La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 20 DICEMBRE, 1914. No. 3

Copyright, 1914, di HW PERCIVAL.

Fantasmi.

Fantasmi di uomini morti.

COSA si diceva di fantasmi di uomini viventi"La parola", vol. 18, nn.3 e 4) concernente la loro creazione, il processo di costruzione e la materia di cui sono composti, la materia del mondo mentale, in cui si trovano, è vera per i fantasmi di pensiero dei morti. Quasi tutti i fantasmi del pensiero sono fantasmi del pensiero creati dagli uomini mentre gli uomini sono vivi nei loro corpi fisici; ma in rari casi una mente, essendosi allontanata dal suo corpo fisico, in condizioni eccezionali può creare un nuovo fantasma del pensiero.

Esistono tre grandi distinzioni tra i fantasmi dei desideri dei morti e i fantasmi dei morti. In primo luogo, i fantasmi dei desideri degli uomini morti vengono creati dopo la morte, mentre i fantasmi dei pensieri degli uomini morti sono stati creati durante la vita e continuano a esistere nel mondo mentale molto dopo la morte del corpo fisico della persona che ha creato il fantasma del pensiero. Secondo, il desiderio fantasma di un uomo morto vuole e influenza il corpo di un uomo vivente, ed è alimentato dai desideri dell'uomo vivente, che sono forti, appassionati e spesso innaturali; mentre il fantasma del pensiero di un morto non influenza il corpo, ma la mente di una persona e spesso le menti di molte persone viventi. Terzo, un fantasma del desiderio di un morto è un vero diavolo, è senza coscienza e senza moralità ed è una massa costantemente attiva di egoismo, rapacia, crudeltà e lussuria; mentre un fantasma di pensiero di un uomo morto è lo stesso fantasma di pensiero che era quando l'uomo era vivo, ma l'uomo non fornisce vitalità per la continuazione del fantasma. I fantasmi pensati dei morti sono innocui se confrontati con i fantasmi dei desideri dei morti.

I fantasmi di pensiero lasciati dai morti sono quelli menzionati sopra ("La parola", vol. 18, nn.3 e 4) come i fantasmi del pensiero senza forma e come i fantasmi del pensiero più o meno definiti; inoltre, fantasmi come il fantasma della povertà, il fantasma del dolore, il fantasma dell'autocommiserazione, il fantasma oscuro, il fantasma della paura, il fantasma della salute, il fantasma della malattia, il fantasma della vanità; inoltre, i fantasmi prodotti inconsciamente, e come quelli prodotti con l'intento di raggiungere un certo scopo (Vol. 18, p. 22). Poi ci sono i fantasmi pensati dalla famiglia, l'onore, l'orgoglio, l'oscurità, la morte e il successo finanziario della famiglia. Quindi i fantasmi del pensiero razziale o nazionale, di cultura, guerra, potenza del mare, colonizzazione, patriottismo, espansione territoriale, commercio, precedenti legali, dogmi religiosi e, infine, i fantasmi del pensiero di un'intera epoca.

È chiaro che un pensiero non è un fantasma del pensiero. Il fantasma del pensiero di un morto non è un pensiero. Il fantasma del pensiero di un morto è come una conchiglia, vuota del pensiero originale di lui o di quelli che l'hanno creato. C'è una differenza tra il fantasma del pensiero di un uomo vivente e il fantasma del pensiero di un uomo morto, che è simile a quello tra il fantasma fisico di un uomo vivente e il fantasma fisico dell'uomo dopo la morte.

Durante la vita dell'uomo, il fantasma del pensiero è vivo; dopo la morte dell'uomo, il fantasma del pensiero è come un guscio vuoto; agisce automaticamente, a meno che il pensiero di un altro non agisca in base alle impressioni che riceve dal fantasma. Quindi prolunga l'esistenza del fantasma. Un uomo non può più adattarsi al fantasma del pensiero di un morto o adattarsi al fantasma del pensiero di un morto in se stesso di quanto non possa fare con il fantasma fisico di un morto; ma un uomo vivente può agire in accordo con le impressioni che riceve dal pensiero fantasma dei morti.

Un fantasma del pensiero è attaccato e perseguita la mente del vivente, poiché il fantasma fisico può essere attaccato e perseguitare un corpo vivente, quando quel corpo rientra nel raggio della sua influenza. Nel caso di un fantasma fisico, la portata dell'influenza magnetica non supera alcune centinaia di piedi. La distanza non conta nel caso di un fantasma del pensiero. La portata della sua influenza dipende dalla natura e dal soggetto del pensiero. Un fantasma del pensiero non entrerà nel raggio mentale di un uomo i cui pensieri non sono di natura simile o riguardano un argomento simile.

In generale, è vero che le menti degli uomini sono agitate dalla presenza di fantasmi di pensiero. Gli uomini non pensano, le loro menti sono agitate. Credono di pensare, mentre le loro menti sono solo agitate.

Una mente si avvicina al processo di pensare quando è diretta e trattenuta da un argomento di pensiero. È raro che ciò avvenga se si esaminano le operazioni della propria mente o delle menti altrui.

I fantasmi pensati dei morti sono ostacoli al pensiero indipendente; rimangono nell'atmosfera mentale del mondo e, dopo che la vitalità che era in essi è partita, sono pesi inerti. Tali fantasmi del pensiero sono preferibilmente compagni di coloro che non hanno l'indipendenza del pensiero. La gente del mondo è cavalcata da fantasmi di morti pensati. Questi fantasmi di pensiero influenzano le persone attraverso determinate parole e frasi. Questi fantasmi sono evocati dall'uso di queste parole, quando il significato di queste parole come usato originariamente non c'è. "Il vero, il bello e il buono" si riferisce a certi termini greci usati da Platone per incarnare grandi pensieri. Erano termini di arte e potere. Avevano un significato tecnico proprio e che era applicabile a quell'età. Questi tre termini furono compresi e usati da uomini di quell'età che erano su quella linea di pensiero. Nei giorni successivi, quando le persone non comprendevano più il pensiero che Platone avesse dato ai termini, le parole rimasero come conchiglie. Quando tradotte e usate in lingue moderne da persone che non comprendono il pensiero trasmesso dai termini spirituali greci originali, queste parole portano semplicemente fantasmi di pensiero. Naturalmente, c'è ancora una parvenza di potere in queste parole inglesi, ma il significato originale non è più lì. Il vero, il bello e il buono, nel significato moderno, non sono in grado di mettere l'ascoltatore direttamente in contatto con il pensiero di Platone. Lo stesso vale per i termini "Amore platonico", "Il figlio dell'uomo", "L'agnello di Dio", "Il figlio unigenito", "Luce del mondo".

Nei tempi moderni le frasi "Lotta per l'esistenza", "Sopravvivenza del più adatto", "L'autoconservazione è la prima legge della natura", "Santi degli ultimi giorni", "Il libro di Mormon", stanno diventando o sono diventati veicoli per fantasmi pensati. Questi termini divulgati non trasmettono più ciò che ha espresso l'originatore, ma sono frasi vuote che vestono di impressioni mentali devitalizzate e non sistematiche.

Un fantasma del pensiero è un impedimento al pensiero. Un fantasma del pensiero è un ostacolo alla crescita e al progresso mentale. Se un fantasma del pensiero è nella mente delle persone, distorce il loro pensiero nella sua forma morta e contratta.

Ogni nazione è assediata dai fantasmi di pensiero dei pensieri dei propri uomini morti e dai fantasmi di pensiero dei pensieri degli uomini di altre nazioni. Quando un fantasma di pensiero - non un pensiero - viene ricevuto da un'altra nazione, non può che fare del male a coloro che lo ricevono e al popolo della nazione; poiché i bisogni di una nazione sono espressi dai loro pensieri per il loro tempo e quel particolare popolo; ma quando questo è preso da un'altra nazione che ha altri bisogni o ha un'età diversa, le altre persone che lo prendono non capiscono la legge che governa i bisogni e il tempo, e quindi non possono usare il fantasma del pensiero, dato che è fuori di tempo e luogo.

I fantasmi pensati dei morti sono ostacoli al progresso e sono particolarmente potenti nella loro presa di coscienza nelle scuole di scienze, negli uomini che lavorano nei tribunali e in quelli impegnati nel mantenimento di un sistema religioso.

I fatti accertati dalla ricerca scientifica hanno determinati valori e dovrebbero essere di aiuto per stabilire altri fatti. Tutti i fatti come fenomeni accertati sono veri, sul loro piano. Le teorie relative ai fatti e ciò che provoca i fenomeni e ciò che è concomitante con loro, non sono sempre vere e possono diventare fantasmi di pensiero, che affliggono altre menti nell'ambito della ricerca e impediscono loro di stabilire altri fatti o addirittura di vedere altri fatti. Ciò può essere dovuto ai fantasmi di pensiero degli uomini viventi, ma di solito è causato dai fantasmi di pensiero dei morti. La vaga teoria dell'ereditarietà è un fantasma del pensiero che ha impedito agli uomini di vedere chiaramente determinati fatti, da cosa derivano questi fatti e di rendere conto di altre cose non collegate alla prima serie di fatti.

L'eredità può essere vera per quanto riguarda le formazioni fisiche e le caratteristiche di una persona, ma è meno vera per quanto riguarda la natura psichica e non è vera per la natura mentale. Le forme e le qualità fisiche sono spesso trasmesse dai genitori ai figli; ma le regole di trasmissione sono così poco conosciute, che molti bambini di una sola coppia non sono sorpresi anche se hanno un corpo completamente diverso, per non parlare delle loro condizioni morali e mentali. Il fantasma del pensiero di una teoria scientifica dell'ereditarietà è così incastrato nei pensieri del fisico, che questi pensieri devono conformarsi al fantasma e così casi come Rembrandt, Newton, Byron, Mozart, Beethoven, Carlyle, Emerson e altri casi sorprendenti , sono lasciati alla vista, quando la moltitudine non pensante accetta la "Legge dell'ereditarietà". Quella "legge dell'ereditarietà" è un fantasma di pensiero di uomini morti, che limita la ricerca e il pensiero dei vivi.

Il pensiero dell'eredità non è il fantasma del pensiero dell'eredità. È positivo che le menti delle persone si occupino del pensiero dell'eredità; il pensiero è libero e non limitato dalle teorie del fantasma; i pochi fatti noti sulla derivazione delle forme fisiche dovrebbero essere tenuti in considerazione e pensati; il pensiero dovrebbe circolare attorno a questi fatti e agire liberamente e sotto l'impulso dell'indagine. Quindi c'è vitalità nel pensiero; si apriranno nuove strade di ricerca e verranno stabiliti altri fatti. Quando il pensiero naturale, in conseguenza dell'indagine, è attivo, non dovrebbe essere permesso di riposare e di essere fissato dalla dichiarazione della "legge dell'eredità".

Quando la mente di un uomo viene messa a fuoco da un fantasma del pensiero, l'uomo non può vedere alcun fatto, né ottenere alcun pensiero tranne quello per il quale il fantasma del pensiero rappresenta. Sebbene ciò sia generalmente vero, non è in nessun caso così brevettuale come nel caso dei tribunali e della chiesa. I fantasmi dei morti pensati sono i supporti delle dottrine dell'autorità delle chiese e della precedente dottrina della legge e del suo antagonismo arcaico alle condizioni moderne.

I fantasmi dei morti del pensiero impediscono alla vitalità del pensiero indipendente di nutrire la vita spirituale della religione e di rendere giustizia nei tribunali. È consentito solo il pensiero religioso come è modellato sui fantasmi del pensiero dei morti. La procedura tecnica e formale e gli usi nei tribunali di oggi, e le istituzioni antiquate che regolavano le transazioni e il comportamento delle persone secondo la legge comune, sono promossi e perpetuati sotto l'influenza dei fantasmi pensati di avvocati defunti. Ci sono continui cambiamenti nei regni della religione e della legge, perché gli uomini stanno lottando per liberarsi dei fantasmi. Ma questi due, religione e legge, sono roccaforti di fantasmi del pensiero, e sotto la loro influenza viene contrastato qualsiasi cambiamento nell'ordine delle cose.

È bene agire sotto l'influenza di un fantasma del pensiero se non c'è niente di meglio da seguire e se non si hanno pensieri propri. Ma le persone o un popolo, in condizioni nuove, con nuovi impulsi e pensieri propri, dovrebbero rifiutarsi di essere cavalcati dai fantasmi dei morti del pensiero. Dovrebbero mettere fine ai fantasmi, esploderli.

Un fantasma di pensiero è esploso da un'indagine sincera; non dubitando, ma sfidando l'autorità di ciò che il fantasma rappresenta, come slogan, canoni, standard e usi scientifici, religiosi e legali. L'indagine continua con lo sforzo di rintracciare, spiegare, migliorare, esploderà la forma e dissiperà l'influenza del fantasma. L'indagine rivelerà l'origine, la storia, le ragioni della crescita e il valore reale di ciò di cui il fantasma è un residuo. Le dottrine dell'espiazione vicaria, il perdono dei peccati, le concezioni immacolate, l'apostolismo della Chiesa cattolica, le persistenti dottrine della formalità estrema da parte dei giudici competenti - verranno esplose insieme ai fantasmi pensati dei morti.