La fondazione di parole

Lo zodiaco è la legge secondo la quale ogni cosa viene all'esistenza, rimane per un po ', quindi passa fuori dall'esistenza, per riapparire secondo lo zodiaco.

—Lo zodiaco.

IL

PAROLA

Vol 5 MAGGIO, 1907. No. 2

Copyright, 1907, di HW PERCIVAL.

Nascita-morte-death-NASCITA.

Non c'è morte senza nascita, né nascita senza morte. Per ogni nascita c'è una morte e per ogni morte una nascita.

La nascita significa un cambiamento di condizione; anche la morte. Per nascere in questo mondo, il comune mortale deve morire nel mondo da cui proviene; morire in questo mondo è nascere in un altro mondo.

Nel viaggio verso le oltre innumerevoli generazioni hanno ripetutamente chiesto: "Da dove veniamo? Dove andiamo? L'unica risposta che hanno sentito è stata l'eco delle loro domande.

Da menti più meditative arrivano le altre domande gemelle: “Come posso venire? Come vado? ” Questo aggiunge più mistero al misterioso, e quindi il soggetto riposa.

Mentre attraversano la nostra terra d'ombra coloro che sono consapevoli o che hanno avuto scorci in entrambi i lati dell'aldilà affermano che si possono risolvere gli enigmi e rispondere alle domande relative al suo futuro attraverso l'analogia del passato. Queste dichiarazioni sono così semplici che le ascoltiamo e le respingiamo senza pensarci.

È bene che non possiamo risolvere il mistero. Farlo potrebbe distruggere la nostra ombra prima di poter vivere nella luce. Eppure possiamo avere un'idea della verità facendo uso dell'analogia. Potremmo arrestare "Dove andiamo?" dando uno sguardo alla prospettiva di "Da dove veniamo?"

Dopo aver posto le domande gemelle, "Da dove e dove?" e "Come vengo?" e "Come posso andare?" arriva la domanda che risveglia l'anima: "Chi sono io?" Quando l'anima si è posta seriamente questa domanda, non sarà mai più contenta finché non lo saprà. "IO! IO! IO! Chi sono? Per cosa sono qui? Da dove vengo? Dove sto andando? Come vengo? e come posso andare? Comunque vengo o attraverso lo spazio, attraverso il tempo o oltre, ancora, sempre e sempre, sono io e solo io! ”

Dalla testimonianza e dall'osservazione, si sa che è venuto nel mondo, o almeno il suo corpo lo ha fatto, attraverso la nascita, e che passerà dal mondo visibile attraverso la morte. La nascita è il portale che conduce al mondo e l'ingresso nella vita del mondo. La morte è l'uscita dal mondo.

Il significato generalmente accettato della parola "nascita" è l'ingresso di un corpo vivente e organizzato nel mondo. Il significato generalmente accettato della parola "morte" è la cessazione di un corpo vivente e organizzato per coordinare la sua vita e mantenere la sua organizzazione.

Questo nostro mondo, con la sua atmosfera, la feccia dell'eterna sostanza è come uno speck che fluttua nello spazio infinito. L'anima viene dall'eterno, ma ha perso le sue ali e la sua memoria mentre attraversava la densa atmosfera della terra. Arrivato sulla terra, dimentico della sua vera casa, illuso dalle sue vesti e dalla spirale carnale del suo corpo attuale, non è in grado di vedere nell'aldilà su entrambi i lati del presente e del qui. Come un uccello le cui ali sono rotte, non è in grado di alzarsi e librarsi nel proprio elemento; e così l'anima dimora qui per un po ', trattenuta prigioniera dalle spire di carne nel mondo del tempo, incurante del suo passato, impaurita del futuro: l'ignoto.

Il mondo visibile si erge tra due eternità come un grande teatro nell'eternità. L'immateriale e l'invisibile qui diventano materiali e visibili, l'intangibile e l'informe assumono una forma tangibile, e l'Infinito qui sembra essere finito quando entra nel gioco della vita.

L'utero è la sala in cui ogni anima si veste nel costume da parte sua e poi si lancia nel gioco. L'anima dimentica il passato. La pasta, la vernice, il costume, le luci della ribalta e il gioco fanno sì che l'anima dimentichi il suo essere nell'eternità, ed è immersa nella piccolezza del gioco. Dopo la sua parte, l'anima è sollevata dalle sue vesti una per una e introdotta nuovamente nell'eternità attraverso la porta della morte. L'anima indossa le sue vesti carnali per venire al mondo; da parte sua, rimanda queste vesti per lasciare il mondo. La vita prenatale è il processo del costume e la nascita è il passo sul palcoscenico del mondo. Il processo della morte è il discernimento e il ritorno nei mondi del desiderio, del pensiero o della conoscenza (♍︎ – ♏︎, ♌︎ – ♐︎, ♋︎ – ♑︎) da cui proveniamo.

Per conoscere il processo di smascheramento, dobbiamo conoscere il processo di mascheramento. Per conoscere la trasformazione durante il passaggio del mondo, dobbiamo conoscere la trasformazione mentre veniamo nel mondo. Per conoscere il processo di mascheramento o di indossare il costume del corpo fisico, è necessario conoscere un po 'la fisiologia e la fisiologia dello sviluppo fetale.

Dal momento della copulazione fino alla nascita nel mondo fisico, l'ego reincarnato si occupa della preparazione delle sue vesti e della costruzione del suo corpo fisico in cui deve abitare. Durante questo periodo l'ego non è incarnato, ma è in contatto con la madre attraverso le emozioni e i sensi, o sovrintende consapevolmente alla preparazione e alla costruzione del suo corpo o è in uno stato di sogno. Queste condizioni sono determinate dal precedente sviluppo dell'ego per quanto riguarda i suoi poteri e capacità.

Ogni anima vive in un mondo distinto a sé stante e di propria creazione, a cui si riferisce o si identifica con se stessa. L'anima costruisce un corpo fisico dentro e intorno a una parte di se stessa per un soggiorno e un'esperienza nel mondo fisico. Quando il soggiorno è alla fine dissipa il corpo fisico con il processo chiamato morte e decadenza. Durante e dopo questo processo di morte prepara altri corpi in cui vivere nei mondi invisibili a questo nostro mondo fisico. Ma che sia nel mondo fisico visibile o in mondi invisibili, l'ego reincarnato non è mai al di fuori del proprio mondo o sfera d'azione.

Dopo una vita appena terminata, l'ego fa dissolvere, consumare e risolvere il corpo fisico nelle sue fonti naturali dai fuochi fisici, chimici, elementali, e non rimane nulla di quel corpo fisico tranne un germe. Questo germe è invisibile all'occhio fisico, ma rimane nel mondo dell'anima. Simbolizzando il corpo fisico, questo germe appare come un carbone ardente e ardente durante il processo di morte e decadimento del corpo fisico. Ma quando gli elementi del corpo fisico sono stati risolti nelle loro fonti naturali e l'ego reincarnato è passato nel suo periodo di riposo, il germe cessa di bruciare e brillare; diminuisce gradualmente di dimensioni fino a quando sembra finalmente essere un piccolo scorie bruciato di un colore cinereo. Continua come un granello cinerea in una parte oscura del mondo dell'anima durante l'intero periodo di godimento e riposo dell'ego. Questo periodo di riposo è noto ai diversi religiosi come "Paradiso". Quando il suo periodo di paradiso è finito e l'ego si sta preparando a reincarnarsi, il bruciatore bruciato, come il germe della vita fisica, ricomincia a brillare. Continua a brillare e diventa più luminoso quando viene portato in relazione magnetica con i suoi futuri genitori dalla legge del fitness.

Quando i tempi sono maturi perché il germe del fisico inizi a crescere di un corpo fisico, entra in una relazione più stretta con i suoi futuri genitori.

Nelle prime fasi dell'umanità gli dei camminavano sulla terra con gli uomini e gli uomini erano governati dalla saggezza degli dei. In quei tempi l'umanità si copulava solo in certe stagioni e allo scopo di dare alla luce esseri. In quei tempi esisteva una relazione intima tra l'ego che era pronto a incarnarsi e gli ego che dovevano fornire il corpo fisico. Quando un ego era pronto e disposto a incarnarsi, rese nota la sua prontezza chiedendo a quelli del suo stesso tipo e ordine che vivevano nel mondo fisico di preparare un corpo fisico in cui si potesse incarnare. Di comune accordo l'uomo e la donna così avvicinati iniziarono un corso di preparazione e sviluppo che durò fino alla nascita del corpo. La preparazione consisteva in un certo addestramento e una serie di cerimonie religiose che erano considerate solenni e sacre. Sapevano che stavano per rievocare la storia della creazione e che essi stessi dovevano agire come divinità in presenza augusta della sovranima universale. Dopo la necessaria purificazione e allenamento del corpo e della mente e nel particolare momento e stagione adatti e indicati dall'ego per incarnarsi, fu celebrato il rito sacro dell'unione sacramentale copulativa. Quindi il respiro individuale di ciascuno si fondeva in un respiro simile a una fiamma, che formava un'atmosfera attorno alla coppia. Durante il rito dell'unione copulativa il germe splendente del futuro corpo fisico emerse dalla sfera dell'anima dell'ego ed entrò nella sfera del respiro della coppia. Il germe passò come un fulmine attraverso i corpi di entrambi e li fece fremere mentre prendeva l'impressione di ogni parte del corpo, poi si centrò nel grembo della donna e divenne il legame che causò la fusione dei due germi del sesso uno: l'ovulo impregnato. Quindi iniziò la costruzione del corpo che doveva essere il mondo fisico dell'ego.

Questo era il modo in cui la saggezza governava l'umanità. Quindi alla nascita del bambino non hanno partecipato dolori del parto e gli esseri nel mondo sapevano di coloro che dovevano entrare. Non è così adesso.

Lussuria, lascivia, sessualità, voluttuosità, animalità, sono gli attuali governanti degli uomini che ora desiderano l'unione sessuale senza pensare agli esseri maligni che vengono al mondo attraverso le loro pratiche. Gli inevitabili compagni di queste pratiche sono l'ipocrisia, l'inganno, la frode, la falsità e il tradimento. Tutti insieme sono le cause della miseria, della malattia, della malattia, dell'idiozia, della povertà, dell'ignoranza, della sofferenza, della paura, dell'invidia, del dispetto, della gelosia, della pigrizia, della pigrizia, dell'oblio, del nervosismo, della debolezza, dell'incertezza, della timidezza, del rimorso, dell'ansia, dello sconforto, disperazione e morte. E non solo le donne della nostra razza soffrono nel dare alla luce, ed entrambi i sessi sono soggetti alle loro peculiari malattie, ma gli ego in arrivo, colpevoli degli stessi peccati, sopportano grandi sofferenze durante la vita e la nascita prenatali. (Vedere Editoriale, La Parola, Vol. 5, n. 1, p.97.)

Il germe invisibile dal mondo dell'anima è l'idea e il design archetipico secondo cui è costruito il corpo fisico. Il germe dell'uomo e il germe della donna sono le forze attive e passive della natura che costruiscono secondo il disegno del germe invisibile.

Quando il germe invisibile è venuto dal suo posto nel mondo dell'anima e ha attraversato il respiro della fiamma della coppia unita e ha preso il suo posto nel grembo materno, unisce i due germi della coppia e la natura inizia il suo lavoro di creazione .

Ma il germe invisibile, sebbene fuori dal suo posto nel mondo dell'anima, non è tagliato fuori dal mondo dell'anima. Quando lascia il mondo dell'anima il germe invisibile incandescente lascia una scia. Questa traccia è brillante o di un cast lurido, secondo la natura dell'essere che si incarnerà. Il sentiero diventa il cordone che collega il germe invisibile caduto con il mondo dell'anima. Il cordone che collega il germe invisibile con la sua anima madre è composto da quattro fili all'interno di tre guaine. Insieme sembrano un unico cavo; di colore variano da opachi, pesanti portano a una tonalità brillante e dorata, indicativa della purezza del corpo in fase di formazione.

Questo cordone fornisce i canali attraverso i quali vengono trasmessi al feto tutte le potenze e le tendenze del carattere, in quanto sono coinvolti nel corpo e che sono rimasti come semi (skanda) per fiorire e dare frutti mentre il corpo matura nella vita e le condizioni sono forniti per l'espressione di queste tendenze.

I quattro filamenti che compongono il cordone sono i canali attraverso i quali passa la materia grossolana, la materia astrale, la materia vitale e la materia del desiderio, da modellare nel corpo del feto. Attraverso le tre guaine che circondano i quattro fili viene trasmessa la materia superiore del corpo, vale a dire quella che è l'essenza delle ossa, dei nervi e delle ghiandole (manas), del midollo (buddhi) e del principio virile (atma). I quattro fili trasmettono la materia che è l'essenza di pelle, capelli e unghie (sthula sharira), tessuto di carne (linga sharira), sangue (prana) e grasso (kama).

Man mano che questa materia viene fatta precipitare e condensata, nella madre vengono prodotte alcune sensazioni e tendenze peculiari, come, ad esempio, il desiderio di determinati cibi, sentimenti e scoppi improvvisi, stati d'animo e desideri strani, tendenze mentali di un religioso, artistico, poetico e colore eroico. Ciascuna di queste fasi appare mentre l'influenza dell'ego viene trasmessa e operata nel corpo del feto attraverso il suo genitore corporeo: la madre.

Nell'antichità il padre svolgeva un ruolo molto importante nello sviluppo del feto e si prendeva cura di lui tanto attentamente quanto la madre. Nei nostri tempi degeneri la relazione del padre con il feto viene ignorata e sconosciuta. Solo attraverso l'istinto naturale, ma nell'ignoranza, ora può agire positivamente sulla natura passiva della donna nello sviluppo del feto.

Ogni vera scrittura e cosmogonia descrive la costruzione di un corpo fisico nel suo graduale sviluppo. Quindi, in Genesi, la costruzione del mondo in sei giorni è una descrizione dello sviluppo del feto e il settimo giorno il Signore, gli Elohim, i costruttori, riposarono dalle loro fatiche, poiché il lavoro era stato completato e l'uomo è stato modellato a immagine dei suoi creatori; cioè, per ogni parte del corpo umano esiste una forza e un'entità corrispondenti in natura, che è il corpo di Dio, e gli esseri che prendono parte alla costruzione del corpo sono legati a quella parte che hanno costruito e deve rispondere alla natura della funzione che quella parte è comandata dall'ego incarnato per svolgere.

Ogni parte del corpo è un talismano per attirare o difendersi dai poteri della natura. Quando viene usato il talismano, i poteri risponderanno. L'uomo è in verità il microcosmo che può invocare il macrocosmo secondo la sua conoscenza o fede, la sua creazione di immagini e volontà.

Quando il feto è stato completato, è stata fatta solo la costruzione dell'essere fisico nella sua settuplice divisione. Questo è solo il mondo più basso dell'anima. Ma l'ego non è ancora incarnato.

Il feto, essendo stato perfezionato e riposato, lascia il suo mondo fisico di oscurità, l'utero e muore ad esso. E questa morte del feto è la sua nascita nel suo mondo fisico di luce. Un respiro, un sussulto e un grido, e attraverso il respiro l'ego inizia la sua incarnazione e nasce e si avvolge nella sfera psichica della sua anima sovrana madre. Anche l'ego muore dal suo mondo ed è nato e immerso nel mondo della carne.