La fondazione di parole

Il moto è indipendente dalla forma, ma le forme non possono esistere indipendentemente dal moto. - T.

IL

PAROLA

Vol 1 MAGGIO, 1905. No. 8

Copyright, 1905, di HW PERCIVAL.

MOVIMENTO.

Il MOVIMENTO è l'espressione della coscienza.

Lo scopo del movimento è elevare la sostanza alla coscienza.

Il movimento fa sì che la materia sia cosciente.

Senza movimento non ci potrebbero essere cambiamenti.

Il movimento non viene mai percepito dai sensi fisici.

Il movimento è la legge che controlla il movimento di tutti i corpi.

Il movimento di un corpo è il risultato oggettivo del movimento.

Tutti i movimenti hanno la loro origine nell'unico moto eterno e senza causa.

La divinità si rivela attraverso il movimento, e l'uomo vive e si muove e viene mantenuto vivo nella Divinità — che è movimento — sia fisicamente che spiritualmente. È il movimento che eccita attraverso il corpo fisico, mantiene tutta la materia in movimento e ispira ogni atomo a svolgere il suo lavoro nella realizzazione del piano ideale di manifestazione.

C'è un movimento che spinge gli atomi a muoversi. C'è un movimento che li induce a raggrupparsi in forma come molecole. C'è un movimento che avvia il germe vitale all'interno, scompone la forma molecolare e si espande e lo costruisce nella struttura cellulare vegetale. C'è un movimento che raccoglie le cellule, dà loro un'altra direzione e le trasforma in tessuti e organi animali. C'è un movimento che analizza, identifica e individua la materia. C'è un movimento che riorganizza, sintetizza e armonizza la materia. C'è un movimento che unifica e risolve tutta la materia nel suo stato primordiale: la sostanza.

Attraverso sette movimenti la storia dell'universo, dei mondi e dell'umanità, viene ripetuta ancora e ancora dall'anima umana durante il ciclo delle sue incarnazioni. Questi movimenti si manifestano: nel risveglio dal suo periodo di riposo nel mondo celeste dell'anima madre; nei cambiamenti degli stati della materia entrando in contatto con le onde delle emozioni dell'umanità e con i genitori che devono fornire il suo corpo fisico; nelle sue trasmigrazioni attraverso i processi necessari per la costruzione del suo corpo fisico; nella nascita del corpo fisico in questo mondo e nella sua incarnazione; nelle speranze, paure, amori, odia, ambizioni, aspirazioni e la battaglia con la materia mentre si trova nel mondo fisico e prima della morte del corpo fisico; nell'abbandono del corpo fisico alla morte e nel passaggio attraverso il mondo astrale; e nel ritorno a riposare nelle vesti dell'anima genitore - a meno che non si fosse liberato dai moti adempiendo le loro leggi e ponendo, in ogni momento, piena e completa fiducia nella coscienza sopra ogni cosa.

Sette movimenti nell'unica omogenea sostanza-radice di base causano la comparsa e la scomparsa di universi, mondi e uomini. Attraverso i sette movimenti ogni manifestazione ha il suo inizio e la sua fine, dalle essenze più spirituali sull'arco discendente del ciclo alle forme materiali più grossolane, per poi ritornare sull'arco ascendente del suo ciclo alle più alte intelligenze spirituali. Questi sette movimenti sono: auto moto, moto universale, moto sintetico, moto centrifugo, moto statico, moto centripeto, moto analitico. Poiché questi movimenti operano nell'uomo e attraverso l'uomo, così anche, su scala più ampia, operano nell'universo e attraverso esso. Ma non possiamo comprendere la loro applicazione universale fino a quando non percepiamo e apprezziamo per la prima volta la loro azione e relazione con il complesso essere chiamato uomo.

Self Motion è la presenza costante della coscienza in tutta la sostanza. È la causa astratta, eterna, sottostante, soggettiva della manifestazione. L'auto-movimento è il moto che si muove da solo e dà l'impulso agli altri movimenti. È il centro di tutti gli altri movimenti, li mantiene in equilibrio ed è la massima espressione della coscienza attraverso la materia e la sostanza. Per quanto riguarda l'uomo, il centro del movimento di sé è nella parte superiore della testa. Il suo campo d'azione è sopra e nella metà superiore del corpo.

Movimento universale è il movimento attraverso il quale il non manifestato si manifesta. È il movimento che traduce la sostanza in materia e materia spirituale in sostanza. Per quanto riguarda l'uomo, il suo centro è all'esterno e sopra il corpo, ma il movimento tocca la parte superiore della testa.

Movimento sintetico è il movimento archetipo o ideale con cui tutte le cose sono armoniosamente correlate. Questo movimento colpisce il design e dà direzione alla materia nelle sue concrezioni, e organizza anche la materia nel processo delle sue sublimazioni. Il centro del movimento sintetico non è nel corpo, ma il movimento agisce attraverso il lato destro della parte superiore della testa e sulla mano destra.

Moto centrifugo guida tutte le cose dal suo centro alla sua circonferenza all'interno della sua sfera di azione. Stimola e costringe tutto il materiale alla crescita e all'espansione. Il centro del movimento centrifugo è il palmo della mano destra. Il campo della sua azione nel corpo umano è attraverso il lato destro della testa e del tronco del corpo e parte del lato sinistro, in una leggera curva dalla sommità della testa al centro tra i fianchi.

Moto statico conserva la forma mediante la detenzione temporanea e l'equilibrio dei movimenti centrifughi e centripeti. Questo movimento tiene in posizione una massa o un corpo composto da particelle. Come un raggio di luce solare che fluisce in una stanza buia dà forma a una moltitudine di particelle altrimenti invisibili, ma che assumono visibilità mentre attraversano i limiti del raggio, così il movimento statico equilibra e consente di rendere visibile l'interazione di centrifuga e centripeta i movimenti in una forma definita e organizza ogni atomo secondo il disegno impresso su di esso dal movimento sintetico. Per quanto riguarda l'uomo, il centro del movimento statico è il centro del corpo fisico verticale e il suo campo di azione è attraverso e intorno a tutto il corpo.

Moto centripeto attira tutte le cose dalla sua circonferenza al suo centro all'interno della sua sfera di azione. Si contrarrebbe, si piegherebbe e assorbirebbe tutte le cose che rientrano nella sua sfera, ma è trattenuto dal centrifugo ed equilibrato dai movimenti statici. Il centro del movimento centripeto è il palmo della mano sinistra. Il campo della sua azione nel corpo è attraverso il lato sinistro della testa e del tronco del corpo e parte del lato destro, in una leggera curva dalla parte superiore della testa al centro tra i fianchi.

Moto analitico penetra, analizza e permea la materia. Dà identità alla materia e individualità alla forma. Il centro del movimento analitico non si trova nel corpo, ma il movimento agisce attraverso il lato sinistro della parte superiore della testa e sulla mano sinistra.

L'auto-moto fa sì che il moto universale cambi la sostanza indifferenziata in materia spirituale, e l'auto-moto fa sì che il moto sintetico dia la direzione e la disponga secondo il piano universale, ed è l'auto-moto che rende di nuovo centrifuga e tutti gli altri movimenti in a loro volta svolgono le loro funzioni separate e speciali.

Ognuno dei movimenti è solo nella sua azione, ma ogni movimento deterrà l'anima nel suo mondo fintanto che prevarrà il suo Glamour e forgerà nuovi anelli nella catena che lega l'anima alla ruota della rinascita. L'unico movimento che libererà l'anima dalla ruota della rinascita è l'auto-movimento, il divino. Il divino, auto-moto, è la via della liberazione, la via della rinuncia e dell'apoteosi finale—Coscienza.