La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 19 GIUGNO, 1914. No. 3

Copyright, 1914, di HW PERCIVAL.

FANTASMI

Desire Ghosts of Dead Men

MENTRE la mente rimane con desiderio dopo la morte, mette in relazione, collega e tiene insieme i molti desideri in un'unica massa. La mente è trattenuta dal desiderio dopo la morte solo finché la mente non è in grado di distinguersi dal desiderio. Quando rifiuta di identificarsi con e si distingue dal desiderio, la mente lascia il desiderio. Se si suppone che il corpo fisico sia, ma non è realmente morto, il desiderio dominante può tenere insieme la massa del desiderio agendo attraverso il fantasma fisico sul suo corpo fisico. Quando il corpo fisico è morto e la mente ha lasciato il desiderio, la massa del desiderio non ha né forma coordinante né intelligenza per dirigerlo. Quindi deve dividersi e le forme dei molti desideri che sono state sperimentate durante la vita fisica si staccano.

Il desiderio richiede sensazione, ma di per sé non può fornirlo. Il desiderio contorcente fa venire fame di sensazioni, ma essendo privo del corpo fisico e abbandonato dalla mente, la sua sensibilità sente solo la propria fame. Trasformando le sue molte fame in se stesso per la soddisfazione e non trovandone nessuna, la massa del desiderio si spezza. Dalla massa del desiderio si sviluppa quella che in sanscrito è conosciuta come kama rupa, la forma del desiderio. Questo non è l'unico, ma il desiderio principale della vita appena vissuta. Non esiste una sola forma del desiderio, ma molte forme del desiderio. Si sviluppano dalla massa del desiderio e i desideri passano in forme che espongono o indicano la propria natura.

Ci sono tre principali radici del desiderio nei vivi, che danno origine ai molti desideri fantasmi di uomini morti. I tre sono: sessualità, avidità e crudeltà; il primo è la sessualità. I desideri fantasmi di uomini morti sono principalmente specializzazioni dopo la morte di ciò che nell'uomo vivente erano sessualità, avidità e crudeltà. I tre sono insieme in un fantasma del desiderio, ma due possono dominare l'altro in modo che non sia così evidente come i due. Il più forte dei tre è il più evidente.

L'avidità e la crudeltà domineranno la sessualità in un fantasma del desiderio del lupo, ma l'avidità sarà più pronunciata della crudeltà. La sessualità e la crudeltà saranno più evidenti dell'avidità in un fantasma del desiderio del toro, ma un fantasma del desiderio del toro metterà in evidenza la sessualità più della crudeltà. La sessualità può essere subordinata all'avidità e alla crudeltà, oppure l'avidità soggetta alla sessualità e alla crudeltà nel fantasma del desiderio del gatto, ma la crudeltà sarà la più manifesta. La forma in cui i tre sono più evidenti è il fantasma del desiderio di maiale.

In queste forme animali sono evidenti i tratti predominanti. In alcune forme animali il tratto più forte è meno evidente; una tale forma animale è il fantasma del desiderio di polpo. L'avidità e la crudeltà sono più evidenti, eppure la sessualità domina tutte le altre tendenze nel fantasma del desiderio di polpo. Un serpente potrebbe non esibire nessuna delle tre principali tendenze del desiderio, tuttavia il fantasma del desiderio del serpente è una specializzazione della sessualità.

Quando la massa del desiderio ha raggiunto lo stadio di rottura, uno o più fantasmi del desiderio vengono sviluppati dalla massa del desiderio. Il resto della massa non si sviluppa in fantasmi del desiderio, ma si divide in numerose parti, ognuna delle quali passa e anima ed eccita varie forme animali fisiche. Il modo in cui la massa del desiderio entra negli animali fisici è argomento di un articolo speciale e non sarà trattato sotto i fantasmi del desiderio.

Nessuno dei tanti desideri che hanno agito nel corpo fisico di un uomo dopo la morte può diventare un fantasma del desiderio. I fantasmi dei desideri dei morti si sviluppano da quelle radici del desiderio che sono state nominate, sessualità, avidità, crudeltà. Quella porzione di desiderio che diventa un fantasma del desiderio assume la forma dell'animale che più veramente esprime la sua natura. Queste forme sono generalmente di animali predatori. I fantasmi desiderati di se stessi non possono assumere le forme di animali che sono timorosi o innocui. Un fantasma del desiderio può con l'aiuto della mente assumere la forma di un animale innocuo o timido, ma questo non è strettamente un fantasma del desiderio.

Naturalmente, i fantasmi dei desideri dei morti non sono in alcun modo fisici. Non possono essere visti dalla vista fisica, sebbene possano essere visti in un sogno. Se i fantasmi del desiderio potessero scegliere, non apparirebbero nelle forme in cui lo fanno. Se potessero, prenderebbero forme che non causerebbero paura né sfiducia. Ma la legge obbliga il fantasma ad assumere la forma indicandone la natura.

Quando si vede un fantasma del desiderio di solito non avrà i contorni ben definiti di un animale fisico. Più forte è il desiderio, più definita sarà la forma del fantasma del desiderio. Ma per quanto forte sia il desiderio, la forma del fantasma del desiderio di un morto sarà irregolare e variabile. Dal desiderio contorcente la massa si staccherà in una forma che ha forse una parvenza umana, ma cambiando in forma di lupo, rosso degli occhi con lingua ansimante e denti affamati. Il desiderio del lupo prima della morte diventerà il fantasma del desiderio del lupo dopo la morte. Il lupo desidera che il fantasma dei morti sia grande o piccolo, forte o debole, audace o che sbatte le palpebre. Allo stesso modo gli altri fantasmi del desiderio si svilupperanno dalla massa del desiderio, se ce ne sono altri, e il resto della massa scomparirà.

Per continuare la loro esistenza, i fantasmi di uomini morti devono nutrirsi o attraverso i desideri dei vivi. Se i vivi non nutrivano il desiderio dei fantasmi dei morti, questi desideri non potevano vivere a lungo. Ma vivono a lungo.

All'uomo di fatto del mondo, con il suo cosiddetto buonsenso e le sue concezioni di fatto, che è fiducioso che le cose siano come le vede e le comprende, potrebbe sembrare irragionevole che ci dovrebbero essere creature come il desiderio di fantasmi di uomini morti e che dovrebbero nutrirsi di uomini viventi. Ma i fantasmi dei morti del desiderio esistono, e si nutrono e sono nutriti da uomini viventi. Il rifiuto di credere o comprendere i fatti di cui non si è a conoscenza, non elimina i fatti. Se alcune di queste stesse persone comprendessero i fatti riguardanti i fantasmi dei desideri dei morti e i loro mezzi di vita dopo la morte, smetterebbero di alimentare questi fantasmi e si rifiuterebbero di intrattenerli. Ma alcune persone probabilmente intratterranno e dar da mangiare alle creature anche se consapevoli della loro esistenza.

Un ghiottone che rende appetito il suo dio, non sa di essere ossessionato e nutre un fantasma desiderio di maiale, e potrebbe non interessarsene. L'uomo avido che caccia e preda dei desideri e delle debolezze degli uomini e che traffica nei loro corpi, cervelli e case per placare la sua avidità insatiata, sta permettendo a un lupo che desidera il fantasma dei morti di fame e nutrirsi di lui. La tigre o il gatto fa le fusa dolcemente intorno o in quello che si diletta nella crudeltà, sempre pronto a mordere parole dispettose e colpire un colpo crudele. L'uomo di sensualità grossolana che dà libero sfogo al suo desiderio permette a bestie di sensualità come il cinghiale, il toro o l'ariete che desiderano il fantasma di un morto di perpetuare la sua esistenza attraverso di lui; e una donna della stessa natura lascia che una scrofa o un polipo desiderino che il fantasma dei morti viva attraverso il suo corpo. Ma ci sono epici di sensualità che si riproducono e che alimentano i loro desideri e desiderano i fantasmi.

Continua.