La fondazione di parole

La volontà è il sentiero della coscienza.

La volontà è impersonale, semovente, libera; la fonte del potere, ma non è essa stessa un potere. Attraverso tutte le innumerevoli epoche il Grande Sacrificio è Volontà.

—Lo zodiaco.

IL

PAROLA

Vol 2 MARZO, 1906. No. 6

Copyright, 1906, di HW PERCIVAL.

WILL

WILL (Pesci) è il dodicesimo segno dello Zodiaco.

Dal primordiale non manifestato alla manifestazione, l'ordine dell'involuzione è: il moto (taurus) fa sì che la sostanza omogenea (gemini) esprima la dualità come materia spirituale; la materia spirituale è influenzata dal grande respiro (cancro) che la respira nell'oceano della vita (leo); l'oceano della vita germina e precipita in forma (vergine); e la forma si sviluppa in sesso (bilancia). Con lo sviluppo del sesso l'involuzione della materia spirituale è completa. Quando si sviluppa il sesso, la mente (il cancro) si incarna. L'ordine di evoluzione è: la materia-spirito del sesso (Bilancia) sviluppa il desiderio (Scorpione) attraverso la forma (Vergine); il desiderio si sviluppa in pensiero (sagittario) attraverso la vita (leo); il pensiero si sviluppa nell'individualità (capricorno) attraverso il respiro (cancro); l'individualità si sviluppa in anima (acquario) attraverso la sostanza (gemelli); l'anima si sviluppa in volontà (pesci) attraverso il movimento (toro). La volontà diventa Coscienza (Ariete).

La volontà è incolore. La volontà è universale. La volontà è spassionata, non legata. È la fonte e l'origine di ogni potere. La volontà è onnisciente, saggia, intelligente, sempre presente.

La volontà autorizza tutti gli esseri in base alla loro capacità di usarla, ma la volontà non è un potere.

La volontà è libera da tutti i legami, legami, limitazioni o intrecci. La volontà è libera.

La volontà è impersonale, distaccata, illimitata, autonoma, silenziosa, sola. La volontà è presente su tutti i piani e autorizza ogni entità secondo e in proporzione alla sua natura e capacità di usare il potere. Sebbene la volontà dia agli esseri il potere di agire secondo le loro qualità intrinseche, proprietà, desideri, pensieri, conoscenza e saggezza, tuttavia rimarrà mai libera e non colorata dal carattere di qualsiasi azione.

Senza la volontà nulla è possibile. La volontà si presta a qualsiasi operazione. La volontà non è limitata, limitata, collegata o interessata a qualsiasi motivo, causa, operazione o effetto. La volontà è più occulta e misteriosa.

La volontà è libera come la luce del sole e necessaria per ogni azione come la luce del sole per la crescita, ma non seleziona colui che dà più potere della luce del sole decide su quale oggetto deve cadere. Il sole splende su tutto ciò che chiamiamo buono e cattivo, ma il sole non brilla con l'intenzione di essere né buono né cattivo. Il sole farà sì che una carcassa diffonda pestilenza e morte, e farà sì che la terra dall'odore dolce produca cibo vivificante per i suoi figli. Colpo di sole e salute rubiconda, arido deserto e fertile valle, notti mortali mortali e frutti sani, sono simili ai doni del sole.

La volontà è la fonte di potere che consente all'assassino di colpire il colpo fatale, e anche la fonte di potere che consente di compiere qualsiasi atto di gentilezza, esercizio mentale o fisico o di sacrificio di sé. Prestandosi a chi lo chiama in uso, la volontà stessa è tuttavia libera dall'azione che esso conferisce. Non è né limitato all'azione né al motivo dell'azione, ma si presta a entrambi per mezzo dell'esperienza, e come risultato dell'azione, l'attore può arrivare alla conoscenza finale dell'azione giusta e sbagliata.

È un grave errore affermare che la volontà può essere rafforzata come direbbe che possiamo dare luce al sole. La volontà è la fonte di forza come il sole è di luce. L'uomo usa la volontà liberamente come usa la luce solare, ma l'uomo sa usare saggiamente la volontà anche in misura minore di quanto sappia usare la luce solare. Tutto ciò che l'uomo può fare è sapere come prepararsi e quindi preparare gli strumenti per l'uso della luce solare o della volontà. La luce del sole distribuisce enormi quantità di forza di cui l'uomo usa solo una porzione scarna, perché non ha né sa come preparare gli strumenti per il suo uso e perché non sa come usarlo saggiamente. La volontà è la grande fonte di ogni potere, ma l'uomo la usa in misura molto limitata perché non ha buoni strumenti, perché non sa come usare la volontà, né come preparare gli strumenti per il suo uso.

Sul suo piano e sul piano del moto, la volontà è incolore e impersonale; sul piano della sostanza e dell'anima universale (gemelli — acquario), consentirà alla sostanza di differenziarsi in materia-spirito, e l'anima di proteggere, unire e sacrificarsi per tutte le cose; sul piano del respiro e dell'individualità (cancro - capricorno), è il potere del respiro di portare tutte le cose in manifestazione e autorizza l'individualità a diventare autocosciente e immortale; sul piano della vita e del pensiero (leo-sagittario), consente alla vita di costruire e scomporre le forme e autorizza il pensiero a procurarsi i risultati desiderati secondo gli oggetti di sua scelta; sul piano della forma e del desiderio (Vergine-Scorpione), consente alla forma di mantenere il corpo, il colore e la figura e dà forza al desiderio di agire secondo il suo impulso cieco; sul piano del sesso (bilancia), lo autorizzerà a riprodurre forme, a combinare, adattare, bilanciare, trasmutare e sublimare tutti i principi dell'uomo e dell'universo.

L'uomo ha quindi nel suo corpo fisico i materiali e i poteri necessari per ottenere qualsiasi oggetto e per diventare qualsiasi essere, potere o dio, tutto mediante l'uso dell'azione magica della volontà.

Ogni essere umano non è un solo uomo, ma una combinazione di sette uomini. Ognuno di questi uomini ha le sue radici in uno dei sette costituenti dell'uomo fisico. L'uomo fisico è il più basso e il più grossolano dei sette. I sette uomini sono: l'uomo fisico grossolano; l'uomo di forma; l'uomo della vita; l'uomo del desiderio; l'uomo di mente; l'uomo dell'anima; l'uomo di volontà. L'aspetto materiale dell'uomo della volontà è il principio fondamentale nel corpo fisico. Il principio fondamentale è libero e distaccato dagli usi ai quali è posto come lo è il principio intelligente della volontà da cui proviene il suo potere.

Ad ogni inspirazione (cancro), il respiro stimola, attraverso il sangue, il desiderio (scorpione) di agire. Quando questo centro viene stimolato, con la persona comune, il pensiero viene indotto dal desiderio, che di solito controlla il pensiero, e la volontà (i pesci), seguendo il pensiero, dà forza al desiderio di agire. Quindi otteniamo il detto ermetico: "Dietro la volontà sta il desiderio", che si basa sul fatto che la volontà è incolore e impersonale e che, sebbene non interessata ai risultati di qualsiasi azione, la volontà è la fonte del potere dell'azione; e che per indurre l'azione della volontà, l'uomo nel suo stato attuale deve desiderare. Se, tuttavia, il pensiero non segue la suggestione del desiderio, ma fa appello all'aspirazione a un ideale superiore, la forza del desiderio deve quindi seguire il pensiero, ed è elevato alla volontà. La triade di volontà desiderio-respiro (cancro-scorpione-pesci), è dai polmoni, agli organi del sesso, alla testa, attraverso la colonna vertebrale. Lo zodiaco è davvero il piano di costruzione e sviluppo dell'universo e di uno o tutti e sette i sette uomini.

Il principio fondamentale è il mezzo nel corpo attraverso il quale può operare la volontà universale, e le possibilità e i risultati di un uomo dipendono dagli usi a cui questo principio è posto. L'immortalità è raggiunta nel corpo. Solo mentre vive nel suo corpo, solo prima della morte, l'uomo può diventare immortale. Dopo la morte del corpo nessuno diventa immortale, ma deve reincarnarsi su questa terra in un nuovo corpo fisico umano.

Ora, per diventare immortale, un uomo deve bere dell '"elisir di vita", l' "acqua dell'immortalità", il "nettare degli dei", "le dolci acque di Amrita", il "succo di soma" così com'è chiamato nelle varie letterature. Deve, come dicono gli alchimisti, aver trovato "la pietra filosofale", mediante la quale i metalli più basici vengono trasmutati in oro puro. Tutto ciò si riferisce a una cosa: l'uomo-mente e il principio fondamentale che lo nutre. Questo è l'agente magico con cui vengono prodotti tutti i risultati. Il principio fondamentale è il potere che si muove da solo, che accelera l'anima, rafforza la mente, brucia il desiderio, costruisce la vita, dà forma, procreativa nel corpo.

C'è alchemizzato dal quarto round della quintessenza dei quattro alimenti presi nel corpo (vedi editoriale "Cibo," La Parola, Vol. Io, n. 6), l'uomo-mente. È nutrito e costruito dal principio fondamentale, che è la volontà. Per ottenere questo risultato della costruzione della mente-uomo, che è magia, tutte le altre cose devono essere subordinate al principio fondamentale; tutti gli atti della vita, allo scopo di sublimare la quintessenza; e, pertanto, non si dovrebbe fare appello al principio fondamentale per prestare il proprio potere all'indulgenza o all'eccesso. Quindi la volontà universale farà della quintessenza attraverso la volontà, quel corpo mentale che diventa autocosciente; immortale; prima della morte del corpo. Un metodo pratico per gli studenti è di pensare con ogni inspirazione dei centri superiori del corpo, fino a quando i pensieri non sono centrati abitualmente. Ogni volta che i pensieri sono attratti attraverso il desiderio verso i centri inferiori, i pensieri dovrebbero essere sollevati immediatamente. Questo costruisce l'uomo-mente e chiama direttamente la volontà dall'alto, invece di lasciare che la volontà venga mossa dal desiderio dal basso. Dietro la volontà c'è il desiderio, ma sopra il desiderio c'è la volontà. L'aspirante sul Sentiero della Coscienza stabilisce una nuova regola; per lui l'ordine cambia; per lui: al di sopra del desiderio c'è la volontà.

Il prerequisito di ogni vero progresso è la ferma convinzione che ogni essere umano ha il diritto e il potere di scelta, di agire secondo la sua intelligenza e che l'unico limite alla sua azione è l'ignoranza.

Con poca saggezza e apparentemente nessuna nozione chiara di ciò che realmente sanno, le persone parlano di libero arbitrio e destino. Alcuni sostengono che l'uomo abbia il libero arbitrio, mentre altri affermano che la volontà non è libera, quella volontà è una facoltà o qualità della mente. Molti affermano che la mente e tutto il resto sta risolvendo il destino; che tutte le cose sono come sono perché sono così destinate ad essere; che in futuro tutte le cose saranno solo quelle che sono predeterminate e destinate a diventare per volontà, potere, provvidenza, destino o Dio superiori; e che, non avendo voce o scelta in merito, l'uomo deve sottomettersi.

La libertà non può mai essere raggiunta da chi non sente intuitivamente che la volontà è libera. Colui che crede che tutti siano spinti a compiere azioni da una volontà predestinata diversa dalla sua, è governato e controllato da un impulso naturale derivante dal desiderio che lo avvolge e lo tiene in schiavitù. Mentre un uomo crede di non avere il potere di scelta o di "libero arbitrio", non c'è alcuna possibilità che esca dal suo immediato tapis roulant sotto il controllo e il dominio del desiderio.

Se è vero, la volontà è libera; quell'uomo può volere; che tutti gli uomini hanno il diritto e il potere di scelta; come possiamo conciliare le dichiarazioni? La domanda si basa, ovviamente, su cosa sia l'uomo; quale sarà la volontà; e qual è il destino. Che uomo e che volontà è, abbiamo visto. Ora, cos'è il destino?

Il moto che fa sì che la prima differenziazione dalla sostanza omogenea nel mondo non manifestato noumenale sia respirata in manifestazione in qualsiasi periodo evolutivo, è determinata dal desiderio combinato, dal pensiero, dalla conoscenza e dalla saggezza e dalla volontà del precedente periodo evolutivo, e questo moto è assoluto e immutabile nella sua azione fino a quando è stato raggiunto approssimativamente lo stesso grado o stadio di sviluppo del periodo evolutivo precedente. Questo è destino o destino. È il bilancio del nostro conto e il conto del passato ciclo di evoluzione. Questo vale per l'universo o per la nascita di un uomo.

Tempo e luogo di nascita; circostanze ambientali; allevamento e le facoltà e le tendenze intrinseche del corpo; sono il destino, la registrazione o la descrizione del personaggio, che è l'eredità del personaggio dai suoi sforzi ed esperienze passati. Il totale può essere favorevole o sfavorevole. Ha un bilancio per cominciare e deve accontentarsi di vecchi conti. Le tendenze e le facoltà del corpo sono destino in quanto limitano l'azione della mente, fino a quando i conti non saranno risolti. Quindi, non c'è scampo, non c'è scelta? C'è. La scelta sta nel modo in cui accetta e usa il suo destino.

L'uomo può rinunciare del tutto e abbandonarsi ai suggerimenti della sua eredità, oppure può accettarli come suggerimenti per ciò che valgono e decidere di cambiarli. All'inizio si vedono pochi progressi, ma inizierà a modellare il suo futuro come in passato ha plasmato il presente.

Il momento della scelta è ogni momento del pensiero. La somma totale dei pensieri di una vita è il destino o l'eredità della futura incarnazione.

L'uomo non può avere o usare la volontà liberamente chi non è se stesso libero, e nessuno è libero chi è attaccato alle sue azioni o ai risultati delle sue azioni. L'uomo è libero solo nella misura in cui agisce senza attaccamento alle sue azioni. Un uomo libero è uno che agisce sempre con la ragione, ma che non è né attaccato ai suoi atti né ai risultati delle sue azioni.

La volontà stessa decide e sceglie quando vuole diventare coscienza, ma mai in qualsiasi altra circostanza o condizione si interesserà o sceglierà o deciderà cosa farà, sebbene sia l'unica fonte di potere che dà potere a tutti motivi all'azione e produce gli effetti delle azioni.

Nell'editoriale su Modulo (La Parola, Vol. Io, n. 12) si diceva che esistessero solo due percorsi: il percorso della coscienza e il percorso delle forme. A ciò si dovrebbe ora aggiungere: il desiderio è il percorso delle forme; la volontà è il sentiero della coscienza.

Will è il creatore senza speranza conservatore e re-creatore di tutte le cose. È la fonte silenziosa di tutto il potere di tutti gli dei in tutte le epoche dell'infinita armonia del tempo. Alla fine di ogni evoluzione o grande periodo di manifestazione, la volontà è il motore in moto universale che risolve tutta la materia in sostanza primordiale, imprimendo su ogni particella le registrazioni delle sue azioni in manifestazione; e la sostanza conserva queste impressioni anche se la terra congelata preserva i germi latenti. È anche, all'inizio di ogni grande manifestazione, che come auto-movimento, fa sì che il primo movimento nella sostanza e tutti i germi si trasformino in vita e azione.

La volontà è il grande sacrificio attraverso tutte le innumerevoli eternità. Ha il potere di identificarsi con e diventare Coscienza, ma rimane attraverso le eternità essere la scala su cui ogni particella della materia può passare attraverso tutte le fasi dell'esperienza e della conoscenza, della saggezza e del potere e, infine, la volontà di sé, diventare Coscienza.