La fondazione di parole

Tre mondi circondano, penetrano e sostengono questo mondo fisico, che è il più basso, e il sedimento dei tre.

—Lo zodiaco.

IL

PAROLA

Vol 6 DICEMBRE, 1907. No. 3

Copyright, 1907, di HW PERCIVAL.

COSCIENZA ATTRAVERSO LA CONOSCENZA.

Questo articolo tenterà di mostrare cos'è la mente e la sua connessione con il corpo fisico. Indicherà la relazione immediata della mente con i mondi dentro e intorno a noi, indicherà e descriverà la reale esistenza del mondo astratto della conoscenza, mostrerà come la mente può vivere consapevolmente in esso e come, con la conoscenza, si può diventare consapevole della coscienza.

Molti uomini diranno che sa di avere un corpo, di avere vita, desideri, sensazioni e che ha una mente, la usa e la pensa; ma se gli viene chiesto quale sia effettivamente il suo corpo, quale sia la sua vita, i suoi desideri e le sue sensazioni, quale sia il pensiero, quale sia la sua mente e quali siano i processi delle sue operazioni quando pensa, non sarà sicuro delle sue risposte, così come molti sono pronti ad affermare di conoscere una persona, un luogo, una cosa o un soggetto, ma se devono dire ciò che sanno di loro e come sanno, saranno meno certi nelle loro dichiarazioni. Se un uomo deve spiegare ciò che il mondo è nelle sue parti costitutive e nel suo insieme, come e perché la terra produce la sua flora e fauna, cosa causa le correnti oceaniche, i venti, il fuoco e le forze con cui la terra compie operazioni, ciò che provoca la distribuzione delle razze dell'umanità, l'ascesa e la caduta delle civiltà e ciò che induce l'uomo a pensare, allora è fermo, se per la prima volta la sua mente è diretta a tali domande.

L'uomo animale viene al mondo; condizioni e ambienti prescrivono il suo modo di vivere. Mentre rimane l'uomo animale, è soddisfatto di andare d'accordo nel modo più semplice in un modo fortunato. Finché i suoi bisogni immediati sono soddisfatti, prende le cose che vede senza mettere in discussione le loro cause e vive una normale vita animale felice. Arriva un momento della sua evoluzione in cui inizia a chiedersi. Si meraviglia delle montagne, degli abissi, del ruggito dell'oceano, si meraviglia del fuoco e della sua potenza che consuma tutto, si meraviglia della tempesta, dei venti, del tuono, dei fulmini e degli elementi di combattimento. Osserva e si meraviglia delle stagioni che cambiano, delle piante che crescono, della colorazione dei fiori, si meraviglia delle stelle che brillano, della luna e delle sue fasi mutevoli, e fissa e meraviglia il sole e lo adora come il donatore di luce e vita.

La capacità di meravigliare lo cambia da animale a umano, poiché la meraviglia è la prima indicazione della mente che si sveglia; ma la mente non deve sempre chiedersi. Il secondo stadio è lo sforzo di comprendere e sfruttare l'oggetto della meraviglia. Quando l'uomo animale raggiunse questo stadio dell'evoluzione, osservò il sole nascente e le stagioni che cambiavano e segnò il progresso del tempo. Con i suoi metodi di osservazione, imparò a sfruttare le stagioni secondo la loro ripetizione ciclica, e fu aiutato nei suoi sforzi per conoscere da esseri che, eoni prima, erano passati attraverso la scuola in cui stava entrando. Per giudicare correttamente i fenomeni ricorrenti della natura, questo è ciò che gli uomini oggi chiamano conoscenza. La loro conoscenza è di cose ed eventi che sono dimostrati e compresi secondo e in termini di sensi.

Ci sono voluti secoli perché la mente costruisse e coltivasse i sensi e acquisisse una conoscenza del mondo fisico attraverso di essi; ma nel acquisire una conoscenza del mondo la mente ha perso la conoscenza di se stessa, perché le sue funzioni e facoltà sono state così allenate e adattate ai sensi e dai sensi da non essere in grado di percepire ciò che non passa o fare appello ai sensi .

Per la vera conoscenza, la mente ordinaria si trova nella stessa relazione della mente dell'uomo animale con il mondo nel suo periodo. Oggi l'uomo si sta svegliando alle possibilità del mondo interiore mentre l'uomo animale si svegliava con quelle del mondo fisico. Durante l'ultimo secolo, la mente umana ha attraversato molti cicli e fasi di sviluppo. L'uomo era contento di nascere, di essere allattato, di respirare, di mangiare e di bere, di fare affari, di sposarsi e di morire, con la speranza del cielo, ma ora non è così contento. Fa tutto questo come ha fatto prima e continuerà a fare nelle civiltà ancora a venire, ma la mente dell'uomo è in uno stato di risveglio a qualcos'altro rispetto agli affari tristi della vita. La mente è mossa e agitata da un disordine che richiede qualcosa oltre i limiti delle sue possibilità immediate. Questa stessa richiesta è la prova che è possibile per la mente fare e sapere più di quanto abbia mai saputo. L'uomo si interroga su chi e cosa sia.

Trovandosi in determinate condizioni, crescendo in queste ed essendo istruito secondo i suoi desideri, entra in affari, ma se continua negli affari scopre che gli affari non lo soddisferanno per quanto possa avere successo. Chiede più successo, lo ottiene, e ancora non è soddisfatto. Può richiedere la società e le omosessuali, i piaceri, le ambizioni e i risultati della vita sociale, e può chiedere e raggiungere posizione e potere, ma è ancora insoddisfatto. La ricerca scientifica soddisfa per un po 'perché risponde alle domande della mente riguardo alla comparsa di fenomeni e di alcune leggi immediate che controllano i fenomeni. La mente può quindi dire che lo sa, ma quando cerca di conoscere le cause dei fenomeni, è di nuovo insoddisfatto. L'arte assiste la mente nei suoi vagabondaggi nella natura, ma finisce con insoddisfazione per la mente perché più l'ideale è bello, meno può essere dimostrato ai sensi. Le religioni sono tra le fonti di conoscenza meno soddisfacenti, anche se il tema è sublime, è degradato da un'interpretazione attraverso i sensi, e sebbene i rappresentanti della religione parlino delle loro religioni come al di sopra dei sensi, contraddicono le loro affermazioni con le teologie che sono composti per mezzo e attraverso i sensi. Ovunque uno sia e in qualunque condizione si trovi, non può sfuggire alla stessa indagine: che cosa significa tutto: dolore, piacere, successo, avversità, amicizia, odio, amore, rabbia, lussuria; le frivolezze, le illusioni, le illusioni, le ambizioni, le aspirazioni? Potrebbe aver raggiunto il successo negli affari, nell'istruzione, nella posizione, potrebbe avere un grande apprendimento, ma se si chiede cosa sa da ciò che ha imparato, la sua risposta è insoddisfacente. Anche se potrebbe avere una grande conoscenza del mondo, sa di non sapere cosa all'inizio pensava di sapere. Chiedendosi cosa significhi tutto ciò, manifesta la possibilità di entrare in una realizzazione di un altro mondo all'interno del mondo fisico. Ma il compito è reso difficile dal fatto che non sa come iniziare. Non è necessario chiederselo a lungo perché l'ingresso in un nuovo mondo richiede lo sviluppo di facoltà attraverso le quali il nuovo mondo può essere compreso. Se queste facoltà fossero sviluppate, il mondo sarebbe già noto e non nuovo. Ma nella misura in cui è nuovo e le facoltà necessarie all'esistenza cosciente nel nuovo mondo sono gli unici mezzi con cui può conoscere il nuovo mondo, deve sviluppare queste facoltà. Ciò è fatto dallo sforzo e dallo sforzo di usare le facoltà. Come la mente ha imparato a conoscere il mondo fisico, anche la mente deve imparare a conoscere il suo corpo fisico, formare il corpo, la vita e i suoi principi del desiderio, come principi distinti e diversi da se stesso. Nel tentativo di imparare cosa sia il corpo fisico, la mente si distingue naturalmente dal corpo fisico e può quindi più prontamente prendere coscienza della composizione e della struttura del fisico e della parte che il corpo fisico svolge e dovrà assumere in futuro . Mentre continua a sperimentare, la mente apprende le lezioni che i dolori e i piaceri del mondo insegnano attraverso il suo corpo fisico, e imparando questi inizia a imparare a identificarsi come separato dal corpo. Ma solo dopo molte vite e lunghi periodi è in grado di identificarsi. Mentre si sveglia alle lezioni di dolore, gioia e dolore, salute e malattia, e inizia a guardare nel proprio cuore, l'uomo scopre che questo mondo, per quanto bello e permanente possa sembrare, è solo il più grossolano e il più duro dei molti mondi che sono dentro e al riguardo. Man mano che viene messo in grado di usare la sua mente, può percepire e comprendere i mondi dentro e intorno a questo corpo fisico e alla sua terra, anche se percepisce e comprende le cose fisiche che ora pensa di sapere, ma che in realtà conosce così poco di. Man mano che impara a conoscere il suo corpo e gli altri principi che lo rendono ciò che è, imparerà a conoscere gli altri mondi perché ognuno dei fattori che entra nella sua costituzione come uomo, ha il suo mondo corrispondente da cui trae il suo sostentamento e in cui vive e si muove.

Ci sono tre mondi che circondano, penetrano e sostengono questo nostro mondo fisico, che è il più basso e la cristallizzazione di quei tre. Questo mondo fisico rappresenta il risultato di immensi periodi contati dalle nostre nozioni di tempo e rappresenta i risultati dell'involuzione di mondi più antichi di attenuate questioni eteree di diversa densità. Gli elementi e le forze che ora operano attraverso questa terra fisica sono i rappresentanti di quei primi mondi.

I tre mondi che hanno preceduto i nostri sono ancora con noi e erano noti agli antichi come fuoco, aria e acqua, ma l'aria, l'acqua e anche la terra del fuoco non sono quelli di cui conosciamo l'uso ordinario dei termini. Sono gli elementi occulti che sono i substrati di quella materia che conosciamo da quei termini.

Che questi mondi possano essere più facili da comprendere, introdurremo di nuovo Figura 30. Rappresenta i quattro mondi di cui dobbiamo parlare, nei loro aspetti involutivi ed evolutivi, e mostra anche i quattro aspetti o principi dell'uomo, ciascuno che agisce nel proprio mondo e tutti operativi nel fisico.

♈︎ ♉︎ ♊︎ ♋︎ ♌︎ ♍︎ ♏︎ ♐︎ ♑︎ ♒︎ ♓︎ ♈︎ ♉︎ ♊︎ ♋︎ ♌︎ ♍︎ ♎︎ ♏︎ ♐︎ ♑︎ ♒︎ ♓︎ ♎︎
Figura 30.

Dei quattro, il primo e il più alto mondo, il cui elemento occulto era il fuoco, non è stato ancora ipotizzato dalla scienza moderna, il motivo per cui verrà mostrato in seguito. Questo primo mondo era un mondo di un solo elemento che era il fuoco, ma che conteneva le possibilità di tutte le cose che si manifestarono in seguito. L'unico elemento del fuoco non è quel centro laya che consente il passaggio del visibile nell'invisibile e il transito di cui chiamiamo fuoco, ma era, ed è ancora, un mondo che è al di là della nostra concezione di forma o elementi . La sua caratteristica è il respiro ed è rappresentato dal segno cancro (♋︎) in Figura 30. Esso, respiro, conteneva la potenzialità di tutte le cose e veniva chiamato ed è chiamato fuoco perché il fuoco è il potere commovente di tutti i corpi. Ma il fuoco di cui parliamo non è la fiamma che brucia o illumina il nostro mondo.

Nel corso dell'involuzione, il mondo del fuoco o del respiro, si propagò in se stesso, e vi fu chiamato all'esistenza il mondo della vita, rappresentato nella figura dal segno leo (♌︎), la vita, il cui elemento occulto è l'aria. Esisteva quindi il mondo della vita, il cui elemento è l'aria, circondato e sostenuto dal mondo del respiro, il cui elemento è il fuoco. Il mondo della vita è stato ipotizzato e le teorie sono state avanzate dalla scienza moderna, anche se le teorie su cosa sia la vita non sono state soddisfacenti per i teorici. È probabile, tuttavia, che siano corretti in molte delle loro speculazioni. La sostanza, che è omogenea, attraverso il respiro, manifesta dualità nel mondo della vita, e questa manifestazione è materia-spirito. La materia spirituale è l'elemento occulto dell'aria nel mondo della vita, leo (♌︎); è quello con cui gli scienziati hanno affrontato le loro speculazioni metafisiche e che hanno chiamato lo stato atomico della materia. La definizione scientifica di un atomo è stata: la più piccola parte concepibile della materia che può entrare nella formazione di una molecola o prendere parte a una reazione chimica, vale a dire una particella di materia che non può essere divisa. Questa definizione risponderà per la manifestazione della sostanza nel mondo della vita (♌︎), che abbiamo chiamato materia spirituale. La materia spirituale, un atomo, una particella indivisibile, non è soggetta all'esame da parte dei sensi fisici, sebbene possa essere percepita attraverso il pensiero da chi è in grado di percepire il pensiero, poiché il pensiero (♐︎) è sul lato opposto, evolutivo di il piano di cui la materia spirituale, la vita (♌︎), è il lato involutivo, il pensiero della vita (♌︎ – will), come si vedrà in Figura 30. Negli sviluppi successivi della sperimentazione scientifica e della speculazione, è stato supposto che un atomo non fosse indivisibile dopo tutto, perché poteva essere diviso in molte parti, ciascuna delle quali poteva essere nuovamente divisa; ma tutto ciò dimostra solo che l'argomento del loro esperimento e teoria non era un atomo, ma materia molto più densa di un atomo reale, il che è indivisibile. È questa sfuggente materia spirituale atomica che è la materia del mondo della vita, il cui elemento è l'elemento occulto noto agli antichi come aria.

Man mano che il ciclo di involuzione procedeva, il mondo della vita, leo (♌︎), precipitava e cristallizzava le sue particelle di materia o atomi spirituali, e queste precipitazioni e cristallizzazioni vengono ora chiamate astrali. Questo astrale è il mondo della forma, simboleggiato dal segno della Vergine (♍︎), forma. La forma, o mondo astrale, contiene le forme astratte di, su e in cui è costruito il mondo fisico. L'elemento del mondo forma è l'acqua, ma non l'acqua che è una combinazione di due costituenti fisici che i fisici chiamano elementi. Questo mondo astrale, o forma, è il mondo che, dagli scienziati, viene scambiato per il mondo vitale della materia atomica. Esso, il mondo della forma astrale, è composto da materia molecolare e non è visibile all'occhio, che è sensibile solo alle vibrazioni fisiche; è dentro e tiene insieme tutte le forme che, nella loro materializzazione, diventano fisiche.

E infine abbiamo il nostro mondo fisico rappresentato dal segno bilancia (♎︎). L'elemento occulto del nostro mondo fisico era noto agli antichi come terra; non la terra che conosciamo, ma quella terra invisibile che si tiene nel mondo della forma astrale e che è la causa del rimanere insieme delle particelle di materia e del loro apparire come la terra visibile. Pertanto, nella nostra terra fisica visibile, abbiamo prima la terra astrale (♎︎), quindi la forma astrale (♍︎), quindi gli elementi di cui sono composti, che sono la vita (♌︎), che pulsa attraverso entrambi e il respiro (♋︎), che è del mondo del fuoco e che sostiene e mantiene tutte le cose in costante movimento.

Nel nostro mondo fisico sono concentrate le forze e gli elementi dei quattro mondi, ed è nostro privilegio entrare nella conoscenza e nell'uso di questi se vogliamo. Di per sé, il mondo fisico è un guscio sgretolato, un'ombra incolore, se è visto o percepito in se stesso, come è visto dopo che dolore, dolore, miseria e desolazione hanno ritirato il fascino dei sensi e costretto la mente a vedere il vuoto del mondo. Questo accade quando la mente ha cercato ed esaurito i loro opposti. Se ne sono andati, e niente al loro posto, il mondo perde tutto il colore e la bellezza e diventa un desolato e arido deserto.

Quando la mente viene a questo stato, dove tutto il colore è uscito dalla vita e la vita stessa sembra non avere altro scopo se non quello di produrre miseria, la morte segue presto a meno che non si verifichi un evento che riporti la mente su se stessa o la risvegli un sentimento di simpatia, o per dimostrargli uno scopo nel soffrire così. Quando ciò accade, la vita è cambiata da quella delle abitudini precedenti e, secondo la nuova luce che è venuta ad essa, interpreta il mondo e se stesso. Quindi ciò che era senza colore assume nuovi colori e la vita ricomincia. Tutto e tutte le cose nel mondo hanno un significato diverso rispetto a prima. C'è una pienezza in ciò che prima sembrava vuoto. Il futuro sembra contenere nuove prospettive e compaiono ideali che portano a nuovi e più alti campi di pensiero e scopo.

In Figura 30, i tre mondi sono mostrati con i loro rispettivi uomini in piedi nel quarto e più in basso, il corpo fisico, nel segno della Bilancia (♎︎). L'uomo fisico della Bilancia, il sesso, è limitato al mondo della Vergine-Scorpione (♍︎ – ♏︎), forma-desiderio. Quando una mente si concepisce come solo il corpo fisico e i suoi sensi, tenta di contrarre tutti i mondi dei suoi vari uomini nel corpo fisico e agisce attraverso i suoi sensi, che sono quei viali del suo corpo che conducono al fisico mondo; cosicché mette in relazione tutte le sue facoltà e possibilità con il solo mondo fisico, e quindi spegne la luce dai mondi superiori. La natura fisica dell'uomo, quindi, non concepisce o non concepirà nulla di più elevato della sua vita fisica in questo mondo fisico. Dovrebbe essere ben tenuto presente che abbiamo raggiunto il periodo più basso di involuzione nel mondo fisico e nel corpo del sesso, la bilancia (♎︎), originariamente derivato dal mondo del respiro o del fuoco, concepito dal segno cancro (♋︎), respiro, involontario e costruito nel segno del leone (♌︎), vita, precipitato e modellato nel segno della vergine (♍︎), forma, e nato nel segno della Bilancia (♎︎), sesso.

Il mondo infuocato del respiro è l'inizio dello sviluppo della mente nello zodiaco assoluto; è l'inizio dell'involuzione della mente nascente del più alto, l'uomo spirituale, che era iniziato nello zodiaco dell'uomo spirituale in Ariete (♈︎), disceso attraverso il Toro (♉︎) e i Gemelli (♊︎) fino al segno del cancro ( ♋︎), dello zodiaco spirituale, che si trova sul piano del segno leo (♌︎) dello zodiaco assoluto. Questo segno leo (♌︎), la vita, dello zodiaco assoluto è il cancro (♋︎), il respiro, dello zodiaco spirituale, ed è l'inizio dell'involuzione dello zodiaco mentale; questo inizia nel segno ariete (♈︎), dello zodiaco mentale, coinvolge attraverso il toro (♉︎) il cancro (♋︎) dello zodiaco mentale, che è vita, leo (♌︎), dello zodiaco spirituale, e quindi verso il segno leo (♌︎), dello zodiaco mentale, che si trova sul piano della vergine (♍︎), forma, dello zodiaco assoluto, sul piano del cancro (♋︎), dello zodiaco psichico e del limite dello zodiaco fisico come indicato dal segno Ariete (♈︎), dell'uomo fisico e del suo zodiaco.

Nel lontano passato della storia dell'umanità, la mente dell'uomo si è incarnata nella forma umana, pronta a riceverla; è ancora segnato dallo stesso segno, stadio, grado di sviluppo e di nascita, in modo che continui a reincarnarsi nella nostra epoca. A questo punto è difficile seguire le complicazioni legate all'uomo fisico, ma il pensiero continuo sui quattro uomini e sui loro zodiaci all'interno dello zodiaco assoluto, come mostrato in Figura 30, rivelerà molte delle verità rappresentate nella figura.

L'evoluzione della mente dell'uomo e dei corpi finora coinvolti nel suo corpo fisico, è iniziata dal fisico, come mostrato dalla Bilancia (♎︎), dal sesso, dal corpo fisico. L'evoluzione procede, prima attraverso il desiderio, come segnato dal segno scorpione (♏︎), desiderio, dello zodiaco assoluto. Si vedrà che questo segno scorpione (♏︎) dello zodiaco assoluto, è il complemento e dalla parte opposta del segno virgo (♍︎), forma. Questo piano, Vergine-Scorpione (♍︎ – ♏︎), dello zodiaco assoluto, passa attraverso il piano del pensiero vitale, leo-sagittario (♌︎ – ♐︎), dello zodiaco mentale, che è il piano cancro-capricorno, respiro- individualità (♋︎ – ♑︎), dello zodiaco psichico, che è il limite e il confine dell'uomo fisico e del suo zodiaco. È quindi possibile, a causa dell'involuzione nel corpo fisico dei corrispondenti corpi, elementi e loro forze dei diversi mondi, per l'uomo fisico concepire se stesso come un corpo fisico; la ragione per cui può pensare e pensare a se stesso come un corpo fisico pensante è dovuta al fatto che la sua testa tocca il piano del leo-sagittario (♌︎ – ♐︎), il pensiero della vita, dello zodiaco mentale e anche il piano di cancro-capricorno (♋︎ – ♑︎), individualità del respiro, dello zodiaco psichico; ma tutto ciò è limitato al piano del desiderio di forma, vergine-scorpione (♍︎ – ♏︎), dello zodiaco assoluto. A causa delle sue potenzialità mentali, l'uomo fisico è quindi in grado di vivere nel segno scorpione (♏︎), desiderare e percepire il mondo e le forme del mondo, il piano della Vergine (♍︎), la forma, ma mentre vive in questo firmando e limitandosi con i suoi pensieri al piano del leo-sagittario (♌︎ – ♐︎), del suo mondo mentale o zodiacale, non può percepire altro che le forme fisiche e la vita e il pensiero del suo mondo mentale come rappresentato dal respiro e individualità della sua personalità psichica, attraverso il suo corpo fisico in bilancia (♎︎). Questo è l'uomo animale di cui abbiamo parlato.

Ora, quando l'uomo rigorosamente animale, sia esso in una condizione primitiva, o nella vita civile, inizia a meravigliarsi del mistero della vita e a speculare sulle possibili cause dei fenomeni che vede, ha scoppiato il guscio del suo fisico zodiaco e mondo e ha esteso la sua mente dal mondo fisico a quello psichico; quindi inizia lo sviluppo del suo uomo psichico. Questo è mostrato nel nostro simbolo. È contrassegnato da Ariete (♈︎) dell'uomo fisico nel suo zodiaco, che si trova sul piano del cancro-capricorno (♋︎ – ♑︎) dell'uomo psichico e leo-sagittario (♌︎ – ♐︎), pensiero di vita, di l'uomo mentale. Agendo dal segno capricorno (♑︎), che è il limite dell'uomo fisico, sale verso l'alto nello zodiaco nel mondo psichico e attraversa le fasi e i segni di acquario (♒︎), anima, pesci (♓︎), volontà, ariete (♈︎), coscienza, nell'uomo psichico, che è sul piano del cancro-capricorno (♋︎ – ♑︎), individualità del respiro, dell'uomo mentale e leo-sagittario (♌︎ – ♐︎), pensiero di vita, dello zodiaco spirituale. L'uomo psichico può svilupparsi, quindi, all'interno e attorno al corpo fisico e può, con il suo pensiero e la sua azione, fornire il materiale e gettare i piani per il suo continuo sviluppo, che inizia al segno capricorno (♑︎) dello zodiaco mentale e si estende verso l'alto attraverso i segni acquario, anima, pesci, volontà, ariete (♈︎), dell'uomo mentale e del suo zodiaco. Ora è sul piano cancro-capricorno (♋︎ – ♑︎), individualità del respiro, dello zodiaco spirituale, che è anche il piano leo-sagittario (♌︎ – ♐︎), pensiero vitale, dello zodiaco assoluto.

È possibile per uno, quando ha sviluppato la sua mente allo zodiaco mentale, percepire mentalmente la vita e il pensiero del mondo. Questo è il limite e la linea di confine dell'uomo della scienza. Con il suo sviluppo intellettuale può elevarsi al piano del pensiero del mondo, che è l'individualità dell'uomo mentale, e speculare sul respiro e sulla vita dello stesso piano. Se, tuttavia, l'uomo mentale non dovesse limitarsi con i suoi pensieri allo zodiaco strettamente mentale, ma dovrebbe sforzarsi di elevarsi al di sopra di esso, inizierebbe al limite del piano e del segno da cui funziona, che è il capricorno (♑︎ ) del suo zodiaco spirituale, e sorge attraverso i segni acquario (♒︎), anima, pesci (♓︎), volontà, ariete (♈︎), coscienza, che è il pieno sviluppo dell'uomo spirituale nel suo zodiaco spirituale, che si estende e è limitato dal piano cancro-capricorno (♋︎ – ♑︎) respiro-individualità, dello zodiaco assoluto. Questa è l'apice del raggiungimento e dello sviluppo della mente attraverso il corpo fisico. Quando questo viene raggiunto, l'immortalità individuale è un fatto e una realtà stabiliti; mai più, in qualsiasi circostanza o condizione, la mente, che così ha raggiunto, cesserà mai di essere continuamente cosciente.

Continua.


Nell'ultimo editoriale su "Sonno" sono state inavvertitamente usate le parole "muscoli e nervi involontari". I muscoli impiegati durante il risveglio e il sonno sono gli stessi, ma durante il sonno gli impulsi che causano i movimenti del corpo sono principalmente dovuti al sistema nervoso simpatico, mentre nello stato di veglia gli impulsi vengono trasportati esclusivamente attraverso il sistema nervoso cerebro-spinale . Questa idea è valida per l'intero editoriale "Sleep".