La fondazione di parole

IL

PAROLA

♌︎

Vol 17 LUGLIO, 1913. No. 4

Copyright, 1913, di HW PERCIVAL.

FANTASMI

Nessun paese è libero dalla credenza nei fantasmi. In alcune parti del mondo viene dedicato molto tempo ai fantasmi; in altre parti, poche persone ci pensano. I fantasmi hanno una forte presa sulle menti dei popoli di Europa, Asia e Africa. In America sono relativamente pochi i credenti nei fantasmi. Ma i culti di fantasmi indigeni e importati sono in aumento, ne vengono sviluppati di nuovi e l'America può, nello sviluppo dei fantasmi e dei loro culti, riuscire o migliorare ciò che il vecchio mondo ha di essi.

Nei paesi più vecchi i fantasmi sono più forti e più numerosi che in America, perché le popolazioni di quei paesi hanno mantenuto in vita i loro fantasmi per lunghi secoli, mentre in America le acque dell'oceano si sono riversate su grandi porzioni di terra; e i restanti abitanti delle parti aride non erano abbastanza numerosi da mantenere vivi i fantasmi delle antiche civiltà.

La credenza nei fantasmi non è di origine moderna, ma risale all'infanzia dell'uomo e alla notte dei tempi. Prova come possono, lo scetticismo, l'incredulità e la civiltà non possono sradicare né annullare la credenza nei fantasmi, poiché i fantasmi esistono e hanno la loro origine nell'uomo. Sono in lui e in lui, la sua stessa discendenza. Lo seguono attraverso l'età e la razza e, indipendentemente dal fatto che ci creda o no, lo seguiranno o lo precederanno come le sue ombre.

Nel vecchio mondo, razze e tribù hanno lasciato il posto ad altre razze e tribù in guerre e conquiste e periodi di civiltà, e i fantasmi, gli dei e i diavoli hanno continuato con loro. I fantasmi del passato e del presente sciamano e si librano sulle terre del vecchio mondo, specialmente nelle catene montuose e nelle brughiere, luoghi ricchi di tradizioni, miti e leggende. I fantasmi continuano a combattere le loro battaglie del passato, a sognare attraverso periodi di pace in mezzo a scene familiari, e schiudere nelle menti delle persone i semi dell'azione futura. La terra del vecchio mondo non è stata sotto l'oceano per molte età e l'oceano non è stato in grado di purificarla dall'azione delle sue acque e di liberarla dai fantasmi dei morti viventi e dei fantasmi e dei fantasmi di uomini morti che erano mai amico.

In America, le civiltà precedenti vengono cancellate o sepolte; l'oceano ha invaso grandi tratti della terra; le onde si sono spezzate e cancellato i fantasmi e la maggior parte del male del lavoro dell'uomo. Quando la terra venne di nuovo fu purificata e libera. Le foreste ondeggiano e mormorano su tratti una volta coltivati; le sabbie del deserto luccicano dove sono sepolte le rovine di città orgogliose e popolose. Le cime delle catene montuose erano isole con resti sparsi di tribù indigene, che hanno ripopolato la terra sommersa al suo emergere dal profondo, libera dai suoi antichi fantasmi. Questo è uno dei motivi per cui l'America si sente libera. C'è libertà nell'aria. Nel vecchio mondo tale libertà non si fa sentire. L'aria non è libera. L'atmosfera è piena di fantasmi del passato.

I fantasmi frequentano certe località più di quanto facciano altri. In genere, i resoconti dei fantasmi sono meno numerosi in città che in campagna, dove gli abitanti sono pochi e distanti tra loro. Nei distretti del paese la mente si rivolge più prontamente ai pensieri degli spiriti della natura, degli elfi e delle fate, e racconta nuovamente loro storie e mantiene vivi i fantasmi che sono nati dall'uomo. In città, la frenesia degli affari e del piacere racchiude il pensiero degli uomini. Gli uomini non hanno tempo per i fantasmi. I fantasmi di Lombard Street e Wall Street non attraggono in quanto tali il pensiero dell'uomo. Eppure lì i fantasmi influenzano e fanno sentire la loro presenza, così come i fantasmi di un villaggio, adagiati sul fianco di una montagna vicino a una foresta oscura, e le brughiere al confine di una palude.

L'uomo di città non è in sintonia con i fantasmi. Non così l'alpinista, il contadino e il marinaio. Le forme strane che danno segni si vedono nelle nuvole. Le forme deboli si spostano sui pavimenti delle foreste. Percorrono leggermente l'orlo del precipizio e della palude, fanno cenno al viaggiatore in pericoli o lo avvertono. Figure oscure e ariose percorrono brughiere e pianure o coste solitarie. Ripercorrono alcuni avvenimenti sulla terra; rievocano un fatidico dramma dei mari. L'uomo di città non abituato a tali storie di fantasmi, ride di loro; sa che non possono essere veri. Tuttavia l'incredulità e il ridicolo di molti di questi, hanno dato luogo a ferme convinzioni e timore reverenziale, dopo aver visitato luoghi di ritrovo dove l'ambiente favorisce la comparsa di fantasmi.

In certi momenti la credenza nei fantasmi è più diffusa che in altri. Di solito è così dopo o durante guerre, pestilenze, pestilenze. Il motivo è che la calamità e la morte sono nell'aria. Con poco tempo e non allenato dallo studio, la mente si trasforma in pensieri di morte e dopo. Dà pubblico e dà vita alle ombre dei morti. Il Medioevo era un tale momento. In tempi di pace, quando l'ubriachezza, l'omicidio e il crimine sono in calo - tali atti generano e perpetuano i fantasmi - i fantasmi sono meno abbondanti e meno in evidenza. La mente viene trasformata dal mondo della morte a questo mondo e alla sua vita.

I fantasmi entrano e si spengono dall'essere, indipendentemente dal fatto che l'uomo sappia o meno del loro essere, indipendentemente dal fatto che li dia o meno. A causa dell'uomo esistono i fantasmi. Mentre l'uomo continua come essere pensante e ha desideri, i fantasmi continueranno ad esistere.

Con tutte le storie di fantasmi raccontate, i registri conservati e i libri scritti sui fantasmi, non sembra esserci alcun ordine su tipi e varietà di fantasmi. Non è stata data alcuna classificazione di fantasmi. Nessuna informazione di una scienza dei fantasmi è a portata di mano, che se uno vede un fantasma potrebbe sapere che tipo di fantasma è. Si può imparare a conoscere e non avere paura dei fantasmi come delle sue ombre senza prestare troppa attenzione o essere indebitamente influenzati da loro.

Il soggetto è di interesse e le sue informazioni che incidono sul progresso dell'uomo hanno valore.

(Continua nel numero di agosto di La Parola)