La fondazione di parole

Il velo di Iside si estende in tutti i mondi. Nel nostro mondo è il capo visibile dell'anima e rappresentato dai due esseri di sesso opposto.

—Lo zodiaco.

IL

PAROLA

Vol 6 OTTOBRE, 1907. No. 1

Copyright, 1907, di HW PERCIVAL.

IL VELO DI ISIS.

Si dice che l'ISIS fosse una sorella-moglie-madre vergine. È stata chiamata la regina del cielo, la portatrice di vita, la madre di tutto ciò che vive e la donatrice e restauratrice di forme.

Iside era conosciuta con molti altri nomi e universalmente venerata dall'umanità dei primi periodi in tutto il paese d'Egitto. Tutti i gradi e le classi erano simili ai fedeli di Iside. Lo schiavo sotto la sferza, la cui rete di vita fu stancamente strappata dal suo duro lavoro quotidiano sulle pietre della piramide; la bellezza viziata, la cui vita era un vorticoso sogno di piacere tra musica soft e fiori profumati, inondata di profumi e sventolata con aria delicatamente incensata, il cui ogni senso era stimolato dalle arti e dall'ingenuità della razza e si abbandonava ai prodotti di secoli di pensiero e sforzo; l'astronomo-mago che dal suo posto nella piramide osservava il movimento dei viaggiatori celesti, misurava la velocità e l'arco del viaggio, calcolava da esso il tempo della loro apparizione nello spazio nel corso della loro storia e quindi conosceva la loro origine, natura e fine: tutti allo stesso modo erano adoratori di Iside, ma ciascuno secondo la sua classe, il suo genere e dal suo piano di conoscenza.

Lo schiavo che era stato spinto all'azione con la forza non poteva vedere la "gentile madre di misericordia", quindi adorava un oggetto che poteva vedere e che si diceva fosse sacro per lei: un'immagine scolpita della pietra, a cui avrebbe riversato fuori l'amarezza della sua anima e pregare per la liberazione dai legami del taskmaster. Rimossa dalla fatica e dalle difficoltà, ma conoscendo Iside non meglio dello schiavo del dolore, la bellezza, una schiava del piacere, fece appello all'Iside invisibile attraverso i simboli di fiori e templi e supplicò che Iside continuasse la generosità di cui godeva il supplicante. Nel movimento dei corpi celesti, l'astronomo-mago avrebbe visto le leggi e il corso dei soli. In questi avrebbe letto la legge e la storia della creazione, della conservazione e della distruzione: li avrebbe collegati ai pensieri e agli impulsi dell'umanità e avrebbe letto il destino delle dinastie come decretato dalle opere degli uomini. Percependo l'armonia attraverso l'azione disarmonica, la legge nella confusione e la realtà dietro l'apparenza, l'astronomo-mago rese note le leggi di Iside ai governatori della terra, che a loro volta obbedirono a quelle leggi in base alla loro natura e intelligenza. Vedendo l'azione inalterabile della legge e l'armonia attraverso tutte le forme esistenti, l'astronomo-mago riveriva la legge, agiva in accordo con essa e peggiorava l'unica realtà nelle forme prodotte dall'iside sempre invisibile.

Gli schiavi del dolore e del piacere conoscevano Iside solo per mezzo della forma e dei sensi; il saggio conosceva Iside come il continuo produttore e sostenitore di tutte le cose.

L'umanità è cambiata poco dai tempi dell'antica Khem. I suoi desideri, ambizioni e aspirazioni sono diversi solo per grado, non per natura. I principi della conoscenza sono gli stessi di un tempo. I metodi e le forme da soli sono cambiati. Le anime che hanno preso parte alla vita egiziana potrebbero di nuovo entrare nell'arena nei tempi moderni. Iside non morì in Egitto anche se non era nata lì. Il culto esiste oggi come allora.

Il minatore che striscia nelle viscere della terra prega l'immagine di Maria per liberarlo dalle catene della fatica. Il fantasma inseguitore del piacere prega per una continuazione del piacere. Il saggio vede la legge e l'ordine attraverso apparente ingiustizia e confusione e lavora in armonia con l'unica realtà che impara a percepire attraverso tutte le apparenze. Oggi Iside è reale come ai tempi di Khem. Oggi Iside è venerata dai suoi elettori come un idolo, un ideale o il reale, come era allora. Il nome e la forma delle religioni sono cambiati, ma il culto e la religione sono gli stessi. Le persone vedono e adorano Iside in base alla loro natura, personaggi e gradi di sviluppo. Poiché il culto di Iside era secondo l'intelligenza del popolo egiziano, così è ora secondo l'intelligenza del popolo della nostra epoca. Ma anche prima dell'ascesa della nostra civiltà a un punto corrispondente alla gloria e alla saggezza dell'Egitto, il nostro popolo sta diventando degenerato nel culto di Iside come lo erano gli egiziani nella decadenza dell'Egitto. Oltre al glamour dei sensi, il potere del denaro, la politica e il sacerdozio stanno nascondendo alla gente la conoscenza di Iside oggi come ai giorni dell'Egitto.

Colui che vorrebbe conoscere Iside deve oltrepassare il velo nei regni dell'Immacolata Iside; ma per tutti i mortali Iside è conosciuta solo come è, pesantemente drappeggiata e densamente velata.

Ma chi è Iside e qual è il suo velo? Il mito del velo di Iside può spiegare. La storia scorre così:

Iside, la nostra madre immacolata, la natura, lo spazio, tesseva il suo bellissimo velo che attraverso di esso tutte le cose potevano essere chiamate all'esistenza e essere date all'essere. Iside iniziò a tessere nei suoi mondi immateriali e mentre tesseva gettava la trama del suo velo, più delicata della luce solare, sulle divinità. Continuando attraverso i mondi più pesanti, il velo è stato tessuto di conseguenza fino a quando non ha raggiunto e avvolto i mortali e il nostro mondo.

Quindi tutti gli esseri guardarono e videro dalla parte del velo in cui si trovavano, la bellezza di Iside attraverso la trama del suo velo. Poi furono trovati nel velo l'amore e l'immortalità, la coppia eterna e inseparabile, a cui gli dei più alti si inchinano in adorazione riverente.

I mortali hanno quindi cercato di mettere in forma queste presenze eterne che potevano mantenere e sentirle nel velo. Ciò ha causato la divisione del velo; da un lato uomo, dall'altro donna. Al posto dell'amore e dell'immortalità, il velo ha scoperto ai mortali la presenza dell'ignoranza e della morte.

Quindi l'ignoranza ha gettato una nuvola scura e stupefacente sul velo che i mortali non calati potrebbero non violare l'amore con il loro sforzo di avvolgerlo nel velo. Anche la morte ha aggiunto paura all'oscurità, che l'ignoranza aveva portato, in modo che i mortali non potessero comportare a se stessi un infinito guaio nel tentativo di delineare l'immortalità nelle pieghe del velo. L'amore e l'immortalità, quindi, ora sono nascosti ai mortali dall'ignoranza e dalla morte. L'ignoranza oscura la visione e la morte aggiunge paura, che impedisce il ritrovamento dell'amore e dell'immortalità. E mortale, temendo che potesse essere completamente perso, abbracci e si aggrappa più vicino al velo e grida debolmente nell'oscurità per rassicurarsi.

Iside si trova ancora nel suo velo in attesa che la visione dei suoi figli sia abbastanza forte da perforarla e vedere la sua bellezza incontaminata. L'amore è ancora presente per purificare e purificare la mente dalle sue macchie e ferite scure di egoismo e avidità, e per mostrare la compagnia con tutto ciò che vive. L'immortalità è per lui il cui sguardo non si ferma all'interno, ma che guarda costantemente attraverso il velo di Iside e oltre. Quindi, trovando l'amore che sente simile a tutti, diventa un difensore, uno sponsor e il salvatore o fratello maggiore di Iside e di tutti i suoi figli.

Iside, pura e incontaminata, è una sostanza primordiale omogenea in uno spazio infinito e sconfinato. Il sesso è il velo di Iside che dà visibilità alla materia sebbene offuschi la visione degli esseri. Dai pensieri e dalle azioni degli uomini e degli esseri di mondi logori, che Iside (natura, sostanza, spazio) ha mantenuto impresso in sé, il nostro mondo è stato riprodotto secondo la legge di causa ed effetto. Così madre Iside iniziò i suoi movimenti nel suo regno invisibile e lentamente si realizzò tutto ciò che aveva preso parte alle evoluzioni passate; così il nostro mondo è stato formato dall'invisibile mentre una nuvola viene estratta dal cielo senza nuvole. All'inizio gli esseri del mondo erano leggeri e ariosi; gradualmente si condensarono nei loro corpi e forme fino a quando non sono finalmente come ci troviamo oggi. In quei primi tempi, tuttavia, gli dei camminavano sulla terra con gli uomini e gli uomini erano persino come gli dei. Non conoscevano il sesso come facciamo ora, perché non erano così profondamente invischiati nel velo, ma gradualmente ne divennero consapevoli man mano che le forze si condensavano e diventavano più turbolente. La visione degli esseri che non appartenevano a nessuno dei due sessi era meno offuscata della nostra; potevano vedere lo scopo della legge e lavorare secondo essa; ma poiché la loro attenzione era sempre più attirata dalle cose del mondo, e in conformità con la legge naturale, la loro vista si chiudeva al mondo interiore dello spirito e si apriva più completamente al mondo esterno della materia; si sono sviluppati in sesso e sono diventati gli esseri ordinari che siamo oggi.

Nell'antichità i nostri corpi venivano prodotti dalla volontà operando attraverso la legge naturale. Oggi i nostri corpi sono generati dal desiderio e molto spesso nascono contro i desideri di coloro che li generano. Rimaniamo nei nostri corpi all'estremità inferiore dell'arco involutivo e all'arco ascendente del ciclo evolutivo. Oggi possiamo iniziare la salita, dalle pieghe più grossolane e più pesanti alle ciocche più sottili e sottili del velo di Iside, e persino perforare del tutto il velo, sollevarci sopra e guardare Iside stessa invece delle miriadi di forme che noi concepirla come se fosse, interpretandola dal velo.

Secondo le leggi in base alle quali il nostro mondo è governato, tutti gli esseri che vengono nel mondo lo fanno sanzionando Iside. Tesse per loro il velo che devono indossare durante il loro soggiorno qui. Il velo di Iside, il sesso, viene strappato e tessuto dai destini, che gli antichi chiamavano le Figlie della Necessità.

Il velo di Iside si estende in tutti i mondi, ma nel nostro mondo è rappresentato dai due esseri di sesso opposto. Il sesso è il telaio invisibile su cui sono intessute le vesti che gli esseri senza forma indossano per entrare nel fisico e prendere parte agli affari della vita. È attraverso l'azione degli opposti, dello spirito e della materia come l'ordito e la trama, che il velo diventa gradualmente il capo visibile dell'anima; ma l'ordito e la trama sono come gli strumenti e il materiale che vengono costantemente cambiati e preparati dall'azione della mente sul desiderio. Il pensiero è il risultato dell'azione della mente sul desiderio e attraverso il pensiero (♐︎) la materia-spirito della vita (♌︎) è diretta nella forma (♍︎).

Le anime prendono il velo di Iside perché senza di essa non possono completare il ciclo del loro viaggio attraverso i mondi delle forme; ma avendo preso il velo, diventano così invischiati nelle sue pieghe che non possono vedere come lo scopo della sua tessitura, nient'altro che i piaceri sociali o sensuali che dà.

L'anima stessa non ha sesso; ma quando indossa il velo sembra fare sesso. Un lato del velo appare come uomo, l'altro lato come donna e l'interazione reciproca e il giro del velo evocano tutti i poteri che lo attraversano. Quindi viene creato e sviluppato il sentimento del velo.

Il sentimento del sesso è la gamma delle emozioni umane che si estende attraverso ogni fase della vita umana, da quella del modesto selvaggio, all'emozione di un mistico, e attraverso tutte le fantasie poetiche presenti nella cultura umana. Il sentimento e la morale del velo di Iside sono esposti allo stesso modo dal selvaggio che compra le sue mogli o ne aumenta il numero con il diritto di cattura; da atti cavallereschi; dalla convinzione che ogni sesso è stato creato per l'altro da Dio; e da coloro che interpretano lo scopo del sesso secondo ogni tipo di nozione fantastica. Tutti uguali sono sentimenti che aumentano il valore o l'attrattiva di ciascun sesso verso l'altro. Ma il sentimento che sembra essere più gradito a molti portatori del velo è la nozione della dottrina dell'anima gemella, presentata sotto molte forme secondo la natura e il desiderio del credente. In poche parole, è che quell'uomo o la donna sono solo mezzo essere. Per completare e perfezionare l'essere, l'altra metà è necessaria e si trova in uno del sesso opposto. Che queste due metà sono fatte esclusivamente ed espressamente l'una per l'altra, e devono vagare attraverso i cicli del tempo fino a quando si incontreranno e si uniranno e formeranno così un essere perfetto. Il problema è, tuttavia, che questa fantastica nozione viene utilizzata come scusa per ignorare il codice morale e i doveri naturali stabiliti.

La convinzione dell'anima gemella è uno dei maggiori ostacoli al progresso dell'anima e l'argomento per l'emozione dell'anima gemella si distrugge se visto con calma alla luce della ragione da chi non ha trovato l'affinità della sua anima o l'altra metà e chi non lo è soffrire troppo acutamente per la puntura del serpente del sesso.

La parola sesso ha mille significati diversi per quanti lo ascoltano. A ciascuno fa appello in base all'eredità del suo corpo, della sua educazione e della sua mente. Per uno significa tutto ciò che la lussuria del corpo e il desiderio animale implicherebbero, per un altro un sentimento più raffinato di simpatia e amore come mostrato dalla devozione di marito e moglie e nelle responsabilità della vita.

L'idea del sesso viene portata nella sfera della religione, dove il devoto pensa a un Dio onnipresente, onnisciente e onnipotente — vale a dire, come padre e creatore di tutte le cose — e una madre amorevole di misericordia, che è supplicata dal devoto intercedere per lui con Dio, il Padre o il Figlio. Quindi l'idea del sesso è concepita dalla mente umana, non solo come regola su questa terra grossolana, ma come estensione attraverso tutti i mondi e persino prevalente in cielo, il luogo incorruttibile. Ma se si concepisce il sesso nel suo senso più basso o più alto, questo velo di Iside deve sempre velare gli occhi mortali. Gli esseri umani interpreteranno sempre ciò che si trova oltre il velo dal lato del velo su cui guardano.

Non c'è da meravigliarsi che la mente umana sia così colpita dal pensiero del sesso. Ci sono voluti lunghi secoli per plasmare la materia nelle sue forme attuali e la mente che ha avuto a che fare con i vari cambiamenti delle forme della materia deve essere necessariamente colpita da esse.

E così il sesso, il velo di Iside, è stato gradualmente tessuto intorno e intorno e attraverso tutte le forme, e il desiderio del sesso nella forma ha prevalso e prevale ancora. Quando la mente si incarnò maggiormente nel sesso, la sua visione divenne colorata dal velo. Ha visto se stesso e gli altri attraverso il velo, e tutto il pensiero della mente è fermo e sarà colorato dal velo fino a quando chi lo indossa imparerà a discriminare tra chi lo indossa e il velo.

Quindi tutto ciò che serve per rendere l'uomo uomo, è avvolto dal velo di Iside.

I veli sono usati per molti scopi e di solito sono associati alla donna. La natura è definita femminile, e nella forma e nell'azione rappresentate da una donna. La natura intreccia sempre veli su se stessa. Dalle donne i veli sono usati come veli di bellezza, veli da sposa, veli da lutto e per proteggerli da forti venti e polvere. La natura e la donna proteggono, nascondono e si rendono attraenti con l'uso dei veli.

La storia della tessitura e dell'uso del velo di Iside ai giorni nostri, così come la profezia del suo futuro, è descritta e suggerita nella vita di un essere umano dalla nascita all'intelletto maturo e alla vecchiaia. Alla nascita il bambino è curato dal genitore; non ha pensiero né cura. Il suo corpicino morbido e flaccido prende lentamente forma più definita. La sua carne diventa più soda, le sue ossa più forti e impara gli usi dei suoi sensi e dei suoi arti; non ha ancora imparato l'uso e lo scopo del suo sesso, il velo in cui è avvolto. Questo stato rappresenta le prime forme di vita; gli esseri di quel periodo non avevano pensato al velo di Iside, sebbene vivessero nelle sue pieghe. I loro corpi erano esuberanti con la vita, rispondevano e agivano con gli elementi e le forze in modo naturale e gioioso come i bambini ridono e giocano alla luce del sole. L'infanzia non ha pensato al velo che indossa, ma di cui non è ancora cosciente. Questa è l'età d'oro dei bambini come era dell'umanità. Più tardi il bambino va a scuola e si prepara per il suo lavoro nel mondo; il suo corpo cresce e si sviluppa in giovinezza, fino a quando i suoi occhi non vengono aperti - e vede e diventa consapevole del velo di Iside. Quindi il mondo cambia per questo. La luce del sole perde la sua tonalità rosea, le ombre sembrano cadere su tutte le cose, le nuvole si raccolgono dove nessuna è stata vista prima, un'oscurità sembra avvolgere la terra. I giovani hanno scoperto il loro sesso e sembra mal adattato a chi lo indossa. Ciò è dovuto al fatto che un nuovo afflusso della mente è entrato in quella forma ed è incarnato nei suoi sensi, che sono come i rami dell'albero della conoscenza.

Il vecchio mito di Adamo ed Eva nel giardino dell'Eden e la loro esperienza con il serpente è di nuovo passato e l'amarezza della "caduta dell'uomo" è ancora una volta vissuta. Ma il senso del cosiddetto peccato diventa un senso di piacere; la nuvola di oscurità che sembrava avvolgere il mondo presto lascia il posto a tinte e tonalità arcobaleno dai vari colori. Appare il sentimento del velo; i grigi timori si trasformano in canzoni d'amore; i versi sono letti; la poesia è composta dal mistero del velo. Il velo è accettato e indossato - come un mantello volgare di vizio, una vistosa veste di sentimento, la veste intenzionale del dovere.

L'infanzia della razza è maturata nella prima virilità della responsabilità in cui la razza è esistita da allora. Sebbene spesso impulsivamente, gradualmente e senza pensare, tuttavia, le responsabilità del velo sono assunte. La maggior parte dell'umanità oggi è come uomini-bambini e donne-bambini. Vengono nel mondo, vivono, si sposano e attraversano la vita senza conoscere la causa della loro venuta né della loro andatura, né lo scopo della loro permanenza; la vita è un giardino di piacere, una sala del vizio o un seminario per giovani in cui imparano un po 'e si divertono senza pensarci troppo per il futuro, tutto secondo la loro inclinazione e ambiente. Ma ci sono membri della famiglia umana che vedono una realtà più severa nella vita. Sentono una responsabilità, comprendono uno scopo e si sforzano di vederlo più chiaramente e di lavorare in accordo con esso.

L'uomo, dopo aver vissuto la prima vampata della sua virilità, avendo assunto le cure e le responsabilità della vita familiare, essendosi impegnato nel suo lavoro e aver preso parte agli affari pubblici, avendo reso servizio al suo stato quando lo desiderava, si sente a ultimo che c'è uno scopo misterioso che attraversa e all'interno del velo che indossa. Può spesso tentare di intravedere la presenza e il mistero che sente. Con l'aumentare dell'età, l'intelletto diventerà più forte e la visione più chiara, a condizione che i fuochi continuino a dormire nel velo e non si siano bruciati, e a condizione che questi incendi non brucino, facendo salire il fumo e annebbiare la visione e soffocare la mente.

Mentre i fuochi della lussuria vengono controllati e il velo rimane intatto, i suoi tessuti vengono purificati e purificati dall'azione della mente che contempla il mondo ideale. La mente non è quindi limitata dal velo. Il suo pensiero è libero dall'ordito e dalla trama del velo e impara a contemplare le cose così come sono piuttosto che come forma data e tendenza dal velo. Quindi la vecchiaia può maturare in saggezza invece di passare in senilità. Quindi, quando l'intelletto diventa più forte e la divinità più evidente, il tessuto del velo può essere così consumato che può essere messo da parte coscientemente. Quando con un'altra nascita il velo viene ripreso, la visione può essere abbastanza forte e potere abbastanza grande nella prima infanzia, da usare le forze trattenute nel velo per lo scopo a cui sono in definitiva destinate e la morte può essere superata.

Il velo di Iside, il sesso, porta ai mortali tutta la loro miseria, sofferenza e disperazione. Attraverso il velo di Iside nascono nascita, malattia e morte. Il velo di Iside ci mantiene nell'ignoranza, genera invidia, odio, rancore e paura. Con l'uso del velo arrivano feroce desiderio, fantasie, ipocrisia, inganno e ambizioni di volontà.

Dovrebbe quindi essere negato, rinunciato o soppresso il sesso per strappare il velo che ci allontana dal mondo della conoscenza? Negare, rinunciare o reprimere il proprio sesso è eliminare il mezzo stesso per crescere da esso. Il fatto che siamo portatori del velo dovrebbe impedirci di negarlo; rinunciare al sesso sarebbe un rifiuto dei propri doveri e responsabilità, sopprimere il proprio sesso è tentare una bugia e distruggere i mezzi per apprendere la saggezza dalle lezioni che insegnano i doveri e le responsabilità del sesso e per comprendere le forme che Iside mostra noi come immagini sul suo velo e come lezioni di oggetti della vita.

Riconosci l'uso del velo, ma non renderlo oggetto della vita. Assumi le responsabilità del velo, ma non rimanere impigliato nelle sue maglie in modo da perdere di vista lo scopo e diventare intossicato dalla poesia del velo. Esegui i doveri del velo, con il velo come strumento d'azione, ma non attaccato allo strumento e al risultato dell'azione. Il velo non può essere strappato via, deve essere portato via. Guardandolo costantemente attraverso esso svanisce e permette l'unione del conoscente con il noto.

Il velo protegge e chiude dalla mente le influenze e le entità umane che sarebbero molto dannose nella sua attuale ignoranza dei poteri del velo. Il velo del sesso impedisce alla mente di vedere ed entrare in contatto con i poteri e le entità invisibili che sciamano intorno a lui e che, come gli uccelli della notte, sono attratti dalla luce che la sua mente getta nei loro regni. Il velo del sesso è anche un centro e un parco giochi per le forze della natura. Attraverso di essa si procede alla circolazione dei gradi della materia attraverso i diversi regni. Con il velo del sesso, l'anima può entrare nei regni della natura, osservare le sue operazioni, conoscere i processi di trasformazione e trasmutazione da regno in regno.

Ci sono sette fasi nello sviluppo dell'umanità attraverso il velo di Iside. Quattro sono stati superati, siamo nel quinto e due devono ancora venire. Le sette fasi sono: innocenza, iniziazione, selezione, crocifissione, trasmutazione, purificazione e perfezione. Attraverso queste sette fasi, devono passare tutte le anime che non hanno ottenuto il rilascio dal ciclo delle reincarnazioni. Questi sono i sette stadi che hanno a che fare con i mondi manifestati, segnano l'involuzione delle anime nella materia per acquisire esperienza, superare, istruire e ottenere la libertà dalla materia nel completamento del loro viaggio evolutivo.

Per coloro che hanno familiarità con il significato dei segni dello zodiaco, sarà di aiuto nel comprendere gli stadi o i gradi menzionati, sapere come i sette devono essere applicati e compresi dallo zodiaco, e anche sapere quali segni devono essere quelli a cui si applica il velo di Iside. Nel la figura 7, lo zodiaco è mostrato con i suoi dodici segni nel loro ordine abituale. Il velo di Iside inizia al segno dei gemelli (♊︎) nel mondo non manifestato e si estende verso il basso dal suo regno immateriale attraverso il primo segno del mondo manifestato, il cancro (♋︎), il respiro, il primo manifestato attraverso il mondo spirituale, attraverso il materia spirituale del segno leo, (♌︎), vita. Diventando più grossolano e più pesante nella sua discesa attraverso il mondo astrale, rappresentato dal segno della Vergine (♍︎), forma, raggiunge finalmente il suo punto più basso nel segno Bilancia (♎︎), il sesso. Quindi ruota verso l'alto sul suo arco evolutivo, corrispondente alla sua curva discendente, attraverso il segno dello scorpione (♏︎), desiderio; sagittario (♐︎), pensiero; capricorno (♑︎), individualità; c'è la fine di ogni sforzo personale e dovere individuale. Passando di nuovo nel non manifestato, termina nella stessa fase, ma all'estremità opposta del piano da cui è iniziato nel segno acquario (♒︎), anima.

♈︎ ♉︎ ♊︎ ♋︎ ♌︎ ♍︎ ♎︎ ♏︎ ♐︎ ♑︎ ♒︎ ♓︎
FIGURA 7.

Il velo di Iside è drappeggiato su mondi alti, spirituali, umili e sensuali. Inizia nel segno dei gemelli (♊︎), sostanza, elemento primordiale omogeneo, lì saldamente fissato, e passa verso il basso nella sua spazzata. Iside sul suo piano superiore non può vedere nessun occhio mortale, poiché gli occhi mortali non possono mai trafiggere il regno oltre il manifestato; ma quando un'anima ha attraversato tutti e sette gli stadi, allora, dal punto di vista dell'acquario (,), l'anima, percepisce Iside come è nei gemelli (♊︎), immacolata, pura, innocente.

Le nature delle sette fasi sono indicate dai segni. Il cancro (♋︎), il respiro, è quello stadio o grado in cui iniziano tutte le anime a prendere parte o avere a che fare con il mondo fisico; è il mondo non toccato dall'astuzia o dall'impurità, lo stadio dell'innocenza. Lì l'ego si trova nel suo stato spirituale e simile a un dio, agendo in accordo con la legge universale che espira e fa emergere da sé la materia-spirito, la vita, del prossimo stadio o grado, leo (♌︎), e così anche passando sul velo, la materia spirituale si costruisce nella forma.

La vita come materia spirituale è nella fase iniziale del sesso. Gli esseri nella fase iniziatica della vita hanno il doppio sesso. Nel segno seguente, la vergine (♍︎), la forma, entrano nella fase della selezione e i corpi che erano doppi ora diventano separati nel loro sesso. In questa fase viene assunta la forma fisica umana e la mente si incarna. Quindi inizia lo stadio o il grado di crocifissione, in cui l'ego passa attraverso tutto il dolore che si dice che i salvatori di ogni religione abbiano sopportato. Questo è il segno di equilibrio ed equilibrio in cui apprende tutte le lezioni della vita fisica: incarnato in un corpo di sesso apprende tutte le lezioni che il sesso può insegnare. Attraverso tutte le incarnazioni apprende attraverso l'esecuzione i doveri di tutti i legami familiari e deve, mentre è ancora incarnato in un corpo di sesso, passare attraverso tutti gli altri gradi. Solo i corpi fisici dell'umanità sono in questo grado, ma l'umanità come razza è nel segno successivo, lo scorpione (♏︎), il desiderio e il grado di trasmutazione. In questo segno l'ego deve trasformare i desideri da pura affinità sessuale (♎︎), ai fini superiori della vita. Questo è il segno e il grado in cui tutte le passioni e le concupiscenze devono essere trasmutate, prima che possa percepire dal suo piano le forme e i poteri interiori che stanno dentro e dietro l'apparenza fisica.

Il grado successivo è quello in cui vengono purificate le forme del desiderio. Questo è fatto dal pensiero, (♐︎). Quindi le correnti e le forze della vita sono percepite e guidate dal pensiero, attraverso l'aspirazione allo stadio umano finale, dove l'umano diventa immortale. L'ultimo e il settimo stadio è quello della perfezione, al segno capricorno (♑︎), individualità; in cui dopo aver superato tutta la lussuria, la rabbia, la vanità, l'invidia e la miriade di vizi, aver purificato e purificato la mente da tutti i pensieri sensuali e aver realizzato la divinità interiore, il mortale mette l'immortalità, attraverso i riti perfetti. Tutti gli usi e gli scopi del velo di Iside vengono quindi chiaramente percepiti e l'immortale aiuta tutti coloro che stanno ancora lottando nella loro ignoranza nelle pieghe inferiori del velo.


² Vedi La Parola, Vol. 2, n. 2, "Sesso".