La fondazione di parole

Il respiro che attraverso le porte del cancro ha attraversato la linea nei mondi manifestati è passato attraverso di loro, e dalle porte del capricorno ritorna come manas, la mente superiore, l'individualità, il pensatore autocosciente, agli over-world.

—Lo zodiaco.

IL

PAROLA

Vol 2 GENNAIO, 1906. No. 4

Copyright, 1906, di HW PERCIVAL.

INDIVIDUALITÀ.

THE Zodiac è il grande orologio stellato dello spazio infinito che, impercettibilmente, misteriosamente, segna il tempo della nascita degli universi, la loro durata e decadimento, e allo stesso tempo determina le trasformazioni di una cellula del sangue nella sua circolazione attraverso il corpo.

Lo zodiaco è la bibbia dell'infinito, la storia e il libro di testo della creazione, della conservazione e della distruzione di tutte le cose. È la registrazione di tutto il passato e del presente e del destino del futuro.

Lo zodiaco è il percorso dell'anima dall'ignoto attraverso il conosciuto e verso l'infinito dentro e oltre. Lo zodiaco da studiare, e questo è tutto, è nei suoi dodici segni rappresentati nell'uomo.

Lo zodiaco con il suo cerchio di dodici segni fornisce una chiave agli universi noumenici non manifestati e agli universi fenomenici manifestati. Traccia una linea orizzontale dal cancro al capricorno. Quindi i segni sopra la linea rappresentano l'universo non manifestato; i segni sotto la linea orizzontale dal cancro al capricorno rappresentano l'universo manifestato nei suoi aspetti spirituali, psichici e fisici. I segni cancro, vergine e bilancia rappresentano l'involuzione del respiro nella vita e nella forma, lo sviluppo della forma nel sesso e l'incarnazione del respiro al suo interno. I segni bilancia, scorpione, sagittario e capricorno, rappresentano l'evoluzione del respiro attraverso il sesso, il desiderio, il pensiero e l'individualità, il ciclo di manifestazione, formazione e sviluppo del respiro attraverso i mondi fenomenici manifestati e il ritorno al sempre noumenal invisibile.

Se l'entità che inizia a incarnarsi nel cancro come respiro non riesce a raggiungere la piena e completa conoscenza di sé, come indicato dal segno capricorno, o individualità, mentre si trova dentro e prima della morte della personalità, quale personalità è composta dal segni di vita, forma, sesso, desiderio e pensiero - quindi la personalità muore e l'individualità ha un periodo di riposo, e inizia di nuovo con il respiro per costruire un'altra personalità. Questo continua vita dopo vita fino a quando il grande lavoro è finalmente compiuto e l'individualità non deve più incarnarsi, a meno che non lo faccia.

Il respiro fu il primo essere ad apparire all'inizio dell'involuzione di questo nostro mondo; rimuginava sull'oceano della vita e respirava i germi della vita; continuando a meditare e respirare sulle acque della vita, il respiro le fece precipitare in una forma etereo-astrale, successivamente si concretizzò in una forma fisica di sesso, in cui il respiro incarnò una parte di se stesso. Quindi il desiderio nella forma umana ha risposto al respiro della mente e si è fuso nel pensiero umano. Con il pensiero iniziò la responsabilità umana; il pensiero è karma. Il respiro, attraverso il pensiero, iniziò a trasmutare vita e forma, sesso e desiderio, nella veste dell'ego superiore, che è l'individualità. Non può incarnarsi completamente nell'uomo fino a quando l'uomo non sottoporrà la sua personalità ai suoi fini divinatori.

L'individualità non è vita, sebbene come respiro sia lo sforzo iniziale del respiro che respira la vita in attività, determina i percorsi della vita e limita il campo delle operazioni della vita. L'individualità non è forma, sebbene in ognuna delle incarnazioni dell'individualità crei forme. L'individualità crea la forma-design per la sua prossima personalità che deve essere costruita dalla vita e nata nel mondo attraverso il sesso. L'individualità non è il sesso, anche se ha causato l'essere un tempo dualista a svilupparsi in uno dei sessi che l'individualità potrebbe incarnarsi in esso, in modo da passare attraverso i fuochi del sesso ed essere temperato dalle forze del mondo, che nel sesso l'individualità potrebbe equilibrare l'oscillazione verso l'esterno e verso l'interno del respiro, diventare invulnerabile e in grado di guidare il suo corso in sicurezza attraverso le tempeste astrali, le passioni e i vortici del sesso, attraverso il sesso per eseguire i desideri della famiglia e del mondo, e attraverso e mentre corpi del sesso per bilanciare, armonizzare e unire in un essere, ciò che appare separato nella sua duplice operazione come il respiro e l'individualità, ma che in effetti è uno nella sua azione perfetta. L'individualità non è desiderio, anche se risveglia il desiderio dal suo stato latente che attira e attira l'individualità nella vita manifestata. Quindi l'individualità lavora con il desiderio e supera la resistenza che il desiderio offre. In tal modo la mente diventa forte e ferma, ed è il mezzo attraverso il quale il desiderio viene trasmutato in volontà (pesci).

L'individualità non è pensata, sebbene produca pensiero attraverso la sua azione attraverso il respiro sul desiderio e provoca quindi un processo di tormento divino, un processo attraverso il quale l'individualità resiste al dolore e al piacere, alla povertà e alla ricchezza, alla vittoria e alla sconfitta, ed emerge dal fornace di prova immacolata nella sua purezza e tranquilla nella sua immortalità. La mente superiore è la stessa di quella che qui viene chiamata individualità. È il principio Io-Io-Io, ciò che oscura la personalità e si incarna parzialmente da una vita all'altra. La mente inferiore è il riflesso della mente superiore sulla e nella personalità ed è quella porzione della mente superiore che si incarna. Ciò che viene generalmente chiamato la mente è la mente inferiore, che funziona attraverso il cervelletto e il cervello, il cervello esterno.

La mente ha ora cinque funzioni. Questi sono stati spesso definiti odore, gusto, udito, vista e toccante o sentimento, ma ci sono altre due funzioni della mente che non sono generalmente conosciute e raramente menzionate perché non sono utilizzate o sperimentate da molti. Sono usati solo dai più grandi saggi e il loro uso completa l'essere umano. Questi due sensi e funzioni della mente sono i sensi Io-Io-Io e Io-Io-tu-e-tu-tu-Io-Io. Gli organi corrispondenti da sviluppare per queste funzioni sono il corpo pituitario e la ghiandola pineale, ora parzialmente atrofizzata nell'uomo comune. Le facoltà, ora solo aggregate, saranno conoscenza e saggezza, conoscenza ed essere.

La mente inferiore deve unirsi a qualcosa, o con la mente superiore oppure con i sensi e i desideri. Queste due tendenze sono le due fasi dell'amore. Quello di solito è collegato ai sensi e ai desideri, ed è ciò che gli esseri umani chiamano "amore". L'amore superiore, generalmente non così chiamato, appartiene alla mente superiore. Questo amore è disconnesso dai sensi e dalla personalità; la sua essenza è il principio del sacrificio, rinunciando a principi astratti.

Come mai la mente diventa schiava dei sensi, dei desideri, del corpo, sebbene il respiro mentale fosse il loro creatore e dovrebbe essere il loro sovrano? La risposta si trova nella storia passata della mente incarnata. È questo: dopo che il respiro mentale ha creato i sensi e ha iniziato a usarli, l'illusione prodotta dai sensi ha ingannato la mente nell'identificarsi con la personalità.

Quella parte dell'individualità che si chiama mente inferiore viene respirata nella personalità (un animale) alla nascita. L'incarnazione avviene normalmente attraverso il respiro fisico, cioè la mente inferiore entra nel corpo per mezzo del respiro fisico, ma non è il respiro fisico. Il respiro fisico è causato dal respiro mentale e questo respiro mentale è la mente inferiore. Quel respiro che è la mente superiore, l'individualità, è ciò che nella Bibbia è chiamato santo pneuma, e talvolta è anche chiamato respiro spirituale. Non si incarnerà fino a quando l'uomo non si rigenererà e un uomo si rigenererà perché il pneuma, in altre parole l'individualità completa, si è completamente incarnato.

Poiché il mondo del ragno è limitato alla rete della sua stessa rotazione, così il mondo di un uomo è limitato ai pensieri della sua stessa trama. Il mondo dell'individualità è una rete di pensieri in cui il tessitore si muove e continua a tessere. Il ragno lancia il suo filo di seta e lo fissa ad un oggetto, un altro e un altro, e su queste linee costruisce il suo mondo. La mente estende le sue linee di pensiero e le fissa a persone, luoghi e ideali, e su questi, con questi, attraverso questi pensieri costruisce il suo mondo. Perché il mondo di ogni uomo è soggettivo; il suo universo è limitato da se stesso; i suoi amori e simpatie, la sua ignoranza e la sua conoscenza sono centrati in lui. Vive nel suo universo, i confini di cui costruisce. E ciò che crede di essere realtà sono le immagini del pensiero con cui lo riempie. Poiché la rete può essere spazzata via e il ragno rimane per costruirne un altro, così in ogni vita l'individualità fa costruire per sé un nuovo universo, sebbene molto spesso la personalità non lo sappia.

La personalità e l'individualità sono usate in modo intercambiabile come si troverà consultando i lessici più approvati in cui entrambi sono indicati come significato delle abitudini e delle caratteristiche di mente e corpo. Le derivazioni di queste parole, tuttavia, sono opposte nei loro significati. La personalità è derivata da per-Sonus, through-sound o sounding through. Personaggio era la maschera che gli attori antichi indossavano nelle loro commedie, e che significava l'intero costume indossato da un attore mentre impersonava qualsiasi personaggio. L'individualità viene in-dividuus, non divisibile. Il significato e la relazione di queste parole sono quindi resi chiari e distinti.

L'individualità è solo un nome. Può essere applicato a un universo, un mondo o un essere umano o a qualsiasi essere che rappresenti pienamente il principio dell'autocoscienza.

La personalità è la maschera, il mantello, il costume indossato dall'individualità. L'individualità è l'ego permanente indivisibile che pensa, parla e agisce attraverso la sua maschera o personalità. Come un attore, l'individualità si identifica con il suo costume e la sua parte quando inizia lo spettacolo e, di solito, continua a identificarsi con la parte e recitare durante gli atti della vita di veglia. La personalità è fatta di vita, forma, sesso e desiderio che, se opportunamente adattati e sintonizzati, comprendono la macchina pensante in cui respira l'individualità e attraverso la quale pensa.

Nella personalità c'è un albero dal quale, se l'individualità, il giardiniere, lo nutrirà e lo poterà, potrà raccogliere e mangiare i suoi dodici frutti e crescere in una vita consciamente immortale. La personalità è una forma, un costume, una maschera, in cui appare l'individualità e prende parte alla divina tragedia-commedia drammatica delle epoche che ora vengono di nuovo interpretate sul palcoscenico del mondo. La personalità è un animale che l'individualità, il viaggiatore dei secoli, ha creato per il servizio e che se nutrito, guidato e controllato, porterà il suo cavaliere attraverso pianure desertiche e crescite nella giungla, attraverso luoghi pericolosi, attraverso il deserto del mondo per la terra della sicurezza e della pace.

La personalità è un regno, in cui l'individualità, il re, è circondata dai suoi ministri, i sensi. Il re tiene la corte nelle camere reali del cuore. Concedendo solo le giuste e utili petizioni dei suoi sudditi, il re porterà ordine dalla confusione, azioni lecite e concertate dalla rivolta e dalla ribellione, e avrà un paese ordinato e ben regolato in cui ogni creatura vivente fa la sua parte per il bene comune di Paese.

Nella ricostruzione della personalità prima della nascita e nella sua dotazione con i tesori della sua eredità dopo la nascita, viene regolarmente messa in atto la formazione e lo sviluppo dell'universo dal suo stadio iniziale, insieme alla storia di ogni epoca. In questa personalità risiede quindi l'individualità - creatore, conservatore e ri-creatore dell'universo - nel laboratorio alchemico del corpo. In questo laboratorio c'è la biblioteca magica con le sue registrazioni delle epoche e i suoi oroscopi del futuro, ci sono i suoi alambicchi e crogioli in cui il mago dell'alchimista può estrarre dai cibi del corpo la quintessenza che è l'elisir della vita, il nettare degli dei. In questa camera alchemica l'alchimista può sottoporre gli appetiti, le lussuria e i desideri della personalità alle purgazioni, trasformazioni e sublimazioni, note all'arte magica. Qui trasmuta i metalli più bassi delle passioni e della sua natura inferiore nel crogiolo della fonderia in oro puro.

Qui il mago dell'alchimista consuma la grande opera, il mistero dei secoli: trasformare un animale in un uomo e un uomo in un dio.

La personalità ha un valore molto grande. Se la personalità ora dovrebbe essere distrutta, perché è stata mai costruita e perché ha permesso di crescere? Se ora nel nostro stato attuale, la personalità dovesse essere distrutta, allora si ricadrebbe nei grigi sogni della notte inattiva, la notte del mondo, o si addormenterebbe attraverso il suono rotolante di un'eternità, o si sarebbe fissato un prigioniero immortale nel nel mezzo del tempo, avendo conoscenza ma senza il potere di usarla; uno scultore senza marmo o scalpello; un vasaio senza la sua ruota o argilla; un respiro senza desiderio, corpo o forma; un dio senza il suo universo.

Il giardiniere non avrebbe avuto frutti senza il suo albero; l'attore non poteva recitare la sua parte senza il suo costume; il viaggiatore non poteva viaggiare senza il suo animale; il re non sarebbe un re senza il suo regno; il mago dell'alchimista non poteva fare magie senza il suo laboratorio. Ma l'albero porterebbe frutti amari o inutili, o nessun frutto, senza che il giardiniere lo potasse; il costume sarebbe senza forma o parte nella rappresentazione senza l'attore che lo indossasse; l'animale non saprebbe dove andare senza che il viaggiatore lo guidi; il regno smetterebbe di essere un regno senza un re per governarlo; il laboratorio rimarrebbe inutile senza che il mago ci lavorasse.

L'albero è la vita, la forma del costume, il desiderio animale; questi assumono un corpo fisico di sesso. L'intero corpo è il laboratorio; l'individualità è il mago; e il pensiero è il processo di trasmutazione. La vita è il costruttore, la forma è il piano, il sesso è l'equilibrio e l'equalizzatore, il desiderio è l'energia, pensato il processo e l'individualità l'architetto.

Possiamo facilmente distinguere tra individualità e personalità. Quando si pensa a un'importante materia etica e morale, si sentiranno molte voci, ognuna cercando di attirare l'attenzione e affogare le altre. Queste sono le voci della personalità, e di solito prevarrà quella che parla più forte. Ma quando il cuore chiede umilmente la verità, in quell'istante una voce viene ascoltata così delicatamente da rimettere in discussione. Questa è la sola voce del proprio dio interiore: la mente superiore, l'individualità.

È la ragione, ma non il processo chiamato ragionamento. Parla ma una volta su ogni argomento. Se i suoi behests vengono attuati, arriva una sensazione di forza e potenza e la certezza di aver fatto il giusto. Ma se uno smette di discutere e ascolta le voci della mente inferiore del ragionamento, allora rimane sconcertato e confuso, o si illude nella convinzione che una delle tante voci sia la sola voce. Se si contesta la singola voce o si rifiuta di ascoltare quando parla, cesserà di parlare e non avrà alcun mezzo per conoscere veramente il bene dal male. Ma se uno ascolta con attenzione fissa e seguirà rigorosamente ciò che dice, allora può imparare a comunicare con il suo dio su ogni atto importante e camminare in pace attraverso ogni tempesta della vita fino a diventare individualità autocosciente, io sono -I Coscienza.