La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 16 GENNAIO, 1913. No. 4

Copyright, 1913, di HW PERCIVAL.

INTOSSICAZIONI.

La parola intossicazione si trova nel "Dizionario standard", che significa: "L'atto di ubriacarsi o lo stato di ubriacarsi; ubriachezza. Uno stato di grande eccitazione mentale; esaltazione, che sale alla frenesia. " Ubriaco, è definito come "Sotto l'influenza del liquore inebriante in misura tale da aver perso il normale controllo del proprio corpo e delle facoltà mentali, ... per ottenere una disposizione alla violenza, alla litigiosità e alla bestialità".

Intossicazione è una parola composta dal soggetto o dal corpo, tossica, dal latino, tossicum, o greco, Toxikon, che significa veleno; il prefisso in significato prendere o produrre; e, il suffisso, zione, significato atto, stato o agente. Si dice che la tossicità sia "l'atto di avvelenamento o lo stato di avvelenamento". Il prefisso in indica l'ingresso o la produzione di "stato di avvelenamento".

Si dice che il veleno sia "qualsiasi sostanza che, se assunta nel sistema, agisce in modo nocivo con mezzi non meccanici, tendendo a causare la morte o gravi danni alla salute". Quindi quell'intossicazione è l'assunzione di veleno o la produzione di uno stato di avvelenamento; che può "causare morte o gravi danni alla salute". Il tempo previsto per questo, a seconda della quantità e della qualità dell'intossicazione assunta o prodotta e della capacità o incapacità della costituzione di assimilarla o resistere.

La parola intossicazione non è usata dai moderni lessici nel senso solo di assumere alcol o droghe, ma in un senso più ampio, come applicato alla mente e alla morale. L'idea della parola è vera nella sua applicazione alla mente e alla morale come quando viene applicata a una condizione alcolica. Qui, la parola intossicazione sarà usata in un quadruplice senso.

Esistono quattro tipi di intossicazione a cui l'uomo è soggetto, secondo le sue quattro nature: Intossicazione della sua natura fisica, della sua natura psichica, della natura della sua mente e della sua natura spirituale. L'intossicazione di una delle sue nature può agire su una o su ciascuna delle altre tre. Le forme di intossicazione trattate saranno intossicazione fisica, intossicazione psichica, intossicazione mentale e intossicazione spirituale.

Usato in riferimento a queste quattro intossicazioni, il significato della parola intossicazione è: Lo stato di avvelenamento derivante da indebito stimolo o prevenzione dell'uso da parte del principio cosciente delle sue funzioni corporee, dei suoi sensi, delle sue facoltà mentali o dei suoi poteri.

Per ciascuna delle quattro intossicazioni ci sono cause, intossicanti, modi di sviluppo, ragioni per l'assunzione di intossicanti, effetti dell'intossicazione, durata e interruzione e cura.

L'alcol e i narcotici sono cause di intossicazione fisica. Bevande come birre, birre, vini, gin, rum, grappe, whisky, liquori, sono bevande in cui lo spirito dell'alcool è il principio inebriante. Il modo di diventare intossicato è bevendo queste o altre sostanze alcoliche o assumendole come ingredienti negli alimenti. Ci sono ragioni per assumere intossicanti alcolici, come il fatto che è un mezzo di socialità, produce buona amicizia, evoca buon umore, provoca giovialità, che è un antipasto, un rinfresco, che previene il blues, che calma i problemi, allontana le cure noiose, allevia il dolore, provoca l'oblio della miseria e supera la disperazione, che aumenta il coraggio, che è uno stimolante per il pensiero. Altri ancora, prenderlo per l'amore della sensazione che produce e altri per scopi medicinali prescritti dal medico.

Gli effetti dell'intossicazione sono mostrati dalle azioni fisiche, dalle condizioni corporee, dai sensi, dal carattere e dalla mente dell'individuo; che sono determinati dal tipo e dalla quantità di sostanza tossica assunta, dalle condizioni del corpo che la consuma e dalla capacità della mente di gestire la sostanza tossica e il corpo. A seconda della natura dell'individuo e dei diversi gradi di intossicazione, si manifesta calore, dolcezza, esaltazione dei modi accompagnati da volubilità, argomentazione, combattività, turbolenza, litigiosità del linguaggio; e questi sono seguiti da depressione, rilassamento, stanchezza, lentezza, instabilità dell'andatura, spessore e incertezza nel linguaggio, stupore, torpore, insensibilità. Le sensazioni variano da una lieve piacevolezza a shock di violenza, da un'eccitazione intensa a sofferenza e mortalità.

L'alcol in tutti gli intossicanti alcolici inizia a produrre i suoi effetti sull'intera costituzione del corpo non appena viene assunto nello stomaco. Se la sua perniciosità sarà immediatamente prodotta o differita a lungo dipenderà dalla composizione della bevanda e dalla proporzione e dal potere dello spirito dell'alcool nel composto. A seconda del composto, l'alcol colpisce prima il corpo o il cervello. In ogni caso, tuttavia, agisce direttamente sul sistema nervoso, quindi sui fluidi del corpo, dei muscoli e non lascia inalterata alcuna parte del corpo. Se presi in piccole quantità da persone il cui corpo è forte, la cui salute e digestione sono buone, gli effetti possono essere apparentemente benefici; almeno, nessun inconveniente è stato subito. Con un uso lungo e abituale, anche in piccole quantità, e in particolare da quelli con menti deboli, morale più debole e corpi non sani, gli effetti sono dannosi. Al momento della prima assunzione, l'alcool agisce come stimolante in una piccola dose. In grandi dosi produce ubriachezza; cioè i nervi centrali e simpatici vengono agiti, i lobi del cervello sono intorpiditi. Questi reagiscono e mantengono il sistema cerebro-spinale, ne risulta una paralisi del sistema nervoso centrale, i muscoli volontari vengono resi inattivi, lo stomaco soffre e le sue attività sono inibite. Le uniche parti del corpo non afferrate da intorpidimento e paralisi sono i centri automatici nel midollo allungato, che continuano e regolano la circolazione e la respirazione. Se non viene assunto più alcol, il periodo di ubriachezza termina, il corpo riprende le sue funzioni, i diritti stessi e gli effetti dell'alcol possono scomparire. A causa di ripetuti periodi di ubriachezza o dell'abituale uso di alcol in qualsiasi forma, il sistema nervoso diventa spesso squilibrato, gli organi sono inabilitati o malati e non possono svolgere le loro normali funzioni. L'alcol provoca il restringimento delle ghiandole secretorie dello stomaco e controlla le sue funzioni e compromette la digestione. Indurisce il fegato, indebolisce il cuore e i reni, provoca la degenerazione del cervello. In breve, mina la costituzione causando la crescita eccessiva del tessuto connettivo praticamente in tutti gli organi e tessuti del corpo. Dopo la morte si trova la presenza di alcol in tutti i fluidi corporei. Si trova facilmente nel liquido cerebro-spinale quando tutte le sue tracce sono scomparse in altre parti del corpo; che mostra la sua particolare affinità per il sistema nervoso.

Forse indifferente agli effetti collaterali e, con la fiducia del bene immediato che può arrecare ai loro pazienti, i medici sono stati le cause di numerosi relitti alcolici. Molti medici prescrivono l'alcol in qualsiasi delle sue forme come stimolante o tonico, e talvolta si dice che in alcune forme farà sangue, darà forza, costruirà il corpo. Se questo è o non è così, è certo che l'alcol assunto come medicinale ha creato insidiosamente un appetito e un desiderio di intossicanti alcolici nel corpo e il paziente si sviluppa spesso in un ubriacone.

Un altro modo di sviluppare l'ubriachezza è l'enorme produzione e vendita di intossicanti alcolici sotto la maschera di quelli che vengono chiamati "medicinali brevettati". Questi sono ampiamente pubblicizzati per curare ogni malattia e malattia nota o presunta. Coloro che acquistano inebriante la medicina brevettata per la cura sicura credono di aver beneficiato dell'effetto stimolante che produce e acquistano di più. Gli altri ingredienti della cura sono spesso innocui. Ma l'alcool nella medicina brevettuale produce spesso l'effetto su coloro che lo usano, che coloro che lo producono intendono che dovrebbe. Cioè, crea l'appetito e il desiderio di alcol in quella forma.

L'effetto dell'intossicazione alcolica sui sensi varia da sensazioni di dolcezza a acutezza e grande intensità, per poi diminuire fino a completare l'insensibilità. Questi cambiamenti possono susseguirsi gradualmente o rapidamente. C'è un bagliore riconoscente che si insinua attraverso il corpo e produce una sensazione piacevole. L'occhio e l'orecchio diventano più vigili. Il gusto è più intenso. C'è un sentimento di convivialità e giovinezza che spinge a cercare un'associazione con gli altri, oppure uno stato d'animo, cupidigia, sicurezza e taciturnità con il desiderio di allontanarsi dagli altri ed essere soli, o con una tendenza all'antagonismo e alla natura malvagia. C'è una sensazione di calore, una prontezza a offendersi, a litigare o combattere per ciò che viene fatto o detto. Si avverte una sensazione di malattia o intorpidimento. Gli oggetti in giro sembrano muoversi e fondersi. Il terreno si muove con dolci onde o come un mare agitato. Non c'è certezza delle distanze. I piedi e le gambe diventano grandi pesi. Gli occhi diventano pesanti e nuotano, le orecchie opache. La lingua è troppo spessa e si rifiuta di articolare. Le labbra perdono la loro flessibilità; sono di legno e non aiuteranno a formare il suono in parole. Viene la sonnolenza. Il corpo sembra piombo. Il principio cosciente è disconnesso dal suo centro nervoso nel cervello e c'è un crollo nell'insensibilità e nella morte. Gli effetti collaterali dell'intossicazione sono bruciori di stomaco, mal di testa, sete, bruciore, tremore, nervosismo, un disgustoso disgusto al pensiero dell'intossicante, una brama famelica o una fame rosicchiante per un altro drink, una solidità, stupidità o sonnolenza, una condizione chiamato delirium tremens, in cui il principio cosciente è costretto al di sotto dello stato fisico, dove vede creature innocue o orribili, mosche, insetti, pipistrelli, serpenti, mostri deformi, che gli assediati tentano di inseguire o da cui tenta di scappare con poco o nessuna attenzione alle condizioni fisiche o alle persone che lo circondano. In questo stato, la sofferenza può chiacchierare e raccogliere le mosche dal muro o inseguire le cose nell'aria che nessuno tranne lui può vedere, con gli occhi che si gonfiano per il terrore, ansimando per l'eccitazione, o può, freddo e livido per la paura , cerca di schivare le cose che lo inseguono, o di fuggire da ciò che vede, fino a quando non si imbatte in convulsioni, o dalla semplice stanchezza.

Gli effetti dell'alcol sul pensiero, sul carattere, sulla mente di un individuo, dipenderanno in gran parte dalla capacità della mente di controllarne l'uso; ma, per quanto forte sia la mente, il continuo consumo di intossicanti alcolici in grandi quantità produrrà inevitabilmente gli stessi effetti fisici. Deve influenzare il pensiero e il carattere; e, se non superato, si romperà e renderà schiava la mente.

Sotto l'influenza dell'alcool, nel personaggio sembrano esserci strani cambiamenti. Una persona calma e di buon carattere sarà trasformata in un turbolento o un demone, e uno che di solito è dato a molte chiacchiere e aggressività può essere mite e inoffensivo. Sotto l'influenza dell'alcool qualcuno canticcherà come bambini o balbetterà come imbecilli. Alcuni insisteranno nel raccontare la storia della loro vita. Gli uomini severi possono diventare sentimentali e settimana su qualche evento insignificante. Coloro che ridicolizzano la religione e le sue forme, possono citare lunghi passi delle Scritture, fare tesi su argomenti religiosi, difendere alcune forme di religione o osservanze religiose e argomentare la causa e la desiderabilità della santità, e forse dei mali dell'ubriachezza. Sotto l'influenza dell'alcool, alcuni uomini che ricoprono posizioni di fiducia e onore si trasformano in bestie che danno libero regno e indulgono nelle loro passioni e passioni più sfrenate, si impegnano in orribili orge, il cui pensiero sconvolgerebbe i loro compagni come accadrebbe in momenti sobri . Sotto l'influenza di alcool vengono commessi omicidi e altri crimini che gli uomini non potrebbero altrimenti fare e che portano dolore e rovina a se stessi e agli altri.

L'alcol sopprime il pensiero di alcuni e stimola il pensiero in altri. Alcuni scrittori e artisti affermano di fare il loro meglio quando sono sotto la sua influenza; ma questi sono solo effetti temporanei, sotto la stimolazione dell'alcool. L'intossicazione abituale mina la morale, colora il pensiero e abbatte la mente. Altri tipi di intossicazione fisica possono causare dissolutezza, produrre problemi familiari, distruggere la salute e causare la morte; ma solo l'intossicazione da alcol può distruggere completamente l'integrità e la probabilità, rimuovere tutte le tracce di onore e rispetto di sé, cambiare gli uomini di affidabilità e gentilezza in bruti e ladri senza cuore e significare falsi, insensibili a lesioni agli altri e produrre totale spudoratezza e depravazione. Solo l'alcool è stato in grado di far strisciare nella grondaia uomini ricchi e di cultura, e da lì, ridotti, alzano gli occhi iniettati di sangue e allungano le mani instabili per implorare il passante abbastanza da comprare da bere.

Le cause dell'intossicazione fisica da parte dei narcotici sono il consumo di oppio, ganjah (dal cannabis indica), bhang (sativa), le varianti di questi nei loro vari composti e con altre sostanze.

Le ragioni addotte per l'assunzione di un narcotico sono che calmano i nervi, alleviano il dolore, producono sonno e consentono ai consumatori di allontanarsi dai problemi, vedere visioni e sentire suoni insoliti e che devono essere presi perché: non può essere aiutato. I modi in cui il narcotico può essere assunto sono il consumo sotto forma di una pillola, una bozza, un'iniezione, il fumo o il consumo. I medici sono spesso quelli che introducono narcotici a coloro che in seguito diventano vittime di intossicazione narcotica. Conoscendo il desiderio del paziente di ottenere risultati rapidi e di ottenere sollievo dal dolore o di soddisfare la propria brama di droga, il medico prescrive o dà al narcotico senza tenere in debita considerazione le conseguenze che potrebbero seguire. Usando i loro aghi, i loro granuli e le loro pozioni, alcuni medici gonfiano dai loro pazienti i ranghi dei demoni della morfina ogni anno. Sentendo gli effetti meravigliosi prodotti dal fumo dell'oppio, avendo "un amico", dipendente dall'abitudine che suggerisce di provarlo, andare a dormire, vedere i fumatori con le loro paste e pipe, per curiosità oziosa o per desiderio morboso, si prova una pipa, "solo una". Questo di solito non è abbastanza. Un altro è necessario "per produrre l'effetto". L'effetto non è di solito quello che si aspettava. Deve ottenere l'effetto atteso. Lo fa di nuovo. Quindi diventa un "demonio della droga". Allo stesso modo si può prendere l'abitudine di ganjah, che di solito viene fumato. Bhang viene bevuto o mangiato come una confezione o assunto come bevanda nella sua forma più debole, chiamato siddhi. Bhang non è hashish o canapa indiana. I suoi effetti sono diversi. Hashish è le foglie tenere da cannabis sativa, prima che i suoi germogli si aprissero e le foglie si asciugassero e fumassero. Bhang è le foglie prese dopo la fioritura, lavate, imbevute e bevute. Bhang non è generalmente noto in Occidente, ma si dice che sia di uso comune in India. Si dice che sia portato dall'individuo da solo, o in determinati incontri, o durante il grande festival annuale: Durja Pujah.

L'effetto dei narcotici sul corpo è che interferiscono con la digestione, aumentano o diminuiscono la respirazione e la circolazione e indeboliscono i nervi o li rendono acuti. L'oppio rende il corpo inattivo. Ganjah può agire come un eccitante. Bhang produce calma. Gli effetti delle intossicazioni narcotiche sui sensi sono, il quiete del fisico e l'apertura di altri sensi a cose non fisiche, non normali. C'è una sensazione languida, sognante, come il passaggio in un sonno sveglio. L'ambiente fisico può essere esagerato, fondersi o allontanarsi da nuove scene che appaiono. Donne di bellezza, uomini belli, recitano o parlano con maniere coinvolgenti. Nei giardini incantati che deliziano l'occhio, si sente la musica che fa rapire e deliziosi profumi aggiungono fascino. Ciò che più attira i suoi sensi, attira l'attenzione del soggetto. Rilassamento, languore e facilità sono più pronunciati dagli effetti dell'oppio che dalla ganjah. Ganjah di solito fa sì che gli istinti sensuali siano più attivi di quanto non siano per gli effetti dell'oppio. Le sensazioni derivanti da Bhang sono dominate da quelle che prevalgono al momento della sua assunzione, mentre quelle dell'oppio e della ganja sono di solito piuttosto diverse. Nella ganja e nell'oppio le sensazioni aumentano. Nell'oppio il languore aumenta fino a quando il soggetto diventa incosciente. Dallo stato inconscio emerge lentamente o con uno shock. Il fascino, il rapimento, il piacere sono spesso invertiti. Invece delle creature della bellezza che lo hanno attirato o sconcertato, è assalito da demoni, rettili, parassiti e altre cose ripugnanti e orribili, dalla cui presenza può sfuggire solo prendendo di nuovo il narcotico. Forse è preso solo da una secchezza che brucia o da un mal di testa spaccato e da altri disagi fisici che può alleviare prendendo un'altra dose. Gli effetti collaterali del bhang non sono così pronunciati, sebbene possa togliere l'appetito; anzi, impedirà la fame; e anche questo probabilmente produrrà una sensazione di vuoto, vuoto e inutilità. Se viene presa una dose troppo grande, il consumatore non si sveglierà.

L'intossicazione narcotica ha un effetto pronunciato sul pensiero e sul carattere di chi ne è soggetto. Sperimenta una certa libertà e stimolazione del pensiero e giochi di fantasia, che nessuna persona comune può avere nelle sue normali condizioni. Questo pensiero prende il volo e viaggia attraverso spazi apparentemente illimitati, in qualsiasi parte del quale e secondo il desiderio dell'immaginazione, costruisce strutture, equipaggia eserciti, stabilisce imperi. Crea persino un mondo e lo popola; in tutto ciò che esercita il potere magico di fare e di godere. Sotto intossicazione narcotica un umile impiegato può diventare un re delle finanze e controllare i mercati del mondo; una ragazza del negozio diventa una regina, frequentata da cortigiani e adorata o invidiata dalle sue donne; un vagabondo senza fissa dimora può essere contemporaneamente il signore di vasti possedimenti. Tutto ciò che il pensiero e l'immaginazione possono rendere possibili è come la realtà stessa nell'intossicazione narcotica.

Questa azione dei pensieri produce una reazione sul personaggio che lo rende inadeguato per le sue responsabilità e doveri nel mondo. C'è uno sbilanciamento dei valori delle cose. L'attenzione è divisa tra i periodi di intossicazione e gli obblighi nel mondo. Il tono morale è abbassato, oppure la moralità può essere gettata ai venti. Tuttavia, uno a lungo dipendente dall'intossicazione narcotica può provare a nascondere la sua abitudine, sarà noto a coloro che capiscono la sua natura. C'è una certa vacuità, oscurità, non umanità nella persona, come se i suoi sensi agissero da qualche altra parte. È segnato da una certa assenza di risveglio, ed è circondato da un'atmosfera o odore peculiare che partecipa al carattere del narcotico a cui è dipendente e che sembra trasudare.

Gli effetti del bhang differiscono da quelli dell'oppio e dell'hashish in quanto l'utente del bhang può determinare l'argomento del suo pensiero prima di lasciarsi influenzare. Sotto l'influenza di Bhang, si può continuare una conversazione o condurre un corso di ragionamento. Ma tutto ciò che pensa o fa sarà esagerato, ampliato o esteso in misura notevole. Qualsiasi argomento di pensiero può essere esaminato mentalmente minuziosamente come un pezzo di tessuto al microscopio ad alta potenza. Gli oggetti circostanti o le immagini delle parole verranno ingranditi e colorati in base al sentimento prevalente. Ogni movimento appare di grande importanza. Un movimento della mano copre un lungo periodo di tempo. Un passo è come un centinaio di metri; un minuto come un mese, un'ora all'età; e tutto ciò può essere sperimentato senza essere separato dal fisico.

Gli effetti sulla mente dell'intossicazione narcotica sono che la mente perde il senso dei valori e l'idea della proporzione; è indebolito e diventa sbilanciato, incapace di affrontare i problemi della vita, di portare avanti il ​​suo sviluppo, di adempiere alle sue responsabilità o di fare la sua parte nel lavoro del mondo.

La durata dell'intossicazione alcolica o narcotica può essere duratura o solo temporanea. Ci sono alcuni che, dopo aver subito effetti temporanei, si sono rifiutati di rinnovarli. Ma di solito quando si diventa dipendenti da entrambe le abitudini, rimane schiavo per tutta la vita.

Ci sono alcune cure per l'alcolismo, sotto il nome dei loro autori, che sopprimono il desiderio di qualsiasi bevanda alcolica. Il trattamento per la cura dell'intossicazione narcotica non ha spesso successo. Se colui che "guarisce" non beve più, rimarrà guarito. Ma se non è guarito per la prima volta nel suo pensiero e se lascia che il suo pensiero rifletta sull'argomento del suo bere e consideri l'atto del suo bere, il pensiero del bere determinerà una situazione critica, in cui è sollecitato da qualcuno o per suo stesso pensiero, "di prenderne solo uno in più". Quindi la vecchia fame si risveglia e cade di nuovo dove era prima.

Le cure per l'intossicazione alcolica o narcotica possono dare sollievo e aiuto nell'effettuare una cura, ma l'unica cura per l'intossicazione fisica deve essere iniziata ed effettuata dal pensiero. Lì la lotta per la padronanza e l'immunità deve essere combattuta fino alla fine e vinta, prima che possa esserci effettivamente una cura permanente.

Lo spirito che agisce attraverso i narcotici dimora sulla soglia dei sensi. Non consentirà al principio cosciente nell'uomo di oltrepassare il suo regno, o di conoscerne i segreti e il mistero, fino a quando non si sarà dimostrato immune alle seduzioni dei sensi e non avrà imparato a controllarli.

Lo spirito dell'alcool è un alto ufficiale della legge. Si erge ai confini dei mondi. È un servitore di coloro che obbediscono e sono padroni della legge, e permetteranno loro di passare e persino di sopportarli quando lo sapranno e saranno in grado di controllarlo. Ma è un tiranno, spietato e crudele, per coloro che lo abusano e disobbediscono alla legge che deve servire.

Nel numero di febbraio verranno trattate altre forme di intossicanti.