La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 16 DICEMBRE, 1912. No. 3

Copyright, 1913, di HW PERCIVAL.

LUCE DI NATALE.

È l'alba del solstizio d'inverno. I raggi di luce nel sud-est allontanano l'esercito della notte e raccontano il nascente signore del giorno. Le nuvole si raccolgono mentre il giorno volge al termine e proiettano le ombre più lunghe dell'anno. Gli alberi sono spogli, la linfa è bassa e i dardi del gelo bucano il terreno sterile.

Viene la sera; le nuvole cambiano il cielo in una cupola di piombo. I venti gemono in basso un lamento di morte; su un piccolo spazio sopra la linea terrestre del sud-ovest, il cielo grigio si alza come da un palcoscenico. Il re del paradiso morente, un globo infuocato vestito in un sudario viola, sprofonda in uno spazio tremolante, oltre la valle che corre attraverso le colline lontane. I colori sbiadiscono; nuvole di piombo vicino a lui; i venti muoiono; la terra è fredda; e tutto è avvolto nell'oscurità.

La tragedia del tempo del suo ultimo anno è finita. Pensare che l'uomo guarda, e in esso vede simbolizzata la tragedia della vita e la sua previsione. Vede l'inutilità dello sforzo nel giro infinito di vita e morte, e la tristezza cade su di lui. Fain avrebbe posato il peso di anni e sarebbe passato nell'oblio del sonno senza sogni. Ma non può. Il terribile guaio dell'umanità spezza l'oscurità della tristezza; e sente. Sorgono le fragilità dell'uomo: si vedono fedi perdute, amicizie spezzate, ingratitudine, ipocrisia, inganno. Nel suo cuore non c'è spazio per questi. Sente i dolori di un mondo in gola e pulsa con il cuore dolorante dell'uomo. In se stesso l'uomo ascolta il grido dell'uomo per il potere di vedere, ascoltare, parlare. Vite del passato e vite a venire trovano voce in lui, e queste parlano in silenzio.

Il sentiero del sole simboleggia la vita dell'uomo: sicuro di sorgere - e se il cielo è luminoso o nuvoloso - sicuramente affonderà nell'oscurità. Questo è stato il corso di innumerevoli eoni e può andare avanti per eoni sconosciuti. Tutta la vita dell'uomo è solo uno sbuffo d'aria, un lampo nel tempo. È una striscia di luce, incarnata, in costume, che cade e per alcuni istanti gioca sul palco; poi trema, svanisce e non si vede più. Viene - non sa da dove. Passa: dove? L'uomo nasce per piangere, ridere, soffrire e godere, amare, solo che dovrebbe morire? Il destino dell'uomo sarà sempre la morte? Le leggi della natura sono le stesse per tutti. C'è un metodo nella lama dell'erba in crescita. Ma il filo d'erba è un filo d'erba. L'uomo è uomo. Il filo d'erba fiorisce e appassisce; non mette in discussione né la luce del sole né il gelo. L'uomo si interroga mentre soffre, ama e muore. Se non gli viene data risposta, perché dovrebbe fare domande? Gli uomini hanno messo in discussione attraverso i secoli. Tuttavia, non c'è più risposta di quanto non ci sia eco al fruscio del filo d'erba. La natura dà alla luce l'uomo, quindi lo costringe a commettere offese che ripaga con difficoltà e morte. La natura gentile deve mai essere fatta per tentare e distruggere? Gli insegnanti parlano di bene e di male, di giusto e sbagliato. Ma cosa c'è di buono? che male? che diritto? cosa c'è che non va? Chi lo sa? Ci deve essere saggezza in questo universo di legge. L'uomo in questione rimarrà mai senza risposta? Se la fine di tutto è la morte, perché questa gioia e agonia della vita? Se la morte non finisce tutto per l'uomo, come o quando conoscerà la sua immortalità?

C'è silenzio Mentre il crepuscolo si fa più profondo, i fiocchi di neve arrivano da nord. Coprono i campi ghiacciati e nascondono la tomba del sole a ovest. Nascondono la sterilità della terra e proteggono la sua vita futura. E dal silenzio arriva la risposta alle domande dell'uomo.

O misera terra! O terra stanca! teatro dei giochi e teatro macchiato di sangue di innumerevoli crimini! O povero, uomo infelice, giocatore dei giochi, creatore delle parti che reciti! È passato un altro anno, arriva un altro. Chi muore? Che vive? Chi ride? Chi piange? Chi vince? Chi perde, nell'atto appena finito? Quali erano le parti? Tiranno crudele e povero oppresso, santo, peccatore, sciocco e saggio, sono parti che reciti. I costumi che indossi cambiano con le scene mutevoli di ogni atto successivo dello spettacolo continuo della vita, ma tu rimani l'attore: pochi attori recitano bene e meno ne conoscono le parti. Hai mai dovuto, povero attore, nascosto da te stesso e dagli altri, nei costumi della tua parte, salire sul palco e recitare, fino a quando non hai pagato e ricevuto la paga per ogni azione nelle parti che reciti, fino a quando non hai servito il tuo tempo e guadagnato la libertà dal gioco. Povero! attore troppo desideroso o riluttante! infelice perché non lo sai, perché non imparerai la tua parte e al suo interno rimarrai separato.

L'uomo dice al mondo che cerca la verità, ma si aggrappa e non si allontanerà dalla menzogna. L'uomo chiama ad alta voce la luce, ma sgattaiola via quando la luce arriva per condurlo fuori dall'oscurità. L'uomo chiude gli occhi e grida che non riesce a vedere.

Quando l'uomo guarderà e lascerà che le cose vengano alla luce, la luce mostrerà il bene e il male. Ciò che è per lui, ciò che dovrebbe fare, che è buono, è giusto, è il migliore. Tutto il resto, per lui, è cattivo, è sbagliato, non è il migliore. Dovrebbe essere lasciato.

Chi vorrà vedere vedrà e capirà. La sua luce gli mostrerà: "No", "Lascia stare", "Non è il massimo". Quando l'uomo ascolta il "no" e conosce il "sì", la sua luce gli mostrerà: "Sì", "Fai questo", "Questo è il migliore". La luce stessa potrebbe non essere vista, ma mostrerà le cose come sono. La strada è chiara quando l'uomo vuole vederlo e seguirlo.

L'uomo è cieco, sordo, stupido; eppure vedeva, sentiva e parlava. L'uomo è cieco e, temendo la luce, guarda nell'oscurità. È sordo perché, ascoltando i suoi sensi, allena l'orecchio alla discordia. È stupido perché è cieco e sordo. Parla di fantasmi e disarmonie e rimane inarticolato.

Tutte le cose mostrano ciò che sono, a chi vede. L'uomo incurante non può distinguere la parvenza dal reale. Tutte le cose proclamano la loro natura e i loro nomi a chi ascolta; l'uomo non udente non può distinguere i suoni.

L'uomo imparerà a vedere se guarderà nella luce; imparerà ad ascoltare, se ascolterà il vero; avrà il potere di articolare la parola, quando vede e sente. Quando l'uomo vede, ascolta e parla con l'innocuità del potere, la sua luce non mancherà e gli farà conoscere l'immortalità.