La fondazione di parole

Il peccato occulto del dubbio è il dubbio nel proprio essere spirituale. La pena è la cecità spirituale.

—Lo zodiaco.

IL

PAROLA

Vol 7 LUGLIO, 1908. No. 4

Copyright, 1908, di HW PERCIVAL.

DUBBIO.

Dubbio è una parola di uso comune sia tra i non letterati che tra i dotti. Ma pochi tra coloro che lo tengono così occupato smettono di considerare e guardare al principio per cui la parola è valida.

Il dubbio viene dal duo, due, in cui è coinvolta l'idea di dualità relativa a qualsiasi cosa, che si estende all'infinito attraverso tutte le cose. Poiché il dubbio riguarda l'idea di due, o dualità, è sempre accompagnato da un'indeterminatezza, perché è diviso o si frappone tra i due. L'idea di due viene dalla sostanza, che è la radice della natura o della materia. La sostanza è omogenea in sé, ma è espressa attraverso il suo unico attributo: la dualità. La dualità è l'inizio della manifestazione attraverso tutti i mondi. La dualità persiste in ogni atomo. La dualità è nei due aspetti inseparabili e opposti dell'unità, la sostanza.

Ciascuno degli opposti domina indissolubilmente l'altro ed è a sua volta dominato dall'altro. Una volta uno è in ascesa e poi l'altro. Il dubbio accompagna sempre i due, facendo inclinare l'uno verso l'altro e, a sua volta, essere trattenuto dall'altro. Il dubbio ci è noto solo quando si tratta di un'operazione mentale, ma l'idea del dubbio è presente in tutti i gradi della materia, dall'inizio della manifestazione al pieno e completo raggiungimento della conoscenza. Il dubbio è operativo attraverso tutti i mondi manifestati; lo stesso in linea di principio, e varia a seconda del piano della sua azione.

Il dubbio ha origine nell'ignoranza. Cambia di grado in base allo sviluppo dell'essere in cui è presente. Nell'uomo, il dubbio è quello stato critico della mente, in cui la mente non deciderà a favore di uno dei due soggetti o cose, né avrà fiducia nell'altro.

Il dubbio non è un'indagine su qualsiasi argomento, né è ricerca e indagine, né un processo di pensiero; sebbene spesso accompagni il pensiero e derivi dall'investigazione e dall'indagine su un argomento.

Il dubbio è come una nuvola che ruba sulla mente e le impedisce di percepire chiaramente e di risolvere qualsiasi problema relativo a ciò che viene percepito. Come una nuvola, il dubbio aumenta o diminuisce in termini di dimensioni e densità quando uno non riesce ad agire secondo la sua comprensione, o è autosufficiente e agisce con fiducia. Tuttavia, il dubbio è una condizione della mente necessaria per essere vissuta e superata prima di poter raggiungere la chiarezza della visione mentale.

Collegati e collegati al dubbio, come antenati, insegnanti, compagni, progenie e servitori del dubbio, sono perplessità, esitazione, insofferenza, malcontento, sgradevolezza, irritabilità, tumulto, sfiducia, incredulità, incredulità, sospetto, insofferenza, presagio, oscurità, cupidigia, irresolutezza, indecisione, incertezza, schiavitù, indolenza, ignoranza, paura, confusione e morte. Queste sono alcune delle condizioni in base alle quali è noto il dubbio.

Il dubbio è profondamente radicato nella mente, è in effetti sinonimo di una delle funzioni della mente: quella funzione o attributo della mente che è conosciuta come oscurità, sonno. Il dubbio è uno dei fattori che hanno determinato il modo dell'incarnazione della mente sin dal primo della lunga serie di incarnazioni mentali. Il dubbio è stato un fattore importante nelle azioni dell'umanità, è stata una delle principali cause di gran parte della sofferenza di cui l'umanità è erede e delle condizioni in cui l'umanità sta attualmente lottando. Il dubbio è oggi uno degli ostacoli al progresso e allo sviluppo dell'uomo.

I dubbi che l'uomo affronta ad ogni svolta della sua vita quotidiana e alle importanti crisi della sua vita sono apparsi prima, nelle vite precedenti in condizioni diverse. Oggi sembrano dubbi perché non sono stati superati ieri. Sorgono oggi per impedire il progresso di un uomo o per essere superati dalla conoscenza attraverso l'azione. Il ciclo o il tempo dei dubbi che sorgono dipende dallo sviluppo e dall'età in cui un simile ciclo di dubbio ha attaccato la persona che lo viveva.

 

Esistono quattro tipi o classi di dubbio. Si riferiscono al mondo fisico e ai tre mondi all'interno e attorno ad esso: dubbio fisico, dubbio psichico, dubbio mentale e dubbio spirituale. Questi sono attributi di diversi tipi di uomini che incontriamo, e anche dei quattro uomini dello zodiaco che compongono e contengono ogni singolo uomo. Questi quattro uomini sono stati citati e simboleggiati nell'editoriale "The Zodiac". Vedere "La Parola", marzo 1907 (Figura 30).

Il dubbio fisico riguarda il mondo fisico e il corpo fisico, il suo rappresentante (bilancia, ♎︎). Quando la mente opera attraverso il corpo fisico, viene assalita da tutti i fenomeni del mondo fisico riguardo all'azione del corpo fisico nel mondo fisico. In modo che la mente inizi a dubitare dal primo momento in cui è consapevole della sua azione in un corpo fisico, e attraverso il suo corpo fisico diventa consapevole del mondo fisico. L'animale non dubita come l'essere umano. L'animale inizia a camminare non appena nato, ma l'essere umano non è in grado di stare in piedi o anche di gattonare e richiede lunghi mesi o addirittura anni prima di fidarsi di se stesso e di mantenere l'equilibrio del corpo mentre cammina. L'essere umano animale porta con sé gli stessi istinti dei suoi genitori come fa il cane o il vitello dei suoi genitori. Se fosse dovuto alla sola eredità, un bambino dovrebbe essere spinto a camminare e fare sport con la stessa prontezza di un vitello o di un cucciolo. Ma non può. Ciò è dovuto al fatto che l'animale umano è soggetto non solo agli istinti e alle tendenze animali dei suoi antenati, ma è anche soggetto a un'entità individuale, la mente; e la mente appena incarnata, non avendo la fiducia dell'esperienza presente, non è in grado di camminare; dubita e teme che il suo corpo cadrà. Se gettato in acqua per la prima volta, un cavallo, un gatto o un altro animale, si sposterà immediatamente verso la riva, anche se non porta naturalmente all'acqua. Può nuotare al primo tentativo. Ma un uomo messo per la prima volta a metà flusso, annegherà, anche se potrebbe aver imparato la teoria del nuoto prima di fare il tentativo. L'elemento del dubbio interferisce con l'animale naturale del corpo umano e gli impedisce di usare il suo potere naturale e di mettere in pratica la teoria del nuoto che aveva imparato. L'azione naturale del corpo fisico è spesso controllata dal dubbio che sorge nella mente. Questo dubbio viene portato nella mente da una vita all'altra, in questo mondo fisico, fino a quando il dubbio non viene superato. Il corpo fisico è adattato al mondo fisico, ma la mente non è originaria di questo mondo; è estraneo a questo mondo fisico e al suo corpo. La non familiarità della mente con il suo corpo consente all'elemento di dubbio nella mente di dominare la sua azione e di interferire con il controllo del corpo. Questo vale per tutte le condizioni di vita e per le circostanze e le posizioni che arrivano all'uomo per eredità.

A poco a poco, la mente si abitua al suo corpo fisico ed è in grado di controllare i suoi movimenti con facilità e grazia. Se, nello sviluppo regolare dell'uomo, dopo aver appreso le cose del mondo fisico necessarie per conoscerlo, come ad esempio l'esercizio e la disciplina del corpo, il suo mantenimento e il suo sostentamento attraverso un'azienda o un professionista posizione, i costumi sociali della sfera in cui vive e la letteratura del periodo - ed è così familiarizzato con gli usi ordinari da aver superato i suoi precedenti dubbi e se ha imparato ad avere fiducia e fiducia nella sua posizione, allora la mente ha superato le fasi iniziali del dubbio e si confronta con il dubbio che sorge riguardo ai mondi sconosciuti.

Quando le cose di uno qualsiasi dei regni del mondo psichico interferiscono o sono insinuate ai sensi fisici, nella mente sorge il dubbio che esiste un mondo invisibile, dentro e intorno al fisico, perché quella mente si è adattata e familiare con il suo corpo fisico, ed è educato e adattato al fisico e alle cose del mondo fisico. Dubita che l'azione fisica possa avere la sua origine in una fonte invisibile. Tali dubbi riguardano l'invisibile mondo astrale o psichico con i suoi desideri e le sue forme. Il suo rappresentante nell'uomo è la linga-sharira, o forma del corpo (vergine-scorpione, ♍︎ – ♏︎), con i suoi istinti e tendenze animali.

Questi sono i dubbi che l'uomo deve principalmente affrontare e combattere nella sua vita quotidiana ed emotiva. Ecco le fonti immediate di azioni fisiche. Ecco le forze e le entità corrispondenti o che sono le cause delle azioni fisiche e di emozioni quali rabbia, paura, invidia e odio e altre sensazioni come il piacere e la sensazione di felicità folle. Ecco le forze e le entità che agiscono sul corpo psichico delicatamente adattato dell'uomo. Queste emozioni e sensazioni sono vissute attraverso il corpo fisico con i suoi sensi per mezzo del corpo psichico. Le forze sono invisibili all'uomo fisico, ma apparenti all'uomo psichico quando, per mezzo di determinate pratiche, o per mezzo di un "mezzo" o attraverso una malattia, l'uomo psichico è sufficientemente liberato o separato dalle spire del corpo fisico in modo tale che le sue sensazioni sono legate all'ottava sopra e all'interno del mondo fisico.

Tutti i dubbi che hanno attaccato l'uomo fisico devono essere qui affrontati e superati, anche se sono stati superati nel corpo fisico. Sono superati nel mondo psichico e nel corpo della forma astrale solo nella misura in cui sono stati incontrati e superati nel fisico.

All'interno e al di sopra dei mondi fisico e psichico e dei loro uomini c'è il mondo mentale e la sua mente incarnata (pensiero vitale, ♌︎ – ♐︎).

Questo è il mondo in cui l'uomo vive di più e, a causa della necessità per la mente di agire con il suo corpo fisico, è il mondo in cui dubita di più. Dall'uso o dall'abuso abituali del corpo fisico, la mente ha associato il suo essere alla vita fisica in modo da aver dimenticato l'essere reale e se stesso come un essere distinto dal suo corpo fisico. La mente si identifica nel pensiero solo con il suo corpo e la sua vita fisica, e quando la teoria suggerisce che la mente e il pensiero sono distinti dal corpo fisico, sebbene connessa ad esso, la mente dubita ed è incline a rifiutare tale affermazione.

Questo dubbio si riscontra più frequentemente tra i dotti che tra i non istruiti, perché l'uomo di apprendimento viene appreso solo nelle cose che si applicano alla mente nella sua relazione con il mondo fisico, e chi si abitua a pensare a cose e materie che relazionarsi strettamente al mondo fisico non è incline a lasciare gli strati del suo pensiero e crescere su un piano superiore. L'uomo istruito è come una vite, che si aggrappa all'oggetto su cui si è legato e si è incorporato. Se la vite dovesse rifiutarsi di aggrapparsi, dovrebbe essere in grado di lasciare le sue radici, colpire e crescere da un terreno genitore più profondo, smetterebbe di essere una vite. Se l'uomo istruito potesse liberarsi dalle carreggiate di altre menti, e con i suoi pensieri dovrebbe raggiungere e crescere dalle cose genitoriali da cui altre menti sono cresciute, allora, come la pianta, non dovrebbe crescere su altre crescite ed essere obbligato a seguire le loro inclinazioni come sue, ma sarebbe una crescita individuale e avrebbe il diritto di raggiungere l'aria libera e ricevere la luce da ogni parte.

La vite si aggrappa al suo oggetto; non può fare diversamente perché è solo una pianta di vite, una crescita vegetale. Ma l'uomo è in grado di distaccare il suo pensiero da e crescere dalle crescite dell'apprendimento perché è una pianta-uomo di origine spirituale il cui dovere e destino è di crescere dai regni sensuali della natura e nella sfera luminosa della conoscenza spirituale . L'uomo di mero apprendimento e pedanteria non cresce oltre il suo apprendimento a causa di dubbi. Il dubbio e la paura che è il figlio adottivo del dubbio, lo assillano tanto più dipende dall'apprendimento. Il dubbio lo fa esitare. Esita troppo a lungo; poi la paura lo afferra e lo ricaccia nella giungla dell'apprendimento che lui immagina essere la fine di ogni sforzo mentale, oppure continua a dubitare fino a quando non dubita di tutto, compreso il suo apprendimento e i suoi dubbi.

La mente che contempla se stessa come una mente che agisce nel mondo mentale, che è distinta dal mondo fisico, è sempre assalita dal dubbio. I problemi con cui la mente affronta - come: la differenza tra e relazione tra Dio e la natura, l'origine dell'uomo, il dovere nella vita, il destino ultimo, sono quelli che hanno affrontato tutte le menti che cercavano di agire liberamente nel mondo mentale.

Il dubbio relativo a una qualsiasi di queste domande o alla possibile libertà della mente dai sensi tende a oscurare la visione mentale. Se la visione mentale è oscurata, la mente perde fiducia nella propria luce. Senza luce non può vedere o risolvere i problemi, né vedere il suo percorso, e così ricade nei sensuali campi di pensiero con i quali era diventato familiare.

Ma la mente che ha fiducia nella sua azione libera dissipa l'oscurità del dubbio. Vede il proprio corso d'azione attraverso il mondo del pensiero che ha creato. Acquisendo fiducia e vedendo mentalmente i propri pensieri e i pensieri del mondo, vede che le forme del mondo psichico sono determinate dai pensieri del mondo mentale, che la confusione dei desideri e il tumulto delle emozioni sono dovuti alla confusione di pensieri e le correnti incrociate contrastanti del pensiero, che la causa delle forze e degli esseri che hanno entità come forme nel mondo psichico è determinata dai pensieri generati dalla mente. Quando questo viene realizzato, tutti i dubbi riguardanti le cause delle emozioni e delle sensazioni vengono eliminati, le azioni di una persona sono chiaramente viste e le loro cause conosciute.

Il dubbio riguardante il mondo spirituale e l'uomo spirituale ha a che fare con l'entità immortale che rimugina e contatta l'uomo fisico per mezzo della mente incarnata. Come rappresentante del mondo spirituale, di Dio, della Mente Universale, l'uomo spirituale è la mente umana superiore, l'individualità nel suo mondo spirituale (cancro-capricorno, ♋︎ – ♑︎). I dubbi che assalgono la mente incarnata sono: che potrebbe non persistere dopo la morte; dal momento che tutte le cose vengono nel mondo fisico dalla nascita e passano dal mondo fisico dalla morte, così anche esso passerà dal mondo fisico e cesserà di esistere; che i pensieri potrebbero essere un prodotto o una reazione della vita fisica, anziché essere la causa della vita fisica. Un dubbio ancora più grave è che, anche se la mente dovrebbe persistere dopo la morte, passerà in uno stato corrispondente a quello della vita terrena, che la vita sulla terra nei corpi carnali sarà finita per sempre e che non tornerà sulla terra vita.

La mente dubita dell'esistenza o della possibile esistenza di un mondo spirituale di conoscenza in cui sono le idee di tutte le fasi dell'esistenza, da cui il pensiero ha origine; che questo persistente mondo della conoscenza, con le sue forme ideali immortali, è dovuto alla fantasia di una mente umana piuttosto che alla dichiarazione di un fatto spirituale. Infine, la mente incarnata dubita che sia la stessa cosa in sostanza con la Mente Immortale e con la Mente Universale. Questo dubbio è il dubbio più grave, distruttivo e oscuro di tutti, perché tende a separare la mente che è incarnata e che è soggetta alle vicissitudini delle condizioni transitorie, dal suo genitore eterno e immortale.

Il dubbio è un peccato occulto. Questo peccato occulto del dubbio è il dubbio nel proprio essere spirituale. La pena di questo dubbio è la cecità spirituale e l'incapacità di vedere le verità spirituali in qualsiasi cosa, anche quando vengono evidenziate.

La causa del dubbio dei diversi uomini è l'oscurità non sviluppata della mente. Fino a quando l'oscurità non sarà dissipata o trasformata da una luce interiore, l'uomo continuerà a dubitare e rimarrà nella condizione in cui si trova qui. Il dubbio dell'immortalità da parte della crescita è alimentato nella mente dell'uomo da coloro che avrebbero dominato e controllato la sua vita dal controllo della sua mente. La paura è trattenuta davanti alla mente e ha fatto dubitare il gemello fantasma. Gli uomini si lasciano guidare dai sacerdoti, essere tenuti nell'oscurità mentale e frustati dalla sferzata gemella di dubbio e paura. Questo vale non solo per la massa degli ignoranti, ma anche per gli uomini di apprendimento le cui menti sono state guidate dall'addestramento precoce in determinati solchi, e che quindi hanno limitato la paura di avventurarsi oltre i loro solchi e dubitare della loro capacità di crescere da loro.

Il dubbio genera dubbio. L'uomo che dubita continuamente è una sofferenza per se stesso e un parassita per tutto ciò che lo circonda. Il continuo dubbio rende l'uomo un piagnucolio piagnucolante e piagnucoloso che non osa agire, temendo le conseguenze della sua azione. Il dubbio può trasformare una mente indagatrice e indagatrice in un flagello, la cui gioia è discutere e litigare, gettare oscurità o turbare le credenze di coloro con cui viene in contatto, riguardo alla speranza o alla fiducia in una vita futura, e, al posto della fede e della speranza, per lasciare malcontento, insoddisfazione e disperazione. Il dubbio genera dubbio nella mente di chi è disonesto e insincero e che è sospettoso delle motivazioni altrui, che trova colpe in tutto, che diffama e diffama e che cerca di infettare tutto con il dubbio alimentato nella propria mente.

Il dubbio è quell'indeterminatezza che fa sospendere la mente tra una cosa e l'altra, senza mai decidere. Un'oscurità viene lanciata sulla mente a causa dell'oscillazione tra due o più stati e non stabilirsi o decidere su alcuno. Quindi troviamo uomini miserabili che non decidono mai su nulla, o, forse, se dovessero decidere, non riescono ad agire a causa di qualche dubbio o paura che sorge riguardo alla decisione. Questa incertezza della mente e il rifiuto di agire rendono la mente meno capace di decidere e agire, ma piuttosto incoraggia l'accidia e l'ignoranza e genera confusione.

Tuttavia, c'è uno scopo per il dubbio, una parte che deve svolgere nello sviluppo dell'uomo. Il dubbio è uno degli iniziatori della mente nei regni della luce. Il dubbio protegge tutte le strade dalla conoscenza. Ma il dubbio deve essere superato dalla mente se quella mente vuole passare consapevolmente nei mondi interiori. Il dubbio è il guardiano della conoscenza che impedisce alle persone timorose e deboli di oltrepassare il proprio posto. Il dubbio costringe i neonati mentali che vorrebbero crescere senza sforzo e diventare saggi senza conoscenza. Poiché l'oscurità è necessaria alla crescita di animali e piante, così anche l'oscurità del dubbio è necessaria alla crescita.

La mente dubbiosa che non ha imparato il giusto giudizio né l'azione corretta viene mostrata nei momenti critici della vita. Ad esempio, come quando uno che rimane confuso mentre due carrozze si avvicinano da direzioni opposte. Sembra prima in un modo, poi nell'altro, indeciso su quale modo sfuggire al pericolo. Questa indecisione a cui è atteso il dubbio, sembra costringere una strana fatalità di azioni sbagliate, in quanto una tale non corre di rado sotto i piedi dei cavalli.

Colui che si rimanda decidendo tra due posizioni offerte, a causa del suo dubbio sulla scelta giusta, di solito è visto per aver lasciato andare la migliore opportunità. L'opportunità non aspetta mai. L'opportunità è sempre presente, anche se passa continuamente. L'opportunità è una processione di opportunità. L'uomo dubbioso piange l'opportunità appena andata e che ha perso, ma il tempo trascorso nel piangere la sua perdita e incolpare qualcuno, gli impedisce di vedere l'opportunità allora presente, ma di nuovo non vista fino a quando anche questa non è appena andata. La continua indecisione e l'incapacità di vedere opportunità fa dubitare della sua capacità di scegliere o di agire. Chi dubita continuamente dei suoi pensieri e delle sue azioni provoca una tristezza attuale, imbarazzo e sconforto, che sono tutti contrari alla fiducia nell'azione. Un'azione sicura guida la mano che lancia una palla dritta verso il segno. Dalla mano nella sua azione, dalla camminata, dalla carrozza del corpo, dall'equilibrio della testa, dallo sguardo dell'occhio, dal suono della voce, dalle condizioni mentali del dubbioso o da chi agisce con fiducia può essere visto.

Il dubbio è la cosa oscura e indefinita con cui la mente lotta e diventa forte mentre la supera. La conoscenza viene o viene cresciuta quando il dubbio viene superato, ma il dubbio viene superato solo dalla conoscenza. Come possiamo superare i dubbi?

Il dubbio è superato da una decisione fiduciosa seguita dall'azione indicata dalla decisione. L'esame di quale sia il più preferibile di due soggetti o cose non è la cieca fiducia dell'azione ignorante, né è dubbio, anche se il dubbio entra e prevarrà quando la mente rifiuta di decidere a favore di uno dei due. Il dubbio non decide mai; interferisce sempre e impedisce la decisione. Se uno dovesse superare il dubbio, riguardo alla scelta tra due oggetti, o nel decidere qualsiasi domanda, dovrebbe, dopo un'attenta considerazione della domanda, decidere e agire di conseguenza, senza dubbio o paura per il risultato. Se una persona che decide e recita ha avuto poca esperienza, la sua decisione e azione possono rivelarsi sbagliate e, di fatto, in tal caso, di solito è sbagliata. Tuttavia, dovrebbe continuare ad esaminare l'argomento o la domanda successiva e decidere e agire secondo la sua decisione, senza paura. Questa decisione e azione dovrebbero essere prese dopo un attento esame dell'errore commesso nella precedente decisione e azione sbagliata. Scivolare indietro nel dubbio indeciso dopo che la propria azione si è rivelata sbagliata, anche se si credeva che fosse giusto in quel momento, è una battuta d'arresto per la mente e impedisce la crescita. Si dovrebbe riconoscere il proprio errore, riconoscerlo e correggerlo continuando ad agire. Il suo errore dovrebbe avvantaggiarlo consentendogli di vederlo attraverso.

Continuando la decisione e l'azione, il riconoscimento dei propri errori e uno sforzo sincero di riconoscerli e correggerli, si risolverà il mistero dell'azione giusta. Uno imparerà a decidere e ad agire e risolverà il mistero della giusta azione con una ferma fede e convinzione di essere essenzialmente uno con la Mente Universale o Dio, attraverso la sua individualità, la mente umana superiore o divina, e che la sua vera coscienza l'essere proviene da quella fonte e illuminerà il suo pensiero. Se uno medita su questo pensiero, lo tiene costantemente a mente, decide con esso in mente e agisce secondo la decisione, imparerà in poco tempo a decidere saggiamente e ad agire in modo giusto, e attraverso il giusto giudizio e la giusta azione verrà nell'eredità della conoscenza che è stata lasciata in eredità dal suo dio genitore, non appena l'ha guadagnata.