La fondazione di parole

Quando ma è passato attraverso mahat, ma sarà ancora ma; ma ma sarà unito a mahat e sarà un mahat-ma.

—Lo zodiaco.

IL

PAROLA

Vol 9 LUGLIO, 1909. No. 4

Copyright, 1909, di HW PERCIVAL.

ADETTATI, MAESTRI E MAHATMA.

QUESTE parole sono in uso da molti anni. I primi due vengono dal latino, l'ultimo dal sanscrito. Adepto è una parola che è stata in uso popolare per molti secoli ed è stata applicata in molti modi. Fu, tuttavia, usato in modo particolare dagli alchimisti medievali, che nell'usare il termine intendevano uno che aveva raggiunto la conoscenza dell'arte alchemica e che era esperto nella pratica dell'alchimia. Di uso comune, il termine è stato applicato a chiunque fosse esperto nella sua arte o professione. La parola padrone è stata di uso comune sin dai primi tempi. Deriva dal magister latino, un sovrano, ed è stato usato come titolo per indicare chi aveva autorità sugli altri in ragione di impiego o potere, come capo di famiglia o insegnante. Gli fu dato un posto speciale nella terminologia degli alchimisti e dei rosacroce dei tempi medievali, nel senso di uno che era diventato padrone della sua materia e che era in grado di dirigere e istruire gli altri. Il termine mahatma è una parola sanscrita, il cui significato comune è grande anima, da maha, grande e atma, anima, risalente a molte migliaia di anni. Tuttavia, non è stato incorporato nella lingua inglese fino a tempi recenti, ma ora può essere trovato nei lessici.

Il termine mahatma viene ora applicato nel suo paese natio anche a chiunque sia considerato grande nell'anima come nei fachiri e negli yogi indiani. In occidente, la parola viene generalmente applicata a coloro che si ritiene abbiano raggiunto il più alto grado di adepto. Quindi questi termini sono in uso da centinaia e migliaia di anni. Un significato speciale è stato dato loro negli ultimi trentacinque anni.

Dalla fondazione della Theosophical Society nel 1875 a New York da parte di Madam Blavatsky, questi termini, attraverso l'uso da parte sua, hanno assunto un significato un po 'diverso e più marcato rispetto a prima. La signora Blavatsky disse che era stata istruita da adepti, maestri o mahatma per formare una società allo scopo di far conoscere al mondo alcuni insegnamenti riguardanti Dio, Natura e Uomo, che insegnamenti che il mondo aveva dimenticato o di cui non era a conoscenza. La signora Blavatsky dichiarò che gli adepti, i maestri e i mahatma di cui parlava erano uomini in possesso della più alta saggezza, che avevano una conoscenza delle leggi della vita e della morte e dei fenomeni della natura e che erano in grado di controllare le forze di natura e produrre fenomeni secondo la legge naturale come desideravano. Ha detto che questi adepti, maestri e mahatma da cui ha ricevuto le sue conoscenze si trovavano in Oriente, ma che esistevano in tutte le parti del mondo, sebbene sconosciute all'umanità in generale. Inoltre, la signora Blavatsky ha affermato che tutti gli adepti, i maestri e i mahatma erano o erano stati uomini, che per lunghi secoli e con uno sforzo continuo erano riusciti a dominare, dominare e controllare la loro natura inferiore e che erano in grado e agivano secondo le conoscenze e saggezza a cui avevano raggiunto. Nel Glossario teosofico, scritto da Madam Blavatsky, troviamo quanto segue:

"Abile. (Lat.) Adeptus, "Colui che ha raggiunto". Nell'occultismo uno che ha raggiunto lo stadio dell'Iniziazione e diventa un maestro nella scienza della filosofia esoterica. ”

“Mahatma. Lett. "Grande anima". Un adepto di primissimo ordine. Esseri esaltati che, avendo raggiunto la padronanza dei loro principi inferiori, vivono così senza impedimenti dall '"uomo di carne", e sono in possesso di conoscenza e potere commisurati allo stadio che hanno raggiunto nella loro evoluzione spirituale. "

Nei volumi di "The Theosophist" e di "Lucifer" prima del 1892, Madam Blavatsky ha scritto molto su adepti, maestri e mahatma. Da allora una considerevole letteratura è stata sviluppata attraverso la Società Teosofica e in cui sono stati fatti molti usi di questi termini. Ma Blavatsky è l'autorità e la testimonianza davanti al mondo dell'esistenza degli esseri di cui parlava come adepti, maestri e mahatma. Questi termini sono stati usati da teosofi e altri in un senso diverso rispetto al significato dato loro da Blavatsky. Di questo parleremo più tardi. Tutti quelli che vennero in contatto con e accettarono le dottrine da lei fornite e che poi parlarono e in seguito scrissero riguardo ad adepti, maestri e mahatma, confessatamente ottennero la loro conoscenza di loro da lei. La signora Blavatsky con i suoi insegnamenti e i suoi scritti ha dato prova di qualche fonte di conoscenza da cui provenivano gli insegnamenti noti come teosofici.

Mentre la signora Blavatsky e coloro che hanno capito il suo insegnamento hanno scritto di adepti, maestri e mahatma, non sono state fornite molte informazioni precise né dirette sul significato particolare di ciascuno come distinto dall'altro di questi termini, né sulla posizione e sugli stadi che questi esseri riempiono in evoluzione. A causa dell'uso fatto dei termini da Madam Blavatsky e dalla Società Teosofica, questi termini sono stati poi adottati da altri che, con molti teosofi, usano i termini come sinonimi e in modo confuso e indiscriminato. Quindi c'è un bisogno sempre crescente di informazioni su chi e cosa significano i termini, per cosa, dove, quando e come, esistono gli esseri che rappresentano.

Se ci sono esseri come adepti, maestri e mahatma, allora devono occupare un posto e uno stadio definiti nell'evoluzione, e questo posto e stadio devono essere trovati in ogni sistema o piano che si occupa veramente di Dio, Natura e Uomo. C'è un sistema che è fornito dalla natura, il cui piano è nell'uomo. Questo sistema o piano è noto come lo zodiaco. Lo zodiaco di cui parliamo, tuttavia, non sono le costellazioni nei cieli conosciute da questo termine, sebbene queste dodici costellazioni simboleggiano il nostro zodiaco. Né parliamo dello zodiaco nel senso in cui viene utilizzato dagli astrologi moderni. Il sistema dello zodiaco di cui parliamo è stato delineato in molti editoriali che sono apparsi in "La Parola".

Si troverà consultando questi articoli che lo zodiaco è simboleggiato da un cerchio, che a sua volta rappresenta una sfera. Il cerchio è diviso da una linea orizzontale; si dice che la metà superiore rappresenti il ​​non manifestato e la metà inferiore dell'universo manifestato. I sette segni dal cancro (♋︎) al capricorno (♑︎) sotto la linea orizzontale si riferiscono all'universo manifestato. I segni sopra la linea orizzontale centrale sono simboli dell'universo non manifestato.

L'universo manifestato di sette segni è diviso in quattro mondi o sfere che, a partire dal più basso, sono le sfere o i mondi fisico, astrale o psichico, mentale e spirituale. Questi mondi sono considerati da un punto di vista evolutivo ed evolutivo. Il primo mondo o sfera chiamato all'esistenza è lo spirituale, che è sulla linea o sul piano, il cancro — capricorno (♋︎ — ♑︎) e nel suo aspetto involutivo è il mondo del respiro, il cancro (♋︎). Il prossimo è il mondo della vita, leo (♌︎); il prossimo è il mondo della forma, la vergine (♍︎); e il più basso è il mondo del sesso fisico, la bilancia (♎︎). Questo è il piano di involuzione. Il complemento e il completamento di questi mondi è visto nei loro aspetti evolutivi. I segni che corrispondono e completano quelli menzionati sono scorpione (♏︎), sagittario (♐︎) e capricorno (♑︎). Lo Scorpione (♏︎), il desiderio, è il raggiungimento raggiunto nel mondo della forma, (♍︎ — ♏︎); pensiero (♐︎), è il controllo del mondo della vita (♌︎ — ♐︎); e l'individualità, il capricorno (♑︎), è il completamento e la perfezione del respiro, il mondo spirituale (♋︎ — ♑︎). I mondi spirituale, mentale e astrale sono equilibrati ed equilibrati nel e attraverso il mondo fisico, la bilancia (♎︎).

Ogni mondo ha i suoi esseri che sono consapevoli del loro essere nel mondo particolare a cui appartengono e in cui vivono. Nell'involuzione, gli esseri del mondo del respiro, quelli del mondo della vita, quelli del mondo della forma e quelli del mondo fisico erano ciascuno cosciente del suo mondo particolare, ma ogni classe o tipo nel suo mondo non era o non è cosciente di quelli in uno degli altri mondi. Come per esempio, l'uomo strettamente fisico non è consapevole delle forme astrali che sono dentro di lui e che lo circondano, né della sfera della vita in cui vive e che pulsa attraverso di lui, né dei respiri spirituali che lo dotano del suo essere distintivo e nel quale e per lui la perfezione è possibile. Tutti questi mondi e principi sono dentro e intorno all'uomo fisico, così come sono dentro e intorno al mondo fisico. Lo scopo dell'evoluzione è che tutti questi mondi e i loro principi intelligenti dovrebbero essere equilibrati e agire in modo intelligente attraverso il corpo fisico dell'uomo, in modo che l'uomo all'interno del suo corpo fisico sia consapevole di tutti i mondi manifestati e sia in grado di agire in modo intelligente in qualsiasi o tutti i mondi mentre è ancora nel suo corpo fisico. Per fare questo in modo costante e continuo, l'uomo deve farsi un corpo per ciascuno dei mondi; ogni corpo deve essere del materiale del mondo in cui deve agire in modo intelligente. Nell'attuale stadio dell'evoluzione, l'uomo ha dentro di sé i principi che sono stati nominati; vale a dire, è un respiro spirituale attraverso una vita pulsante in una forma definita all'interno del suo corpo fisico che agisce nel mondo fisico. Ma è consapevole solo del suo corpo fisico e del mondo fisico solo perché non ha costruito un corpo o una forma permanente per se stesso. È consapevole del mondo fisico e del suo corpo fisico ora perché sta funzionando nel corpo fisico qui e ora. È consapevole del proprio corpo fisico finché dura e non più; e in quanto il mondo fisico e il corpo fisico sono solo un mondo e un corpo di equilibrio ed equilibrio, non è quindi in grado di costruire un corpo fisico per durare nel tempo. Continua a costruire corpi fisici uno dopo l'altro attraverso numerose vite in cui vive per un breve periodo, e alla morte di ognuno si ritira nello stato di sonno o riposo nel mondo della forma o nel mondo del pensiero senza essersi equilibrato i suoi principi e si ritrovò. Viene di nuovo nel fisico e continuerà così a venire vita dopo vita fino a quando non stabilirà per sé un corpo o corpi diversi dal fisico, in cui possa vivere consapevolmente dentro o fuori dal fisico.

♈︎ ♉︎ ♊︎ ♋︎ ♌︎ ♍︎ ♏︎ ♐︎ ♑︎ ♒︎ ♓︎ ♈︎ ♉︎ ♊︎ ♋︎ ♌︎ ♍︎ ♎︎ ♏︎ ♐︎ ♑︎ ♒︎ ♓︎ ♎︎
Immagine 30.

L'umanità ora vive nei corpi fisici ed è consapevole solo del mondo fisico. In futuro l'umanità vivrà ancora in corpi fisici, ma gli uomini cresceranno fuori dal mondo fisico e saranno consapevoli di ciascuno degli altri mondi mentre costruiscono un corpo o un indumento o una veste con o attraverso la quale possono agire in quei mondi.

I termini adepto, maestro e mahatma rappresentano gli stadi o i gradi di ciascuno degli altri tre mondi. Queste fasi sono contrassegnate in base al grado dai segni o simboli del piano universale dello zodiaco.

Un adepto è colui che ha imparato a usare i sensi interni analogo a quello dei sensi fisici e che può agire in e attraverso i sensi interni nel mondo delle forme e dei desideri. La differenza è che mentre l'uomo agisce attraverso i suoi sensi nel mondo fisico e percepisce attraverso i suoi sensi cose tangibili ai sensi fisici, l'adepto usa i sensi della vista, dell'udito, dell'olfatto, del gusto e del contatto nel mondo delle forme e dei desideri, e che mentre le forme e i desideri non potevano essere visti né percepiti dal corpo fisico, ora è in grado di coltivare e sviluppare i sensi interiori, di percepire e gestire i desideri che agiscono attraverso la forma che i desideri spingono il fisico all'azione. L'adepto in quanto tale agisce in un corpo di forma simile a quello fisico, ma la forma è nota per essere quella che è secondo la natura e il grado del suo desiderio ed è nota a tutti coloro che possono agire in modo intelligente sui piani astrali. Vale a dire, come ogni uomo intelligente può dire la razza, il grado e il grado di cultura di qualsiasi altro uomo fisico, così ogni adepto può conoscere la natura e il grado di qualsiasi altro adepto che può incontrare nel mondo del desiderio di forma. Ma mentre uno che vive nel mondo fisico può ingannare un altro uomo nel mondo fisico, per quanto riguarda la sua razza e posizione, nessuno nel mondo del desiderio di forma può ingannare un adepto della sua natura e grado. Nella vita fisica il corpo fisico è mantenuto intatto nella forma dalla forma che dà forma alla materia, e questa materia fisica nella forma è spinta all'azione dal desiderio. Nell'uomo fisico la forma è distinta e definita, ma il desiderio non lo è. L'adepto è colui che ha costruito un corpo di desiderio, quale corpo di desiderio può agire attraverso la sua forma astrale o da solo come un corpo di desiderio, al quale ha dato forma. L'uomo ordinario del mondo fisico ha molto desiderio, ma questo desiderio è una forza cieca. L'adepto ha plasmato la forza cieca del desiderio in forma, che non è più cieca, ma ha sensi corrispondenti a quelli del corpo forma, che agiscono attraverso il corpo fisico. Un adepto, quindi, è colui che ha raggiunto l'uso e la funzione dei suoi desideri in un corpo forma separato o indipendente dal corpo fisico. La sfera o il mondo in cui l'adepto in quanto tale è il mondo astrale o psichico della forma, sul piano della Vergine-Scorpione (♍︎ — ♏︎), forma-desiderio, ma agisce dal punto di desiderio dello Scorpione (♏︎). Un adepto ha raggiunto la piena azione del desiderio. L'adepto in quanto tale è un corpo di desiderio che agisce in una forma diversa da quella fisica. Le caratteristiche di un adepto sono che si occupa di fenomeni, come la produzione di forme, il cambiamento di forme, la convocazione di forme, la costrizione all'azione delle forme, che sono tutte controllate dal potere del desiderio, mentre agisce dal desiderio su forme e cose del mondo dei sensi.

Un maestro è colui che ha messo in relazione ed equilibrato la natura sessuale del corpo fisico, che ha superato i suoi desideri e la materia del mondo della forma e che controlla e dirige la materia del mondo della vita sul piano del leo-sagittario (♌︎ —♐︎) dalla sua posizione e dal potere del pensiero, sagittario (♐︎). Un adepto è colui che, con il potere del desiderio, ha raggiunto la libera azione nel mondo del desiderio di forma, separato e separato dal corpo fisico. Un maestro è colui che ha dominato gli appetiti fisici, la forza del desiderio, che ha il controllo delle correnti della vita e che lo ha fatto con il potere del pensiero dalla sua posizione nel mondo mentale del pensiero. È un maestro della vita e ha evoluto un corpo di pensiero e può vivere in questo corpo di pensiero chiaro e libero dal suo corpo di desiderio e corpo fisico, sebbene possa vivere o agire attraverso uno o entrambi. L'uomo fisico si occupa degli oggetti, l'adepto si occupa dei desideri, un maestro si occupa del pensiero. Ognuno agisce dal proprio mondo. L'uomo fisico ha sensi che lo attraggono agli oggetti del mondo, l'adepto ha trasferito il suo piano d'azione ma ha ancora i sensi corrispondenti a quelli del fisico; ma un maestro ha superato e elevato sia gli ideali della vita da cui i sensi e i desideri sia i loro oggetti nel fisico sono semplici riflessi. Poiché gli oggetti sono nel fisico e i desideri sono nel mondo della forma, così i pensieri sono nel mondo della vita. Gli ideali sono nel mondo del pensiero mentale ciò che i desideri sono nel mondo della forma e gli oggetti nel mondo fisico. Come un adepto vede desideri e forme invisibili all'uomo fisico, così un maestro vede e tratta pensieri e ideali che non sono percepiti dall'adepto, ma che possono essere compresi dall'adepto in modo simile al modo in cui l'uomo fisico percepisce il desiderio e forma che non è fisica. Poiché il desiderio non è distintivo nella forma nell'uomo fisico, ma è così nell'adepto, così nell'adepto il pensiero non è distinto, ma il pensiero è un corpo distintivo di un maestro. Come un adepto ha il pieno comando e l'azione del desiderio oltre al fisico che l'uomo fisico non ha, così un maestro ha l'azione e il potere del pensiero pieni e liberi in un corpo di pensiero che non ha l'adepto. Le caratteristiche di un maestro sono che si occupa della vita e degli ideali della vita. Dirige e controlla le correnti della vita secondo gli ideali. Agisce così con la vita come un maestro della vita, in un corpo di pensiero e con il potere del pensiero.

Un mahatma è colui che ha superato, cresciuto, vissuto e cresciuto al di sopra del mondo sessuale dell'uomo fisico, il mondo del desiderio forma dell'adepto, il mondo del maestro pensato per la vita e agisce liberamente nel mondo del respiro spirituale come individuo pienamente cosciente e immortale, che ha il diritto di essere completamente liberato e separato o connesso o agire attraverso il corpo del pensiero, il corpo del desiderio e il corpo fisico. Un mahatma è la perfezione e il completamento dell'evoluzione. Il respiro fu l'inizio dell'involuzione dei mondi manifestati per l'educazione e la perfezione della mente. L'individualità è la fine dell'evoluzione e della perfezione della mente. Un mahatma è uno sviluppo così pieno e completo dell'individualità o della mente, che segna la fine e la realizzazione dell'evoluzione.

Un mahatma è una mente individualizzata libera dalla necessità di un ulteriore contatto con uno qualsiasi dei mondi inferiori al mondo del respiro spirituale. Un mahatma si occupa del respiro secondo la legge mediante la quale tutte le cose vengono respirate in manifestazione dall'universo non manifestato, e con la quale tutte le cose manifestate vengono di nuovo respirate nel non manifestato. Un mahatma si occupa delle idee, delle verità eterne, delle realtà degli ideali e secondo le quali i mondi sensuali appaiono e scompaiono. Come oggetti e sesso nel mondo fisico, e i sensi nel mondo del desiderio, e ideali nel mondo del pensiero, provocano l'azione degli esseri in quei mondi, così sono le idee le leggi eterne secondo cui e con quali mahatma agiscono nello spirituale respiro del mondo.

Un adepto non è libero dalla reincarnazione perché non ha vinto il desiderio e non è liberato dalla Vergine e dallo Scorpione. Un maestro ha superato il desiderio, ma potrebbe non essere liberato dalla necessità di reincarnarsi perché, mentre ha padroneggiato il suo corpo e desideri, potrebbe non aver elaborato tutto il karma connesso ai suoi pensieri e azioni passati, e dove non è possibile per lui per elaborare nel suo attuale corpo fisico tutto il karma che ha generato in passato, spetterà a lui reincarnarsi in tutti i corpi e le condizioni necessarie per poter elaborare completamente e completamente il suo karma secondo alla legge. Un mahatma differisce dall'adepto e dal maestro in quanto l'adepto deve ancora reincarnarsi perché sta ancora facendo karma, e un maestro deve reincarnarsi perché, sebbene non stia più facendo karma, sta elaborando ciò che ha già fatto, ma il il mahatma, avendo smesso di produrre karma e aver elaborato tutto il karma, è completamente liberato da ogni necessità di reincarnarsi. Il significato della parola mahatma lo chiarisce. Ma indica manas, la mente. Ma è l'ego o la mente individuale, mentre mahat è il principio universale della mente. Ma, la mente individuale, agisce all'interno di mahat, il principio universale. Questo principio universale include tutto l'universo manifestato e i suoi mondi. Ma è il principio della mente che è individuale come distinto, sebbene sia all'interno del mahat universale; ma ma deve diventare una completa individualità, che non è all'inizio. All'inizio il ma, una mente, agisce dal mondo spirituale del respiro al segno cancro (♋︎), respiro, e rimane fino a quando con l'involuzione e lo sviluppo di altri principi si raggiunge il punto più basso dell'involuzione in Bilancia (♎︎ ), il mondo fisico del sesso, da cui si devono evolvere gli altri principi necessari allo sviluppo e alla perfezione della mente. Il ma o la mente agisce nel mahat o nella mente universale attraverso tutte le sue fasi di involuzione e per evoluzione fino a quando non emerge e sale piano per piano, mondo per mondo, al piano sull'arco ascendente corrispondente al piano da cui è iniziato sul arco discendente. Ha iniziato la sua discesa al cancro (♋︎); il punto più basso raggiunto era la bilancia (♎︎); da lì ha iniziato la sua ascesa e sale al Capricorno (♑︎), che è la fine del suo viaggio ed è lo stesso piano da cui è disceso. Era ma, la mente, all'inizio dell'involuzione al cancro (♋︎); è ma, la mente, alla fine dell'evoluzione al capricorno (♑︎). Ma la ma è passata attraverso mahat, ed è una mahat-ma. Vale a dire, la mente ha attraversato tutte le fasi e tutti i gradi della mente universale, mahat, e essersi unita ad essa e allo stesso tempo aver completato la sua piena individualità è, quindi, un mahatma.

(Continua.)