La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 23 LUGLIO, 1916. No. 4

Copyright, 1916, di HW PERCIVAL.

FANTASMI CHE NON SONO MAI STATI UOMINI

La "grande opera" dell'alchimista.

L'opera degli alchimisti era con gli elementali nei corpi propri dell'alchimista e in natura, con l'obiettivo di ottenere l'immortalità cosciente per se stesso e di mostrare la "Grande Opera" ad altri per i quali era possibile farlo, o almeno per capire e valorizzalo. Gli alchimisti sapevano come gli elementi di fuoco, aria, acqua e terra si mescolassero nelle precipitazioni come metalli; come i metalli, le pietre, le piante, i suoni e i colori agiscono per simpatia e antipatia sui corpi umani e in tutta la natura; come gli elementali sono legati ai metalli e come sciolti e legati di nuovo. Conoscevano gli stati neutrali attraverso i quali i metalli passano da uno stato all'altro in precipitazioni, trasmutazioni e sublimazioni. Hanno creato elementali che li hanno aiutati nelle loro opere alchemiche ed erano conosciuti come familiari.

Gli alchimisti, parlando dei processi nel corpo umano, hanno usato molti termini applicabili al loro lavoro con i metalli. Questa è una delle ragioni dello strano vocabolario trovato negli scritti alchemici. Altre ragioni erano che non potevano comunicare informazioni, poiché la Chiesa era potente e si opponeva a loro, e come re e nobili li avrebbero messi a morte, o dopo che il loro segreto per fare l'oro era stato ottenuto o perché non avevano eseguito ciò che era richiesto di loro da tali despoti che le storie dell'oro magico avevano attirato.

La terminologia usata dagli alchimisti è stata, in parte, presa da alcuni dei processi del loro lavoro. Hanno estratto dal Mysterium Magnum; scoperto l'Alcahest e l'Organum; usato sale, zolfo e mercurio con i quattro elementi: fuoco, aria, acqua e terra; mescolato il Glutine dell'Aquila Bianca con il Sangue del Leone Rosso; ha eseguito il Matrimonio mistico di Christos con Sophia. Quando ebbero finito il loro lavoro, furono posseduti dalla Pietra filosofale e dall'elisir di vita. Quindi potrebbero trasformare tutti i metalli di base in oro puro, sia letteralmente che in senso figurato, e potrebbero vivere per sempre nel loro Corpo Immortale, reso così dal loro Elisir di Vita.

Che lavoro era ed è.

Il lavoro del vero alchimista era di controllare gli elementali nel suo stesso corpo, sottomettere e imbrigliare i suoi desideri animali, e dirigere e trasmutare le sue energie in modo da creare nuova vita e nuovi poteri dentro di sé. Con questo lavoro ha guadagnato nella sua immortalità cosciente per tutta la vita. Era in grado di istruire gli altri sull'arte e ha avuto un'influenza benefica su quelli che lo circondavano, in circoli sempre più ampi.

La causa del fallimento degli alchimisti.

L'alchimista che ha tentato di trasformare i suoi poteri interiori nella trasmutazione dei metalli fisici e nella produzione di oro, prima di aver raggiunto la pietra filosofale, potrebbe riuscire nella trasmutazione dei metalli e nella fabbricazione dell'oro, ma fallirebbe nel suo vero opera. Gli elementali con cui aveva lavorato, alla fine avrebbero reagito su di lui e lo avrebbero rovesciato, perché non era riuscito a superare i fantasmi in se stesso. Uno dei detti degli alchimisti era che per fare l'oro bisogna prima avere l'oro per iniziare il lavoro. Se non avesse creato prima l'oro in se stesso, secondo la legge non avrebbe potuto produrre oro all'esterno. Per fare l'oro dentro di sé, deve aver controllato i suoi elementali in lui e averli portati in quello stato puro chiamato "oro". Fatto ciò, poteva con sicurezza svolgere il suo lavoro con semplici metalli.

Trasmutazioni di metalli, colori e suoni.

L'alchimista sapeva della peculiare relazione di tutti i metalli con il colore e il suono. Colore e suono sono elementali nella sfera dell'acqua. Questi elementali possono manifestarsi come metalli, essendo i metalli la prima espressione concreta di elementali in forme fisiche. Colore e suono sono convertibili l'uno nell'altro, nel mondo psichico. I metalli sono trasmutazioni di elementali di colore ed elementali del suono. Perché ciò che è un colore nel mondo psichico può diventare minerale nella terra. Quindi, ciò che è una certa materia astrale viola, si trasforma, se precipitato fisicamente, in argento. Ancora una volta, un certo suono astrale può essere precipitato come argento terrestre. Quando i metalli più bassi hanno raggiunto la loro piena crescita, diventano oro puro. Gli alchimisti sapevano che l'oro metallico poteva essere prodotto mediante trasmutazione o crescita da un metallo più basso. L'oro è la fusione nella giusta proporzione di argento, rame, stagno, ferro, piombo e mercurio.

Simpatia o antipatia tra fantasmi e oggetti.

I metalli hanno un effetto singolare sugli elementali, a cui sono così strettamente correlati. L'ampio campo di "Simpatia e antipatia" è qui aperto. L'elementale nel metallo è l'elemento puro (elemento occulto) nel metallo. Emana o vibra un'influenza, che agisce non solo sui suoi elementali affini, ma ha un'influenza particolare sulle persone sensibili raggiungendo direttamente gli elementali in essi. Questo fatto può essere utilizzato per vari scopi, tra cui la guarigione simpatica. Gli alchimisti conoscevano il potere elementare dell'antipatia e della simpatia nei metalli e nelle piante e lo usavano per curare le malattie. Conoscevano i tempi speciali in cui le erbe dovevano essere raccolte per produrre un risultato comprensivo, o il contrario. Conoscevano i principi attivi nelle distillazioni, nei congelamenti, nelle purificazioni dei semplici e quindi producevano i risultati desiderati attraverso la simpatia e l'antipatia.

(Continua.)