La fondazione di parole

Il Sé della Materia e il Sé dello Spirito non potranno mai incontrarsi. Uno dei due deve scomparire; non c'è posto per entrambi.

Ahimè, ahimè, che tutti gli uomini dovrebbero possedere Alaya, essere uno con la Grande Anima, e che, possederlo, Alaya dovrebbe servirsene così poco!

Ecco come la luna, riflessa nelle onde tranquille, Alaya è riflessa dai piccoli e dai grandi, è riflessa negli atomi più piccoli, ma non riesce a raggiungere il cuore di tutti. Purtroppo, così pochi dovrebbero trarre profitto dal dono, l'inestimabile vantaggio dell'apprendimento della verità, la giusta percezione delle cose esistenti, la conoscenza dell'esistente!

—Voce del silenzio.

IL

PAROLA

Vol 1 GIUGNO, 1905. No. 9

Copyright, 1905, di HW PERCIVAL.

SOSTANZA.

Come suggerisce la parola, "sostanza" è ciò che sta alla base o sotto. Ciò a cui sottostà o sottostà la sostanza è l'universo manifestato.

La parola "mulaprakriti", come usata dagli antichi ariani, esprime il suo significato persino più perfettamente della nostra parola sostanza. "Mula" significa radice, “Prakriti” natura o materia. Mulaprakriti è, quindi, che origine o radice da cui proviene la natura o la materia. È in questo senso che usiamo la parola sostanza.

La sostanza è eterna e omogenea. È la fonte e l'origine di ogni manifestazione. La sostanza ha la possibilità di identificarsi con, e quindi diventare, coscienza. La sostanza non è materia, ma la radice da cui scaturisce la materia. La sostanza non si manifesta mai ai sensi, perché i sensi non possono percepirla. Ma meditando su di essa la mente può passare allo stato di sostanza e lì percepirlo. Ciò che viene percepito dai sensi non è la sostanza, ma le sottodivisioni del movimento più basso dalla sostanza, nelle loro varie combinazioni.

In tutta la sostanza la coscienza è sempre presente. La coscienza sempre presente nella sostanza è l'auto-movimento. L'auto-movimento è la causa della manifestazione della sostanza attraverso gli altri movimenti. La sostanza è sempre la stessa, come sostanza, ma viene tradotta attraverso il moto universale in materia spirituale. La materia spirituale è atomica. La materia spirituale è l'inizio di universi, mondi e uomini. A causa dell'interazione dei movimenti, la materia-spirito viene tradotta in determinati stati o condizioni. L'unica sostanza diventa due e questa dualità prevale durante l'intero periodo di manifestazione. Dal più spirituale al più materiale sull'arco discendente del ciclo, poi di nuovo al moto universale.

La materia spirituale costituisce i due inseparabili opposti, o poli, presenti in tutte le manifestazioni. A prima vista dalla sostanza, la materia spirituale appare come spirito. La sua settima rimozione verso l'esterno o verso il basso è la nostra materia grossolana. La materia è quell'aspetto della sostanza, che viene mosso, modellato e modellato da quell'altro polo di se stesso che si chiama spirito. Lo spirito è quell'aspetto della sostanza che muove, eccita e modella quell'altro polo di se stesso che si chiama materia.

Nel suo moto verso l'esterno o verso il basso, ciò che era sostanza, ma che ora è la dualità materia spirituale, è impressionato, e gli viene dato la direzione, l'impulso e il destino, dai regni inferiori fino all'uomo, dal moto sintetico. Se la materia spirituale è quindi equamente bilanciata, si identifica con il moto di sé, che è la massima espressione della sostanza cosciente, ed è immortale, sostanziale e divina. Se, tuttavia, la mente o il movimento analitico non riescono ad equilibrarsi e si identificano con il moto di sé, vengono fatti roteare continuamente attraverso i periodi costantemente ricorrenti di involuzione ed evoluzione.

Ogni corpo o forma è il veicolo del principio sopra di esso, ed è a sua volta il principio che informa il corpo o la forma sottostante. Lo sviluppo spirituale consiste nella trasformazione della materia dai livelli inferiore a quello superiore; ogni abito è un veicolo per il riflesso o l'espressione della coscienza. Il segreto del conseguimento non è costruire e attaccarsi a corpi o forme, ma valutare il veicolo solo come mezzo per raggiungere l'oggetto finale di ogni sforzo: la coscienza.

La coscienza non è in alcun modo diversa in un pezzo di argilla che in un salvatore del mondo. La coscienza non può essere cambiata, perché è immutabile. Ma il veicolo attraverso il quale viene espressa la coscienza può essere cambiato. Quindi quella materia nel suo stato e nella sua forma fisica non sarebbe in grado di riflettere ed esprimere coscienza come la veste di un Buddha o di un Cristo.

Gli universi vanno e vengono come i giorni in un tempo illimitato, affinché la materia possa essere elaborata dallo stato più semplice e non sviluppato al più alto grado di intelligenza possibile: da un granello di sabbia o uno sprite naturale, a un arcangelo o l'universo Divinità senza nome. Il solo scopo dell'involuzione della sostanza come materia-spirito in forma, e dell'evoluzione della materia-spirito in sostanza è: il raggiungimento della Coscienza.