La fondazione di parole

Non c'è posto per dolore o paura nella mente di chi cerca la Coscienza sopra ogni altra cosa.

—Lo zodiaco.

IL

PAROLA

Vol 1 APRILE, 1905. No. 7

Copyright, 1905, di HW PERCIVAL.

COSCIENZA.

La COSCIENZA è l'argomento di tutte le materie che devono essere studiate e che è necessario conoscere, se l'uomo vuole fare progressi reali. Quindi la coscienza è ora oggetto della nostra considerazione.

La coscienza è l'origine, lo scopo e la fine di ogni grande sistema di filosofia, scienza o religione. Tutte le cose hanno il loro essere nella coscienza e la fine di tutti gli esseri è la coscienza.

La questione della coscienza sarà sempre la disperazione del materialista. Alcuni hanno cercato di eliminare l'argomento dicendo che la coscienza è il risultato dell'azione della forza e della materia. Altri hanno affermato che la coscienza trascende sia la forza che la materia, e afferma inoltre che, sebbene sia necessario per entrambi, tuttavia è del tutto indipendente da entrambi. Altri hanno detto che non era un argomento su cui si potesse speculare con qualsiasi grado di profitto.

Di tutti i soggetti, la coscienza è la più sublime e importante. Il suo studio produce i risultati più pratici. Attraverso di essa vengono raggiunti i nostri più alti ideali. In virtù di ciò, tutto è possibile. Solo dalla coscienza dipende l'esistenza stessa della nostra vita e del nostro essere. Senza di essa non conosceremmo nulla del mondo in cui viviamo né sarebbe possibile sapere chi e cosa siamo.

Ciò di cui dobbiamo preoccuparci al momento non è la parola coscienza stessa, ma con ciò per cui la parola coscienza sta. La coscienza non è la cosa cosciente. Ciò che è cosciente lo è solo in virtù della coscienza, di cui è un'espressione.

La coscienza è l'unica realtà da cui dipendono tutte le cose, ma troppo spesso attribuiamo meno importanza ad essa rispetto a qualche pallina scintillante o evento di passaggio. Forse è a causa del suo essere così costantemente con noi che lo attenuiamo e lo trattiamo come secondario o dipendente. Invece di offrire il rispetto, la riverenza, il culto dovuto ad esso e solo a lui; sacrificiamo ignoranti ai nostri dei in continua evoluzione.

Il mistero dei misteri, il Grande Sconosciuto, ci è simboleggiato dall'inesprimibile che cerchiamo di esprimere con la parola coscienza. Sebbene un certo significato di questa parola possa essere ancora compreso dalla mente più semplice, non è vissuto nessuno, per quanto grande, che abbia risolto il mistero finale della coscienza. Al contrario, mentre la mente continua a cercare, il soggetto diventa più ampio, più profondo, più completo e infinito, fino a quando il ricercatore, trascendendo i suoi corpi, rimane in piedi con grande attenzione: per un breve momento, oltre il dominio del tempo, sulla soglia dello sconosciuto, in riverenza e silenzio, colui che sembrava finito adora la coscienza infinita. Trasfisso nell'indivisibile, incommensurabile, indescrivibile, si trova ancora fuori dai confini del tempo, fino a quando un sentimento di timore reverenziale, un desiderio di sapere, comprendere, mettere in pensieri ciò che è al di là della portata del pensiero, per esprimere le parole ciò che non può essere detto, fa vacillare la mente e fallisce la visione. Ritornando allo stato in cui la percezione è delimitata da limiti, si ritrova nel presente, ricordando il passato e anticipando il futuro. Ma non può nuovamente essere completamente ignorante: adora la coscienza espressa attraverso un numero infinito di forme e stati.

La coscienza è allo stesso tempo la verità più evidente, la più semplice, la più grande e la più misteriosa. L'universo è coscienza incarnata. La coscienza non è né materia, spazio né sostanza; ma la coscienza è attraverso la sostanza, è in ogni punto dello spazio ed è dentro e intorno a ogni atomo della materia. La coscienza non cambia mai. Rimane sempre lo stesso. La coscienza è la stessa in un cristallo traslucido, una vite strisciante, un animale enorme, un uomo nobile o un dio. È la materia che cambia continuamente nelle sue qualità, caratteristiche e gradi di sviluppo. La coscienza riflessa ed espressa attraverso la materia appare diversa in ogni forma, mentre la differenza esiste solo nella qualità della materia, non nella coscienza.

Attraverso tutti gli stati e le condizioni della materia, la coscienza è sempre una. Non cambia mai in alcun modo, né in nessun caso è altro che coscienza. Tutta la materia, tuttavia, è cosciente ed è classificata in sette stati o gradi che di solito sono chiamati stati di coscienza, ma che in realtà sono stati di materia e non di coscienza.

Dallo stato più basso a quello più alto, lo scopo della formazione e delle trasformazioni della materia è quello di costruire forme e corpi e migliorarli come veicoli per l'espressione della coscienza. Gli stati della materia sono classi o gradi distinti dello sviluppo della materia. Questi stati costituiscono l'intero universo, dalla più semplice materia elementare a quella raffinata materia sublimata di cui è formato il dio più alto.

Lo scopo dell'evoluzione è la trasformazione della materia fino a quando non diventa finalmente coscienza. Dal suo stato primario non formato, la materia procede nel suo sviluppo verso la coscienza, attraverso forma, crescita, istinto, conoscenza, altruismo, divinità.

Il primo stato della materia è elementare o atomico. In questo stato la materia è senza forma ed è consapevole solo nella misura più semplice.

Il secondo stato della materia è minerale o molecolare. Nel primo stato l'atomo gira e, in virtù del precedente sviluppo, disegna altri atomi meno sviluppati su di esso. Con questi si combina, condensa, cristallizza, nella forma solida concreta del minerale, e diventa così consapevole di uno stato diverso dall'atomico. Come atomo era consapevole solo del proprio stato, che non offriva opportunità per l'espressione della coscienza se non nel suo stato non correlato. Non appena l'atomo si combina con altri atomi, aumenta nel suo sviluppo verso la coscienza, guida gli atomi di cui è il centro e passa dallo stato atomico senza forma allo stato molecolare del minerale, dove si sviluppa attraverso la forma . Lo stato minerale o molecolare della materia ha una forte affinità con la materia elementare e mostra una forte influenza su tutte le forze elementari. Questo potere è esibito nel magnete.

Il terzo stato della materia è vegetale o cellulare. L'atomo che guidava altri atomi e divenne la molecola, attira molecole meno sviluppate e le guida dallo stato molecolare della materia, che forma il regno minerale, nello stato cellulare cosciente della materia, distinto come regno vegetale, e diventa una cellula. La materia cellulare è cosciente in misura diversa dalla materia molecolare. Mentre la funzione della molecola era una forma statica, la funzione della cellula è la crescita in un corpo. Qui la materia si sviluppa attraverso la vita.

Il quarto stato della materia è animale o organico. L'atomo che ha guidato altri atomi nello stato molecolare, e quindi nello stato cellulare attraverso l'intero regno vegetale, passa come una cellula nel corpo dell'animale, ed essendo lì influenzato dalla coscienza espressa attraverso l'animale, funziona in un organo nell'animale, quindi controlla l'organo e alla fine si sviluppa allo stato animale organico cosciente della materia, che è il desiderio. Si occupa quindi e progredisce, da un semplice organismo animale all'animale più complesso e altamente sviluppato.

Il quinto stato della materia è la mente umana o Io-Sono-Io. Nel corso di innumerevoli epoche, l'atomo indistruttibile che guidava altri atomi nel minerale, attraverso il vegetale e fino all'animale, raggiunge finalmente l'alto stato della materia in cui si riflette l'unica coscienza. Essendo un'entità individuale e avendo dentro di sé il riflesso della coscienza, pensa e parla di sé come io, perché io sono il simbolo dell'Uno. L'entità umana ha sotto la sua guida un corpo animale organizzato. L'entità animale spinge ciascuno dei suoi organi a svolgere una particolare funzione. L'entità di ciascun organo dirige ciascuna delle sue cellule a fare un determinato lavoro. La vita di ogni cellula guida ciascuna delle sue molecole alla crescita. Il disegno di ogni molecola limita ciascuno dei suoi atomi in una forma ordinata e la coscienza colpisce ogni atomo con lo scopo di diventare autocosciente. Atomi, molecole, cellule, organi e animali sono tutti sotto la direzione della mente - lo stato autocosciente della materia - la cui funzione è il pensiero. Ma la mente non raggiunge l'autocoscienza, che è il suo completo sviluppo, finché non ha sottomesso e controllato tutti i desideri e le impressioni ricevute attraverso i sensi, e ha centrato ogni pensiero sulla coscienza come riflesso in se stesso. Solo allora è pienamente consapevole di se stesso; e alla sua stessa domanda: chi sono io? Può con conoscenza, rispondere: io sono I. Questa è l'immortalità consapevole.

Il sesto stato della materia è l'anima dell'umanità o Io-Io-Tu-e-Tu-Tu-sei-Io. Avendo superato ogni impurità nella propria materia e raggiunto l'autoconoscenza, la mente può rimanere immortale in questo stato; ma se cerca di diventare coscienza diventerà consapevole della coscienza riflessa in tutte le menti individuali dell'umanità. Entra nello stato dell'essere nelle menti di tutta l'umanità.

In questo stato, Io-Sono-Tu-e-Tu-sei-I pervade tutti gli esseri umani e si sente essere l'umanità.

Il settimo stato della materia è divinità o divino. L'anima dell'umanità o Io-Sono-Tu-e-Tu-sei-Io, rinunciando a se stesso per il bene di tutti, diventa il divino. Il divino si unisce in un'unica umanità divina, uomini, animali, piante, minerali ed elementi.

Siamo esseri umani autocoscienti nel senso che l'unica coscienza si riflette nelle nostre menti. Ma le nostre menti riflettono anche diversi stati della materia che si manifestano come innumerevoli emozioni, impulsi e desideri. Scambiare l'impermanente, evanescente, per la coscienza eterna immutabile, ognuno si identifica con il corpo anziché con la coscienza. Questa è la causa di tutto il nostro dolore e la nostra miseria. Attraverso la coscienza all'interno della mente sa dell'eterno e desidera ardentemente unirsi con essa, ma la mente non può ancora discriminare tra il vero e il falso, e nei suoi sforzi per discriminare così soffre. Attraverso uno sforzo continuo, ognuno di noi raggiungerà finalmente il golgota della sofferenza e sarà crocifisso tra la questione del turbolento mondo sotterraneo e le glorie del mondo esterno. Da questa crocifissione sorgerà un nuovo essere, risorto nella coscienza dalla mente autocosciente individuale, all'anima Io-Io-Tu-e-Tu-Tu-Io-io dell'umanità collettiva. Così risorto, è l'ispiratore di rinnovati sforzi per aiutare gli altri e la guida di tutti gli esseri umani che ripongono la loro fede nell'Unica Coscienza.