La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 20 NOVEMBRE, 1914. No. 2

Copyright, 1914, di HW PERCIVAL.

Fantasmi.

Desire Ghosts of Dead Men.

Sarebbe ingiusto e contro la legge se i fantasmi dei desideri dei morti, e di cui gli uomini viventi non sono di solito a conoscenza, fossero autorizzati ad attaccare e predare i vivi. Nessun desiderio fantasma può agire contro la legge. La legge è che nessun desiderio fantasma di un uomo morto può attaccare e costringere un uomo vivente ad agire contro la volontà di quell'uomo o senza il suo consenso. La legge è che nessun desiderio fantasma di un uomo morto può entrare nell'atmosfera e agire sul corpo di un uomo vivente a meno che quell'uomo non esprima tale desiderio come sa di essere in errore. Quando un uomo lascia il posto al proprio desiderio che sa essere sbagliato, cerca di infrangere la legge e la legge non può quindi proteggerlo. L'uomo che non si permetterà di essere trattenuto dal suo stesso desiderio di fare ciò che sa essere sbagliato, agisce in accordo con la legge e la legge lo protegge dai torti dall'esterno. Un fantasma del desiderio è inconscio e non può vedere un uomo che controlla il suo desiderio e agisce in accordo con la legge.

La domanda può sorgere, come fa un uomo a sapere quando sta soddisfacendo il proprio desiderio e quando sta alimentando un desiderio fantasma di un morto?

La linea di divisione è soggettiva e morale, e gli è indicato dal "No", "Stop", "Non", della sua coscienza. Sta alimentando il proprio desiderio quando lascia il posto agli impulsi naturali dei sensi e usa la sua mente per procurarsi i loro desideri per i sensi. Nella misura in cui sta procurando gli oggetti dei sensi per mantenere il suo corpo in salute e solidità, serve se stesso e obbedisce alla legge e ne è protetto. Andando oltre i naturali desideri ragionevoli dei sensi, viene notato il desiderio fantasmi di uomini morti di simili desideri, che sono attratti da lui e usano il suo corpo come un canale per soddisfare le loro voglie. Quando va oltre i bisogni naturali, sta modellando un desiderio fantasma o fantasmi per se stesso, che prenderà forma dopo la sua morte e preda dei corpi degli uomini viventi.

Oggettivamente, questo stato di desiderio fantasma che si nutre di un uomo può essere osservato dall'ampio campo d'azione o dalla molteplice soddisfazione dei desideri di un uomo. Questo perché non agisce da solo, ma l'influenza estranea del desiderio fantasma istruisce, agisce e crea condizioni in cui l'uomo vivente agisce per il fantasma.

I fantasmi del desiderio che ossessionano un corpo possono essere espulsi e tenuti fuori. Uno dei modi per espellerli è l'esorcismo; cioè, l'azione magica di un'altra persona sul fantasma nell'ossessione. La forma ordinaria di esorcismo è quella dell'incantesimo e degli atti cerimoniali, come indossare simboli, portare un talismano, bruciare incenso profumato, dare bozze da bere, in modo da raggiungere il fantasma del desiderio e scacciarlo attraverso il gusto, l'olfatto e il sentimento. Con tali pratiche fisiche molti ciarlatani predano la credulità degli ossessionati e dei loro parenti che vedrebbero l'ossessione di liberarsi del diavolo interiore. Queste pratiche sono spesso impiegate come ad esempio seguire le forme, ma hanno scarsa conoscenza della legge in questione. L'esorcismo può anche essere eseguito da coloro che hanno una conoscenza della natura dei fantasmi del desiderio interiore. Uno dei metodi è che l'esorcizzatore, conoscendo la natura del fantasma del desiderio, pronuncia il suo nome e con il potere della Parola gli ordina di partire. Nessun esorcizzatore con conoscenza costringerà un fantasma a lasciare una persona ossessionata a meno che l'esorcizzatore non veda che può essere fatto secondo la legge. Ma se è secondo la legge non può essere detto né dall'ossessionato né dai suoi amici. Questo deve essere noto all'esorcizzatore.

Uno le cui atmosfere sono pure e che è potente in virtù della sua conoscenza e della giusta volontà di vita con la sua presenza espellono i fantasmi negli altri. Se uno che è ossessionato viene alla presenza di un tale uomo di purezza e potere, ed è in grado di rimanere, il desiderio fantasma deve lasciare l'ossessivo; ma se il fantasma del desiderio è troppo forte per lui, l'ossessionato è costretto a lasciare la presenza e uscire dall'atmosfera di purezza e potere. Dopo che il fantasma è uscito, l'uomo deve obbedire alla legge come la conosce, per tenere fuori il fantasma e impedirgli di attaccarlo.

Una persona ossessionata può estromettere il fantasma del desiderio attraverso un processo di ragionamento e per sua stessa volontà. Il tempo di fare lo sforzo è il periodo in cui l'uomo è lucido; cioè quando il fantasma del desiderio non ha controllo. È quasi impossibile per lui ragionare o estromettere il fantasma mentre il fantasma è attivo. Ma per estromettere un fantasma l'uomo deve essere in grado di superare i suoi pregiudizi, analizzare i suoi vizi, trovare i suoi motivi ed essere abbastanza forte da fare ciò che sa essere giusto. Ma chi è in grado di farlo raramente può essere ossessionato.

Sbarazzarsi di un forte fantasma del desiderio, come ossessionare un demonio della droga, o una persona completamente soggetta al vizio, richiede più di uno sforzo e richiede una notevole determinazione. Ma chiunque abbia una mente può scacciare dal suo corpo e dalla sua atmosfera quei piccoli desideri fantasmi di uomini morti, che sembrano insignificanti ma rendono la vita un inferno. Tali sono le improvvise convulsioni di odio, gelosia, bramosia, malizia. Quando la luce della ragione si accende sul sentimento o l'impulso nel cuore, o qualunque organo venga predato, l'entità ossessionante si contorce, si contorce sotto la luce. Non può rimanere nella luce. Deve partire. Trasuda come una massa muculenta. Chiaroveggentemente, può essere visto come una creatura semi-liquida, simile ad un'anguilla, che resiste. Ma alla luce della mente deve lasciarsi andare. Poi c'è un sentimento compensativo di pace, libertà e felicità di soddisfazione per aver sacrificato questi impulsi alla conoscenza del giusto.

Tutti conoscono il sentimento in se stesso quando hanno cercato di superare un attacco di odio o lussuria o gelosia. Quando ragionò su questo, e sembrò aver raggiunto il suo scopo e essersi liberato, disse: “Ma io non lo farò; Non lascerò andare. " Ogni volta che questo accadeva, era perché il fantasma del desiderio prendeva un'altra svolta e una nuova presa. Ma se lo sforzo del ragionamento veniva mantenuto e la luce della mente continuava a sentire, in modo da tenerlo nella luce, il sequestro alla fine scompariva.

Come detto sopra (La Parola, Vol. 19, n. 3), quando un uomo è morto, la totalità dei desideri che lo hanno attuato nella vita passa attraverso diverse fasi. Quando la massa del desiderio ha raggiunto il punto di rottura, si sviluppano uno o più fantasmi del desiderio e i resti della massa del desiderio passano in molte forme animali fisiche diverse (Vol. 19, N. 3, Pagine 43, 44); e sono le entità di quegli animali, generalmente animali timidi, come cervi e bovini. Anche queste entità sono i fantasmi del desiderio dell'uomo morto, ma non sono predatori e non perseguitano né depredano gli esseri viventi. Il desiderio predatore dei fantasmi di uomini morti ha un periodo di esistenza indipendente, il cui incidente e le cui caratteristiche sono state date sopra.

Ora per quanto riguarda la fine del desiderio fantasma. Un fantasma del desiderio di un morto corre sempre il rischio di essere distrutto, quando si avventura dalla sua legittima sfera d'azione e attacca un uomo che è troppo potente e può distruggere il fantasma, o se attacca una persona innocente o pura il cui karma non permetterà l'ingresso del desiderio fantasma dei morti. Nel caso dell'uomo forte, il forte può ucciderlo lui stesso; non ha bisogno di altra protezione. Nel caso dell'innocente, protetto dalla legge, la legge prevede un carnefice per il fantasma. Questi carnefici sono spesso certi neofiti, in un terzo grado del cerchio completo delle iniziazioni.

Quando i fantasmi dei desideri dei morti non vengono spezzati da questi metodi, la loro esistenza indipendente si interrompe in due modi. Quando non sono in grado di ottenere la manutenzione predando i desideri degli uomini, diventano deboli, si rompono e si dissipano. Nell'altro caso, dopo che un fantasma del desiderio di un uomo morto ha depredato i desideri dei vivi e ha una forza sufficiente, si incarna nel corpo di un animale feroce.

Tutti i desideri di un uomo, gentile, normale, feroce, vizioso, sono riuniti durante lo sviluppo prenatale del corpo fisico, nel periodo della reincarnazione dell'ego. L'ingresso di Noè nella sua arca, portando con sé tutti gli animali, è un'allegoria dell'evento. In questo momento di reincarnazione, i desideri che avevano prodotto un fantasma del desiderio della personalità precedente, ritornano, generalmente come una massa senza forma, ed entrano nel feto attraverso la donna. Questo è il modo normale. I genitori fisici sono il padre e la madre del corpo fisico; ma la mente incarnata è la madre-padre dei suoi desideri, come dei suoi altri tratti non fisici.

Può darsi che il fantasma del desiderio dell'ex personalità resista all'entrata nel nuovo corpo, perché il fantasma è ancora troppo attivo o è nel corpo di un animale non pronto a morire. Quindi nasce il bambino, privo di quel particolare desiderio. In tal caso, il fantasma del desiderio, quando liberato e se è ancora troppo forte per essere dissipato ed entrare nell'atmosfera come energia, è attratto e vive nell'atmosfera psichica della mente reincarnata, ed è un satellite o "abitante" nella sua atmosfera. Potrebbe agire attraverso l'uomo come un desiderio speciale in determinati periodi della sua vita. Questo è un "abitante", ma non il terribile "abitante" di cui parlavano gli occultisti e del mistero di Jeckyl-Hyde, in cui Hyde era il "abitante" del Dr. Jeckyl.

(Continua.)