La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 25 AGOSTO, 1917. No. 5

Copyright, 1917, di HW PERCIVAL.

FANTASMI CHE NON SONO MAI STATI UOMINI

Fantasmi che diventano uomini

I fantasmi della NATURA, i fantasmi che non sono mai stati uomini, devono, nel corso dell'evoluzione, diventare uomini.

I fantasmi, come tutte le cose e le creature al di sotto dello stato umano, sono sollecitati e verso lo sviluppo negli uomini. Perché attraverso lo stato dell'uomo tutto deve passare per diventare esseri negli stati superiori. Il più alto degli esseri collegati all'evoluzione, per quanto l'uomo possa concepirli, sono le intelligenze. Sono entità che sono diventate perfette, alcune alla fine delle evoluzioni precedenti, altre durante il periodo attuale. Nelle loro mani c'è la guida in tutti i mondi, degli esseri sottostanti. L'uomo è una mente e si trova tra le entità senza mente e le più alte intelligenze. Anche il più alto degli esseri senza mente, cioè i più alti fantasmi che non sono mai stati uomini, devono esistere come uomini prima di poter diventare intelligenze.

Il soggetto di fantasmi che non sono mai stati uomini rientra in due grandi divisioni: una, elementali nei mondi elementali; l'altro, i loro rapporti con l'uomo e il dovere dell'uomo verso di loro. È consapevole di loro o della loro relazione con lui, solo in casi eccezionali, come quando è semplice e vicino alla natura, prende coscienza di alcune delle loro azioni mentre i suoi sensi non sono ancora offuscati dalla civiltà, o quando compie magie; o quando è un sensitivo naturale. I fantasmi della natura sono esseri negli elementi. Attraverso questi esseri lavorano le forze della natura. Una forza è il lato attivo di un elemento, un elemento il lato negativo di una forza. Questi esseri elementali condividono il doppio aspetto della forza dell'elemento, di cui sono. Ci sono mondi all'interno del fisico e al di là di esso, quattro di questi mondi. Il più basso di questi è il mondo terrestre e l'uomo non sa nulla al di là di alcuni aspetti del suo lato manifestato. Il lato manifestato e quello non manifestato del mondo terrestre sono racchiusi nel prossimo mondo superiore, il mondo dell'acqua; quel mondo è nel mondo dell'aria; tutti e tre sono nel mondo del fuoco. Questi quattro mondi sono descritti come le sfere dei loro rispettivi elementi. Le quattro sfere si penetrano nella sfera terrestre. Gli esseri elementali di queste quattro sfere sono noti all'uomo solo quando compaiono, se non del tutto, nella sfera della terra. Ogni essere in questi elementi partecipa della natura degli altri tre elementi; ma la sua stessa natura di forza ed elemento domina gli altri in essa. Pertanto nella sfera terrestre l'elemento terra racconta agli altri con il suo potere maggiore. Gli esseri elementali sono innumerevoli, i loro tipi variano oltre le parole. Tutti questi mondi con i loro innumerevoli esseri sono lavorati su un piano che alla fine abbassa tutti gli esseri nel crogiolo del lato manifestato della sfera terrestre, e quindi permette la loro ascesa in evoluzione ai regni della mente.

Ogni sfera deve essere compresa sotto due aspetti, uno della natura e l'altro della mente. Una sfera, come elemento di forza, è governata da un grande dio elementale, sotto il quale vi sono divinità minori. Tutti gli elementali in quella sfera sono, mentre esistono, nelle gerarchie sotto e dentro e di questo grande dio, diminuendo in potenza e importanza all'infinito. Negli elementali l'elemento prende forma; quando perdono di essere di nuovo l'elemento. Questo grande elementale e i suoi ospiti sono di natura. Sopra questo dio elementale c'è l'intelligenza della sfera, con gerarchie di gradi inferiori. Alcune di queste sono le menti perfezionate di questa e delle precedenti evoluzioni che rimangono per guidare e governare l'uomo e i fantasmi che non sono mai stati uomini, nell'involuzione e nell'evoluzione dei cicli attuali. Per quanto l'umanità può sapere, le intelligenze hanno il piano della terra e dei suoi processi, e sono i donatori della legge, e quella legge, una volta data, le entità elementali sono obbligate a eseguire come quelle che vengono chiamate operazioni della natura, destino, vie della Provvidenza, karma. Dalla rivoluzione del pianeta e dalla successione delle stagioni alla formazione di una nuvola estiva, dalla fioritura di un fiore alla nascita di un uomo, dalla prosperità ai parassiti e alle calamità, tutto è portato avanti dagli elementali sotto i loro sovrani, a chi, tuttavia, i limiti sono stabiliti dalle intelligenze. Interagisci così la materia, le forze e gli esseri della natura e della mente.

Gli elementi e le forze della natura esteriore hanno centri nel corpo dell'uomo. Il suo corpo fa parte della natura, è costituito da elementali delle quattro classi, e quindi i mezzi con cui, come mente, entra in contatto con la natura attraverso i fantasmi della natura. La tendenza di tutti i fantasmi è verso il corpo dell'uomo. Perché nel suo elemento nessun fantasma è in grado di svilupparsi. Può avanzare solo quando entra in contatto con gli altri elementi mentre si confondono, come fantasmi, nel corpo dell'uomo. Quanto alla natura degli elementali, hanno solo desiderio e vita, nessuna mente. L'ordine inferiore degli elementali cerca sensazione e divertimento, niente di più. I più avanzati cercano di associarsi con l'uomo e di avere se stessi un corpo umano, affinché possano essere illuminati da una mente, essere il veicolo di una mente e alla fine diventare una mente.

Qui il soggetto passa dagli elementali nei mondi elementali alla seconda divisione, la relazione dell'uomo con gli elementali. I sensi dell'uomo sono elementali. Ogni senso è un aspetto umanizzato e impersonato di un elemento, mentre gli oggetti all'esterno sono parti dell'elemento impersonale. L'uomo può contattare la natura perché, il senso e l'oggetto della sua percezione sono parti dello stesso elemento, e ogni organo del suo corpo è una parte impersonata dell'elemento impersonale senza, e il direttore generale del suo corpo è il suo elementale umano composto personalmente dei quattro elementi. È più vicino ed è in linea con l'evoluzione per diventare una mente. Lo scopo di tutta la natura è diventare un elementale umano, e se ciò non è possibile almeno diventare un senso, un organo, una parte in un elementale umano. L'elementale umano è il sovrano del corpo e corrisponde al sovrano elementale di una sfera. Al suo interno vi sono gli elementali minori e minori del corpo, poiché l'infinito degli elementali minori è dentro e del dio della sfera. Tutti gli elementali minori sono guidati verso lo stato di un elementale umano. Il flusso di involuzione e il flusso di evoluzione ruotano attorno all'elementale umano. C'è un contatto tra natura e mente. L'uomo ha costruito il proprio elementale durante secoli innumerevoli e lo sta perfezionando durante le sue incarnazioni, per innalzarlo fino a diventare cosciente come una mente. Questo è il suo privilegio e il suo compito.

I tipi di elementali con cui l'uomo può entrare in contatto, sono limitati a quelli nella sfera della terra. Un tipo di questi, chiamati Upper Elementals, è di natura ideale. Sono del lato non manifestato della terra e di solito non entrano in contatto con gli uomini. Se lo fanno, appaiono come angeli o mezze divinità. A loro il piano del mondo è delineato dalle intelligenze, e amministrano la legge e distribuiscono il piano e le direzioni ad altri tipi di elementali, chiamati Elementali inferiori, per l'esecuzione. Questi inferiori sono di tre gruppi, il causale, formale e portale, ciascuno con al suo interno elementi elementari di fuoco, aria, acqua e terra. Tutte le cose materiali sono prodotte, mantenute, modificate, distrutte, riprodotte da esse. Lo sciame meno avanzato intorno e attraverso l'uomo, lo sollecitano a ogni sorta di eccesso ed eccitazione, e attraverso di lui provano sensazione, sia nel suo piacere che nei suoi guai. Più sono avanzati, migliori sono gli elementali inferiori, evitano gli umani.

Il corpo di ogni uomo è quindi un punto focale. In questa natura continuamente i fantasmi vengono attirati dai loro elementi e da ciò vengono costantemente riportati ai loro elementi. Attraversano quegli elementali che sono i sensi, i sistemi, gli organi, nel corpo umano. Mentre passano, rimangono colpiti dal loro ambiente. Nati attraverso il corpo sono improntati alla malattia o al benessere della sua natura, alla cattiveria o alla naturalezza del desiderio, allo stato e allo sviluppo della mente e al motivo sottostante nella vita, entrano in contatto. Tutto ciò consente di modificare il piano di base, dipendente dal diritto di scelta che l'uomo ha, di usare la propria mente come vuole. Così, consciamente o inconsciamente e con la retrocessione e la progressione ciclica, aiuta a portare avanti l'evoluzione di se stesso, dei suoi elementali e dei fantasmi che non sono mai stati uomini. Il primo canale e l'ultimo e l'unico è l'elementale umano. Di queste relazioni tra gli elementali e se stesso l'essere umano è generalmente incosciente, per i motivi per cui non sente i fantasmi della natura, i suoi sensi sono così in sintonia che raggiungono solo le superfici e non l'interno e l'essenza delle cose, e perché le partizioni separano il mondi umani ed elementali.

Tuttavia, gli uomini possono essere consapevoli delle relazioni con gli elementali. Alcune di queste relazioni appartengono al regno della magia. Questo è il nome dato all'operazione di piegare i processi naturali alla propria volontà. Questo lavoro alla fine ritorna all'interferenza con la natura esterna attraverso organi e sistemi del proprio elementale umano e del proprio corpo fisico. Nel raggio di tale magia ci sono la cura di malattie, la rottura e il trasporto e la composizione di enormi rocce in strutture, l'innalzamento in aria, la realizzazione di pietre preziose, la profezia di eventi futuri, la creazione di specchi magici, la localizzazione di tesori, il rendere se stessi invisibili e la pratica di magia nera e adorazione del diavolo. Sotto la testa della magia cade ulteriormente la scienza delle firme e dei sigilli, delle lettere e dei nomi, degli amuleti e dei talismani e di come arriva il loro potere di legare, trattenere e costringere gli elementali. Tutto ciò, tuttavia, rientra nei limiti della legge suprema del karma, che veglia anche sugli atti degli elementali nell'eseguire maledizioni e benedizioni. Altri esempi di magia fantasma sono: il legame degli elementali con oggetti inanimati e il comando di questi fantasmi per funzionare, e quindi fanno spazzare le scope, muovere le barche, andare i carri; la creazione di familiarità da parte degli alchimisti per il servizio personale e l'aiuto nei loro processi alchemici; l'uso della simpatia e dell'antipatia degli elementi, per la guarigione o il dispiacere.

Le relazioni con i fantasmi della natura esistono inoltre nei casi in cui non sono previste operazioni magiche e i fantasmi lavorano seguendo i desideri e le opportunità offerte dagli umani. Queste sono le azioni dei fantasmi che realizzano sogni, casi di incubi e succubi, di ossessione e di fantasmi di buona fortuna e di sfortuna. Naturalmente, i pericoli e le responsabilità derivano dall'accettazione del servizio e dei doni da parte dei fantasmi anche su un semplice desiderio, sebbene il rischio sia minore che nei casi di tenere il pensiero in "affermazione" o "negazione", e nella pratica della magia. Tali sono alcune delle possibili relazioni tra umani ed elementali. I fatti alla base delle leggende sull'associazione e l'unione sessuale fisica di umani ed elementali, portano al punto in cui i fantasmi che non erano mai stati uomini diventano uomini.

UNA VOLTA in più, gli avvenimenti in atto nell'intero universo si presentano sotto il funzionamento della natura e della mente. La natura è composta da quattro elementi. La mente non è degli elementi. Tutto fa parte della natura o della mente. Tutto ciò che non agisce con almeno un certo grado di intelligenza è la natura; tutto ciò che agisce con un certo grado di intelligenza è di mente. La natura è un riflesso della mente. In un altro senso, la natura è un'ombra della mente. (Vedere La Parola, Vol. 13, nn. 1, 2, 3, 4, 5.) La natura è involutiva, non evolutiva; la mente è evolutiva. Tutto ciò che in natura agisce a contatto con la mente, è evolutivo, cioè in costante evoluzione dal basso, in forme superiori. La materia viene così raffinata da uno stadio all'altro, fino a quando non è possibile illuminare la materia con la mente. Questo viene fatto prima dall'associazione della materia con la mente, quindi dall'incarnazione di una mente in una forma modellata su quella materia, a cui aveva associato per secoli durante le sue reincarnazioni. Con un tale corpo la mente dimora e lavora sulla natura. La natura coinvolge la forma e viene agita e sollevata dalla mente, tutto in un corpo umano. La mente fa questo lavoro attraverso un corpo umano. In esso funziona sulla natura, cioè sugli elementi, mentre la natura circola nello spazio e scorre nel tempo.

Il processo di circolazione degli elementi non può essere compreso se non si elimina l'idea di dimensione degli elementali. Grandi e piccoli sono relativi. Il piccolo può diventare grande, il grande piccolo. Ciò che da solo è permanente ed essenziale sono le unità definitive. Gli elementi dei quattro mondi che agiscono attraverso il lato manifestato della sfera terrestre si riversano sul corpo umano in un flusso costante, dal momento in cui quel corpo è concepito fino alla sua morte. Gli elementi entrano attraverso la luce solare che assorbe, l'aria che respira e i cibi liquidi e solidi. Questi elementi come elementali arrivano anche attraverso i vari sistemi nel suo corpo; il generativo, respiratorio, circolatorio e digestivo sono i canali principali in cui lavora su questi elementali. Vengono anche attraverso i sensi e attraverso tutti gli organi del suo corpo. Vanno e vengono. Mentre attraversano il corpo per un breve o lungo periodo, ricevono impressioni dalla mente. La mente non li impressiona direttamente, poiché non possono entrare direttamente in contatto con la mente. Sono colpiti dall'elementale umano. Piacere, eccitazione, dolore, ansia, influenzano l'elementale umano; che si collega con la mente; l'azione della mente ritorna all'elementale umano; e ciò impressiona gli elementali minori nel loro passaggio attraverso di esso. Gli elementali poi lasciano l'elementale umano e circolano in combinazione con altri elementali o solo attraverso i mondi terra, acqua, aria e fuoco, attraverso i regni minerale, vegetale e animale, di nuovo agli elementi sottili e di nuovo attraverso i regni, a volte legati nel cibo, a volte libero, come nell'aria o nella luce del sole, ma sempre in un flusso di natura che scorre sempre, fino a quando non tornano da un essere umano. Trasportano le impressioni degli umani lungo tutti i loro percorsi di circolazione attraverso gli elementi e attraverso i regni della natura e attraverso gli umani, tranne quello che ha dato loro l'impressione originale. Questa circolazione degli elementi continua nel corso dei secoli.

Il modo in cui circolano gli elementi è come elementale. La materia degli elementi prende forma come elementali. Le forme possono durare un momento o due o per secoli, ma alla fine vengono scomposte e dissipate. Tutto ciò che rimane è l'ultima unità; che non può essere spezzato, né sciolto, né affatto distrutto. La differenza tra l'unità ultima di un elementale e l'unità finale di un essere umano è quella di quella umana che ricostruisce la sua forma dal proprio seme, ma quella dell'elementale non lascia alcun seme dal quale possa essere ricostruita una forma. A un elementale deve essere data la sua forma. Ciò che persiste è l'ultima unità.

La circolazione poi degli elementi continua, in gran parte sotto forma di elementali. Queste forme si dissolvono dopo un po ', gli elementali vengono assorbiti nei loro elementi, senza lasciare un germe o addirittura una traccia di se stessi. Non ci potrebbero essere progressi, nessuna involuzione, nessuna evoluzione, se non fosse per un altro fattore. Qual è il collegamento tra le forme elementali? È l'ultima unità attorno alla quale si è formata la materia come elementale. (Vedere La Parola, Vol. 15, Living Forever, pagg. 15-19.)

L'ultima unità è il collegamento. È ciò che consente alla materia di essere raggruppata come forma attorno ad essa o al suo interno. Dimensioni e dimensioni devono essere eliminate dalla concezione di un'unità finale. Una volta che l'elemento prende forma e nasce un elementale del tipo più primitivo, simile all'elemento non formato e alla natura difficilmente distinguibile da esso, la materia si raggruppa attorno a un'unità ultima. L'unità finale rende possibile la forma e rimane dopo che la forma è stata sciolta e l'elemento è tornato nel suo stato informe e caotico. L'ultima unità viene cambiata da ciò che è passato. Non c'è traccia di identità nella materia in cui era costituito l'elementale. Né l'identità cosciente è stata risvegliata nell'unità finale. L'unità finale non può essere distrutta né dissipata, come lo era la forma dell'elementale. Dopo un po ', un'altra materia si raggruppa attorno ad essa come un'altra istanza di force-element in forma di elementale. Questa forma si dissipa dopo un po ', la materia sottile va ai suoi elementi; l'unità finale viene cambiata, e così viene segnato un altro stato del suo progresso. L'unità finale viene gradualmente e infinitamente modificata dai numerosi raggruppamenti di materia sottile che la circonda, cioè essendo l'unità ultima negli elementali. Viaggia attraverso il regno dei minerali, delle verdure, degli animali e dell'uomo e viene modificato man mano che avanza. Passa come elementale attraverso le forme elementali inferiori e infine raggiunge lo stato degli elementali che sono in linea per diventare umani. Vi è durante tutti questi cambiamenti, durante i quali, tuttavia, rimane un'unità ultima, qualcosa impressa su di essa che la guida. La forza motrice risiede nella sua stessa natura, risiede nell'aspetto attivo di essa, che è lo spirito. Il desiderio cosmico è l'energia esterna che influenza il lato interno, che è lo spirito. Questo spirito guida nell'unità finale è lo stesso che fa sì che ordini inferiori di elementali cerchino divertimento ed eccitazione giocando d'azzardo sui nervi umani. Lo stesso spirito di guida provoca infine insoddisfazione o confusione con questo divertimento e questo sport, e fa desiderare agli elementali qualcosa dell'altro, irraggiungibile, lato dell'uomo, lato immortale. Quando il vago desiderio di immortalità si risveglia nell'unità ultima, si incarna in un elementale delle classi migliori e questo desiderio lo mette in linea per diventare umano.

Il graduale cambiamento nella composizione degli elementali spiega il desiderio. Ai fantasmi nelle fasi basse sono date forme; non hanno forme proprie. Questi fantasmi sono vite. Hanno vita e ricevono forma. Sono mossi dall'impulso della natura, cioè dal desiderio cosmico, come rappresentato dall'elemento di cui sono. Attraverso la circolazione attraverso i corpi fisici dei quattro regni, le unità finali nei fantasmi passano dallo stadio primitivo a un livello superiore. Quando i fantasmi che circolano entrano in corpi animali toccano il desiderio e il desiderio viene gradualmente risvegliato in loro, e così nelle loro unità finali. Il desiderio è di diversi tipi in base all'oggetto del desiderio e alla natura della sensazione. Quando i fantasmi circolano attraverso una cornice umana, i desideri sono più accentuati, perché in un essere umano sono distintamente ondate di desideri più bassi e più alti che si riversano su di lui in cicli. I desideri degli uomini effettuano una classificazione dei fantasmi in ordini inferiori e migliori, migliori sono quelli che sono in linea per diventare uomini; i più bassi non sono ancora in linea, cercano solo sensazione e divertimento. I migliori sono in linea perché cercano non solo la sensazione, ma desiderano diventare immortali. Quelli in fila hanno un periodo di esistenza coincidente con la loro forma. Quando una fine viene messa nella sua forma, un elementale cessa di esistere. In ciò si vede una differenza da un essere umano. Perché quando la forma di un uomo viene dissipata alla morte, rimane qualcosa che ricostruisce da sé un altro corpo per se stesso e per la mente attraverso cui lavorare. L'elementale in linea per diventare un uomo desidera ottenere quel qualcosa, perché solo attraverso quel qualcosa può guadagnare l'immortalità.

Quindi l'unità finale avanza e arriva al punto in cui l'umano ordinario diventa sgradevole nei suoi confronti. Per gli umani comuni non è possibile fornire agli elementali se non sensazione e divertimento. Sono sport per elementali. Non possono mettere in contatto gli elementali con pensieri di responsabilità e immortalità, poiché gli umani normali non hanno tale pensiero, indipendentemente dalle loro professioni e convinzioni cieche. Tra gli elementali inferiori si deve quindi fare una netta distinzione tra gli elementali degli ordini inferiori e quelli dei più avanzati. Gli ordini bassi vogliono solo sensazione, sensazione costante. Gli ordini migliori desiderano ardentemente l'immortalità. Vogliono sensazioni, ma allo stesso tempo desiderano l'immortalità. Alcuni di questi sono quelli menzionati in precedenza nell'articolo sui figli degli umani e degli elementali. L'immortalità può essere ottenuta solo se l'elementale guadagna il diritto di esistere come elementale umano e così, attraverso il servizio alla mente, sarà col tempo illuminato da quella mente e sollevato dalle razze elementali per essere se stesso una mente. Infine, l'unità finale che è iniziata come un elementale di un ordine basso, un parente del caos, è progredita attraverso forme che le sono state date di volta in volta fino a quando non ha attraversato tutte le sfere e i regni, avanti e indietro e diventa un elementale che brama l'immortalità.

IN linea per diventare uomini, allora sono quei fantasmi in cui l'unità finale ha viaggiato gradualmente attraverso tutte le fasi della vita elementale fino a quello stadio in cui i fantasmi desiderano ardentemente l'immortalità. Il loro modo di vivere non è come quello degli umani, eppure non è così diverso da essere senza paragoni quanto a forme di governo, relazioni reciproche, attività.

Vivono in razze di fuoco, aria, acqua e terra elementali, all'interno della sfera terrestre. Le loro azioni, i loro metodi di vita, sono secondo certe forme di governo. Queste forme di governo non sono come quelle in cui vive l'uomo. Hanno un carattere superiore e sono gli aspiranti mortali che potrebbero apparire, potrebbero essere visti, i governi ideali. Gli uomini le cui menti sono state lungimiranti e abbastanza chiare da intravedere o conoscere questi governi, possono aver presentato nei loro scritti le loro impressioni. Questo potrebbe essere il caso della Repubblica di Platone, l'Utopia di Moore, la Città di Dio di Sant'Agostino.

Questi elementali hanno relazioni reciproche, più vicine o più distanti. Possono essere parenti amichevoli come padre e figlio, oppure padre e figlia, madre e figlio, madre e figlia, ma non sono nati. Questo, abbastanza frainteso e distorto, è la base dell'errata idea che i bambini dovrebbero appartenere allo stato e potrebbe essere il prodotto del libero amore dei genitori, con il consenso dello stato. Ma questo è inapplicabile agli affari umani e non è vero per gli elementali.

Le attività delle razze elementali riguardano gli affari in cui gli umani si impegnano, ma gli affari devono essere di tipo ideale e non di natura bramosa o impura. Gli elementali devono diventare umani e interessarsi alle questioni umane. Prendono parte a tutte le attività degli umani, prendono parte all'industria, all'agricoltura, alla meccanica, al commercio, alle cerimonie religiose, alle battaglie, al governo, alla vita familiare, dove le attività non sono sordide né sporche. Tali sono il loro governo, i loro rapporti e le loro attività.

Nell'attuale era la massa dell'umanità esiste da milioni di anni come esseri umani. Le menti si incarnano, o semplicemente si mettono in contatto di tanto in tanto con elementali umani, che hanno sviluppato ciascuno da un germe di personalità al momento del concepimento. Ognuna di queste menti, in generale, è stata associata al suo elementale umano per secoli. Le occorrenze menzionate nel capitolo su Children of Humans and Elementals sono ora insolite. Il tempo presente non è il tempo in cui gli elementali diventano elementali umani e quindi entrano in stretto contatto con una mente.

Ci sono stagioni per tutte le cose. La stagione in cui gli elementali entrano nel regno umano è passata. Verrà un altro periodo. Al momento il tempo non è ragionevole. Un confronto può essere fatto con una classe a scuola. C'è il termine scolastico; c'è un inizio del termine, in quel momento gli alunni vengono iscritti, dopo che la classe è stata completata non entrano nuovi alunni; la classe completa il suo mandato, quelli che hanno finito di passare, quelli che non hanno compiuto i loro compiti rimangono e iniziano un nuovo mandato, e i nuovi alunni trovano la loro strada per riempire la classe. È lo stesso con gli elementali che si fanno strada nel regno umano. Ci sono stagioni in cui arrivano in massa. Tra le stagioni vengono accolte solo quelle che portano individui speciali. La massa dell'umanità si è formata ed è entrata nella casa scolastica del mondo secoli fa.

Le maniere in cui gli elementali delle classi migliori, coloro che sono in fila per entrare nell'umanità diventano umani, variano. Un modo è stato mostrato sopra. Quella condizione di uomo e donna che al momento li renderebbe attraenti per uno di questi elementali, e che è così rara, era la condizione comune degli umani ai tempi del lontano passato in cui c'era una stagione per l'ingresso degli elementali. Da quel precedente stato di eccellenza l'umanità è degenerata. Non ha tenuto il punto di anticipo raggiunto. È vero, sembra che l'uomo sia passato dalla barbarie alla sua attuale civiltà, dall'età della pietra all'età dell'elettricità. Ma l'età della pietra non era l'inizio. Era una delle fasi basse dell'ascesa e della caduta cicliche.

Ci sono diversi motivi per cui gli elementali non possono attualmente entrare. Uno è che gli uomini e le donne di oggi non possono produrre le cellule fisiche per far entrare gli elementali; vale a dire, cellule in cui è attiva l'energia umana positiva e l'energia negativa dall'elementale potrebbe agire, o cellule in cui l'agente umano negativo è attivo e la forza elementale positiva potrebbe agire. Tra le ragioni, un'altra è che due mondi, l'essere umano e l'elementale, sono ciascuno circoscritto e separato da muri, che sono attualmente impenetrabili. I sensi degli umani sono come partizioni che separano il mondo fisico da quello astrale e psichico. Gli elementali al momento non percepiscono le cose fisiche e gli umani non percepiscono le cose astrali e psichiche. Gli elementali vedono il lato astrale dell'uomo fisico ma non vedono il suo lato fisico. L'uomo vede il lato fisico degli elementali, ma non il lato astrale o veramente elementale. Quindi l'uomo vede l'oro ma non il fantasma dell'oro, vede una rosa ma non la fata della rosa, vede il corpo umano ma non l'elementale del corpo umano. In questo modo i sensi sono partizioni che separano i due mondi. L'umano ha la sua spartizione contro l'elementale, l'elementale la sua parete contro l'invasione dell'umano. In tali condizioni gli esseri umani sono separati dagli elementali nei momenti che non sono ragionevoli.

Sebbene gli elementali al momento non entrino, poiché ora è inopportuno, il principio del loro ingresso rimane lo stesso. Pertanto, anche in tempi recenti, possono essersi verificati casi eccezionali di problemi da parte di elementali e umani, nei quali si sono incarnate le menti del problema.

Quando era la stagione per l'ingresso di masse di elementali, l'umanità guardava la vita in modo diverso rispetto a oggi. A quei tempi gli umani erano eccellenti nel corpo e più liberi nella mente. Erano fisicamente idonei a portare elementali nel regno umano, poiché i loro corpi non erano allora afflitti dai mali e dalle infermità dell'uomo moderno. Gli umani potevano vedere gli elementali. La barriera tra i due mondi non è stata rigorosamente mantenuta. Gli elementali in linea per diventare umani furono attratti e cercarono gli umani per associazione e unione e vivevano con i loro partner umani. Da questi sindacati sono nati i discendenti.

Questi discendenti erano di due tipi. Ognuno aveva corpi fisici. Un tipo aveva la mente e l'altro era senza mente. I tipi senza mente erano gli ex elementali che, attraverso l'associazione con un essere umano e una parentela, acquisivano una personalità e alla morte avevano lasciato un germe di personalità. Il germe della personalità è stato guidato dagli agenti della legge, ai nuovi genitori, e quindi questo germe della personalità ha unito l'unione di questi genitori e quindi è stato il bambino. Non era nel bambino, era il bambino, la personalità del bambino. Qui sta la distinzione tra una mente che si incarna. La personalità sviluppò i poteri che aveva avuto come elementali e allo stesso tempo prese parte alle caratteristiche del corpo fisico, e ebbe attività mentali indotte dall'azione delle menti al riguardo. Ma non aveva idea. In questa condizione rispondeva all'atmosfera mentale della mente della comunità con la stessa prontezza che gli istinti spinti dalla natura. Non era disturbato dalla ragione né dalle perturbazioni mentali. Alla pubertà dell'elementale una mente potrebbe incarnarsi in essa.

Il primo tipo di problema aveva in mente. La mente aveva un germe di personalità e le fece legare l'unione tra umano ed elementale. È stato seguito il corso della riproduzione, come si ottiene oggi. La mente alla o dopo la nascita del corpo si incarna in esso.

Gli elementali delle classi migliori, che per primi si erano associati e successivamente uniti a un essere umano e divennero i genitori della prole umana, furono in una generazione successiva incarnata nella prole di una simile parentela. Avevano corpi umani puliti, forti, sani, che possedevano freschezza e poteri elementali della natura, come la chiaroveggenza, la capacità di volare in aria o di vivere sott'acqua. Avevano il controllo degli elementi e potevano fare cose che oggi sembrano incredibili. Le menti che si sono incarnate in questi corpi erano pulite, chiare, schiette e vigorose. L'elementale rispose prontamente alla guida della mente, il suo maestro divino, per il quale aveva desiderato da secoli. Molti uomini e donne di oggi provengono da questo lignaggio. Quando sono pensati nella loro attuale immundicità, viscosità, debolezza, innaturale, ipocrisia, questa affermazione della loro brillante origine sembra troppo stravagante per credere. Tuttavia, sono discesi e degenerati da quel precedente stato elevato.

Tale era per molte persone sulla terra oggi l'inizio della relazione tra mente e corpo elementale, la relazione diretta e intima della mente con una parte della natura rappresentata in un corpo umano. La mente aveva il potere in quel momento di fare come voleva, di mantenere l'elementale umano fino all'alto ordine elementale da cui era derivato, e di progredire se stesso nel corso del proprio sviluppo e completare le proprie incarnazioni nella conoscenza e saggezza. Aveva il potere di fare tutto ciò sia per l'elementale che per se stesso. Ma a due condizioni. Vale a dire, che faceva sì che l'elementale facesse ciò che, la mente, all'epoca sapeva che avrebbe dovuto essere fatto, e inoltre che non doveva essere troppo preso in considerazione né prestare un'indebita attenzione ai sensi e alle sensazioni, che gli elementali offrivano. Alcune menti hanno usato il loro potere. Essi stessi finirono il loro mandato e divennero menti perfette, e i loro elementali furono da loro sollevati e in realtà sono menti. Ma milioni di umanità sulla terra oggi non hanno seguito quel corso. Trascuravano di fare ciò che sapevano essere il migliore; lasciarono il posto al fascino dei sensi che i poteri elementali ed elementali offrivano. Esercitavano i poteri degli elementali e si dilettavano nei sensi. Hanno usato i poteri elementali per gratificare le delizie sensuali. Le menti guardavano fuori dai loro cerchi di luce, nel mondo elementale, e seguivano dove guardavano. Le menti avrebbero dovuto essere le guide degli elementali, ma seguirono dove gli elementali conducevano. Gli elementali, non avendo la mente, potevano ricondurre nella natura solo attraverso i sensi.

La mente avrebbe dovuto essere un genitore di un bambino, avrebbe dovuto guidare, addestrare, disciplinare l'elementale, in modo che avrebbe preso la proprietà della mente, maturata in una mente. Invece, la mente si è infatuata del suo rione e si è divertita a lasciare il posto alla gioia e agli scherzi del rione elementale. L'elementale rimase non allenato. Naturalmente voleva essere guidato, controllato, disciplinato e formato, sebbene non sapesse come farlo, non più di quanto un bambino sappia cosa dovrebbe imparare. Quando la mente non riuscì a governare e cedette agli impulsi naturali, agli impulsi della natura insensata, l'elementale sentiva di non avere padrone e, come un bambino petulante e viziato, si oppose alla moderazione e cercò di dominare la mente e succeded. Da allora ha dominato la mente.

Il risultato oggi è che molte delle menti sono nella condizione di genitori che sono controllati dai loro figli viziati, petulanti e appassionati. Ai desideri naturali è stato permesso di diventare vizi. Gli umani desiderano cambiamenti fisici, eccitazione, divertimento, possesso, fama e potere. Per ottenerli opprimono, imbrogliano e corrompono. Dispensano di virtù, giustizia, autocontrollo e rispetto per gli altri. Si nascondono nell'ipocrisia e nell'inganno. Sono circondati dall'oscurità, vivono nell'ignoranza e la luce della mente è chiusa. In tal modo si procurano i loro innumerevoli problemi. Hanno perso la fiducia in se stessi e negli altri. Il desiderio e la paura li spingono avanti. Tuttavia, la mente rimane la mente. A qualunque profondità possa affondare, non può essere perso. C'è un risveglio di alcune menti, e molti ora fanno sforzi per controllare ciò che si definiscono, ma che è l'elementale umano. Se persistono, col tempo porteranno l'elementale fuori dal suo stato attuale e lo illumineranno con la mente. Quindi i fantasmi desiderosi di diventare umani, e in associazione con una mente sono diventati elementali umani, sono discesi dai loro mondi luminosi e sono sprofondati nelle basse condizioni dell'umanità ordinaria.

L'uomo ha un dovere verso questi elementali e un dovere verso se stesso. Il dovere verso se stesso è disciplinare la mente, riportarla al suo alto stato e accrescerne la conoscenza, e usare quella conoscenza per essere giusti e fare la cosa giusta. L'uomo deve all'elementale frenare le sue esplosioni e addestrarlo affinché crescerà per diventare una mente.

(Continua.)