La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 2 DICEMBRE, 1905. No. 3

Copyright, 1905, di HW PERCIVAL.

PENSATO.

Con il pensiero inizia il terzo quaternario.

Il primo quaternario: coscienza (ariete), moto (toro), sostanza (gemelli), respiro (cancro), giace nel mondo noumenico. Il secondo quaternario: vita (leo), forma (vergine), sesso (bilancia) e desiderio (scorpione), sono i i processi con la quale il principi del mondo noumenico sono espressi nel mondo fenomenico manifestato. Il mondo fenomenico manifestato è chiamato all'esistenza dal respiro e termina con l'individualità. Il terzo quaternario, a cominciare dal pensiero, è costituito da pensiero (sagittario), individualità (capricorno), anima (acquario) e volontà (pesci).

Poiché la vita è l'inizio del processo nella costruzione di un corpo per i sensi esterni, così il pensiero è l'inizio del processo nella costruzione del corpo dei sensi interni.

Il pensiero è una fusione di mente e desiderio. La mente attraverso il respiro soffia sul corpo informe del desiderio nell'uomo e il desiderio sorge come una massa informe, si combina con il respiro, prende forma e diventa pensiero.

I pensieri entrano nel corpo solo attraverso determinati centri. Il carattere del pensiero può essere conosciuto dalla funzione del centro attraverso cui entra. Il numero e le combinazioni di pensieri sono più numerosi e vari dei milioni di esseri da cui provengono, ma tutti i pensieri possono essere classificati in quattro teste. Questi sono sesso, elementale, emotivo e intellettuale.

I pensieri della natura sessuale stimolano ed entrano attraverso quel centro e, agendo sul plesso solare e suscitando gli organi della regione addominale, si alzano come un respiro caldo al cuore. Se ottengono l'ingresso lì sorgono come forme indistinte alla gola e quindi passano nella testa dove viene data loro la forma - chiara e distinta come lo sviluppo individuale consentirà. Quando si sente uno stimolo nella regione sessuale, può sapere che un'influenza estranea sta agendo su di lui. Se espellesse o deviava il pensiero, deve rifiutare di sanzionarlo quando lo chiede

Sopra c'è luce, sotto c'è vita. Ancora una volta l'ordine cambia, e ora, attraverso l'aspirante pensiero, questi mondi manifestati di vita e forma, sesso e desiderio, e il pensiero stesso, sono cambiati dall'alchimia in luce. LO ZODIACO. ingresso nel cuore e sentendo nel cuore l'amore per l'essere che è entro il corpo, o rivolgendo il pensiero alla massima coscienza che è in grado di raggiungere e invocando la sua presenza. Il sentimento passerà quindi a quello dell'aspirazione e dell'esaltazione, e quindi della pace. È molto più facile trasmutare un pensiero che scacciarlo. Nessun pensiero può essere ucciso contemporaneamente come talvolta si crede erroneamente. Potrebbe essere scacciato, ma tornerà secondo la legge ciclica. Ma se gli viene rifiutato il sostentamento ogni volta che ritorna, perderà gradualmente il potere e alla fine svanirà.

Pensieri di natura elementare entrano nel corpo attraverso l'ombelico e i pori della pelle. I pensieri elementali sono quelli di rabbia, odio, malizia, invidia, lussuria, fame e sete, e quelli che eccitano i cinque organi di senso, come la ghiottoneria, o vedono una conflagrazione. Agiscono sul plesso solare e stimolano l'albero dei nervi, con la sua radice nel centro sessuale e i suoi rami nel plesso solare, o giocano su quell'albero dei nervi, la cui radice è nel cervello, con rami nel Plesso Solare.

Questi pensieri elementali sono agiti e fatti forza dagli organi addominali e salgono al cuore da dove, se ricevono sanzione, si alzano alla testa, prendono una forma definita e vengono emessi da una delle aperture come l'occhio o la bocca, altrimenti discendono, disturbano il corpo e, influenzando tutti i suoi atomi, gli fanno rispondere alla loro azione. Qualsiasi forza elementale o pensiero malvagio che trova così l'entrata attraverso l'ombelico può essere cambiata impiegando subito la mente con un pensiero definito di natura diversa, o cambiando il pensiero in uno di amore altruistico come prima suggerito; altrimenti il ​​pensiero sarà accentuato in vigore, dato forma in base alla capacità dell'individuo di pensare, e inviato nel mondo per agire su altri che lo permetteranno.

I pensieri di natura emotiva umana entrano nel cuore attraverso le aperture e i centri del seno. Quali sono i pensieri emotivi (a volte chiamati sentimenti), possono essere meglio compresi considerando l'avversione che alcune persone hanno nel vedere lo spargimento di sangue o nel vedere la povertà o le sofferenze di altri quando vengono portati direttamente in contatto con tale miseria, ma dimentica a questo proposito non appena scompaiono i luoghi e i suoni, poi la mania religiosa, lo psichismo dei risvegli, l'entusiasmo dei combattimenti, l'irragionevole simpatia e l'impulso di una folla impetuosa. Secondo il carattere delle emozioni, discendono dal cuore verso le regioni inferiori o si alzano e prendono forma nella testa e sono lì elevati ad alta intelligenza e potere. Tutti i tipi di pensieri e impressioni cercano l'ammissione alla testa perché la testa è la regione intellettuale in cui si danno forma alle impressioni e i pensieri attivi vengono rimodellati, elaborati e abbelliti. La testa ha sette aperture: narici, bocca, orecchie e occhi, che, insieme alla pelle, ammettono rispettivamente i cinque elementi noti agli antichi come terra, acqua, aria, fuoco ed etere, corrispondenti ai quali sono i nostri sensi di odore, degustazione, udito, vedere e toccare. Gli elementi e gli oggetti dei sensi agiscono su o attraverso questi canali dei sensi che iniziano a funzionare una o più delle cinque funzioni della mente. Le cinque funzioni della mente operano attraverso i cinque sensi e i cinque organi di senso e sono i processi del lato materiale della mente.

Le quattro classi di pensieri hanno origine da due fonti: pensieri che provengono dall'esterno e pensieri che provengono dall'interno. È stato dimostrato come le prime tre classi nominate provengano dall'esterno, stimolino i rispettivi centri e si elevino alla testa. Tutti questi pensieri servono come materiale e cibo che entra nello stomaco mentale proprio come il cibo fisico viene assunto nello stomaco. Quindi il cibo mentale passa lungo il tratto digestivo simile a quello del canale alimentare, dove viene agito dagli organi della testa che hanno funzioni analoghe a quelle delle regioni addominali e pelviche. Il cervelletto è lo stomaco mentale e le convoluzioni del cervello il canale lungo il quale passa il materiale per il pensiero, nel processo di digestione e assimilazione, prima che possa essere emesso dalla fronte, dall'occhio, dall'orecchio, dal naso o dalla bocca, completamente formato nel mondo, nella sua missione del bene o del male. Quindi le impressioni o i pensieri ricevuti attraverso i tre centri inferiori provengono da una fonte esterna e possono servire da cibo per l'intelletto per modellare nella forma.

Il pensiero che viene dall'interno ha la sua origine nel cuore o nella testa. Se nel cuore, è una luce morbida e costante che irradia un amore non emotivo per tutte le cose, ma che può diventare un amore emotivo e passare in risposta al pianto dell'umanità, attraverso il seno, se non viene sollevato come una fiamma di aspirazione alla testa. Se così sollevato, può essere analizzato, sintetizzato ed equilibrato dal moto universale nel pensiero che chiarisce i cinque processi intellettuali citati. La funzione cinque volte della mente attraverso i sensi sarà quindi apprezzata e compresa. La forma del pensiero che ha origine nella testa difficilmente può essere definita un pensiero poiché viene completamente formata senza alcun processo mentale. Contemporaneamente al suo aspetto nella testa c'è un'azione nella regione alla base della colonna vertebrale che fa riempire la testa di luce. In questa luce è compreso il mondo interiore del pensiero. La fonte del pensiero che viene dall'interno è il proprio ego o Sé Superiore. Un tale pensiero può essere chiamato a volontà solo da chi ha raggiunto l'illuminazione e raggiunto la saggezza. A tutti gli altri arriva inaspettatamente, in profonda meditazione o con fervida aspirazione.

Il pensiero non è mente; non è desiderio. Il pensiero è l'azione combinata di desiderio e mente. In questo senso può essere chiamato mente inferiore. Il pensiero è causato dall'azione del desiderio sulla mente o della mente sul desiderio. Il pensiero ha due direzioni; ciò che è associato al desiderio e ai sensi, sono gli appetiti, le passioni e le ambizioni e ciò che è associato alla mente nelle sue aspirazioni.

Nella cupola a volta blu di un cielo senza nuvole, soffia un vento e appare una flebile massa simile a una nebbia. Da ciò compaiono forme che aumentano di dimensioni e diventano più pesanti e più scure fino a quando l'intero cielo non è coperto e la luce del sole si spegne. Una tempesta infuria, nuvole e altre forme si perdono nell'oscurità, spezzate solo da un lampo. Se le tenebre prevalenti dovessero continuare, la morte si diffonderebbe sulla terra. Ma la luce è più permanente dell'oscurità, le nuvole sono precipitate dalla pioggia, la luce dissipa ancora una volta l'oscurità e si possono vedere i risultati della tempesta. I pensieri sono generati in modo simile quando il desiderio prende forma a contatto con la mente.

Ogni cellula del corpo contiene il materiale e i germi del pensiero. Impressioni e pensieri esteriori vengono ricevuti attraverso i centri sessuali, elementali ed emotivi; odori, sapori, suoni, colori e sensazioni (di tocco), passano nel corpo dalla porta dei sensi attraverso i cinque centri intellettuali; la mente respira ritmicamente, e contemporaneamente con un doppio movimento in due direzioni opposte, attraverso tutto il corpo, e quindi risveglia e libera i germi della vita; il desiderio dà direzione alla vita che sale con un movimento simile a un vortice al cuore, ricevendo slancio lungo il suo cammino mentre sale. Se si tratta di una passione feroce, lussuria o rabbia, che ottiene l'ingresso e la sanzione del cuore, una massa piena di vapore, torbida e simile a una nuvola salirà alla testa, potrebbe stupire la mente e spegnere la luce di ragione dal cuore. Allora la tempesta della passione si scatenerà, pensieri folli come lampi si scateneranno, e mentre la tempesta della passione dura la passione cieca deve prevalere; se continua la follia o la morte è il risultato. Ma come in natura, la furia di tale tempesta è presto trascorsa e i suoi risultati possono essere visti alla luce della ragione. Il desiderio che ottiene l'ingresso nel cuore - se può essere di cieca passione può essere sottomesso - nasce in una fiamma a forma di imbuto di vari colori alla gola, da qui al cervelletto e al cervello dove riceve tutti gli elementi di senso nella sua processi di digestione, assimilazione, trasformazione, sviluppo e nascita. Il centro olfattivo gli conferisce odore e solidità, il centro gustativo lo fa seccare e amaro o umido e dolce, il centro uditivo lo tonifica in una nota aspra o melodiosa, il centro visivo gli conferisce figura e lo arricchisce di luce e colore, il centro percettivo lo dona con sentimento e scopo, e quindi nasce nel mondo da uno dei centri della testa un'entità pienamente formata, una maledizione o una benedizione per l'umanità. È un figlio della mente e del desiderio. Il suo ciclo di vita dipende dal suo creatore. Da lui trae il suo sostentamento. I pensieri che non ricevono il giusto nutrimento durante il processo di gestazione, o che sono prematuramente nati, sono come scheletri grigi o cose senza forma senza vita, che vagano senza meta finché non vengono trascinati nell'atmosfera di una persona dal desiderio incerto, per passare e fuori di testa come un fantasma in una casa vuota. Ma tutti i pensieri creati da una mente sono i figli di quella mente, che ne è responsabile. Raccolgono in gruppi in base al loro carattere e determinano i destini delle vite future del loro creatore. Come un bambino, un pensiero ritorna per sostentamento al suo genitore. Entrando nella sua atmosfera, annuncia la sua presenza con un sentimento corrispondente al suo carattere e richiede attenzione. Se la mente rifiuta di intrattenere o ascoltare le sue affermazioni, è costretta dalla legge dei cicli a ritirarsi fino a quando il ciclo non consente il suo ritorno. Nel frattempo perde forza ed è meno distinto nella forma. Ma se la mente intrattiene il suo bambino, rimane fino a quando non viene rinfrescata e rinvigorita e poi, come un bambino il cui desiderio è stato appagato, si precipita fuori per unirsi ai compagni nei giochi e per fare spazio al prossimo richiedente.

I pensieri arrivano a uno in gruppi, in nuvole. Le influenze dominanti delle costellazioni zodiacali, in relazione ai propri sette principi, determinano l'avvento dei suoi pensieri e la misura del ciclo del loro ritorno. Poiché ha nutrito pensieri di un certo tipo, al loro ritorno a lui nella vita dopo la vita, così li ha sufficientemente rafforzati, e così a loro volta hanno indebolito il potere di resistenza della sua mente e degli atomi del suo corpo, fino alla comparsa di questi pensieri, stati d'animo, emozioni e impulsi, ha il potere e l'irresistibile terrore del destino. I pensieri si accumulano, si solidificano, si cristallizzano e diventano forme fisiche, atti ed eventi, nella vita di un individuo e di una nazione. Arrivano così le improvvise tendenze incontrollabili di suicidio, omicidio, furto, lussuria, nonché improvvisi atti di gentilezza e di sacrificio. Arrivano così gli stati d'animo incontrollabili dell'oscurità, del rancore, della malizia, dello sconforto, di un dubbio incerto e della paura. Arriva così la nascita in questo mondo con un carattere di gentilezza, generosità, umorismo o serenità e i loro opposti.

L'uomo pensa e la natura risponde schierando i suoi pensieri in una processione continua mentre guarda con uno sguardo meravigliato, incurante della causa. L'uomo pensa nella passione, nell'invidia e nella rabbia e fuma e si agita con la natura e i suoi simili. L'uomo pensa e fruttifica la natura con il suo pensiero, e la natura produce la sua discendenza in tutte le forme organiche come i figli dei suoi pensieri. Alberi, fiori, bestie, rettili, uccelli sono nelle loro forme la cristallizzazione dei suoi pensieri, mentre in ognuna delle loro diverse nature è una rappresentazione e una specializzazione di uno dei suoi desideri particolari. La natura si riproduce secondo un determinato tipo, ma il pensiero dell'uomo determina il tipo e il tipo cambia solo con il suo pensiero. Tigri, agnelli, pavoni, pappagalli e tortore continueranno ad apparire fino a quando l'uomo li specializzerà per il carattere del suo pensiero. Le entità che vivono la vita nei corpi degli animali devono avere il loro carattere e la forma determinati dal pensiero dell'uomo fino a quando non possono pensare loro stessi. Quindi non avranno più bisogno del suo aiuto, ma costruiranno le proprie forme proprio mentre il pensiero dell'uomo costruisce ora il proprio e il loro.

Come lemniscato, l'uomo si trova nei mondi noumenici e fenomenali. Attraverso di lui la sostanza si differenzia come materia spirituale e si svolge in questo mondo fisico nelle sue sette condizioni, da spirito a materia. Attraverso l'uomo, che sta al centro, queste sette condizioni sono armonizzate e ri-diventano sostanza. È il traduttore che dà forma all'invisibile quando lo condensa e lo solidifica attraverso il pensiero. Trasforma la materia solida nell'invisibile e di nuovo nel visibile, sempre con il pensiero. Quindi continua nei suoi processi di cambiamento e raffinamento, creando e dissolvendo, distruggendo e costruendo i suoi corpi, i mondi animale e vegetale, le caratteristiche delle nazioni, i climi della terra, la conformazione dei suoi continenti, la sua giovinezza e la sua età e la giovinezza durante i cicli, sempre attraverso il pensiero. Quindi, per mezzo del pensiero, svolge la sua parte nella grande opera di cambiamento della materia fino a quando non diventa Coscienza.