La fondazione di parole

IL

PAROLA

DICEMBRE, 1906.


Copyright, 1906, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

Il Natale ha un significato particolare per un teosofo, e se sì, cosa?

Il significato che il Natale ha per un teosofo dipende molto dalle sue convinzioni razziali o religiose. I teosofi non sono esenti da pregiudizi, sono ancora mortali. I teosofi, cioè i membri della Società Teosofica, sono di ogni nazione, razza e credo. Dipenderebbe quindi in qualche modo da quali potrebbero essere i pregiudizi del particolare teosofo. Ci sono poche persone, tuttavia, le cui opinioni non sono ampliate da una comprensione delle dottrine teosofiche. L'ebraico comprende Cristo e il Natale sotto una luce molto diversa rispetto a prima che diventasse teosofo. Così fa il cristiano, e tutti gli altri di ogni razza e credo. Il significato particolare attribuito al Natale da un teosofo è che Cristo è un principio piuttosto che una persona, un principio che libera la mente dalla grande illusione della separazione, avvicina l'uomo alle anime degli uomini e lo unisce al principio di divino amore e saggezza. Il sole è il simbolo della vera luce. Il sole passa nel segno del capricorno il 21st del giorno di dicembre alla fine del suo corso meridionale. Quindi ci sono tre giorni in cui non c'è aumento della loro lunghezza e quindi il 25 del giorno di dicembre il sole inizia il suo corso a nord e quindi si dice che sia nato. Gli antichi celebravano questa occasione con feste e gioie, sapendo che con l'avvento del sole sarebbe passato l'inverno, i semi sarebbero stati fruttati dai raggi di Luce e che la terra sotto l'influenza del sole avrebbe prodotto frutti. Un teosofo considera il Natale da molti punti di vista: come la nascita del sole nel segno capricorno, che si applicherebbe al mondo fisico; d'altra parte e nel vero senso è la nascita del sole invisibile della luce, il Principio di Cristo. Il Cristo, come principio, dovrebbe nascere entro uomo, nel qual caso l'uomo viene salvato dal peccato dell'ignoranza che porta alla morte e dovrebbe iniziare il periodo della vita che porta alla sua immortalità.

 

 

È probabile che Gesù fosse una persona reale e che fosse nato il giorno di Natale?

È più che probabile che apparisse qualcuno, che si chiamasse Gesù o Apollonio, o qualsiasi altro nome. Il fatto della presenza nel mondo di milioni di persone che si definiscono cristiani testimonia il fatto che ci deve essere stato qualcuno che ha insegnato le grandi verità - come ad esempio quelle nel discorso della montagna - e che sono chiamate cristiane dottrina.

 

 

Se Gesù era un vero uomo, perché non abbiamo più annotazioni storiche sulla nascita o sulla vita di un uomo simile alla dichiarazione biblica?

È vero che non abbiamo alcuna documentazione storica sulla nascita di Gesù o sulla sua vita. Persino il riferimento in Giuseppe Flavio a Gesù è definito dalle autorità come un'interpolazione. L'assenza di tale documentazione ha un'importanza minore rispetto al fatto che una serie di insegnamenti è stata raggruppata attorno a un personaggio, che sia o meno un personaggio fantasioso o reale. Gli insegnamenti esistono e una delle più grandi religioni del mondo testimonia il personaggio. L'anno in cui è nato Gesù, nemmeno il teologo più bigotto può nominare con certezza. Le "autorità" non sono d'accordo. Alcuni dicono che era prima di AD 1; altri affermano che era in ritardo come AD 6. Nonostante le autorità, la gente continua a rispettare i tempi ora riconosciuti dal calendario giuliano. Gesù potrebbe essere stato un uomo reale e ancora sconosciuto al popolo nel suo insieme, durante la sua vita. La probabilità è che Gesù fosse un insegnante che istruì un certo numero di quelli che diventarono suoi allievi, che gli allievi ricevettero il suo insegnamento e predicarono le sue dottrine. Gli insegnanti spesso vengono tra gli uomini, ma raramente sono noti al mondo. Selezionano quelli più adatti per ricevere le nuove dottrine e istruirle, ma non vanno esse stesse nel mondo e istruiscono. Se questo fosse il caso di Gesù, ciò spiegherà che gli storici dell'epoca non lo sapevano.

 

 

Perché chiamano questo, il 25th di dicembre, il Natale invece di Jesusmass o Jesusday, o con qualche altro nome?

Non fino al quarto o quinto secolo fu assegnato il titolo di Natale alle cerimonie che si tenevano il 25 di dicembre. Un Natale significa la messa di Cristo, una messa tenuta per, di o verso Cristo. Pertanto la parola più appropriata sarebbe la messa di Gesù, perché i servizi che si sono svolti e le cerimonie chiamate "messa" che sono state eseguite la mattina del 25 di dicembre erano rivolti a Gesù, il bambino che era nato. A ciò seguirono le grandi gioie del popolo, che bruciò il tronco di Yule in onore della fonte di fuoco e luce; che sono budino di prugne, che prendono le spezie e i doni che i saggi d'Oriente portarono a Gesù; che passava intorno alla ciotola di Wassail (e che spesso diventava disgustosamente intossicato) come simbolo del principio vitale del sole, che prometteva la rottura del ghiaccio, lo scorrimento dei fiumi e l'inizio della linfa sugli alberi in primavera. L'albero di Natale e i sempreverdi sono stati usati come promessa di rinnovamento della vegetazione, e i regali sono stati generalmente scambiati, suscitando il buon feeling presente tra tutti.

 

 

Esiste un modo esoterico per comprendere la nascita e la vita di Gesù?

Esiste e sembrerà il più ragionevole per chiunque lo consideri senza pregiudizi. La nascita, la vita, la crocifissione e la risurrezione di Gesù rappresentano il processo attraverso il quale ogni anima deve passare chi viene nella vita e chi in quella vita raggiunge l'immortalità. Gli insegnamenti della chiesa riguardanti la storia di Gesù portano via dalla verità che lo riguarda. Viene qui fornita un'interpretazione teosofica della storia biblica. Maria è il corpo fisico. La parola Maria è la stessa in molti dei grandi sistemi religiosi, che hanno rivendicato gli esseri divini come loro fondatori. La parola deriva da Mara, Mare, Mari, e tutto ciò significa amarezza, mare, caos, grande illusione. Tale è ogni corpo umano. La tradizione tra gli ebrei a quel tempo, e alcuni ancora la sostengono fino ai giorni nostri, era che un Messia doveva venire. Si diceva che il Messia doveva nascere da una vergine in maniera immacolata. Questo è assurdo dal punto di vista degli esseri del sesso, ma in perfetto accordo con le verità esoteriche. I fatti sono che quando il corpo umano viene adeguatamente addestrato e sviluppato diventa puro, vergine, casto, immacolato. Quando il corpo umano ha raggiunto il punto di purezza ed è casto, allora si dice che sia Maria, la vergine, ed è pronta a concepire immacolata. L'immacolata concezione significa che il proprio dio, l'ego divino, fruttifica il corpo che è diventato vergine. Questa fruttificazione o concezione consiste in un'illuminazione della mente, che è la sua prima vera concezione dell'immortalità e della divinità. Questo non è metaforico, ma letterale. È letteralmente vero. La purezza del corpo mantenuta, lì inizia una nuova vita all'interno di quella forma umana. Questa nuova vita si sviluppa gradualmente e una nuova forma viene chiamata in essere. è stato concepito dallo Spirito Santo, la luce dell'ego, e nato dalla Vergine Maria, il suo corpo fisico. Mentre Gesù trascorreva i suoi primi anni nell'oscurità, anche un tale essere deve essere oscuro. Questo è il corpo di Gesù, o colui che viene per salvare. Questo corpo, il corpo di Gesù, è il corpo immortale. Si dice che Gesù sia venuto per salvare il mondo. Quindi lo fa. Il corpo di Gesù non muore come il fisico, e ciò che era cosciente come essere fisico viene ora trasferito nel nuovo corpo, il corpo di Gesù, che salva dalla morte. Il corpo di Gesù è immortale e uno che ha trovato Gesù, o per il quale Gesù è venuto, non ha più rotture o lacune nella memoria, poiché è quindi continuamente cosciente in tutte le circostanze e condizioni qualunque. È privo di vuoti nella memoria attraverso il giorno, attraverso la notte, attraverso la morte e la vita futura.

 

 

Hai parlato di Cristo come principio. Fai una distinzione tra Gesù e Cristo?

C'è una differenza tra le due parole e ciò che intendono rappresentare. La parola "Gesù" veniva spesso usata come titolo d'onore e da conferire a chi se lo meritava. Abbiamo mostrato qual è il significato esoterico di Gesù. Ora per quanto riguarda la parola "Cristo", deriva dal greco "Chrestos" o "Christos". C'è una differenza tra Chrestos e Christos. Chresto era un neofita o discepolo che era in libertà vigilata e, mentre era in libertà vigilata, in preparazione alla sua crocifissione simbolica, era chiamato Chresto. Dopo l'iniziazione fu unto e chiamato Christos, l'unto. In modo che uno che avesse superato tutte le prove e le iniziazioni e avesse raggiunto la conoscenza o l'unione con Dio fosse chiamato "a" o "Christos". Questo vale per un individuo che raggiunge il principio Cristo; ma Cristo o Christos senza l'articolo determinativo è il principio di Cristo e non nessun essere individuale. In relazione al titolo Gesù, il Cristo, significa che il principio che Cristo aveva operato attraverso o preso la sua dimora con il corpo di Gesù, e il corpo di Gesù fu quindi chiamato Gesù Cristo per mostrare che colui che era diventato immortale avendo il corpo di Gesù non era solo immortale come individuo, ma era anche compassionevole, divino, divino. Per quanto riguarda lo storico Gesù, ricorderemo che Gesù non fu chiamato Cristo fino a quando non fu battezzato. Mentre saliva dal fiume Giordano, si dice che lo spirito discese su di lui e una voce dal cielo disse: "Questo è il mio amato figlio, di cui sono molto contento". Poi e in seguito Gesù fu chiamato Gesù Cristo, o Cristo Gesù, intendendo così l'uomo-dio o il dio-uomo. Ogni essere umano può diventare un Cristo unendosi al principio di Cristo, ma prima che l'unione possa aver luogo deve aver avuto una seconda nascita. Per usare le parole di Gesù, "Devi rinascere prima di poter ereditare il regno dei cieli". Questo vuol dire che il suo corpo fisico non doveva rinascere un bambino, ma che lui, come essere umano, doveva nascere come un essere immortale da o attraverso il suo corpo fisico e che tale nascita sarebbe la nascita di Gesù, il suo Gesù. Solo allora sarebbe possibile per lui ereditare il regno dei cieli, anche se è possibile che Gesù si formi all'interno di un corpo vergine, non è possibile che il principio di Cristo sia così formato, poiché è troppo lontano da la carne e ha bisogno di un corpo più altamente evoluto o sviluppato per manifestarsi. È quindi necessario avere il corpo immortale chiamato Gesù o con qualsiasi altro nome sviluppato prima di Cristo, poiché il Logos, la Parola, può manifestarsi all'uomo. Si ricorderà che Paolo esortò i suoi colleghi o discepoli a lavorare e pregare finché Cristo non si fosse formato al loro interno.

 

 

Quale motivo particolare c'è per celebrare il giorno 25th di dicembre come quello della nascita di Gesù?

Il motivo è che è la stagione naturale e non può essere celebrata in nessun altro momento; sia che sia presa da un punto di vista astronomico, sia come la nascita di un corpo fisico umano storico o come la nascita di un corpo immortale, la data deve essere il 25 del giorno di dicembre o quando il sole passa nel segno capricorno. Gli antichi lo sapevano bene e celebravano i compleanni dei loro salvatori nel 25 di dicembre. Gli egiziani hanno celebrato il compleanno del loro Horus il 25 giorno di dicembre; i persiani hanno celebrato il compleanno dei loro Mitra il 25 giorno di dicembre; i romani celebravano la loro Saturnalia, o epoca d'oro, il 25 del giorno di dicembre, e in questa data nacque il sole ed era il figlio del sole invisibile; o, come si diceva, "dies natalis, invicti, solis" o il compleanno dell'invincibile sole. Il rapporto di Gesù con Cristo è noto per la sua presunta storia e il fenomeno solare, perché lui, Gesù, è nato il 25 di dicembre, che è il giorno in cui il sole inizia il suo viaggio verso nord nel segno del capricorno, l'inizio dei solstizi invernali; ma non è fino a quando non ha superato l'equinozio di primavera nel segno di Ariete che si dice abbia raggiunto la sua forza e il suo potere. Quindi le nazioni dell'antichità canteranno le loro canzoni di gioia e lode. È in questo momento che Gesù diventa il Cristo. È resuscitato dai morti ed è unito al suo dio. Questo è il motivo per cui celebriamo il compleanno di Gesù e perché i "pagani" hanno celebrato il compleanno delle loro rispettive divinità il 25 del giorno di dicembre.

 

 

Se è possibile che un essere umano diventi un Cristo, come è realizzato e in che modo è connesso con il 25th di dicembre?

A una persona cresciuta nella casa cristiana ortodossa una simile affermazione potrebbe sembrare sacrilega; allo studente che conosce la religione e la filosofia non sembrerà impossibile; e gli scienziati, soprattutto, dovrebbero considerarlo impossibile, perché è una questione di evoluzione. La nascita di Gesù, la seconda nascita, è connessa con il 25 di dicembre per molte ragioni, tra cui il fatto che un corpo umano è costruito sullo stesso principio della terra e si conforma alle stesse leggi. Sia la terra che il corpo sono conformi alle leggi del sole. Il 25 del giorno di dicembre, o quando il sole entra nel segno del capricorno, il corpo umano, purché sia ​​passato attraverso tutti i precedenti allenamenti e sviluppi, è più adatto a tale cerimonia. I preparativi precedenti necessari sono che una vita di assoluta castità dovrebbe essere vissuta, e che la mente dovrebbe essere ben addestrata e qualificata, ed essere in grado di continuare qualsiasi linea di lavoro per un certo periodo di tempo. La vita casta, il corpo sano, i desideri controllati e la mente forte consentono a ciò che è stato chiamato il seme di Cristo di mettere radici nel suolo vergine del corpo e all'interno del corpo fisico di costruire un corpo etereo interno di un semi -divine nature. Dove ciò è stato fatto, i processi necessari sono stati superati. Arrivò il momento, la cerimonia ebbe luogo e per la prima volta il corpo immortale che per lungo tempo si era sviluppato all'interno del corpo fisico alla fine passò fuori dal corpo fisico e nacque attraverso di esso. Questo corpo, chiamato corpo di Gesù, non è il corpo astrale o linga sharira di cui parlano i teosofi, né alcuno dei corpi che si manifestano durante le sedute o che i medium usano. Ci sono molte ragioni per questo, tra cui il linga sharira o il corpo astrale è collegato al corpo fisico, tramite un filo o un cordone ombelicale, mentre il corpo immortale o Gesù non è così connesso. La linga sharira o corpo astrale del medium non è intelligente, mentre Gesù o il corpo immortale non è solo separato e distinto dal corpo fisico, ma è saggio e potente ed è abbastanza consapevole e intelligente. Non smette mai di perdere conoscenza, né ha interruzioni nella vita o da una vita all'altra o un vuoto nella memoria. I processi necessari per avere la vita e ottenere la seconda nascita sono lungo le linee e i principi dello zodiaco, ma i dettagli sono troppo lunghi e non possono essere forniti qui.

HW Percival