La fondazione di parole

Nessuno vede lo sweep lento e verso l'alto
Con la quale l'anima dal profondo della vita
Asccnds, —unless, mayhap, quando libero,
Con ogni nuova morte vediamo all'indietro
La lunga prospettiva della nostra razza
La nostra moltitudine di tracce di livc.

—William Sharp.

IL

PAROLA

Vol 1 GENNAIO, 1905. No. 4

Copyright, 1905, di HW PERCIVAL.

CICLI.

Tra problemi che hanno irritato la mente umana, nessuno ha causato più perplessità di quella dei cicli o della periodica ricorrenza degli eventi.

Gli antichi si sforzarono di conoscere la legge dei cicli per adeguare la propria vita ad essa. Ai nostri giorni gli uomini cercano di scoprire la legge ciclica per condurre proficuamente le proprie attività. In ogni momento gli uomini hanno cercato di scoprire la legge dei cicli perché con tale conoscenza potevano seguire le loro attività agricole con certezza, reparto di epidemie, pestilenze e provvedere contro la carestia; predire guerre, tempeste, disturbi sismici e proteggersi dagli affetti della mente; conoscere la causa della nascita, della vita, della morte e del dopo stato; e approfittando delle esperienze del passato, potrebbero delineare con precisione gli eventi futuri.

Il ciclo di parole deriva dal greco "kuklos", che significa un anello, una ruota o un cerchio. In un senso più ampio, un ciclo è l'azione e la reazione dei movimenti da un centro, la natura e la durata del ciclo vengono misurate dalla direzione e dall'impulso dei movimenti mentre vanno e ritornano alla loro fonte. La fine di un ciclo o cerchio è l'inizio di un altro, in modo che il movimento sia a spirale, come nell'avvolgimento di una corda o nello sviluppo dei petali di una rosa.

I cicli possono essere divisi in due grandi classi: quelli che sono noti e quelli che sono soggetti di speculazione. Tra quelli con cui abbiamo più familiarità c'è il ciclo di un giorno, quando la terra ha compiuto una rivoluzione completa attorno al suo asse in ventiquattro ore; il ciclo di un mese lunare, quando la luna ha fatto una rivoluzione intorno alla terra nei giorni 28; il ciclo di un anno, quando la terra ha completato una rivoluzione attorno al sole e il sole ha fatto una rivoluzione attraverso i segni dello zodiaco, un periodo di circa 365 giorni; e l'anno siderale o il ciclo della precessione degli equinozi quando il polo dell'equatore una volta ruotava attorno al polo dell'eclittica negli anni 25,868.

È una questione di conoscenza comune che dall'apparente viaggio del sole attraverso le costellazioni dello zodiaco, otteniamo le nostre quattro stagioni: primavera, estate, autunno e inverno, ognuna che si estende per un periodo di tre mesi e che ciascuna di questi mesi sono divisi in quattro quarti e una frazione, ogni quarto del mese è una fase della luna come primo quarto, luna piena, ultimo quarto e luna nuova. Lo zodiaco è il grande orologio siderale, il sole e la luna le sue lancette segnano periodi di tempo. Dopo lo zodiaco abbiamo ideato un cronometro che ha dodici segni; questi segnano i periodi di luce e buio in un giorno di due volte dodici ore.

Un argomento di interesse per lo statistico e lo storico è l'aspetto ciclico di febbri, piaghe, carestie e guerre; l'apparizione ciclica e la scomparsa delle razze, e l'ascesa e la caduta periodiche ricorrenti delle civiltà.

Tra i singoli cicli c'è il ciclo della corrente vitale che passa dall'aura intorno al corpo nelle camere d'aria dei polmoni, dove usando il sangue come suo veicolo scorre dalle vene polmonari al padiglione auricolare sinistro, quindi al ventricolo sinistro, quindi il passaggio attraverso l'aorta è distribuito a tutte le parti del corpo come sangue arterioso. La corrente vitale con le cellule vitali ritorna attraverso i capillari verso le vene, da qui attraverso le vane cava al padiglione auricolare destro, da qui al ventricolo destro e da lì attraverso l'arteria polmonare fino ai polmoni, dove, dopo essere stata purificata, di nuovo diventa portatore di vita per il corpo, il ciclo completo occupa circa trenta secondi.

Il più importante di tutti i cicli per noi è quel ciclismo in cui è incluso lo stato prenatale, la nascita, la vita in questo mondo, la morte e lo stato post-morte. Da una rivelazione di questo ciclo seguirà una conoscenza di tutti gli altri cicli. Crediamo che nello sviluppo prenatale dell'uomo sia rappresentata l'intera storia del nostro pianeta.

Il corpo umano è costretto a correre per un certo periodo, il ciclo della sua vita. In questo periodo, le epoche passate nella vita dell'umanità vengono rivissute dall'individuo. Quindi la ruota della vita si trasforma nel ciclo della morte.

È con i cicli della nascita e della vita e della morte che gli antichi filosofi erano preoccupati, perché con la conoscenza di loro potevano passare dentro e fuori da quel percorso da cui, si dice, nessun viaggiatore ritorna. Lo scopo dello sviluppo prenatale è di disegnare gli elementi universali in un solo corpo, modellarli nella forma umana, che offre la più grande opportunità di esperienza al principio intelligente, la mente, che è di abitare il corpo umano. Per la mente lo scopo della vita è di acquisire una conoscenza della sua relazione con l'universo, attraverso e mentre nel corpo, per adempiere ai doveri che seguono quella conoscenza e per costruire nel futuro dalle esperienze del passato.

La morte è la chiusura, la revisione e l'equilibrio del lavoro della vita, e un mezzo per tornare al mondo dei pensieri che appartengono a questo mondo. È la porta attraverso la quale l'anima ritorna alla propria sfera.

Lo stato post-morte è il periodo di riposo e gestazione del lavoro della vita prima dell'inizio di un'altra vita.

Nascita e morte sono la mattina e la sera dell'anima. La vita è il periodo di lavoro e dopo la morte arrivano riposo, recupero e assimilazione. Poiché i compiti necessari della mattina vengono eseguiti dopo il riposo notturno, quindi il lavoro del giorno, i doveri della sera e tornano a riposare, così l'anima indossa le sue giuste vesti e passano attraverso il periodo dell'infanzia, si impegnano nel vero lavoro della vita di un giorno, e vengono messi da parte la sera della vecchiaia, quando l'anima passa in quel riposo che lo preparerà per un nuovo viaggio.

Tutti i fenomeni della natura raccontano la storia dell'anima attraverso i suoi cicli, incarnazioni e reincarnazioni nella vita. Come dovremmo regolare questi cicli, in che modo accelerare, ridurre o modificare i loro movimenti? Quando la strada è davvero vista, ognuno trova nel suo potere di farlo. La strada è attraverso il pensiero. Attraverso il pensiero nella mente l'anima venne nel mondo, attraverso il pensiero l'anima si legò al mondo, attraverso il pensiero l'anima si liberò.

La natura e la direzione del proprio pensiero determinano la sua nascita, il suo carattere e il suo destino. Il cervello è l'officina del corpo, i pensieri che sono modellati da questo laboratorio passano nello spazio per tornare dopo un periodo più o meno lungo al loro creatore. Quando i pensieri creati influenzano le menti degli uomini di natura simile al pensiero, così ritornano dal loro creatore per reagire su di lui come avevano agito sugli altri. Pensieri di odio, egoismo e simili, costringono il loro creatore a vivere esperienze simili e lo legano al mondo.

Pensieri di altruismo, compassione e aspirazione, agiscono sulle menti degli altri e, tornando al loro creatore, lo liberano dai legami delle nascite ricorrenti.

Sono questi pensieri che l'uomo proietta continuamente a incontrarlo dopo la morte. Deve soffermarsi su questi pensieri, digerirli e assimilarli, ognuno nella propria classe, e dopo che è stato fatto, deve tornare in questo mondo, la scuola e l'educatore dell'anima. Se si presta attenzione al fatto, si scoprirà che ci sono periodi nella propria vita in cui ricorrono certi stati d'animo. Periodi di abbattimento, oscurità, disperazione; periodi di gioiosa esuberanza e felicità; periodi di ambizione o aspirazione. Fai notare questi periodi, combatti le tendenze malvagie e approfitta delle opportunità favorevoli.

Questa conoscenza può arrivare solo all'uomo che diventa "saggio come un serpente e innocuo come una colomba".