La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 13 APRILE, 1911. No. 1

Copyright, 1911, di HW PERCIVAL.

Ombre.

QUANTO misterioso e banale è un'ombra. Le ombre ci lasciano perplessi come bambini nelle nostre prime esperienze in questo mondo; le ombre ci accompagnano nelle nostre passeggiate nella vita; e le ombre sono presenti quando lasciamo questo mondo. La nostra esperienza con le ombre inizia subito dopo che siamo entrati nell'atmosfera del mondo e abbiamo visto la terra. Benché riusciamo presto a convincerci che sappiamo cosa sono le ombre, eppure pochi di noi le hanno esaminate abbastanza attentamente.

Da bambini ci siamo sdraiati nei nostri presepi e abbiamo guardato e meravigliato le ombre gettate sul soffitto o sul muro da persone che si muovevano nella stanza. Quelle ombre erano strane e misteriose, finché non avessimo risolto il problema per le nostre menti infantili scoprendo che il movimento di un'ombra dipendeva dal movimento della persona di cui era il contorno e l'ombra, o dal movimento della luce che lo rendeva visibile. Tuttavia, era necessario osservare e riflettere per scoprire che un'ombra era più grande quando era più vicina alla luce e più lontana dal muro, e che era più piccola e meno formidabile quando più lontana dalla luce e più vicina al muro. Più tardi, da bambini, fummo intrattenuti da conigli, oche, capre e altre ombre che alcuni amici produssero manipolando abilmente le sue mani. Man mano che crescevamo, non eravamo più intrattenuti da tale gioco di ombre. Le ombre sono ancora strane e i misteri che le circondano rimarranno finché non conosciamo i diversi tipi di ombre; cosa sono le ombre ea cosa servono.

Le lezioni d'ombra dell'infanzia ci insegnano due delle leggi delle ombre. Il movimento e il cambiamento delle ombre sul loro campo variano con la luce da cui sono visti e con gli oggetti i contorni e le ombre di cui sono. Le ombre sono grandi o piccole come quelle che le lanciano sono lontane o vicine al campo su cui sono percepite le ombre.

Potremmo aver dimenticato questi fatti mentre dimentichiamo molte delle importanti lezioni dell'infanzia; ma, se fossero stati appresi, la loro importanza e verità ci attirerebbero nei giorni successivi, quando sapremo che le nostre ombre sono cambiate.

Possiamo dire, al momento, quattro fattori necessari per gettare un'ombra: in primo luogo, l'oggetto o la cosa che sta in piedi; secondo, la luce, che rende visibile; terzo, l'ombra; e, in quarto luogo, il campo o lo schermo su cui è vista l'ombra. Sembra abbastanza facile. Quando ci viene detto che un'ombra è semplicemente il contorno su una superficie di qualsiasi oggetto opaco che intercetta i raggi di luce che cadono su quella superficie, la spiegazione sembra così semplice e facilmente comprensibile da rendere superflue ulteriori indagini. Ma tali spiegazioni, per quanto vere possano essere, non soddisfano del tutto i sensi né la comprensione. Un'ombra ha alcune caratteristiche fisiche. Un'ombra è più di un semplice contorno di un oggetto che intercetta la luce. Produce alcuni effetti sui sensi e colpisce stranamente la mente.

Tutti i corpi che sono chiamati opachi faranno gettare un'ombra quando si troveranno davanti alla fonte da cui proviene la luce; ma la natura di un'ombra e gli effetti che essa produce differiscono a seconda della luce che proietta l'ombra. Le ombre generate dalla luce solare e i loro effetti sono diversi dalle ombre causate dalla luce della luna. La luce delle stelle produce un effetto diverso. Le ombre generate dalla lampada, dal gas, dalla luce elettrica o da qualsiasi altra fonte artificiale sono diverse per quanto riguarda la loro natura, sebbene l'unica differenza che appare alla vista è la maggiore o minore distinzione nel contorno dell'oggetto sulla superficie su cui il l'ombra viene lanciata.

Nessun oggetto fisico è opaco nel senso che è impermeabile o intercetta tutta la luce. Ogni corpo fisico intercetta o interrompe alcuni dei raggi della luce e trasmette o è trasparente ad altri raggi.

Un'ombra non è semplicemente l'assenza della luce nel contorno dell'oggetto che la intercetta. Un'ombra è una cosa in sé. Un'ombra è qualcosa di più di una silhouette. Un'ombra è più dell'assenza di luce. Un'ombra è la proiezione di un oggetto in combinazione con la luce con cui viene proiettato. Un'ombra è la proiezione della copia, della controparte, del doppio o del fantasma dell'oggetto proiettato. C'è un quinto fattore necessario per provocare un'ombra. Il quinto fattore è l'ombra.

Quando guardiamo un'ombra vediamo il contorno dell'oggetto proiettato, su una superficie che intercetta l'ombra. Ma non vediamo l'ombra. L'ombra reale e l'ombra reale non sono semplici contorni. L'ombra è una proiezione dell'ombra degli interni e del contorno del corpo. L'interno del corpo non può essere visto perché l'occhio non è sensibile ai raggi di luce che si confondono con l'interno del corpo e proiettano la sua ombra. Tutta l'ombra o l'ombra che può essere percepita attraverso l'occhio è solo il contorno della luce, per cui l'occhio è sensibile. Ma se la vista fosse allenata, il veggente potrebbe percepire l'interno del corpo in tutte le sue parti per mezzo della sua ombra, perché la luce che passa attraverso il corpo è colpita e porta una sottile copia delle parti del corpo attraverso le quali Passa. La superficie fisica su cui si vede l'ombra, vale a dire, che fa vedere il contorno della luce nella forma del corpo, ha impresso su di essa una copia dell'ombra ed è influenzata dall'ombra sul grado di trattenere l'impressione per molto tempo dopo la rimozione del corpo o della luce che la genera.

Se la superficie di una lastra fosse sensibilizzata ai raggi di luce che attraversano corpi chiamati opachi e che proiettano un'ombra, questa superficie manterrebbe l'impressione o l'ombra e sarebbe possibile per uno con vista allenata vedere non solo il contorno della figura, ma per descrivere e analizzare l'interno dell'originale di quell'ombra. Sarebbe possibile diagnosticare le condizioni del corpo vivente al momento dell'impressione dell'ombra e prevedere i futuri stati di malattia o di salute in base alla diagnosi. Ma nessuna lastra o superficie conserva l'impressione dell'ombra come viene vista dalla normale vista fisica. Ciò che viene chiamato ombra, dal punto di vista fisico, produce alcuni effetti, ma questi non sono visti.

(Continua.)