La fondazione di parole

Di questo karma dell'umanità l'uomo ha un vago sentimento istintivo o intuitivo e per questo teme l'ira di Dio e chiede misericordia.

—Lo zodiaco.

IL

PAROLA

Vol 7 AGOSTO, 1908. No. 5

Copyright, 1908, di HW PERCIVAL.

KARMA.

Introduzione.

KARMA è una parola che per migliaia di anni è stata usata dagli indù. Il karma include le idee espresse da altre persone e in seguito, in parole come kismet, destino, preordinazione, predestinazione, provvidenza, l'inevitabile, il destino, la fortuna, la punizione e la ricompensa. Il karma include tutto ciò che è espresso da questi termini, ma significa molto di più di uno o tutti. La parola karma è stata usata in modo più ampio e completo da alcuni di quelli tra i quali è apparso per la prima volta di quanto non lo sia tra quelli della stessa razza da cui è ora impiegato. Senza una comprensione dei significati delle sue parti e di ciò che queste parti in combinazione intendevano trasmettere, la parola karma non avrebbe mai potuto essere coniata. L'uso a cui è stato fatto in questi ultimi anni non è stato nel suo senso più completo, ma piuttosto limitato e limitato al senso di tali parole come sopra menzionato.

Per oltre due secoli gli studiosi orientali hanno familiarità con il termine, ma non fino all'avvento di Madame Blavatsky e attraverso la Società Teosofica, che ha fondato, la parola e la dottrina del karma sono state conosciute e accettate da molti in Occidente. La parola karma e la dottrina che insegna si trova ora nella maggior parte dei lessici moderni ed è incorporata nella lingua inglese. L'idea del karma è espressa e sentita nella letteratura attuale.

I teosofi hanno definito il karma come causa ed effetto; la ricompensa o punizione come risultato dei propri pensieri e azioni; la legge di compensazione; la legge dell'equilibrio, dell'equilibrio e della giustizia; la legge della causalità etica, dell'azione e della reazione. Tutto ciò è compreso nell'unica parola karma. Il significato sottostante della parola, come indicato dalla struttura della parola stessa, non è trasmesso da nessuna delle definizioni avanzate, che sono modifiche e applicazioni particolari dell'idea e del principio su cui è costruita la parola karma. Una volta afferrata questa idea, il significato della parola è evidente e la bellezza della sua proporzione è vista nella combinazione delle parti che compongono la parola karma.

Il karma è composto da due radici sanscrite, ka e ma, che sono legate insieme dalla lettera R. K, o ka, appartiene al gruppo di gutterals, che è il primo nella quinta classificazione delle lettere sanscrite. Nell'evoluzione delle lettere, ka è il primo. È il primo suono che passa alla gola. È uno dei simboli di Brahmâ come creatore ed è rappresentato dal dio Kama, che corrisponde al Cupido romano, il dio dell'amore, e all'eros greco nella loro sensuale applicazione. Tra i principi c'è il kama, il principio di desiderio.

M, o ma, è l'ultima lettera nel gruppo di labials, che è la quinta nella quinta classificazione. M, o ma, è usato come numero e misura di cinque, come radice di manas ed è analogo al nous greco. È il simbolo dell'ego, e come principio è manas, il mente.

R appartiene ai cerebrali, che è il terzo gruppo nella quinta classificazione del sanscrito. R ha il suono continuo di rotolamento Rrr, prodotto posizionando la lingua contro il tetto della bocca. R significa azione.

La parola karma, quindi, significa desiderio e mente in azione, o, l'azione e l'interazione del desiderio e della mente. Quindi ci sono tre fattori o principi nel karma: desiderio, mente e azione. La pronuncia corretta è karma. La parola è talvolta pronunciata krm o kurm. Nessuna delle due parole esprime pienamente l'idea del karma, poiché il karma è l'azione congiunta (r) di ka (kama), desiderio e (ma), mente, mentre krm o kurm è chiuso, o soppresso karma, e non rappresenta azione, il principio principale coinvolto. Se la consonante ka è chiusa, è k e non può essere suonata; la r può essere suonata, e se seguita dalla consonante chiusa ma, che poi diventa m, non viene generato alcun suono e quindi nessuna espressione dell'idea del karma, perché l'azione è chiusa e soppressa. Perché il karma abbia il suo pieno significato, deve avere il suono libero.

Il karma è la legge dell'azione e si estende dal granello di sabbia a tutti i mondi manifestati nello spazio e allo spazio stesso. Questa legge è presente ovunque, e in nessun luogo al di fuori dei limiti di una mente annebbiata c'è posto per nozioni come incidente o caso. La legge governa ovunque e il karma è la legge alla quale tutte le leggi sono subordinate. Non c'è deviazione né eccezione alla legge assoluta del karma.

Alcune persone credono che non esiste una legge di giustizia assoluta, a causa di determinati eventi che chiamano "incidente" e "possibilità". Tali parole sono adottate e utilizzate da coloro che non comprendono né il principio di giustizia né vedono la complessità dell'elaborazione della legge nella sua relazione con un caso speciale. Le parole sono usate in relazione ai fatti e ai fenomeni della vita che sembrano essere contrari o non collegati alla legge. Gli incidenti e la possibilità possono emergere come eventi separati non preceduti da cause definite e che possono essersi verificati come hanno fatto o in qualsiasi altro modo, o che potrebbero non essersi mai verificati, come una meteora che cade o che un fulmine colpisce o non colpisce un Casa. Per chi comprende il karma, l'esistenza dell'incidente e del caso, se usata nel senso della violazione della legge o come qualcosa senza una causa, è impossibile. Tutti i fatti che rientrano nella nostra esperienza e che sembrano andare contro le leggi normalmente conosciute o essere privi di causa, sono spiegati secondo la legge, quando i fili di collegamento risalgono alle loro cause precedenti e alle rispettive cause.

Un incidente è un incidente in una cerchia di eventi. L'incidente si distingue come una cosa separata che uno non è in grado di connettersi con gli altri incidenti che compongono la cerchia degli eventi. Potrebbe essere in grado di rintracciare alcune delle cause che precedono e gli effetti a seguito di un "incidente", ma poiché non è in grado di vedere come e perché si è verificato, tenta di spiegarlo nominandolo incidente o attribuendolo al caso. Considerando che, a partire da uno sfondo di conoscenza passata, il motivo di ognuno dà la direzione e lo induce a pensare quando è di fronte a determinati altri pensieri o condizioni di vita, l'azione segue il suo pensiero e l'azione produce risultati, e i risultati completano il cerchio degli eventi che era composto da: conoscenza, movente, pensieri e azioni. Un incidente è un segmento visibile di un cerchio di eventi altrimenti invisibile che corrisponde e che è analogo al risultato o al verificarsi di un precedente cerchio di eventi, poiché ogni cerchio di eventi non termina in se stesso, ma è l'inizio di un altro cerchio di eventi. Così l'intera vita di una persona è costituita da una lunga catena a spirale di innumerevoli cerchi di eventi. Un incidente, o qualsiasi altra evenienza, è solo uno dei risultati dell'azione di una catena di eventi e lo chiamiamo incidente perché si è verificato inaspettatamente o senza l'intenzione attuale e perché non abbiamo potuto vedere gli altri fatti che l'ha preceduto come causa. Il caso è la scelta di un'azione dalla varietà di fattori che entrano nell'azione. Tutto è dovuto alla propria conoscenza, motivazione, pensiero, desiderio e azione - che è il suo karma.

Ad esempio, due uomini viaggiano su una ripida sporgenza di rocce. Appoggiando il piede su una roccia insicura, uno di loro perde l'equilibrio e si precipita in un burrone. Il suo compagno, andando in soccorso, trova il corpo in basso, mutilato, tra le rocce che mostrano una striscia di minerale d'oro. La morte di uno impoverisce la sua famiglia e causa fallimento a coloro con i quali è associato agli affari, ma nella stessa caduta l'altro scopre una miniera d'oro che è la fonte della sua ricchezza accumulante. Si dice che un evento del genere sia un incidente, che ha portato tristezza e povertà alla famiglia del defunto, fallimento per i suoi colleghi negli affari e ha portato fortuna al suo compagno la cui ricchezza è stata guadagnata per caso.

Secondo la legge del karma non vi è alcun incidente o possibilità collegata a tale evento. Ciascuno degli eventi è conforme all'elaborazione della legge ed è collegato a cause che sono state generate oltre i limiti immediati del campo della percezione. Pertanto, gli uomini che non sono in grado di seguire queste cause e le ramificazioni e i cuscinetti dei loro effetti nel presente e nel futuro, chiamano il loro risultato incidente e possibilità.

Se la povertà debba risvegliare l'autosufficienza in coloro che erano stati dipendenti dal defunto e far emergere facoltà e principi da non vedere mentre dipendevano da un altro; o se, nel caso opposto, coloro che dipendono dovessero diventare sconsolati e scoraggiati, arrendersi alla disperazione e diventare poveri, dipenderebbero interamente dal passato di coloro che erano preoccupati; o se l'opportunità della ricchezza è sfruttata da chi ha scoperto l'oro e migliora l'opportunità della ricchezza per migliorare le condizioni di se stesso e degli altri, alleviare la sofferenza, dotare gli ospedali o iniziare e sostenere il lavoro educativo e scientifico indagini per il bene delle persone; o se, d'altra parte, non fa nulla di tutto ciò, ma usa la sua ricchezza, e il potere e l'influenza che gli dà, per l'oppressione degli altri; o se dovesse diventare un debauchee, incoraggiare gli altri a vivere in condizioni di dissipazione, portare disgrazia, miseria e rovina a se stesso e agli altri, tutto ciò sarebbe secondo la legge del karma, che sarebbe stata determinata da tutti gli interessati.

Coloro che parlano del caso e dell'incidente, e allo stesso tempo parlano e riconoscono una cosa come la legge, si staccano mentalmente dal mondo astratto della conoscenza e limitano i loro processi mentali alle cose che si collegano al mondo sensuale del fisico grossolano importa. Vedendo ma i fenomeni della natura e le azioni degli uomini, non sono in grado di seguire ciò che connette e provoca i fenomeni della natura e le azioni degli uomini, perché ciò che collega le cause con effetti ed effetti con cause non può essere visto. La connessione è stabilita da e nei mondi invisibili, e quindi negati, da coloro che ragionano solo su fatti fisici. Tuttavia, questi mondi esistono. Si può osservare l'azione di un uomo che porta a qualche risultato negativo o benefico, e alcuni risultati che ne conseguono possono essere rintracciati, dall'osservatore e dal ragionatore di e dai fatti nel mondo fisico; ma poiché non riesce a vedere la connessione di quell'azione con il suo movente, il pensiero e l'azione antecedenti nel passato (per quanto lontani), tenta di spiegare l'azione o l'evento dicendo che si trattava di un impulso o di un incidente. Nessuna di queste parole spiega l'occorrenza; in nessuna di queste parole il ragionatore materiale può definirlo o spiegarlo, anche secondo la legge o le leggi che riconosce essere operative nel mondo.

Nel caso dei due viaggiatori, se il defunto avesse usato la cura nella scelta del suo percorso, non sarebbe caduto, sebbene la sua morte, come richiesto dalla legge del karma, sarebbe stata semplicemente rimandata. Se il suo compagno non avesse disceso sulla pericolosa strada, nella speranza di dare assistenza non avrebbe trovato i mezzi con cui aveva acquisito la sua ricchezza. Tuttavia, poiché la ricchezza doveva essere sua, come risultato delle sue opere passate, anche se la paura avrebbe dovuto costringerlo a rifiutare di scendere in aiuto del suo compagno, avrebbe solo differito la sua prosperità. Non lasciando passare un'opportunità, che dovere presentato, affrettò il suo buon karma.

Il karma è la legge meravigliosa, bella e armoniosa che prevale in tutti i mondi. È meraviglioso se contemplato, e gli eventi sconosciuti e non giustificati sono visti e spiegati dalla continuità di moventi, pensieri, azioni e risultati, tutto secondo la legge. È bello perché le connessioni tra motivo e pensiero, pensiero e azione, azione e risultati, sono perfette nelle loro proporzioni. È armonioso perché tutte le parti e i fattori nell'elaborazione della legge, sebbene spesso si contrappongano una volta visti separatamente, sono fatti per adempiere alla legge adattandosi l'un l'altro e stabilendo relazioni e risultati armoniosi molte parti e fattori vicini e distanti, opposti e disarmonici.

Il karma regola gli atti reciprocamente interdipendenti dei miliardi di uomini che sono morti e vissuti e che moriranno e vivranno di nuovo. Sebbene dipendente e interdipendente da altri del suo genere, ogni essere umano è un "signore del karma". Siamo tutti signori del karma perché ognuno è il sovrano del proprio destino.

La somma totale dei pensieri e delle azioni di una vita è portata dall'Io reale, dall'individualità, alla vita successiva e alla successiva, e da un sistema del mondo a un altro, fino a raggiungere il massimo grado di perfezione e la legge dei propri pensieri e azioni, la legge del karma, è stata soddisfatta e soddisfatta.

L'operazione del karma è nascosta alle menti degli uomini perché i loro pensieri sono centrati su cose che si riferiscono alla loro personalità e alle sue sensazioni che ne conseguono. Questi pensieri formano un muro attraverso il quale la visione mentale non può passare per rintracciare ciò che collega il pensiero, con la mente e il desiderio da cui scaturisce, e per capire le azioni nel mondo fisico come sono nate nel mondo fisico dai pensieri e desideri degli uomini. Il karma è nascosto alla personalità, ma è chiaramente noto all'individualità, quale individualità è il dio da cui proviene la personalità e di cui è un riflesso e un'ombra.

I dettagli del funzionamento del karma rimarranno nascosti fino a quando l'uomo rifiuterà di pensare e agire correttamente. Quando l'uomo penserà e agirà in modo giusto e senza paura, indipendentemente da lode o colpa, allora imparerà ad apprezzare il principio e seguirà il funzionamento della legge del karma. Quindi rafforzerà, formerà e affinherà la sua mente in modo da perforare il muro di pensieri che circonda la sua personalità e sarà in grado di tracciare l'azione dei suoi pensieri, dal fisico attraverso l'astrale e attraverso il mentale allo spirituale e di nuovo in il fisico; allora dimostrerà che il karma è tutto ciò che viene rivendicato da chi sa di cosa si tratta.

La presenza del karma dell'umanità e della presenza delle persone che sono consapevoli, sebbene non ne siano pienamente consapevoli, è la fonte da cui proviene la vaga sensazione istintiva o intuitiva che la giustizia governa il mondo. Ciò è inerente a ogni essere umano e per questo motivo, l'uomo teme "l'ira di Dio" e chiede "misericordia".

L'ira di Dio è l'accumulo di azioni sbagliate compiute intenzionalmente o ignoratamente che, come Nemesis, perseguono, pronte a superare; o appenditi come la spada di Damocle, pronto a cadere; o come una nuvola temporalesca che si abbassa, sono pronti a precipitarsi non appena le condizioni sono mature e le circostanze lo consentiranno. Questo sentimento del karma dell'umanità è condiviso da tutti i suoi membri, ognuno dei quali ha un senso anche della sua particolare Nemesi e nuvola di tuono, e questo sentimento fa sì che gli esseri umani provino a propiziare un essere invisibile.

La misericordia ricercata dall'uomo è che i suoi deserti verranno rimossi o rimandati per un po '. La rimozione è impossibile, ma il karma delle proprie azioni può essere trattenuto per un certo periodo, fino a quando il supplente della misericordia non sarà in grado di incontrare il suo karma. La misericordia è chiesta da coloro che si sentono troppo deboli o troppo sopraffatti dalla paura per chiedere che la legge si adempia immediatamente.

Oltre al sentimento di "ira" o "vendetta" di Dio e il desiderio di "misericordia", esiste una credenza o una fede intrinseca nell'uomo che da qualche parte nel mondo, nonostante tutta l'apparente ingiustizia che è così evidente in ogni nostro vita diurna - lì è, sebbene non vista e non compresa, una legge di giustizia. Questa fede intrinseca nella giustizia è innata nello spirito dell'uomo, ma richiede una certa crisi in cui l'uomo viene gettato su se stesso dall'apparente ingiustizia degli altri per evocarlo. Il sentimento inerente alla giustizia è causato dall'intuizione di fondo dell'immortalità che persiste nel cuore dell'uomo, nonostante il suo agnosticismo, il materialismo e le condizioni avverse che deve affrontare.

L'intuizione dell'immortalità è la conoscenza di fondo che egli è in grado e vivrà attraverso l'apparente ingiustizia che gli è stata imposta e che vivrà per correggere i torti che ha commesso. Il senso di giustizia nel cuore dell'uomo è l'unica cosa che lo salva dal chiedere il favore di un dio adirato e soffrire a lungo per i capricci e il patrocinio di un prete ignorante, avido e amante del potere. Questo senso di giustizia rende l'uomo un uomo e gli permette di guardare senza paura in faccia a un altro, anche se consapevole che deve soffrire per il suo torto. Questi sentimenti, dell'ira o della vendetta di Dio, del desiderio di misericordia e della fede nell'eterna giustizia delle cose, sono la prova della presenza del karma dell'umanità e del riconoscimento della sua esistenza, sebbene il riconoscimento sia talvolta inconscio o remoto.

Come l'uomo pensa e agisce e vive secondo i suoi pensieri, modificati o accentuati dalle condizioni che prevalgono, e come un uomo, così una nazione o l'intera civiltà cresce e agisce secondo i suoi pensieri e ideali e le influenze cicliche prevalenti, che sono i risultati di pensieri conservati ancora più tempo fa, così come l'umanità nel suo insieme e i mondi in cui è ed è stata, vivono e si sviluppano dall'infanzia ai più alti traguardi mentali e spirituali, secondo questa legge. Quindi, come un uomo o una razza, l'umanità nel suo insieme, o piuttosto tutti quei membri di un'umanità che non hanno raggiunto la perfezione ultima che è lo scopo di quella particolare manifestazione di mondi da raggiungere, muoiono. Le personalità e tutto ciò che riguarda la personalità passano e le forme dei mondi sensuali cessano di esistere, ma l'essenza del mondo rimane e le individualità come l'umanità rimangono e tutte passano in una condizione di riposo simile a quella in cui l'uomo passa quando, dopo gli sforzi di un giorno, mette il suo corpo a riposo e si ritira in quello stato o regno misterioso che gli uomini chiamano sonno. Con l'uomo arriva, dopo il sonno, un risveglio che lo chiama ai doveri del giorno, alla cura e alla preparazione del suo corpo affinché possa svolgere i doveri del giorno, che sono il risultato dei suoi pensieri e delle azioni del giorno precedente o giorni. Come l'uomo, l'universo con i suoi mondi e gli uomini si risveglia dal suo periodo di sonno o riposo; ma, a differenza dell'uomo che vive di giorno in giorno, non ha un corpo fisico o corpi in cui percepisce le azioni del passato immediato. Deve suscitare mondi e corpi attraverso i quali agire.

Ciò che vive dopo la morte dell'uomo sono le sue opere, come incarnazione dei suoi pensieri. La somma totale dei pensieri e degli ideali dell'umanità di un mondo è il karma che dura, che risveglia e richiama tutte le cose invisibili in attività visibili.

Ogni mondo o serie di mondi prende vita e forme e corpi sono sviluppati secondo la legge, la cui legge è determinata dalla stessa umanità che era esistita nel mondo o nei mondi precedenti la nuova manifestazione. Questa è la legge della giustizia eterna per cui l'umanità nel suo insieme, così come ogni singola unità, è tenuta a godere dei frutti delle fatiche passate e a subire le conseguenze di azioni sbagliate, esattamente come prescritto dai pensieri e dalle azioni passate, che rendono la legge per le presenti condizioni. Ogni unità dell'umanità determina il suo karma individuale e, come unità insieme a tutte le altre unità, attua e attua la legge da cui l'umanità nel suo insieme è governata.

Alla fine di ogni grande periodo della manifestazione di un sistema mondiale, ogni singola unità dell'umanità è progredita verso il grado finale di perfezione che è lo scopo di tale evoluzione, ma alcune unità non hanno raggiunto il massimo grado, e quindi loro passare in quello stato di riposo corrispondente a ciò che conosciamo come sonno. Al ritorno del nuovo giorno del sistema mondiale, ciascuna unità si risveglia nel suo tempo e nelle sue condizioni e continua le sue esperienze e il suo lavoro nel punto in cui era stato interrotto nel giorno o nel mondo precedente.

La differenza tra il risveglio di un singolo essere umano di giorno in giorno, di vita in vita, o di sistema mondiale in sistema mondiale, è una differenza solo nel tempo; ma non vi è alcuna differenza nel principio dell'azione della legge del karma. Nuovi corpi e personalità devono essere costruiti di mondo in mondo proprio come gli abiti vengono indossati dal corpo di giorno in giorno. La differenza sta nella consistenza dei corpi e dei vestiti, ma l'individualità o io rimane la stessa. La legge richiede che l'indumento indossato oggi sia quello contrattato e concordato il giorno precedente. Colui che lo ha scelto, contrattato per esso e predisposto l'ambiente e le condizioni in cui il capo dovrebbe essere indossato, è l'Io, l'individualità, che è il creatore della legge, in base al quale è costretto dalla sua stessa azione ad accettare che che ha provveduto a se stesso.

Secondo la conoscenza dei pensieri e delle azioni della personalità, che è contenuta nella memoria dell'ego, l'ego forma il piano e determina la legge in base alla quale la futura personalità deve agire. Mentre i pensieri di una vita sono conservati nella memoria dell'ego, così i pensieri e le azioni dell'umanità nel suo insieme sono conservati nella memoria dell'umanità. Poiché esiste un vero ego che persiste dopo la morte di una personalità, esiste anche un ego dell'umanità che persiste dopo la vita o un periodo della manifestazione di un'umanità. Questo ego dell'umanità è una individualità più ampia. Ciascuna delle sue singole unità è necessaria e nessuna può essere rimossa o eliminata perché l'ego dell'umanità è uno e indivisibile, nessuna parte della quale può essere distrutta o persa. Nella memoria dell'ego dell'umanità, vengono mantenuti i pensieri e le azioni di tutte le singole unità dell'umanità, ed è in base a questa memoria che viene determinato il piano per il nuovo sistema mondiale. Questo è il karma della nuova umanità.

L'ignoranza si estende in tutti i mondi fino a quando non si raggiunge la piena e completa conoscenza. Il peccato e l'azione ignorante differiscono per grado. Poiché, ad esempio, si può peccare o agire in modo ignorante, bevendo da una vasca infetta da febbre, passare l'acqua a un amico che beve anche, ed entrambi possono subire il resto della propria vita come risultato di tale azione ignorante; oppure si può tracciare e rubare deliberatamente ingenti somme da investitori poveri; o un altro potrebbe creare guerre, uccidere, distruggere città e diffondere desolazione in un intero paese; un altro ancora può indurre le persone a credere che sia il rappresentante di Dio e che Dio si incarni, attraverso la quale convinzione che possa indurli a rinunciare alla ragione, a rinunciare agli eccessi e seguire le pratiche che porteranno a danni morali e spirituali. Il peccato, come azione ignorante, si applica a ciascun caso, ma le sanzioni che sono i risultati dell'azione differiscono in base al grado di ignoranza. Chi ha conoscenza delle leggi umane che governano la società e usa la sua conoscenza per danneggiare gli altri, soffrirà più acutamente e per un periodo più lungo perché la sua conoscenza lo rende responsabile, e il peccato, l'azione sbagliata, è maggiore poiché la sua ignoranza è diminuita.

Quindi uno dei peccati peggiori, per chi sa o dovrebbe sapere, è privare volontariamente un altro del suo diritto di scelta individuale, indebolirlo nascondendogli la legge di giustizia, indurlo a rinunciare alla sua volontà, a incoraggiarlo o fargli dipendere per il perdono, il potere spirituale o l'immortalità da un altro, invece di dipendere dalla legge di giustizia e dai risultati del proprio lavoro.

Il peccato è un'azione sbagliata o il rifiuto di fare la cosa giusta; entrambi sono seguiti da un terrore inerente alla legge giusta. La storia del peccato originale non è una bugia; è una favola che nasconde, ma racconta, una verità. Ha a che fare con la procreazione e la reincarnazione della prima umanità. Il peccato originale era il rifiuto di una delle tre classi dei Figli della Mente Universale, o Dio, di reincarnarsi, di prendere la sua croce di carne e procreare legalmente in modo che altre razze potessero incarnarsi nel loro giusto ordine. Questo rifiuto era contro la legge, il loro karma del precedente periodo di manifestazione a cui avevano preso parte. Il loro rifiuto di reincarnarsi quando arrivò il loro turno, permise alle entità meno progredite di entrare nei corpi preparati per loro e che quelle entità inferiori non potevano per fare buon uso di. Attraverso l'ignoranza, le entità inferiori si accoppiarono con i tipi di animali. Questo, l'abuso dell'atto procreativo, era il "peccato originale", nel suo senso fisico. Il risultato degli atti procreativi illegali della bassa umanità fu di dare alla razza umana la tendenza alla procreazione illegale - che porta nel mondo peccato, ignoranza, azioni sbagliate e morte.

Quando le menti videro che i loro corpi erano stati impossessati di razze inferiori, o entità inferiori all'umano, perché non avevano usato i corpi, sapevano che tutti avevano peccato, avevano agito male; ma mentre le razze inferiori avevano agito in modo ignorante, loro, le menti, si erano rifiutate di fare il loro dovere, quindi il loro peccato più grande a causa della conoscenza del loro torto. Quindi le menti si affrettarono a prendere possesso dei corpi che avevano rifiutato, ma scoprirono che erano già dominati e controllati da lussuria illegale. La pena del peccato originale dei Figli della Mente Universale che non si reincarna e procreava è che sono ora dominati da ciò che si sono rifiutati di governare. Quando potevano governare non lo avrebbero fatto e ora che avrebbero governato non potevano.

La prova di quell'antico peccato è presente con ogni uomo nel dolore e nell'agonia della mente che segue l'atto del folle desiderio che è spinto, anche contro la sua ragione, a commettere.

Il karma non è una legge cieca, sebbene il karma possa essere creato alla cieca da chi agisce in modo ignorante. Tuttavia, il risultato della sua azione, o karma, viene amministrato in modo intelligente senza favore o pregiudizio. L'operazione del karma è meccanicamente giusta. Sebbene spesso ignori del fatto, ogni essere umano e tutte le creature e le intelligenze nell'universo hanno ciascuna la sua funzione designata da svolgere, e ognuna fa parte del grande meccanismo per elaborare la legge del karma. Ognuno ha il suo posto, sia nella capacità di una ruota dentata, un perno o un calibro. È così che sia o meno cosciente o inconscio del fatto. Per quanto insignificante possa sembrare una parte, tuttavia, quando agisce, avvia l'intero meccanismo del karma che coinvolge tutte le altre parti.

Di conseguenza, quando si esegue bene la parte che deve riempire, si rende conto del funzionamento della legge; poi prende una parte più importante. Quando si è dimostrato giusto, dopo essersi liberato dalle conseguenze dei suoi pensieri e delle sue azioni, è pronto per essere incaricato dell'amministrazione del karma di una nazione, razza o mondo.

Ci sono intelligenze che agiscono come agenti generali della legge del karma nella sua azione attraverso i mondi. Queste intelligenze sono di diversi sistemi religiosi chiamati: lipika, kabiri, cosmocratori e arcangeli. Anche nella loro alta stazione, queste intelligenze obbediscono alla legge facendola. Sono parti del macchinario del karma; fanno parte dell'amministrazione della grande legge del karma, tanto quanto la tigre che colpisce e divora un bambino, o come l'ubriacone noioso e fradicio che lavora o uccide per una miseria. La differenza è che l'uno agisce in modo ignorante, mentre l'altro agisce in modo intelligente e perché è giusto. Tutti sono preoccupati nell'attuazione della legge del karma, poiché c'è unità attraverso l'universo e il karma preserva l'unità nella sua incessantemente giusta operazione.

Possiamo fare appello a queste grandi intelligenze con i nomi che preferiamo, ma ci rispondono solo quando sappiamo come chiamarle e quindi possono solo rispondere alla chiamata che sappiamo dare e in base alla natura della chiamata . Non possono mostrare alcun favore o antipatia, anche se abbiamo conoscenza e il diritto di invocarli. Si accorgono e invocano gli uomini quando gli uomini desiderano agire con giustizia, altruismo e per il bene di tutti. Quando tali uomini sono pronti, gli agenti intelligenti del karma possono richiedere loro di servire nella capacità per la quale il loro pensiero e il loro lavoro li hanno adattati. Ma quando gli uomini sono così chiamati dalle grandi intelligenze non è con l'idea di favore, o con qualsiasi interesse personale in loro, o con l'idea di ricompensa. Sono chiamati a lavorare in un campo d'azione più ampio e più chiaro perché sono qualificati e perché è giusto che debbano essere lavoratori con la legge. Non c'è sentimento o emozione nella loro elezione.

Nel settembre la "Parola" del karma verrà affrontata nella sua applicazione alla vita fisica.

(Continua.)