La fondazione di parole

Nell'oceano senza onde dello spazio irradia il sole centrale, spirituale e invisibile. L'universo è il suo corpo, spirito e anima; e dopo questo modello ideale sono incorniciate TUTTE LE COSE. Queste tre emanazioni sono le tre vite, i tre gradi del pleroma gnostico, i tre "volti cabalistici", per l'ANTICO dell'antico, il santo degli anziani, il grande En-Soph, ha una forma "e poi ha nessuna forma. "

—Isis Unveiled.

IL

PAROLA

Vol 1 NOVEMBRE, 1904. No. 2

Copyright, 1904, di HW PERCIVAL.

FRATELLANZA.

C'è una crescente necessità di una rivista le cui pagine si apriranno alla presentazione libera e imparziale di filosofia, scienza e religione, sulla base dell'etica. La WORD ha lo scopo di soddisfare questa esigenza. L'etica è fondata sulla fratellanza.

È nostra intenzione dare spazio agli articoli scritti a sostegno di qualsiasi movimento, purché l'obiettivo principale sia lavorare per la fratellanza dell'umanità.

L'umanità è una grande famiglia, per quanto ampiamente separata dal pregiudizio della razza e del credo. Crediamo sinceramente nell'idea che è solo parzialmente espressa dalla parola "fratellanza". Il significato di questa parola è limitato a ogni persona, per le sue tendenze, inclinazioni, educazione e sviluppo. Esiste una grande varietà di opinioni riguardo al significato della parola fratellanza quanto c'è riguardo al significato della parola Verità. Per un bambino piccolo, la parola "fratello" porta con sé il pensiero di assistenza e protezione da parte di chi può difenderlo dai suoi avversari. Significa per il fratello maggiore che ha qualcuno da proteggere. A un membro di una chiesa, di una società o di un club segreto, suggerisce l'appartenenza. Un socialista lo collega alla condivisione o alla cooperazione, in senso economico.

Incarnata, accecata e drogata dalle impressioni sensoriali in un mondo tumultuoso ruggente, l'anima non si rende conto della sua vera posizione nei confronti delle altre anime.

La fratellanza è la relazione indissolubile esistente tra anima e anima. Tutte le fasi della vita tendono a insegnare all'anima questa verità. Dopo lunghi studi e continue aspirazioni, arriva il momento in cui si comprende la fratellanza. Quindi l'anima sa che è la verità. Questo arriva come in un lampo di luce. I lampi di illuminazione arrivano a tutti in determinati momenti della vita, come la prima connessione dell'anima con il suo corpo, il risveglio alla coscienza nel mondo da bambino e al momento della morte. Il flash arriva, va e viene dimenticato.

Ci sono due fasi di illuminazione che sono distinte da quanto sopra, un lampo di illuminazione durante la maternità e l'illuminazione di un Fratello dell'umanità. Sappiamo che i lunghi mesi di dolore, ansia e tristezza, che precedono la nascita del bambino, accelerano i sentimenti della "madre". Al momento del primo grido del bambino appena nato, e nel momento in cui sente che la sua vita si sta esaurendo, c'è un mistero rivelato al cuore di una "madre". Vede attraverso le porte della Vita di un mondo più grande, e per un momento c'è un lampo nella sua coscienza, un brivido, un raggio di luce, un mondo di conoscenza, rivelando a lei il fatto che esiste un'unità con un altro essere che, sebbene il suo stesso io non sia ancora se stessa. In questo momento arriva un sentimento di estasi, un senso di unità e il legame indissolubile tra un essere e un altro. È la più perfetta espressione di altruismo, fratellanza, amore, che abbiamo nella nostra esperienza umana. Il flash passa e viene dimenticato. L'amore, di solito, presto si riduce a quello della maternità quotidiana e sprofonda al livello di egoismo materno.

Esiste un'analogia tra la conoscenza della relazione del bambino con sua madre e la relazione dell'uomo nato due volte con l'Atman o il Sé Universale. La madre sente la parentela e l'amore per il suo bambino perché, durante quel momento misterioso, una delle tende della vita viene messa da parte e c'è un incontro, una comprensione reciproca, tra l'anima della madre e l'anima del bambino, di colui che deve custodire e proteggere, e dell'altro che deve essere protetto.

Il neofita, attraverso molte vite di aspirazione e desiderio di luce spirituale, raggiunge finalmente il momento in cui la luce irrompe. Arriva a questo obiettivo dopo molti giorni sulla terra, dopo molte vite in tutte le fasi, condizioni, circostanze, con molte persone , in molti paesi, durante molti cicli. Quando ha attraversato tutto, capisce i tratti e le simpatie, le gioie e le paure, le ambizioni e le aspirazioni dei suoi simili - che sono gli altri se stessi. Nasce nel suo mondo una nuova coscienza: la coscienza della fratellanza. La voce dell'umanità risveglia il suo cuore. Il suono è persino come il grido del neonato all'orecchio della "madre". Altro: c'è una doppia relazione vissuta. Sente il suo rapporto con la grande Anima Genitore come fa un figlio con il suo genitore. Sente anche il desiderio di proteggere e proteggere, anche se la madre avrebbe protetto suo figlio. Nessuna parola descriverà questa coscienza. Il mondo si illumina. Una coscienza dell'Anima Universale si risveglia in quella. Lui è un fratello. È nato due volte, è nato due volte.

Mentre il grido del bambino risveglia nella madre una nuova vita, così anche per l'uomo accelerato si apre una nuova vita. Nel rumore del mercato, nell'immobilità del deserto senza luna o quando è solo in profonda meditazione, sente il grido dell'umanità Grande Orfana.

Questa chiamata gli apre una nuova vita, nuovi doveri, nuove responsabilità. Come il bambino per sua madre, così come l'umanità per lui. Sente il suo pianto e sente la sua vita uscire. Nulla lo soddisferà se non una vita abbandonata al bene dell'umanità. Vuole provvedere come padre, nutrirlo come madre, difenderlo come fratello.

L'uomo non è ancora entrato nella piena consapevolezza della fratellanza, ma può almeno teorizzarlo e iniziare a mettere in pratica le sue teorie.