La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 20 GENNAIO, 1915. No. 4

Copyright, 1915, di HW PERCIVAL.

Fantasmi.

Fantasmi che non sono mai stati uomini.

C'è una convinzione generale ed è sempre stato, che ci sono razze di esseri che non sono uomini e che non sono i fantasmi di uomini viventi, né i fantasmi di uomini morti. Questi esseri sono fantasmi che non sono mai stati uomini. Sono citati con vari nomi: dei e semi-dei, angeli, diavoli, fate, elfi, spunkies, kelpies, brownies, ninfe, imp, hobgoblins, oread, hyads, dryads, naiads, nereids, fauns, satyrs, succubi, incubi, elementali, gnomi, ondine, silfidi e salamandre.

In passato, la credenza in tali esseri era universale. Pochi dubitavano della loro esistenza. Oggi, in luoghi densamente popolati, questi esseri elementari esistono solo per l'uomo nelle leggende stampate e nei libri di storia. Le infermiere e le madri, se vengono dal paese, ne parlano ancora ai più piccoli, ma le rime di Mamma Oca hanno la preferenza.

Cosa è successo agli spiriti che gli indiani nordamericani credevano di causare terremoti, piogge, tempeste, incendi e che popolavano le foreste, che si alzavano dai laghi e dai fiumi, che danzavano sulle cascate e si esibivano al chiaro di luna, che sussurravano nei venti, le cui forme infuocate lampeggiavano nell'alba rossa o nella pista del sole che affondava?

Dove sono le ninfe, i fauni, i satiri che suonavano nei torrenti e nei boschi dell'Hellas? Hanno preso parte e hanno avuto un posto nella vita della gente di quei giorni. Oggi le persone non conoscono queste entità, tranne che nei luoghi fuori mano, in Scozia, Galles, Irlanda, nelle catene dei Carpazi, si dice che esistano.

Gli alchimisti di Arabia, Francia, Inghilterra, Germania, scrissero ampiamente sulle quattro classi di elementali, gli esseri che popolavano gli elementi occulti di fuoco, aria, acqua e terra. Alcuni degli alchimisti, Geber, Robert Fludd, Paracelsus, Thomas Vaughn, Roger Bacon, Khunrath, hanno parlato della loro conoscenza di questi esseri.

Gli esseri elementali non devono essere scoperti dal bisturi dell'anatomista. Le lenti d'ingrandimento del biologo non apriranno la strada alla loro dimora, né la provetta del chimico rivelerà loro, le loro azioni, i loro regni e i loro sovrani. Le opinioni materiali e i pensieri dei tempi moderni li hanno banditi da noi e noi da loro. L'atteggiamento supercile della scienza nei confronti di tutto ciò che è immateriale, invisibile e senza valore commerciale, mette al bando chiunque presti attenzione e pensiero serio alle razze elementali. La scomunica nel Medioevo ha oggi il suo parallelo nella cacciata di un eretico dai ranghi di affermati insegnanti di scienze vestiti e nutriti di università. Ai poeti e agli artisti viene data la licenza di occuparsi di queste irrealtà; può essere perché sono sofferti per essere fantastici.

Gli insegnanti di scienza moderna ridicolizzano la tradizione sulle persone elementali. I padri della scienza moderna sedevano ai piedi di Aristotele, che credeva nelle razze elementali. Paracelsus e Von Helmont, gli scopritori di importanti elementi della chimica moderna, affermarono di essere in grado di comandare alcuni degli spiriti della natura.

Dai Greci abbiamo la nostra filosofia, la nostra arte, il desiderio di evitare la base e le nostre aspirazioni alla virtù. Non sta diventando il dotto a ridicolizzare ciò che non era una semplice credenza, ma era considerato un fatto da questi Greci.

Il tema dei fantasmi che non sono mai stati uomini, sarà trattato qui sotto due grandi titoli: primo, il loro posto nell'evoluzione, le loro nature e azioni; secondo, la loro relazione con l'uomo.

La materia è di molti stati, piani e mondi. La questione di un mondo è di nuovo divisa in molti piani e gradi. Gli esseri di un mondo sono consapevoli di alcuni stati della materia del proprio mondo, ma non di tutti gli stati della materia di quel mondo. Gli stati della materia di cui sono consapevoli gli esseri di qualsiasi mondo, di solito sono solo gli stati più grossolani della materia di quel mondo. La materia di cui sono consapevoli è collegata alla materia dei corpi di quel mondo. Per prendere coscienza di una materia diversa da quella del tipo dei loro corpi, i loro corpi devono prima essere in sintonia con il tocco di quell'altra materia. Gli esseri del mondo fisico non sono consapevoli degli esseri del mondo psichico, né degli esseri del mondo mentale, né degli esseri del mondo spirituale. Ognuno dei mondi è di un elemento e quell'elemento è la questione di quel mondo.

L'elemento di ogni mondo è diviso in vari stati e piani. C'è un elemento primordiale per quel mondo, ma quell'elemento primordiale è sconosciuto agli esseri di quel mondo che sono consapevoli solo del piano su cui agiscono nei loro corpi. Il nostro mondo fisico è circondato, penetrato, sostenuto da altri tre mondi, psichico, mentale e spirituale. Gli elementi di questi mondi sono terra, acqua, aria e fuoco.

Con questi elementi non si intende la terra su cui camminiamo, l'acqua che beviamo, l'aria che respiriamo e il fuoco che vediamo come fiamma. All'interno di questi fenomeni c'è quello per cui si possono conoscere i quattro elementi attualmente sconosciuti.

Il mondo spirituale è l'elemento del fuoco. L'universo manifestato inizia e finisce in questo mondo. In esso sono inclusi gli altri tre mondi manifestati. Il fuoco è l'elemento spirituale, l'elemento del mondo spirituale. Il fuoco è lo spirito. Il mondo del fuoco è l'eterno. Nella sua sfera pura gli altri mondi hanno i loro posti, uno dentro l'altro. In esso non c'è oscurità, miseria, morte. Qui tutti gli esseri dei mondi manifestati hanno la loro origine e fine. L'inizio e la fine sono tutt'uno nell'Eterno, il Fuoco. L'inizio è il passaggio al mondo successivo; la fine è il ritorno. C'è un lato non manifestato e un lato manifestato della sfera di fuoco. Il fuoco di quel mondo non distrugge, non consuma. Dà ai suoi esseri il fuoco, il vero spirito e li immortala. La questione in quel mondo è latente o potenziale. Il fuoco è la forza attiva.

All'interno della parte manifestata del mondo del fuoco, c'è il mondo mentale. Quel mondo, la cui materia è la materia vitale, la materia atomica, è la sfera dell'aria. Quest'aria non è la nostra atmosfera fisica. È il secondo elemento nell'universo manifestato e attualmente sconosciuto agli investigatori fisici. Né la materia né gli esseri della sfera aerea possono essere percepiti dai sensi umani. La sfera dell'aria e ciò che è in essa è percepita dalla mente; quindi si chiama mondo mentale. Non tutti gli esseri dell'elemento aria hanno mente. Mentre la sfera di fuoco era l'Eterno, il mondo mentale è il mondo del tempo. Il tempo ha la sua origine nel mondo mentale, che è nella parte manifestata dell'Eterno. In questo mondo sono regolati i periodi della vita di tutti gli esseri nel mondo della vita e nei due mondi inferiori. C'è un lato non manifestato e un lato manifestato della sfera d'aria. Nel mondo mentale non ci sono forme nel senso in cui gli esseri di percezioni sensuali percepiscono o conoscono le forme. Nel mondo mentale ci sono forme mentali, non forme sensuali. Gli esseri nei mondi spirituali e mentali non hanno forme mentre percepiamo le forme; la nostra percezione della forma è di massa, contorno e colore.

All'interno della metà manifestata della sfera dell'aria si trova la sfera dell'acqua, il mondo psichico. Questo è il mondo in cui funzionano i nostri cinque sensi. Naturalmente, ciò che qui viene chiamato acqua non è il composto chimico di idrogeno e ossigeno. La materia in questo mondo è molecolare. Questo è il mondo delle forme, delle forme. La sfera dell'acqua è il mondo delle sensazioni e delle emozioni. Il mondo astrale è compreso in questo mondo psichico, ma non è esteso con esso. Ciò che è noto come il mondo astrale, è la parte discendente o involutiva del lato manifestato del mondo psichico. La sfera dell'elemento acqua ha un lato non manifestato e manifestato.

All'interno del lato manifestato della sfera d'acqua si trova la sfera della terra. Questa sfera della terra non è affatto la nostra terra fisica. L'elemento o la sfera terrestre ha i suoi lati manifestati e non manifestati. Il lato manifestato della sfera terrestre è qui chiamato il mondo fisico e ha quattro piani, il solido, il liquido, il gassoso e il fuoco, come radianti. Ci sono altri tre piani della sfera terrestre, ma non rientrano nella gamma dei nostri cinque sensi e questi tre piani del lato non manifestato della sfera terrestre non sono percepiti da noi.

Per percepire gli oggetti sui tre piani superiori o non manifestati della sfera terrestre, l'uomo deve aver sviluppato o essere stato dotato alla nascita di sensi in sintonia con quei tre piani. Le persone che vedono cose, o ascoltano o odorano cose che non sono fisiche, generalmente suppongono di percepire in astrale; ma in effetti, nella maggior parte dei casi, essi percepiscono sui piani invisibili della sfera terrestre.

Lo scopo di questo schema è quello di chiarire come i mondi in cui si trovano gli esseri elementali si avvicinano l'uno all'altro; e per chiarire come la sfera della terra comprende ed è compenetrata dalle altre tre sfere. Ciascuno degli elementi degli altri tre mondi è in contatto con e agisce attraverso la sfera della terra. I quattro stati della materia fisica, solido, fluido, arioso, ardente, corrispondono alle quattro grandi sfere dei quattro elementi occulti, terra, acqua, aria, fuoco.

(Continua.)