La fondazione di parole

Impavidità, sincerità, assiduità nella devozione, generosità, autocontrollo, pietà e elemosina, studio, mortificazione e rettitudine; innocuità, veridicità e libertà dalla rabbia, dalle dimissioni, dall'equanimità e dal non parlare delle colpe altrui, compassione universale, modestia e mitezza; pazienza, potere, forza d'animo e purezza, discrezione, dignità, mancanza di rispetto e libertà dalla presunzione: questi sono i segni di lui le cui virtù sono di carattere divino, o figlio di Bharata.

-Bhagavad-Gita. ch. xvi.

IL

PAROLA

Vol 1 DICEMBRE, 1904. No. 3

Copyright, 1904, di HW PERCIVAL.

CRISTO.

Il ventunesimo giorno di dicembre, il sole, i cui giorni si sono accorciati dal ventunesimo giorno di giugno, inizia il solstizio d'inverno, nel segno capricorno, il decimo segno dello zodiaco. I tre giorni seguenti furono dedicati dagli antichi ai riti religiosi. A mezzanotte del ventiquattresimo, che è l'inizio del venticinquesimo, poiché la costellazione conosciuta come la Vergine celeste o Vergine, il sesto segno dello zodiaco, sorse sopra l'orizzonte, cantavano canzoni di lode e fu allora ha annunciato la nascita del God of Day; che sarebbe stato il Salvatore del mondo dalle tenebre, dalla miseria e dalla morte. Il venticinquesimo dicembre, i romani tenevano una festa di gioia - la loro festa solare - in onore della nascita dell'Iddio del giorno, e i giochi al circo iniziarono tra grandi gioie.

Questo Dio del giorno, il Salvatore del mondo, era il figlio di cui la vergine Iside si definiva la madre in quell'iscrizione sul Tempio di Saïs che diceva: "Il frutto che ho generato è il Sole". Questa stagione (marea natalizia) è stata celebrata non solo dai romani, ma dagli antichi di tutti i tempi, quando si diceva che l'immacolata Vergine – Natura – Iside – Maya – Mare – Maria avesse dato alla luce il Sole della Giustizia, il God of Day, il Salvatore del mondo.

Il luogo di nascita è descritto in modo diverso da popoli diversi. Gli egiziani ne parlano come una caverna o una bara, i persiani hanno detto che era una grotta, i cristiani affermano che era una mangiatoia. In tutti i misteri, tuttavia, l'idea di ciascuno era preservata, poiché era dal santuario o dalla grotta sacra che nasceva l'Iniziato, il Due volte, il Glorificato, ed era suo dovere uscire nel mondo per predicare e per insegnare e alla luce della verità che era in lui per confortare il dolore e l'angoscia; per curare i malati e gli zoppi e per salvare le persone dall'oscurità della morte per ignoranza.

Forte di commercialismo, scolasticismo e materialismo della teologia, il mondo fa luce su queste antiche credenze.

Il sole è un simbolo del Cristo, il Sole centrale, spirituale e invisibile, la cui presenza nel corpo è per salvarlo dalla dissoluzione e dalla morte. I pianeti sono i principi che chiamano all'esistenza l'apparenza del corpo visibile come universo fisico, e mentre questo corpo o universo fisico durerà, il Sole Spirituale farà sentire la sua presenza. I fenomeni solari erano, quindi, indicativi dei tempi e delle stagioni in cui questo principio di Cristo poteva manifestarsi al meglio nella coscienza dell'uomo; e il periodo natalizio fu uno dei periodi importanti in cui i riti sacri venivano celebrati nei Misteri.

Nessuno che abbia riflettuto sull'argomento non può non vedere il fatto che la storia della natività di Gesù, Zoroastro, Buddha, Krishna, Horus, Ercole o uno dei salvatori del mondo, è la storia caratteristica e descrittiva del viaggio del sole attraverso i dodici segni dello zodiaco. Come nel viaggio del sole, così è per ogni Salvatore: è nato, perseguitato, predica il vangelo della salvezza, aumenta la potenza e il potere, conforta, guarisce, ravviva e illumina il mondo, è crocifisso, muore ed è sepolto , per rinascere e risorgere nella sua potenza, potenza e gloria. Negare questo fatto è proclamare la nostra ignoranza o dichiararci intolleranti e bigotti.

"Ma", si lamenta nervosamente e timorosamente il settario, "dovrei ammettere che questo è un fatto che eliminerà la mia speranza e promessa di redenzione e salvezza". "Ammettilo", dice l'esultante seguace del materialismo che non riesce a vedere nel cuore di quello che considera suo avversario, e non pensando al dolore che sta dando e alla speranza che sta rimuovendo da quel credente, " ammettilo e pronunci il destino di tutte le sette e religioni. Si sgretoleranno e scompariranno come un campo di neve sotto il sole cocente. "

Ad entrambi, settari e materialisti, rispondiamo: è più nobile ammettere la verità anche se dovrebbe far sì che i feticci e gli idoli che abbiamo costruito tra noi e la luce vengano rimossi e lasciati nudi, piuttosto che continuare a credere in un mondo di tenebre popolato da mostri invisibili. Ma una fase della verità è dichiarata dal religioso e dal seguace del materialismo. Ognuno è, tuttavia, un estremista; ognuno pensa che sia suo dovere vincolare convincere l'altro del proprio errore e convertirlo alla propria convinzione. C'è un terreno comune per loro. Se ciascuno si metterà al posto dell'altro, troverà ciò che gli manca per completare la sua fede, l'altro ha.

Il cristiano non deve temere che perderà la sua religione se accetti i fatti. Il materialista non deve temere di perdere i suoi fatti se accetta la religione. Nulla che valga la pena conservare può essere perso da chi cerca veramente la verità. E se la verità è davvero l'oggetto della ricerca dell'uomo di religione e dell'uomo di fatti, che cosa può portare via dall'altro?

Se il religioso riconoscerà i duri e freddi fatti del materialista, distruggerà il suo paradiso con le sue porte perlate attorno agli idoli che ha lì custodito, dissipando le fantasie sempre più simili a nuvole delle sue passioni surriscaldate e calmando gli spiriti turbati in un inferno, i cui fuochi stanno bruciando quei nemici che non accetterebbero la sua fede e seguiranno le dottrine in cui credeva. Dopo aver rimosso le irrealtà, scoprirà che dopo il rogo degli idoli e della spazzatura, rimane una presenza vivente che non può essere descritta da scalpello o pennello musicale.

Se il materialista si metterà al posto del religioso sincero, scoprirà che dentro di lui scaturisce un potere, una luce, un fuoco, che gli consente di assumersi le responsabilità, di adempiere ai suoi doveri, di inondare le macchine della natura e comprendere i principi su cui gira questo macchinario, bruciare i pregiudizi e l'orgoglio dei suoi fatti freddi e duri e trasformarli in vesti manifestazioni e testimoni della verità dello spirito eterno.

Ammettere che la vita di Cristo è un duplicato del viaggio del sole, non significa che il cristiano debba essere un semplice astronomo, rinunciare al suo Cristo e diventare un apostata. Né il cristiano o il credente in nessun'altra religione ha alcun diritto di spaccare il mercato sulla salvezza delle anime, formare una fiducia e il monopolio del suo schema religioso e cercare di distribuire la salvezza in un mondo affamato costringendolo ad acquistare le sue merci.

Abbattere le barriere! Lontano da tutti i trust che escluderebbero la luce universale! Tutta la terra si bagna alla luce di un sole e i suoi figli ne prendono la maggior quantità possibile. Nessuna razza o popolo può monopolizzare questa luce. Tutti riconoscono che il sole è uguale per tutti. Ma il sole è visto solo attraverso gli occhi fisici. Riscalda il corpo fisico e infonde la vita in tutte le cose animate.

Ce n'è un altro, un Sole invisibile, di cui il nostro sole non è che il simbolo. Nessun uomo può guardare il Sole Invisibile e rimanere mortale. Con questa luce la coscienza del materiale viene trasmutata nella coscienza dello spirituale. Questo è il Cristo che salva dall'ignoranza e dalla morte, colui che accetta principalmente e finalmente realizza la Luce.

Le persone sono ora sufficientemente illuminate nella scienza dell'astronomia per sapere che il sole svolge i suoi uffici non con sacrifici e preghiere che una razza degenerata o ignorante potrebbe offrire, ma in obbedienza alla legge cosmica. Secondo questa legge, tutti gli altri corpi nello spazio lavorano armoniosamente. Gli insegnanti che appaiono di volta in volta nel mondo sono semplicemente i servitori di questa legge che va oltre la comprensione di una mente finita.

Il semplice fatto che siamo nati in una famiglia di fede cristiana non ci dà il diritto di chiamarci cristiani. Né abbiamo un monopolio o alcun diritto o privilegio speciale in Cristo. Abbiamo il diritto di parlare di noi stessi come cristiani solo quando lo spirito di Cristo, che è il principio di Cristo, si dichiara attraverso di noi nel pensiero, nella parola e nell'azione. Si annuncia, non è annunciato. Sappiamo che non è dei sensi, eppure lo vediamo, lo ascoltiamo e lo tocchiamo, perché penetra, permea e sostiene tutte le cose. È tanto vicino quanto distante. Supporta ed eleva e quando siamo nelle profondità è lì per sollevarci. Non può essere descritto, ma appare in ogni buon pensiero e azione. È la fede del forte, l'amore del compassionevole e il silenzio del saggio. È lo spirito del perdono, il suggeritore di tutti gli atti di altruismo, misericordia e giustizia, e in tutti gli esseri è il Principio intelligente e unificante.

Poiché tutte le cose nell'universo funzionano in modo armonioso e secondo una legge comune, anche le stesse vite che conduciamo stanno dando forma a un determinato fine. Quando perdiamo di vista il principio di fondo, le cose in superficie sembrano a tutti gli aspetti confuse. Ma tornando al principio capiamo gli effetti.

Come stiamo immaginando, non stiamo vivendo in un mondo di realtà. Dormiamo in un mondo di ombre. Il nostro sonno è di tanto in tanto eccitato o disturbato da qualche sogno o incubo causato dal cambiamento delle ombre. Ma l'anima non può sempre dormire. Ci deve essere un risveglio nella terra delle ombre. A volte arriva qualche messaggero, e con un tocco potente, ci offre svegli e si impegna nel nostro lavoro di vita reale. L'anima così risvegliata può sorgere e adempiere ai suoi doveri o, incantata dall'incantesimo dei sogni, può tornare nella terra delle ombre e addormentarsi. Si addormenta e sogna. Tuttavia i suoi sogni saranno disturbati dal ricordo del suo risveglio fino a quando le ombre non cospireranno per costringerlo nel suo regno, e poi, con dolore e tremore, inizierà il suo lavoro. Il dovere eseguito con fatica è un'opera di lavoro e acceca l'anima alle lezioni che i doveri insegnano. Il dovere compiuto volontariamente è un'opera d'amore e rivela all'esecutore la verità della lezione che essa porta.

Ogni essere umano è un messaggero, un figlio del Sole Invisibile, un Salvatore del mondo attraverso il quale splende il principio di Cristo, nella misura in cui comprende e realizza la coscienza sempre viva interiore. Da chi è consapevole di questa Coscienza possiamo avere il vero dono di Natale se questo è ciò che cerchiamo. La presenza di Natale è l'ingresso che conduce alla vita eterna eterna. Questa Presenza può arrivare mentre siamo ancora nella terra d'ombra. Risveglierà il dormiente dai suoi sogni e gli permetterà di non aver paura delle ombre circostanti. Conoscendo le ombre come ombre, non ha paura di sembrare che lo avvolgano e lo sopraffanno.