La fondazione di parole

Quando ma è passato attraverso mahat, ma sarà ancora ma; ma ma sarà unito a mahat e sarà un mahat-ma.

—Lo zodiaco.

IL

PAROLA

Vol 11 MAGGIO, 1910. No. 2

Copyright, 1910, di HW PERCIVAL.

ADETTATI, MAESTRI E MAHATMA.

(Continua.)

Le rocce adamantine dei secoli si sbriciolano. Il colore lascia la forma e le forme svaniscono. La musica esce dal suono e i suoni finiscono in lamenti di tristezza e rimprovero. Gli incendi sono morti. La linfa si asciuga. È tutto freddo. La vita e la luce del mondo sono sparite. Tutto è fermo. L'oscurità prevale. Il discepolo nella scuola dei maestri entra ora nel suo periodo di morte.

Il mondo interiore è morto per lui; svanisce. Anche il mondo fisico esterno è morto. Percorre la terra, ma ha l'insostanzialità di un'ombra. Le colline immobili si stanno spostando verso di lui come le nuvole e come tanti veli; vede attraverso di loro nell'aldilà, che è vuoto. La luce è uscita dal sole anche se brilla ancora. Le canzoni degli uccelli sono come urla. Si vede che tutto il mondo è in uno stato costante di flusso e riflusso; niente è permanente, tutto è cambiamento. La vita è un dolore, anche se il discepolo è morto per il dolore e per il piacere. Tutto è irreale; tutto è una presa in giro. L'amore è uno spasmo. Coloro che sembrano godersi la vita sono visti solo in un delirio. Il santo è autoilluso, il peccatore è pazzo. I saggi sono come gli sciocchi, non c'è né male né bene. Il cuore del discepolo perde sentimento. Il tempo è visto come un'illusione, ma sembra essere il più reale. Non c'è né alto né basso nell'universo. La terra solida sembra essere una bolla scura che galleggia nello spazio più scuro e vuoto. Anche se il discepolo nella scuola dei maestri cammina e vede fisicamente le cose come prima, l'oscurità mentale si addensa attorno a lui. Svegliarsi o dormire, l'oscurità è con lui. L'oscurità diventa una cosa di orrore e invade continuamente. Il silenzio è su di lui e le sue parole sembrano non avere suono. Il silenzio sembra cristallizzarsi in una cosa senza forma che non può essere vista, e la sua presenza è la presenza della morte. Vai dove vuole, fai quello che vuole, il discepolo non può sfuggire a questa cosa oscura. È in tutto e intorno a tutto. È dentro di lui e intorno a lui. L'annientamento era una felicità rispetto alla vicinanza di questa cosa oscura. Ma per la presenza di questa cosa oscura il discepolo è solo. Si sente come se fosse il morto vivente in un mondo morto. Sebbene senza voce, l'oscurità informe ricorda al discepolo le delizie del mondo interiore dei sensi, e quando si rifiuta di ascoltare gli viene mostrato che può scappare o svenire da questa oscurità totale se risponderà alla chiamata degli uomini . Anche mentre nel mezzo dell'oscurità il discepolo dei maestri è consapevole che non dovrebbe ascoltare l'oscurità, sebbene ne sia schiacciato. Per il discepolo tutte le cose hanno perso l'attrazione. Gli ideali sono scomparsi. Lo sforzo è inutile e non c'è scopo nelle cose. Ma sebbene sia morto, il discepolo è ancora cosciente. Potrebbe lottare con l'oscurità, ma le sue lotte sembrano inutili. Perché l'oscurità lo sfugge mentre si schiaccia. Credendosi forte si lancia inizialmente contro l'oscurità nei suoi sforzi per superarlo, solo per scoprire che diventa più pesante quando si oppone. Il discepolo è nelle spire dell'antico serpente del mondo contro il quale la forza umana è debolezza. Sembra al discepolo di essere nella morte eterna, sebbene la vita e la luce siano uscite dalle cose e non gli trattengano nulla e sebbene il suo corpo sia la sua tomba, tuttavia è ancora cosciente. Si rende conto che se non riesce a superare l'oscurità, tuttavia l'oscurità non lo ha del tutto superato, poiché è cosciente.

Questo pensiero di essere cosciente nel buio è il primo barlume di vita per il discepolo da quando è entrato nel suo periodo di morte. Il discepolo giace dolcemente nelle spire della morte e non combatte, ma rimane cosciente; l'oscurità porta avanti la lotta. Il vicino oscuro esorta a combattere, ma vedendo che la lotta era inutile, il discepolo non lotta più. Quando il discepolo è disposto a rimanere perpetuamente nell'oscurità più totale, se necessario, e quando si sente cosciente nell'eternità, anche se nell'oscurità e non cederà, quel pensiero con cui le cose sono conosciute gli viene in mente. Ora sa che l'oscurità totale in cui è circondato è la sua facoltà oscura, una parte molto del suo stesso essere che è il suo avversario. Questo pensiero gli dà nuova forza, ma non può combattere, perché la facoltà oscura è di se stesso sebbene lo sfugga. Il discepolo ora allena la sua facoltà di concentrazione per trovare la sua facoltà oscura. Mentre il discepolo continua ad esercitare la sua facoltà di focalizzazione e a portare la facoltà oscura a portata di mano, sembra che ci sia una separazione di mente e corpo.

La facoltà oscura diffonde, se possibile, un'oscurità più profonda. La facoltà di focalizzazione mette in risalto i pensieri del discepolo sui secoli. Il discepolo ha bisogno di grande forza per continuare a usare la sua facoltà di focalizzazione. Mentre un oscuro pensiero viene sottratto al passato dalla facoltà oscura, l'attenzione del discepolo viene momentaneamente deviata dalla cosa del passato, figlio del desiderio. Ogni volta che il discepolo trasforma la sua facoltà di focalizzazione per mettere in luce la facoltà del fratello oscuro, la cosa dei tempi antichi usa un nuovo dispositivo. Quando sembra a portata di mano e sta per essere scoperto, la cosa dell'oscurità, come un pesce diavolo, emette un'impenetrabile oscurità che la circonda e oscura tutto. Mentre l'oscurità prevale, la cosa sfugge di nuovo alla facoltà focale del discepolo. Man mano che il discepolo focalizza l'attenzione sull'oscurità, inizia a prendere forma, e dall'oscurità oscura nascono forme disgustose. Enormi creature simili a vermi si diffondono dall'oscurità e intorno a lui. Forme giganti simili a granchi strisciano fuori dall'oscurità e su di lui. Dall'oscurità le lucertole si avvicinano e gli proiettano lingue viscide e simili a forchette. Creature orribili che sono state i fallimenti della natura nei suoi primi tentativi di produrre esseri viventi, sciamano attorno al discepolo dall'oscurità che la sua facoltà di focalizzazione fa conoscere. Si aggrappano a lui e sembrano entrarlo e possederanno il suo essere. Ma il discepolo continua a usare la sua facoltà di concentrazione. Dall'oscurità apparentemente impenetrabile e nel raggio della facoltà di focalizzazione, strisciano, si agitano, si librano e rimuginano le cose con e senza forma. Pipistrelli di incarnazione di oscurità, malvagità e malizia, con la testa umana o spalancata svolazzano e sbattono le ali nocive intorno a lui, e con l'orrore della loro terribile presenza arrivano figure umane maschili e femminili espressive di ogni vizio e crimine umano. Creature di disgustosa e disgustosa bellezza si insinuano attorno e si attaccano al discepolo. Rettilinei maschili e femminili compositi, simili a animali parassiti, lo assediano. Ma è impavido finché non scopre che sono le sue stesse creazioni. Quindi arriva la paura. Si ammala per la disperazione. Mentre guarda o sente le cose orribili, si vede riflesso in ognuna. Ognuno guarda nel suo cuore e nel suo cervello, e guarda nel luogo che lì aveva riempito. Ognuno gli grida e lo accusa di un pensiero e di un'azione passati che gli hanno dato forma e lo hanno chiamato in essere. Tutti i suoi crimini segreti nel corso dei secoli insorgono nel terrore nero davanti a lui.

Ogni volta che smette di usare la sua facoltà di concentrazione, trova sollievo, ma non dimenticanza. Deve sempre rinnovare i suoi sforzi e scoprire la facoltà oscura. Ancora e ancora cerca la facoltà oscura e quante volte lo sfugge. Ad un certo punto, potrebbe essere in uno dei momenti più bui o di sollievo, il pensiero del discepolo ritorna; e di nuovo conosce le cose come sono. Sono i figli dei suoi pensieri e azioni passati concepiti nell'ignoranza e nati nell'oscurità. Sa che sono i fantasmi del suo passato morto, che la sua facoltà oscura ha evocato e che deve trasformare o essere sopportato. È impavido e vuole trasformarli, per il solo pensiero che conosce. Comincia questo, il suo lavoro. Quindi prende coscienza e si sveglia e usa la sua facoltà di immagine.

Non appena il discepolo entra in possesso della sua facoltà di immagine, scopre che la facoltà oscura non è in grado di produrre forme. Apprende che la facoltà oscura era stata in grado di vomitare davanti a sé il passato in forme per mezzo della facoltà dell'immagine, ma poiché ora ne ha preso possesso e ne impara l'uso, la facoltà oscura, sebbene rimanga ancora sfuggente, non può creare modulo. A poco a poco il discepolo acquisisce fiducia in se stesso e impara a guardare senza paura il proprio passato. Trasmette gli eventi di quel passato in ordine davanti a lui. Tramite la sua facoltà di immagine, dà loro le forme in cui si trovavano e, per il solo pensiero che sa, li giudica per quello che sono. Dalla facoltà di immagine tiene la materia del suo passato come rappresentata dalle forme, e la restituisce alla materia del mondo o alla facoltà oscura, da cui proviene. Ciò che viene restituito al mondo riceve una direzione, un ordine e un tono alto. Ciò che viene restituito alla facoltà oscura è sottomesso, controllato, raffinato. Con la sua facoltà di immagine il discepolo è in grado di dare forma alle tenebre e di immaginare la facoltà oscura, ma non è ancora in grado di conoscere la facoltà oscura in sé. Mentre il discepolo giudica, trasforma e perfeziona la sua materia del passato, è in grado, con la sua facoltà d'immagine, di indagare sulle prime forme della natura e di rintracciare la materia attraverso le sue varie forme dai primi periodi di involuzione in forma, attraverso le sue fasi consecutive, collegamento per collegamento, attraverso l'intera catena del suo periodo evolutivo fino ai giorni nostri. Usando la sua facoltà di immagine, il discepolo è in grado di tracciare per analogia il passato e il presente le forme che si evolveranno dalla natura e dall'uso delle facoltà della mente. Con la sua facoltà di immagine e con la sua facoltà di focalizzazione può creare forme grandi o piccole. Con l'uso della facoltà di immagine il discepolo può tracciare tutte le forme a quella del mondo mentale, ma non all'interno o al di là di esso. Usando la facoltà dell'immagine, il discepolo conosce i processi di formazione dell'uomo attuale, delle sue metempsicosi, trasmigrazioni e reincarnazioni ed è in grado di immaginare i processi attraverso i quali egli come discepolo diventerà padrone delle sue facoltà nel mondo mentale.

Il discepolo può provare a immaginarsi chi è e qual è la sua forma. Ma dal suo unico pensiero che sa che saprà di non essere ancora nato e che sebbene sia a conoscenza del suo io, non è in grado di immaginarsi. Il discepolo scopre che sin dai suoi primi tentativi di centrare la facoltà di focalizzazione sulla facoltà oscura, anche se fosse possibile, non avrebbe potuto scoprire la facoltà oscura perché la sua attenzione era stata distolta da essa dalle creature che ha reso presente a lui. Mentre impara questo, sa di aver calmato la facoltà oscura. Sa di non essere nato, come un feto.

Fino ai giorni nostri e al momento il discepolo nella scuola dei maestri ha incontrato i maestri e conosce la loro presenza, ma solo attraverso i loro corpi fisici. Il discepolo non è in grado di percepire un corpo maestro indipendentemente dal corpo fisico di un maestro e sebbene il discepolo sia in grado di sapere quando è presente un maestro, non può percepire distintamente un corpo maestro; perché un corpo maestro non è un corpo sensoriale e non può essere percepito attraverso i sensi. E il discepolo non ha ancora imparato l'uso della facoltà motrice indipendentemente dai sensi e solo con il suo uso può essere conosciuto un corpo maestro. Mentre il discepolo lottava con la facoltà oscura, un maestro non poteva aiutarlo perché il discepolo stava quindi mettendo alla prova la propria forza, dimostrando la sua fermezza di proposito, trasmutando la propria materia, e aver dato assistenza in quel momento avrebbe fatto rimanere il discepolo mortale. Ma quando il discepolo con la sua fermezza e il suo coraggio si è dimostrato fedele al suo scopo e all'uso delle sue facoltà di focalizzazione e di immagine e al pensiero che conosce, ha calmato la facoltà oscura, allora il discepolo viene mostrato da un maestro le difficoltà attraverso le quali è passato e lo scopo per cui è servito. Scopre o gli ha dimostrato che ciò con cui ha lottato è il desiderio incontrollato e cieco del suo genere umano e che, sottomettendo i desideri, aiuta e stimola l'umanità ad agire in tal modo con il loro.

Finora il discepolo non ha superato il sonno; non ha vinto la morte. Sa che non può morire, anche se è in un grembo della morte. Non lotta più. Attende la maturazione del tempo che lo porterà alla nascita. Non può vedere né percepire i processi che stanno attraversando il suo corpo fisico, sebbene possa seguire questi processi nel pensiero. Ma presto arriva un nuovo movimento dentro di lui. Sembra che ci sia un nuovo afflusso di vita intelligente. Prende la vita mentale nel suo corpo fisico, come quando un feto prende la vita nell'utero. Il discepolo ha la sensazione di poter uscire dal suo corpo fisico e librarsi dove vuole e quando vuole. Ma non lo fa. C'è una nuova leggerezza e galleggiabilità in tutto il suo corpo ed è mentalmente sensibile a tutte le cose all'interno della sua sfera. I suoi pensieri prenderanno forma davanti a lui, ma sa che non dovrebbe ancora dare alla materia la forma del suo pensiero. Mentre si avvicina il suo momento della nascita, l'unico pensiero che conosce è sempre presente con lui. La sua facoltà di focalizzazione è fissata in questo unico pensiero. Tutte le cose sembrano fondersi con questo pensiero e questo pensiero che lui conosce è attraverso tutte le cose. Diventa più consapevole di questo pensiero; ci vive, e mentre il suo corpo fisico svolgerà le sue funzioni naturalmente, tutta la sua preoccupazione è nel suo unico pensiero che conosce. Una calma gioia e pace sono dentro di lui. L'armonia riguarda lui e lui accelera secondo il suo pensiero. Il potere del movimento entra in lui. Vuole parlare, ma non trova subito la voce mentale. Il suo sforzo suona una nota nella canzone del tempo. La canzone del tempo entra nel suo essere e lo porta su e su. Il suo unico pensiero è più forte. Prova di nuovo a parlare e di nuovo il tempo risponde, ma non ha voce. Il tempo sembra inondarlo. Il potere arriva e il suo linguaggio nasce dentro di lui. Mentre parla, sale dalla facoltà oscura come da un grembo. Lui, un maestro, è risorto.

Il suo discorso, la sua voce, è la sua nascita. È la sua ascensione. Non passerà mai più attraverso la morte. È immortale. Il suo discorso è una parola. La Parola è il suo nome. Il suo nome, la sua parola è come la nota chiave di una canzone che viene suonata in tutto il mondo, che circonda e permea il mondo fisico. Il suo nome è il tema del canto della vita che viene ripreso e cantato da ogni particella del tempo. Quando si comprende l'armonia del tempo, il discepolo si percepisce come un corpo mentale. Il suo corpo mentale è un corpo di facoltà, non di sensi. La sua facoltà di focus usa prontamente. Con esso scopre che lui, il suo corpo mentale, è l'unico pensiero con cui è diventato discepolo nella scuola dei maestri, lo stesso pensiero che lo ha guidato attraverso tutte le difficoltà e grazie al quale conosce le cose come sono; è la sua facoltà motrice.

Il maestro sembra essere sempre esistito. La sua immortalità sembra non essere appena iniziata, ma estendersi indefinitamente nel passato. Non è un corpo fisico, non è un corpo psichico o astrale. È un corpo maestro, la cui materia è pensata. Pensa e il tempo si adatta ai suoi pensieri. È nel mondo paradisiaco dell'umanità e scopre che tutta l'umanità è rappresentata lì. Scopre che sebbene tutta l'umanità sia rappresentata nel suo mondo, il mondo del cielo, il mondo mentale, il mondo dei maestri, l'umanità appare costantemente e riappare in qualche nuovo aspetto. Che il paradiso di uno è cambiato da quello e goduto in modo diverso ad ogni ricomparsa e che il mondo paradisiaco di chiunque è cambiato con il cambiamento dell'ideale di quello. Il maestro percepisce che questo mondo paradisiaco è scarsamente percepito dall'umanità, anche mentre sono sulla terra, anche se non riescono a realizzare il loro paradiso mentre sulla terra. Percepisce che il paradiso dell'umanità è fatto dei loro pensieri e che i pensieri di ciascuno costruiscono il proprio paradiso che ciascuno realizza quando il potere della sua mente lascia il corpo fisico alla morte ed è unito agli ideali che sono il suo mondo paradisiaco e che sperimenta tra vite. Il maestro percepisce gli individui dell'umanità che vanno e vengono dal mondo dei cieli, ognuno che estende o limita il periodo della sua esperienza secondo il suo ideale e secondo il motivo attraverso il quale apprende dalla sua esperienza e dalle cause della sua esperienza. Il maestro percepisce che la mente della personalità di una vita pensa a se stessa in relazione ai pensieri più alti, come alla sua personalità, ma non realizza i diversi periodi di incarnazione mentre si trova nel mondo del cielo. Ma il maestro non segue ancora le menti nel loro andare e venire dal mondo del cielo.

Il maestro vede nel mondo celeste che coloro che vengono ed entrano dopo la morte e sono stati rappresentati dai loro ideali in esso durante la vita fisica, non conoscono il mondo celeste come lo conosce. Gli uomini non ancora nati che riposano nel mondo celeste, godono il cielo come l'avevano saputo nella loro vita fisica. Sebbene ci siano esseri che vivono consapevolmente e nel tempo nel mondo dei cieli, tuttavia gli uomini mortali che riposano in questo mondo dei cieli non conoscono questi esseri e durante la loro permanenza non sono consapevoli della presenza dei maestri, a meno che il pensiero dei maestri non fosse stato parte dei loro ideali nella vita fisica. Il maestro vede che nel mondo dei cieli l'uomo è un corpo di pensiero, privato del suo corpo fisico; il paradiso di quell'uomo è uno stato transitorio sebbene uno stato più reale per lui di quanto lo fosse la sua vita fisica; che come corpo di pensiero senza il suo corpo fisico, l'uomo usa la sua facoltà di immagine e costruisce così il suo mondo celeste; che il tipo di mondo paradisiaco di un uomo è deciso dal motivo della mente che l'ha creato.

Di tutto ciò il maestro aveva conosciuto mentre era discepolo; ora è noto da lui. Il mondo celeste che è per la mente di un mortale un'immensa distesa di anni, è, per un maestro, solo un breve sogno. Il tempo nel mondo mentale quando concepito dalla mente di un mortale è un'eternità senza fine rispetto al tempo del mondo fisico. Il mortale nel suo stato celeste non può usare la sua facoltà di tempo; il maestro lo fa. La facoltà temporale del maestro viene messa in pratica dalla sua facoltà motrice, come pensa. Come pensa, gli atomi del tempo si raggruppano e sono collegati tra loro come il suo pensiero, e ciò è determinato e causato dal suo motivo. Il maestro pensa al tempo, ai suoi andirivieni. Segue il tempo e vede le circolazioni dagli inizi del tempo, il suo flusso costante dal mondo spirituale, il suo fludding e il suo ritorno nel mondo spirituale. Il motivo provoca il suo arrivo e decide il suo andamento, nei periodi necessari per la realizzazione e l'elaborazione dei suoi ideali.

Il maestro pensa al suo motivo e la sua facoltà motrice gli fa conoscere il motivo che ha spinto a diventare un maestro. Mentre sembra essere sempre stato un maestro, sa che diventare uno è la pienezza del suo tempo. Gli inizi di questo, sebbene lontani dai mondi dei tempi inferiori, sono presenti nel mondo mentale, il suo mondo. Sa che il completamento del suo inizio è il suo divenire e la sua unione con l'inizio. Ma sa che i processi del divenire non sono qui; sono nei mondi dei tempi inferiori.

Altri motivi oltre al motivo che lo ha portato a diventare quello che è, gli sono resi noti mentre pensa e usa la sua facoltà motrice. Ha seguito il tempo nei suoi inizi e nei suoi completamenti, ma non vede tutti i processi per diventare un maestro. Pensa ai processi e usa la sua immagine e focalizza le facoltà. Lo scorrere del tempo continua. Lo segue nei suoi raggruppamenti e formazione dei mondi. I mondi prendono forma come forma-tempo, che è forma-materia, e le forme appaiono su di loro. Gli atomi del tempo riempiono le forme, che sono le molecole del tempo. Gli atomi del tempo passano attraverso le molecole della forma; attraversano il mondo della forma e mentre fluiscono sulle forme diventano fisiche. Il mondo fisico, come il mondo della forma reso visibile e concreto, è visto come uno scorrere costante del tempo e non essere concreto e solido. Le forme appaiono e scompaiono come bolle, e il tempo che scorre continua attraverso le forme che vengono sollevate su di essa e portate via da essa. Questi lanci e disegni sono le vite e le morti delle cose che vengono nel mondo fisico. Le forme umane sono tra queste. Vede una linea continua di forme, graduata in prospettiva, che si estende oltre i confini del mondo fisico e termina in se stesso. Queste forme o bolle portano in se stesso. Con la sua facoltà di focus li allinea e vede che sono le forme o le ombre di se stesso. Li concentra, e ora finiscono tutti e si fondono e scompaiono nel corpo fisico, il suo attuale corpo fisico, dal quale è appena salito, asceso come un maestro.

È immortale; la sua immortalità è tutto il tempo. Sebbene l'intero divenire si sia esteso nel tempo, è stato vissuto mentre ha preso voce e dato nome a se stesso e durante la sua ascensione. Il suo corpo fisico si trova nella stessa posizione e, secondo il tempo fisico, non sono trascorsi molti momenti.

Il padrone ora è in pieno possesso dei suoi organi fisici; è consapevole del mondo fisico; è in pieno possesso di cinque delle sue facoltà mentali e le usa indipendentemente dai suoi sensi. Il suo corpo fisico riposa; la pace è su di esso; è trasfigurato. Lui, il maestro, come un corpo maestro, non ha la forma del corpo fisico. È nel fisico, ma si estende oltre. Il maestro è a conoscenza e vede altri maestri su di lui. Gli parlano come uno di loro.

Il discepolo che era e che ora è diventato un maestro, vive e agisce consapevolmente nei mondi fisico e mentale. Il suo corpo fisico è all'interno del corpo maestro, come il mondo fisico è dentro e permeato dal mondo mentale. Attraverso o mediante l'uso del corpo fisico, il mondo fisico è vivo per lui. Tutto nel mondo fisico è più pronunciato. Il sole splende, gli uccelli cantano, le acque riversano la loro melodia di gioia e la natura manifestata saluta il maestro come suo creatore e conservatore. Il mondo dei sensi interiori che lo ha richiamato come discepolo ora offre volentieri l'obbedienza e il servizio sottomesso al maestro. Ciò a cui non ha ceduto come discepolo ora guida e dirige come maestro. Vede che per il mondo degli uomini, che gli aveva offerto gloria e aveva chiesto il suo aiuto, ora può rendere il servizio e gli darà aiuto. Considera il suo corpo fisico con simpatia e compassione. Lo considera come la cosa attraverso la quale è entrato nel suo.

Continua.