La fondazione di parole

L'ordine cambia: sopra c'era la Luce, sotto c'era la Vita che si costruisce in varie forme attorno a un centro.

Il centro è vita e al centro è luce, e in, intorno e attraverso ogni forma scorre la vita.

-Leo.

IL

PAROLA

Vol 1 AGOSTO, 1905. No. 11

Copyright, 1905, di HW PERCIVAL.

VITA.

I grandi principi del mondo noumenico sono: coscienza, movimento, sostanza e respiro. I grandi fattori o processi attraverso i quali i principi del mondo noumenale sono espressi nel mondo manifestato sono: vita, forma, sesso e desiderio. I risultati di questi fattori o processi attraverso la manifestazione nel mondo fenomenico sono: pensiero, individualità, anima e volontà. Principi, fattori e risultati vengono infine risolti e diventano coscienza. I soggetti del mondo noumenico sono stati esaminati brevemente. Il primo fattore nel mondo fenomenico è davanti a noi: il soggetto della vita. se è fenomenale ciò che la coscienza è per il mondo noumenico. La coscienza è l'idea di ogni possibile conseguimento; dalla sua presenza tutte le cose sono guidate attraverso stati e condizioni fino al raggiungimento finale.

La vita è l'inizio di questo processo; l'istinto e lo sforzo iniziali; il progresso attraverso la manifestazione nel mondo fenomenico. La vita è un processo di divenire; è solo il mezzo, non il fine. La vita nel mondo fenomenale non è tutto; è solo uno dei movimenti - moto centrifugo - mediante il quale l'universo fenomenico si evolve in forme mentre viene espulso da una sostanza omogenea.

La vita è un potente oceano su cui si muove il Grande Respiro, facendo evolvere dai suoi sistemi di universi e mondi di profondità insondabili e invisibili. Questi sono portati avanti con la marea della vita invisibile in forma visibile. Ma un po ', la marea si trasforma e tutto è riportato nell'invisibile. Quindi, sulle maree della vita invisibile, i mondi vengono srotolati e richiamati di nuovo. Ci sono molte correnti dell'oceano della vita; il nostro mondo con tutto ciò che vive vive in una di queste correnti. Ciò che sappiamo della vita è solo il suo passaggio attraverso la forma visibile, al cambiamento delle sue maree, dall'invisibile all'invisibile.

La vita è materia, ma molto più fine degli elementi noti che non può essere classificata con la materia del fisico. La scienza è il mago intellettuale della civiltà moderna; ma la scienza materialistica morirà nella sua infanzia, se non cresce oltre gli strati inferiori del mondo fenomenico. Il sogno del fisico è di provare che la vita è un risultato piuttosto che una causa. Produrrebbe vita dove la vita non esisteva; governare le sue operazioni secondo determinate leggi; dotarlo di intelligenza; poi dissipalo, senza lasciare traccia del suo essere mai esistito nella forma, né del suo aver espresso intelligenza. C'è chi crede che la vita possa essere prodotta dove non esisteva; che possa esprimere intelligenza; quell'intelligenza può essere dissipata per sempre. Ma non si supporrà che tali possano comprendere i processi della vita mentre si rifiutano di credere o di speculare sulla sua esistenza oltre alla forma. Alcune delle manifestazioni della vita sono apprezzate, ma coloro che hanno affermato di essere in grado di produrre la vita dalla materia “inerte” sono ancora lontani dalla soluzione del problema come lo erano all'inizio. Produrre la vita dalla materia inerte comporterebbe la scoperta che non esiste materia "inerte", perché non può essere prodotta vita dove la vita non esiste. Le forme di manifestazione della vita possono essere infinite, ma la vita è presente in tutte le forme. Se la vita non fosse coincidente con la materia, la materia non potrebbe cambiare nella forma.

Il biologo non può scoprire l'origine della vita perché la sua ricerca inizia e finisce mentre la vita sta attraversando il mondo della forma. Rifiuta di cercare la vita prima che appaia, o di seguirla nelle sue speculazioni dopo che ha lasciato la sua forma. La vita è quell'agente misterioso che si manifesta attraverso la forma, ma la vita è il fattore da cui sviluppiamo la forma: da qui il movimento delle maree della vita nella dissoluzione e nella ricostruzione delle forme. La vita è il principio di crescita ed espansione in tutte le cose.

La nostra terra è come una spugna vuota e sferica in una corrente dell'oceano della vita. Viviamo sulla pelle di questa spugna. Siamo stati portati su questa sfera da un'onda sulla marea in arrivo dell'oceano della vita e dopo un po ', al riflusso, lasciamo un'onda e passiamo, ma siamo ancora nell'oceano della vita. Mentre l'universo e i suoi mondi vivono ciascuno nel suo oceano di vita, così quando la mente attraverso il respiro entra nel corpo alla nascita, ognuno passa nel proprio oceano di vita individuale.

Nella costruzione di un corpo la vita si precipita e si costruisce secondo il progetto preparato e si sviluppano organi di senso. La mente che abita questo corpo è immersa nella vita sensuale. La pura corrente della vita che passa attraverso il corpo dei sensi è colorata dai desideri dei sensi. Dapprima la mente risponde al piacere della sensazione di vita. Il piacere è una fase della sensazione di vita, l'altra fase è il dolore. La mente brividi di piacere quando prova la sensazione di vita nel corpo. Lo sforzo di aumentare la sensazione di piacere provoca l'esperienza del dolore quando, esauriti, gli organi dei sensi non possono più rispondere alla corrente ordinata della vita. Nel mondo manifestato la pienezza della vita è nel pensiero, e il pensiero cambia la corrente della vita.

Viviamo in questo oceano di vita, ma i nostri progressi sono davvero lenti, perché conosciamo la vita solo perché stimola i sensi. La mente gode mentre i sensi si svelano e si riempiono con il passare della vita; ma quando, nel corso dello sviluppo della mente, i sensi raggiungono il limite del loro dispiegamento fisico, vengono spazzati via dalle maree della vita, a meno che la mente non si liberi così tanto dai suoi ormeggi fisici da poter aprire i sensi interni. Questi lo sopporteranno quindi dal suo torbido flusso verso le correnti più alte della vita. Quindi la mente non viene spazzata via dalle correnti trasversali dell'oblio, né precipitata sulle rocce dell'illusione e sbalordita, ma viene portata in alto sulle sue vesti nel flusso luminoso della vita, dove apprende e mantiene il suo equilibrio e può governare il suo corso sicuro attraverso tutte le correnti e le fasi della vita.

La vita non può ristagnare. Questa vita di sensazioni dura solo poco tempo. Raggiungendo attraverso i sensi la mente si aggrapperebbe a tutte le forme di questa vita; ma se i sensi si sviluppano e maturano nella vita di questo mondo, presto si dissipano. Le forme su cui la mente si reggerebbe svaniranno e scompariranno anche quando saranno afferrate.

La mente cerca esperienza nella vita in cui entra per poter imparare a sondare e navigare nelle sue profondità. Quando la mente è in grado di cercare le profondità e mantenere il suo vero corso contro tutte le correnti opposte, l'oggetto della vita viene realizzato. La mente è stimolata e rinvigorita da ciascuna delle correnti opposte mentre le supera. È quindi in grado di usare tutte le correnti della vita per il bene invece di essere separato dal suo corso e superato da esse.

Ciò su cui attualmente speculiamo o sappiamo, è solo la vita della forma che è in continua evoluzione. Ciò che dovremmo cercare di conoscere e vivere è la vita eterna, il cui grande conseguimento è la coscienza.