La fondazione di parole

IL

PAROLA

MARZO, 1907.


Copyright, 1907, di HW PERCIVAL.

MOMENTI CON GLI AMICI.

 

Un amico degli Stati centrali ha chiesto: È sbagliato usare mezzi mentali anziché fisici per curare i mali fisici?

La domanda copre un campo troppo ampio per rispondere in modo inequivocabile al "sì" o al "no". Ci sono casi in cui si è giustificati nell'usare il potere del pensiero per superare i mali fisici, nel qual caso si direbbe che non fosse sbagliato. Nella stragrande maggioranza dei casi è decisamente sbagliato usare mezzi mentali anziché fisici per curare i mali fisici. Come potremo quindi decidere quali casi sono giusti e quali sbagliati? Questo può essere visto solo secondo il principio in questione. Se siamo sicuri del principio, i mezzi impiegati saranno in accordo con esso e quindi giusti. In modo che alla domanda si possa rispondere in modo generale e non in un caso particolare, che se il principio viene percepito l'individuo sarà in grado di applicarlo a qualsiasi caso particolare e determinare se è giusto o sbagliato curare i mali fisici con processo mentale. Scopriamo il principio: i mali fisici sono fatti o sono delusioni? Se i mali fisici sono fatti, devono essere il risultato di cause. Se i cosiddetti mali fisici sono delusioni che non sono affatto mali fisici, sono delusioni. Se si dice che il delirio è una malattia della mente e che il malato esiste nella mente e non nel corpo fisico, allora il delirio non è un male fisico, è follia. Ma ora non possiamo affrontare la follia; siamo preoccupati per i mali fisici. Consentendo quindi che i mali fisici siano fatti, diciamo che questi fatti sono effetti. Il prossimo passo è cercare le cause di questi effetti. Se siamo in grado di individuare una causa del malato fisico, saremo in grado di curare il malato fisico rimuovendone la causa e aiutando la natura a riparare il danno. I mali fisici possono essere il risultato di cause fisiche o di cause mentali. I mali fisici che sono causati da mezzi fisici dovrebbero essere curati con mezzi fisici. Ai mali fisici che hanno cause mentali, dovrebbe essere rimossa la causa mentale del malato e quindi alla natura dovrebbe essere permesso di ristabilire l'armonia fisica. Se quanto precede è corretto, ora possiamo dire che qualsiasi malattia fisica che ha una causa fisica non dovrebbe essere trattata mentalmente e che qualsiasi malattia fisica che deriva da una causa mentale dovrebbe essere rimossa e la natura riparerà il male fisico. La prossima difficoltà da rimuovere per scoprire la nostra strada è decidere quali mali fisici hanno cause fisiche e quali mali fisici hanno cause mentali. Tagli, ferite, ossa rotte, distorsioni e simili, sono causati dal contatto diretto con la materia fisica e dovrebbero ricevere un trattamento fisico. Malattie come il consumo, il diabete, la gotta, l'atassia locomotoria, la polmonite, la dispepsia e la malattia di Brights sono causate da cibo improprio e negligenza del corpo. Questi dovrebbero essere curati dalla cura adeguata del corpo e fornendogli cibo sano, che rimuoverà la causa prossima del malato fisico e darà alla natura la possibilità di ripristinare il corpo al suo stato sano. I mali fisici che sono il risultato di cause mentali, come il nervosismo e le malattie causate dall'uso di stupefacenti, droghe e alcol e le malattie derivanti da pensieri e azioni immorali, dovrebbero essere curati rimuovendo la causa della malattia, e aiutare la natura a ripristinare l'equilibrio del corpo con cibo sano, acqua pura, aria fresca e luce solare.

 

 

È giusto tentare di curare le malattie fisiche con un trattamento mentale?

No! Non è giusto tentare di curare i mali fisici di un altro con un "trattamento mentale", perché si procurerà un danno più duraturo che buono. Ma uno ha il diritto di tentare di curare qualsiasi suo problema nervoso e lo sforzo può raggiungere risultati benefici a condizione che non provi a farsi credere di non essere malato.

 

 

Se è giusto curare i mali fisici con mezzi mentali, se i mali fisici hanno un'origine mentale, perché è sbagliato per uno scienziato mentale o cristiano curare quei malanni con un trattamento mentale?

È sbagliato perché gli scienziati cristiani e mentali non conoscono la mente o le leggi che governano e controllano l'azione della mente; perché nella maggior parte dei casi lo scienziato mentale, non conoscendo la causa mentale del malato fisico, e spesso negando l'esistenza del malato, tenta di effettuare una cura comandando mentalmente la mente del suo paziente o suggerendo alla mente del paziente di essere superiore al malato o che il malato è solo un'illusione; pertanto, non conoscendo la causa né l'effetto positivo della sua mente sulla mente del suo paziente in relazione al malato, specialmente se il malato viene ignorato o considerato come un'illusione, non è giustificato nel trattamento. Ancora una volta, se il suo motivo fosse giusto nel tentativo di trattamento di un paziente e i risultati sembrassero essere utili, tale trattamento sarebbe comunque sbagliato se lo scienziato mentale accettasse o esigesse denaro per il trattamento.

 

 

Perché è sbagliato per gli scienziati mentali ricevere denaro per il trattamento di malattie fisiche o mentali mentre i medici fanno pagare le loro tasse regolari?

Sarebbe molto meglio se lo Stato pagasse o mantenga i medici per il popolo, ma in quanto non è così il medico è giustificato nel chiedere le tasse; perché, in primo luogo, non pretende il potere occulto dai processi mentali, mentre riconosce i mali fisici come fatti e li tratta con mezzi fisici, e trattandoli con mezzi fisici ha diritto alla remunerazione fisica. non così nel caso dello scienziato mentale o di altro tipo, perché afferma di curare per mezzo della mente, e il denaro non dovrebbe occuparsi della mente nella cura della malattia, poiché il denaro viene utilizzato e applicato a scopi fisici. Se, quindi, il malato fisico fosse chiamato un delirio, non avrebbe il diritto di prendere denaro fisico per il trattamento di ciò che non esisteva; ma se ammettesse il malato fisico e lo curasse con processi mentali, non avrebbe ancora diritto a ricevere denaro perché il beneficio ricevuto dovrebbe essere del tipo del beneficio dato, e il beneficio essendo la mente l'unica paga dovrebbe essere il soddisfazione di sapere che il beneficio era stato dato. Il beneficio ricevuto dovrebbe essere ricevuto sullo stesso piano in cui viene erogato il vantaggio e viceversa.

 

 

Perché non è giusto che uno scienziato mentale riceva denaro per il trattamento della malattia quando dedica tutto il suo tempo a questo lavoro e deve avere denaro per vivere?

Perché chi riceve denaro non può ripristinare la salute perfetta di un malato di mente mentre la mente dell'aspirante guaritore mentale è inquinata dal pensiero del denaro. Non si impiegherebbe un uomo dissoluto, disordinato e immorale per insegnare e migliorare la morale di se stesso o dei suoi figli; e non si dovrebbe più impiegare uno scienziato mentale o cristiano per curare lui o gli amici quando la mente dello "scienziato" viene inoculata e malata dal microbo monetario. È abbastanza giusto dire che il guaritore mentale guarisce per l'amore della guarigione e del beneficio dei suoi simili. Se questo è vero, e la questione del denaro non gli viene in mente, si ribellerà al pensiero di accettare denaro; perché il pensiero del denaro e l'amore del prossimo non sono sullo stesso piano e sono abbastanza diversi nei loro attributi. Pertanto, quando viene suggerito denaro in pagamento per i benefici ricevuti, il guaritore lo rifiuterà se guarisce solo dall'amore per i suoi simili. Questo è il vero test di guarigione. Ma si chiede come può dedicare tutto il suo tempo al suo lavoro e vivere senza ricevere denaro? La risposta è molto semplice: la natura provvederà a tutti coloro che la amano veramente e che dedicano la propria vita per aiutarla nel suo lavoro, ma sono sottoposti a numerosi test prima di essere accettati e previsti. Uno dei requisiti che la natura richiede al suo ministro e al suo medico è che abbia una mente pura o che la sua mente sia libera dall'amore per il guadagno per sé. Supponendo che l'aspirante guaritore abbia una buona volontà naturale per l'umanità e desideri aiutare con la guarigione mentale. Se ha qualche abilità naturale e incontra qualche successo, i suoi pazienti desiderano naturalmente mostrare la loro gratitudine e offrirgli denaro, anche se non lo ha richiesto. Se lo richiede o lo accetta, ciò dimostra immediatamente che non è quello che la natura sceglie; se all'inizio rifiuta la natura, ci riprova, e scopre di avere bisogno di soldi, e quando viene spinto a prenderlo la necessità spesso sembra costringerlo a farlo; e l'accettazione del denaro per quanto buona possa essere la sua intenzione, è il primo mezzo per inoculare la sua mente con il microbo del denaro, come è stato dimostrato nel caso dei guaritori di maggior successo. Il microbo del denaro infetta la sua mente e la malattia del denaro cresce con il suo successo e anche se può sembrare che avvenga benefici per i suoi pazienti in una parte della loro natura, li danneggerà in un'altra parte perché, anche se inconsciamente, è diventato immorale e malato di mente e non può non inoculare i suoi pazienti con le sue stesse malattie. Potrebbe volerci molto tempo, ma i germi della sua malattia attecchiranno nelle menti dei suoi pazienti e la malattia esploderà nei lati più deboli della loro natura. In modo che non sia giusto per uno che effettuerebbe cure permanenti ricevere denaro, perché non può curare permanentemente se riceve denaro, tuttavia i risultati appaiono sulla superficie delle cose. D'altra parte, se il suo unico desiderio è di beneficiare gli altri invece di fare soldi con la guarigione, allora la natura provvederà a lui.

 

 

Come può la natura provvedere a chi desidera veramente beneficiare gli altri, ma chi non ha mezzi per sostentarsi?

Nel dire che la natura provvederà, non intendiamo dire che lei farà piovere soldi in grembo o che forze invisibili lo nutriranno o che gli uccelli lo nutriranno. C'è un lato invisibile della natura e c'è il lato che si vede. La natura fa il suo vero lavoro sul lato invisibile del suo dominio, ma i risultati del suo lavoro appaiono in superficie nel mondo visibile. Non è possibile che ogni uomo diventi un guaritore, ma se uno tra molti dovesse sentire di avere la facoltà naturale e decidere che vorrebbe curare il lavoro della sua vita, allora un tale uomo farebbe il suo lavoro spontaneamente. In quasi tutti i casi avrebbe scoperto che le sue finanze non gli avrebbero permesso di dedicare tutto il suo tempo alla guarigione se non avesse ricevuto denaro. Se avesse accettato il denaro, la natura non lo avrebbe accettato. Avrebbe fallito al primo test. Se avesse rifiutato il denaro e dedicasse alla guarigione solo il tempo concesso dalle sue circostanze, se non avesse impedito la naturale capacità e i suoi doveri verso il mondo e verso la sua famiglia, avrebbe trovato gradualmente cambiare la sua posizione nella vita. Con il continuo desiderio di dedicare il suo tempo gratuitamente al lavoro per l'umanità, le sue circostanze e il suo rapporto con l'umanità continuerebbero a cambiare fino a quando non si troverà in una posizione tale, finanziariamente e in altro modo, da consentire di dedicare tutto il suo tempo al suo lavoro. Ma, naturalmente, se avesse avuto in mente l'idea che la natura intendeva così provvedere a lui, quel pensiero stesso lo avrebbe squalificato per il suo lavoro. la conoscenza deve crescere gradualmente con il suo sviluppo. Questi sono i fatti che possono essere visti nella vita di molti ministri della natura. Ma per vedere i processi della natura nello sviluppo dei fatti, si deve essere in grado di lavorare con la natura e osservare i suoi meccanismi sotto la superficie delle cose.

 

 

Gli scienziati cristiani e mentali non stanno facendo del bene se effettuano cure in cui i medici falliscono?

Chi guarda ai risultati immediati senza conoscere il principio coinvolto direbbe naturalmente di sì. Ma noi diciamo di no! Perché nessuno può effettuare un bene permanente senza conseguenze malvagie se le sue premesse sono sbagliate e se non conosce il principio in questione. A parte la questione del denaro, il guaritore mentale o altro inizia quasi invariabilmente le sue operazioni con premesse errate e senza conoscere il principio coinvolto nelle sue operazioni mentali. Il fatto che trattino determinate malattie dimostra che non sanno nulla delle operazioni della mente e dimostrano che non sono degne di usare il titolo di "scienziato" che sostengono. Se potessero dimostrare di sapere come opera la mente in relazione a determinate malattie, sarebbero qualificati mentalmente per trattare gli altri, anche se potrebbero non essere qualificati moralmente.

 

 

Quale criterio abbiamo riguardo a quali requisiti mentali dovrebbe avere uno scienziato mentale?

Per essere mentalmente qualificato per trattare un altro mentalmente si dovrebbe essere in grado di porsi un problema o di avere qualche problema dato a lui che procede e risolve. Dovrebbe quindi essere in grado di osservare le sue operazioni mentali nei processi del pensiero durante la risoluzione del problema e non solo di vedere questi processi mentali con la stessa chiarezza dei movimenti di un uccello in volo, o la pittura di una tela di un artista , o la progettazione di un piano da parte di un architetto, ma dovrebbe anche comprendere i suoi processi mentali anche se sentirebbe e conoscere le sensazioni dell'uccello e la causa del suo volo, e sentire le emozioni dell'artista e conoscere l'ideale di la sua foto e seguire il pensiero dell'architetto e conoscere lo scopo del suo design. Se è in grado di farlo, la sua mente è in grado di agire in modo salutare con la mente di un altro. Ma c'è questo fatto: se così può agire, non tenterà mai di curare con processi mentali i mali fisici che hanno cause fisiche, né tenterà mai di curare i mali fisici "trattando la mente di un altro", per il motivo che no si può curare la mente di un altro. Ogni mente deve essere il proprio medico se si vuole effettuare una cura mentale. Tutto ciò che potrebbe fare sarebbe quello di chiarire la verità della natura del malato alla mente dell'altro e mostrare l'origine del malato e il modo in cui la sua cura potrebbe essere effettuata. Questo può essere fatto con il passaparola e non ha bisogno di alcun trattamento mentale o di pretese misteriose. Ma se si vede la verità colpisce alla radice sia della scienza mentale che di quella cristiana perché confuta le teorie di entrambi.

 

 

In che modo la capacità di seguire le proprie o altrui operazioni mentali e di vedere veramente le cause, smentisce le affermazioni degli scienziati mentali e cristiani?

Le affermazioni di entrambi i tipi di "scienziati" sono sotto forma di smentite e affermazioni. Assumendo la posizione di insegnanti e guaritori, affermano la loro capacità di insegnare i misteri del mondo del pensiero come scienza. Affermano la non esistenza della materia e la supremazia della mente, o negano l'esistenza del male, della malattia e della morte. Eppure si affermano come leader nel mondo della fisica per dimostrare che la materia non esiste, che non esiste il male, e non c'è malattia, né morte, che la malattia è errore, la morte una bugia. Ma senza l'esistenza di materia, malattia ed errore, non potrebbero vivere come fanno ricevendo tasse per il trattamento della malattia che non esiste, né potrebbero istituire costose chiese e scuole per insegnare la non esistenza di malattia, materia e il male. Il nome della scienza, che gli scienziati hanno guadagnato e applicato alle leggi verificabili in condizioni predeterminate, prendono e poi negano queste leggi. Ingannando se stessi, illudono gli altri e così vivono in un mondo di illusioni, creato da loro stessi. La capacità di vedere le operazioni mentali, disillude la mente dalla fantasia perché mostra la derivazione di effetti fisici da cause mentali, come l'azione di odio, paura, rabbia o lussuria. La capacità di vedere il funzionamento della propria mente porta anche con sé la facoltà di esaminare il proprio corpo fisico come una cosa a parte la mente, e tutto ciò dimostra i fatti su ogni piano d'azione e l'azione della mente su qualsiasi piano. Una mente così sviluppata non può mai riconoscere le affermazioni degli scienziati mentali o cristiani perché tali affermazioni sarebbero note per essere errate e se uno dei loro "scienziati" dovrebbe essere in grado di vedere i fatti su ciascun piano, non potrebbe più rimanere un " scienziato "e allo stesso tempo vedere i fatti.

 

 

Quali sono i risultati dell'accettazione e della pratica degli insegnamenti degli scienziati cristiani o mentali?

I risultati, per un momento, sembrano essere i più utili nella maggior parte dei casi perché l'illusione creata è nuova e la vita dell'illusione può durare per un tempo e solo per un tempo. Ma deve nascere una reazione da ogni illusione, che porterà con sé risultati disastrosi. L'insegnamento e la pratica delle loro dottrine sono tra i crimini più terribili e di vasta portata contro l'umanità in quanto costringono la mente a negare i fatti come esistono su qualsiasi piano. La mente così trattata è resa incapace di distinguere il fatto dalla fantasia, e quindi incapace di percepire la verità su qualsiasi piano. La mente diventa negativa, incerta e negherà o affermerà qualunque cosa sia nascosta e la sua evoluzione così arrestata, potrebbe diventare un disastro.

 

 

Perché così tanti guaritori mentali prosperano se non effettuano cure, e se non sono ciò che si sono rappresentati, i loro pazienti non avrebbero scoperto il fatto?

Tutti i guaritori non sono frodi intenzionali. Alcuni di loro credono che stanno facendo del bene, anche se potrebbero non esaminare troppo da vicino le loro motivazioni. Un guaritore mentale di successo è prospero perché si è alleato e diventato un servitore del grande Spirito della Terra, e lo Spirito della Terra lo premia. Il fatto che abbiano effetto cura nessuno che lo sappia o il loro lavoro negherà. Ma i mezzi e i processi con cui vengono effettuate le cure, i guaritori stessi non lo sanno. Non ci si aspetterebbe che un guaritore si rappresenti in una luce sfavorevole per un paziente, ma tutti i pazienti non vedono il guaritore nella luce in cui vorrebbe che lo vedessero. Se credessimo ad alcuni dei pazienti che sono stati curati dai guaritori, questi sarebbero visti in una luce sfavorevole. Una delle domande che sorgono in merito al trattamento dei pazienti, è ciò che un guaritore senza principi potrebbe suggerire al suo paziente quando quel paziente è sotto il controllo mentale o almeno sufficientemente in relazione per ricevere i suoi suggerimenti. Non sarebbe sorprendente sapere che ci sono guaritori disonesti nella professione mentale, come lo sono in ogni commercio o professione. L'opportunità e la tentazione offerte a un uomo senza principi sono grandi, dal momento che per suggestione o controllo mentale è facile influenzare la mente di un paziente generoso e grato di insistere sull'accettazione da parte del guaritore di una grossa tassa o dono, specialmente quando il il paziente ritiene di aver beneficiato.

 

 

Gesù e molti dei santi non hanno curato i mali fisici con mezzi mentali e se così fosse stato sbagliato?

Si sostiene, e crediamo che sia possibile e vero, che Gesù e molti santi curarono i mali fisici con mezzi mentali e non esitiamo a dire che non era sbagliato, se sapessero cosa stavano facendo. Che Gesù sapesse cosa stava facendo nell'effettuare le cure non abbiamo dubbi, e molti dei santi erano anche in possesso di molta conoscenza e grande buona volontà per l'umanità, ma Gesù e i santi non ricevettero denaro per le loro cure. Quando questa domanda viene sollevata da coloro che favoriscono il lavoro dei guaritori, non sempre smettono di pensare a questo fatto. A differenza di Gesù e senza dubbio sembrerebbe che Gesù, i suoi discepoli o uno dei santi facciano pagare così tanto per visita a ogni paziente, cura o nessuna cura, o addebito da cinque a un massimo di cento dollari a lezione, in classe , per insegnare ai discepoli come guarire. Perché Gesù ha guarito molti mali non è una licenza per uno che si impegna nel business della guarigione mentale. Chiunque sia disposto a vivere una vita quasi come quella di Gesù, avrà il diritto di guarire, ma guarirà con amore per i suoi simili e non accetterà mai la remunerazione. Gesù guarì con conoscenza. Quando ha detto "I tuoi peccati ti sono perdonati", significava semplicemente che il malato aveva pagato la pena della sua offesa. Sapendo questo, Gesù ha usato la sua conoscenza e il suo potere per alleviarlo da ulteriori sofferenze, lavorando in conformità con piuttosto che contro la legge. Gesù, e nessun altro con conoscenza, non avrebbe perseguitato tutti coloro che venivano da lui, ma solo quelli che poteva curare secondo la legge. Lui stesso non è venuto sotto la legge. Era al di sopra della legge; ed essendo al di sopra di esso poteva vedere tutti coloro che erano venuti sotto la legge e ne soffrivano. Poteva alleviare le malattie fisiche, morali o mentali. I colpevoli morali furono curati da lui quando avevano sopportato la sofferenza necessaria per far loro vedere i loro torti e quando desideravano davvero fare di meglio. Coloro i cui mali avevano origine da una causa mentale potevano essere curati solo quando le esigenze della natura fisica erano state soddisfatte, quando le loro abitudini morali erano state cambiate e quando erano disposti ad assumersi le proprie responsabilità individuali e ad adempiere ai loro doveri individuali. Quando questo venne a Gesù, egli usò le sue conoscenze e il suo potere per alleviarli da ulteriori sofferenze perché avevano pagato il debito con la natura, si erano pentiti dei loro errori e nella loro natura interiore erano disposti ad assumere e adempiere ai loro obblighi. Dopo averli curati, avrebbe detto: "Va 'e non peccare più".

 

 

Se è sbagliato ricevere denaro per curare i mali fisici mediante processi mentali o per dare "insegnamento della scienza", non è sbagliato anche per un insegnante di scuola ricevere denaro per istruire gli alunni in uno dei rami dell'apprendimento?

C'è poco confronto da fare tra l'insegnante o il guaritore di Scienze mentali o cristiane e un insegnante nelle scuole di apprendimento. L'unico punto in cui sono simili è che l'insegnamento di entrambi ha a che fare con le menti dei loro pazienti o alunni. Altrimenti sono diversi nelle loro affermazioni, finalità, processi e risultati. L'allievo delle scuole apprende che le figure hanno determinati valori; che la moltiplicazione di determinate figure ha sempre lo stesso certo risultato e che l'insegnante non dice mai ad un alunno che tre volte quattro sono due o che due volte due ne fanno dodici. Una volta che l'allievo impara a moltiplicarsi, può sempre dimostrare la verità o la falsità dell'affermazione altrui nella moltiplicazione delle figure. In nessun caso il guaritore è in grado di istruire il suo paziente-allievo con qualcosa di simile all'esattezza. Lo studioso impara la grammatica e la matematica allo scopo e alla convenienza della disposizione corretta e della facile espressione dei suoi pensieri ad altri che sono intelligenti. Il guaritore mentale o lo scienziato cristiano non insegnano al suo allievo con regole o esempi per dimostrare o confutare le dichiarazioni degli altri, o per organizzare i propri pensieri e per esprimerli in un modo comprensibile agli altri che non sono di sua convinzione, o per consentire le sue convinzioni e le sue asserzioni su ciò che meritano per ciò che valgono. Le scuole di apprendimento esistono allo scopo di consentire all'alunno di comprendere i fatti del piano in cui vive, di essere un membro utile e intelligente della società. Il guaritore "scienziato" non prova o dimostra le affermazioni di un altro "scienziato" con i suoi stessi processi, né l'allievo di un guaritore dimostra la verità delle affermazioni del suo o di un altro insegnante con un certo grado di esattezza; ma l'allievo delle scuole può e dimostra ciò che impara ad essere vero o falso. L'insegnante delle scuole non pretende di insegnare la cura dei mali fisici con mezzi mentali, ma lo "scienziato" lo fa, e quindi non è nella stessa classe con l'insegnante nelle scuole. L'insegnante nelle scuole allena la mente del suo allievo a comprendere le cose che sono evidenti ai sensi, e riceve la sua paga in denaro che è in evidenza ai sensi; ma lo scienziato mentale o cristiano addestra la mente del suo paziente-allievo a contraddire, negare e non credere ai fatti che sono evidenti ai sensi, e allo stesso tempo esige la sua paga in denaro e secondo le prove dei sensi. In modo che sembra che non ci sia nulla di male nell'insegnante della scuola che riceve denaro come pagamento per i suoi servizi secondo il piano in cui vive e insegna; mentre non è giusto che uno scienziato mentale o uno scienziato cristiano pretenda di guarire o di insegnare contro le prove dei sensi, e allo stesso tempo prenda o paghi esattamente secondo i sensi che nega, ma di cui comunque gode. Ma supponiamo che sia sbagliato per l'insegnante delle scuole ricevere denaro per i suoi servizi.

HW Percival