occhio, che converge queste onde luminose o vibrazioni al nervo ottico. Queste vibrazioni sono sopportate lungo il tratto ottico. Alcuni di questi vengono trasmessi al talami ottico, mentre altri vengono lanciati sulla corteccia cerebrale. Questi si riflettono nel seno frontale, che è la galleria di immagini della mente. Il corpo ipofisario è l'organo attraverso il quale l'ego percepisce queste immagini. Non sono più fisici quando vengono visti, ma piuttosto le immagini astrali del fisico. Sono oggetti fisici riflessi nel mondo astrale dell'ego, per vedere quali vibrazioni inferiori degli oggetti fisici sono state innalzate a un tasso di vibrazione più elevato. La propria visione può essere trasferita dal mondo fisico a quello astrale in diversi modi. Il più fisico è la messa a fuoco dell'occhio. Il mondo eterico o astrale permea, penetra e passa oltre il nostro mondo fisico. L'occhio fisico è costruito in modo tale da registrare solo le vibrazioni del mondo fisico che sono lente rispetto al mondo eterico o astrale. L'occhio fisico non può ricevere o registrare vibrazioni eteriche a meno che non sia addestrato oa meno che non si sia un chiaroveggente naturale. In entrambi i casi è quindi possibile cambiare la focalizzazione dell'occhio dal mondo fisico al mondo eterico o astrale. Quando ciò è fatto, gli organi o parti del corpo prima menzionati sono collegati con il mondo eterico e ricevono le vibrazioni da esso. Come uno vede l'oggetto del suo desiderio volgendo gli occhi su quell'oggetto, così il chiaroveggente vede un oggetto distante desiderandolo o essendo diretto a vederlo. Questo può sembrare meraviglioso per alcuni, ma la meraviglia cessa quando i fatti sono noti. Con un processo perfettamente naturale, colui che vede in modo chiaroveggente si alza o viene elevato a un mondo più limpido a distanze maggiori, anche se il subacqueo di acque profonde può essere portato dalla sua visione limitata nell'acqua alla visione in un'atmosfera nebbiosa, e quindi ad altitudini elevate da cui vede gli oggetti a una distanza ancora maggiore. Chi ha imparato a vedere con la chiaroveggenza attraverso un lungo corso di studio e addestramento non ha bisogno di seguire questo metodo. Deve pensare solo a un luogo e lo vede se vuole. La natura del suo pensiero lo collega con gli strati dell'etere corrispondenti al pensiero, anche se si volge lo sguardo sull'oggetto che vedrebbe. La comprensione dell'oggetto visto dipende dalla sua intelligenza. Si può trasferire la propria visione dal noto visibile all'ignoto invisibile e comprendere ciò che vede secondo la legge dell'analogia.

 

 

Può un occultista guardare nel futuro ogni volta che vuole, e usa una facoltà chiaroveggente per farlo?

Un chiaroveggente non è un occultista, e sebbene un occultista possa essere chiaroveggente, non lo è necessariamente. Un occultista è colui che ha una conoscenza delle leggi della natura, che vive in conformità con quelle leggi e che è guidato dall'interno dalla sua intelligenza più alta. Gli occultisti variano in grado di conoscenza e potere anche se l'operaio varia in comprensione e capacità dall'ingegnere o astronomo. Uno può essere un occultista senza aver sviluppato la chiaroveggenza, ma l'occultista che ha sviluppato questa facoltà la usa solo quando ha a che fare con argomenti appartenenti al mondo astrale. Non lo usa per piacere o per gratificare i capricci propri o altrui. Non è necessario che l'occultista usi la facoltà chiaroveggente per vedere nel futuro, sebbene possa farlo, se lo desidera, concentrandosi intensamente il suo pensiero su un particolare periodo nel futuro e desideroso di vedere e sapere cosa sta succedendo a quella volta.

 

 

Se un occultista può perforare il velo, perché gli occultisti non traggono vantaggio individuale o collettivo dalla loro conoscenza degli eventi futuri?

Un occultista che guardasse al futuro e trarrebbe vantaggio personalmente dalla sua conoscenza cesserebbe di essere un occultista nel vero senso della parola. Un occultista deve lavorare in conformità con la legge naturale e non in contrasto con la natura. La natura vieta il beneficio di un individuo a scapito del tutto. Se un occultista, o chiunque lavori con poteri superiori a quelli posseduti dall'uomo comune, usa quei poteri contro gli altri o per il suo beneficio individuale, si oppone alla legge con cui dovrebbe lavorare, non contro, e così diventa un rinnegato alla natura e ad un essere egoista oppure perde i poteri che potrebbe aver sviluppato; in entrambi i casi cessa di essere un vero occultista. Un occultista ha diritto solo a ciò di cui ha bisogno come individuo e per il suo lavoro, e il sentimento di egoismo o l'amore per il guadagno lo renderebbero cieco alla legge. Se è così accecato, non è quindi in grado di comprendere e comprendere le leggi che governano e controllano la vita, che vanno oltre la morte, e che collegano e legano tutte le cose insieme in un insieme armonioso per il bene di tutti.

 

 

Cos'è il "terzo occhio" e il chiaroveggente e l'occultista lo usano?

Il "terzo occhio" a cui si fa riferimento in alcuni libri, in particolare la "Dottrina Segreta", è quel piccolo organo al centro della testa che i fisiologi chiamano ghiandola pineale. Il chiaroveggente non usa questo terzo occhio o ghiandola pineale per vedere oggetti distanti o per guardare nel futuro, sebbene alcuni chiaroveggenti che hanno vissuto una vita buona e pura possano per un breve secondo aver avuto il terzo occhio aperto. Quando ciò accade, le loro esperienze sono molto diverse da quelle precedenti. L'occultista normalmente non usa la ghiandola pineale. Non è necessario usare la ghiandola pineale o il terzo occhio per vedere nel futuro, perché il futuro è una delle tre divisioni del tempo e gli organi diversi dalla ghiandola pineale sono usati per guardare nel passato, vedere il presente, o scrutare nel futuro. La ghiandola pineale o terzo occhio è al di sopra delle divisioni del semplice tempo, sebbene le comprenda tutte. Ha a che fare con l'eternità.

 

 

Chi usa la ghiandola pineale e qual è l'oggetto del suo uso?

Solo una persona altamente sviluppata, un occultista o un maestro di alto livello, può usare il "terzo occhio" o la ghiandola pineale a volontà, sebbene molti dei santi, o uomini che hanno vissuto vite altruiste e le cui aspirazioni sono state esaltate, hanno sperimentato l'apertura di "L'occhio" nei momenti di massima esaltazione. Questo poteva essere fatto solo in questo modo naturale, come un lampo nei rari momenti della loro vita e come ricompensa, la fruizione dei loro pensieri e delle loro azioni. Ma tali uomini non potevano aprire gli occhi loro stessi, perché non erano stati addestrati, o perché non erano in grado di mantenere un lungo e continuo corso dell'addestramento del corpo e della mente necessario al raggiungimento. Un occultista, conoscendo le leggi del corpo e le leggi che controllano la mente, e vivendo una vita moralmente pura, finalmente chiama in uso funzioni del corpo e facoltà della mente a lungo dismesse, e finalmente è in grado di aprire il suo " terzo occhio ", la ghiandola pineale, secondo la sua volontà. Lo scopo dell'uso della ghiandola pineale o "terzo occhio" è vedere le relazioni così come esistono tra tutti gli esseri, vedere il reale attraverso l'irreale, percepire la verità e realizzare e diventare uno con l'infinito.

 

 

Come si apre il terzo occhio o ghiandola pineale, e cosa succede a tale apertura?

Solo un occultista di alto livello potrebbe rispondere a questa domanda con certezza. Senza pretendere di avere una tale conoscenza effettiva, possiamo con beneficio, tuttavia, speculare e anticipare il modo in cui ciò viene realizzato e anche il risultato. Chi vive la vita mondana ordinaria non può aprire o usare il suo "terzo occhio". Questo organo fisico è il ponte tra corpo e mente. Il potere e l'intelligenza che opera attraverso di esso è il ponte tra il finito e l'infinito. Chi vive nel finito pensa nel finito e agisce nel finito non può crescere e comprendere l'infinito mentre così vive, pensa e agisce. Il primo passo da compiere per aprire il "terzo occhio" è controllare i pensieri, purificare la mente e rendere puro il corpo. Questo colpisce le radici della vita e copre l'intera gamma dello sviluppo umano. Tutti i doveri devono essere eseguiti fedelmente, tutti gli obblighi devono essere rispettati rigorosamente e la vita deve essere guidata dal proprio senso intrinseco di giustizia. Bisogna cambiare le abitudini di pensiero sulle cose più basse alla considerazione degli oggetti più elevati della vita, e quindi dei più elevati. Tutte le forze del corpo devono essere rivolte verso l'alto nel pensiero. Tutti i rapporti coniugali devono essere cessati. Uno così vivente farà sì che gli organi occulti del corpo a lungo dismessi diventino attivi e si risveglino. Il corpo si entusiasmerà di una nuova vita, e questa nuova vita salirà di piano in piano nel corpo fino a quando tutte le essenze più fini del corpo non porteranno il potere alla testa e, infine, da se stessa naturalmente, o con uno sforzo di la volontà, il fiore dell'eternità sboccerà: l'occhio di Dio, il “terzo occhio”, si aprirà. Lo splendore di mille soli non è da paragonare alla luce della verità che poi riempie e circonda il corpo e penetra tutto lo spazio. Gli oggetti, in quanto oggetti, scompaiono e si risolvono nel principio che rappresentano; e tutti i principi che rappresentano il reale sono a loro volta risolti nell'immensità del tutto. Il tempo scompare. L'eternità è l'onnipresente. La personalità si perde nell'individualità. L'individualità non si perde, ma si espande e diventa tutt'uno con il tutto.

HW Percival