La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 12 DICEMBRE, 1910. No. 3

Copyright, 1910, di HW PERCIVAL.

PARADISO.

ALL'INTERNO della mente umana nasce in modo naturale e senza sforzo il pensiero di un luogo o di uno stato di felicità futuri. Il pensiero è stato espresso in modo diverso. In inglese è reso sotto forma della parola paradiso.

Le reliquie trovate nei tumuli e nei luoghi di sepoltura degli abitanti preistorici d'America testimoniano il loro pensiero del paradiso. Monumenti, templi e iscrizioni su metallo e pietra nelle rovine di antiche civiltà nelle Americhe attestano la credenza in cielo, da parte dei costruttori di quelle civiltà. I padroni della terra del Nilo allevarono obelischi, piramidi e tombe e li lasciarono come testimoni silenziosi e vigorosi che proclamavano un futuro stato di felicità per l'uomo. Le razze dell'Asia offrono una ricchezza di testimonianze in grotte e santuari e una letteratura che abbonda delle descrizioni di un futuro felice stato dell'uomo come risultato delle sue buone azioni sulla terra. Prima che le guglie puntate verso il cielo delle fedi cristiane fossero sollevate sul suolo dell'Europa, i cerchi di pietra, i pilastri e le cripte venivano usati dall'uomo per indurre le benedizioni del cielo su di lui mentre si trovava sulla terra e per adattarlo per entrare nella felice sfera del cielo dopo Morte. In modo primitivo o limitato, o con la facilità o la stravaganza della cultura, ogni razza ha espresso la propria fiducia in un futuro stato di paradiso.

Ogni razza ha i suoi miti e leggende che raccontano a modo loro un luogo o uno stato di innocenza, in cui la razza ha vissuto felicemente. In questo stato originale gli fu data l'esistenza da un essere superiore su cui guardavano con timore, timore o riverenza e che consideravano il loro padrone, giudice o padre, con la fiducia dei bambini. Questi resoconti affermano che le regole furono fornite dal creatore o dall'essere superiore, in modo che vivendo in base a queste, la razza dovesse continuare a vivere nel suo stato di semplice felicità, ma che risultati terribili avrebbero assistito a qualsiasi deviazione dalla vita ordinata. Ogni storia racconta a modo suo della disobbedienza della razza o dell'umanità, e quindi dei problemi, disgrazie e disastri, con i loro dolori e le loro sofferenze derivanti dall'ignoranza e dalla disobbedienza degli antenati.

Mito, leggenda e scritture affermano che le razze umane devono vivere nel peccato e nel dolore, colpite dalla malattia e afflitte dalla vecchiaia che termina con la morte, a causa di quell'antico peccato degli antenati. Ma ogni disco a modo suo, e caratteristicamente delle persone da cui è stato realizzato, predice di un tempo in cui, per il favore del creatore o l'espiazione dei torti, gli uomini sfuggiranno al sogno realistico della vita terrena ed entreranno in un luogo in cui il dolore, la sofferenza, la malattia e la morte sono assenti, e dove tutti coloro che entrano vivranno in una felicità ininterrotta e senza legami. Questa è la promessa del cielo.

Il mito e la leggenda raccontano e le scritture ordinano come deve vivere l'uomo e cosa deve fare prima di poter ottenere o avergli conferito la fecondità del cielo. Adatto alla vita e al carattere della sua razza, all'uomo viene detto che otterrà il paradiso per favore divino o lo guadagnerà con azioni di valore in battaglia, superando il nemico, sottomettendo l'empio, con una vita di digiuno, solitudine, fede la preghiera o la penitenza, mediante atti di carità, alleviando le sofferenze altrui, con l'abnegazione e una vita di servizio, comprendendo e superando e controllando i suoi appetiti, le tendenze e le inclinazioni improprie, con il giusto pensiero, la giusta azione e conoscenza e che il paradiso è al di là o al di sopra della terra o deve essere sulla terra in qualche stato futuro.

Le credenze cristiane riguardanti lo stato iniziale e futuro dell'uomo differiscono poco da quelle di altre e più antiche fedi. Secondo l'insegnamento cristiano l'uomo nasce e vive nel peccato, e si dice che la pena del peccato sia la morte, ma può sfuggire alla morte e ad altre pene del peccato credendo nel Figlio di Dio come suo Salvatore.

Le affermazioni nel Nuovo Testamento sul paradiso sono vere e belle. Le dichiarazioni teologiche sul paradiso teologico sono una massa di irrazionalità, contraddizioni e assurdità miopi. Respingono la mente e snervano i sensi. Il paradiso teologico è un luogo illuminato da luci brillanti e stravagantemente arredato e decorato con cose terrene molto costose; un luogo in cui canti di lode sono cantati perpetuamente alle tensioni della musica; dove le strade scorrono con latte e miele e dove abbonda di cibo ambrosiale; dove l'aria è carica della fragranza dei profumi dolci e dell'incenso balsamico; dove la felicità e il divertimento rispondono ad ogni tocco e dove i detenuti o le menti degli uomini cantano e ballano, brividi e pulsano a osannas di preghiera e lode, per l'eternità infinita.

Chi vuole un tale paradiso? Quale uomo pensante accetterebbe un paradiso così superficiale, sensuale, se fosse spinto su di lui? L'anima dell'uomo deve essere come uno sciocco, una medusa o una mummia, per sopportare una simile assurdità. Nessuno vuole il paradiso teologico al giorno d'oggi e nientemeno che il teologo, che lo predica. Vuole rimanere qui su questa terra maledetta piuttosto che andare in quel glorioso paradiso che ha progettato, costruito e arredato nel cielo lontano.

Che cos'è il paradiso? Non esiste o esiste? In caso contrario, perché perdere tempo a illudersi con tali fantasie oziose? Se esiste e vale la pena, allora è meglio che uno lo capisca e lavori per esso.

La mente desidera ardentemente la felicità e attende con impazienza un luogo o uno stato in cui la felicità verrà realizzata. Questo luogo o stato è espresso nel termine paradiso. Il fatto che tutte le razze dell'umanità abbiano sempre pensato e creduto in una sorta di paradiso, il fatto che tutti continuino a pensare e guardare avanti verso il paradiso, è la prova che c'è qualcosa nella mente che costringe il pensiero, e che questo qualcosa deve essere simile in natura a quello verso cui spinge, e che continuerà a spingere e guidare il pensiero verso il suo ideale fino a quando l'obiettivo ideale non viene raggiunto e realizzato.

C'è una grande energia nel pensiero. Pensando e aspettando un paradiso dopo la morte, si accumula una forza e si costruisce secondo un ideale. Questa forza deve avere la sua espressione. La vita terrena ordinaria non offre opportunità per tale espressione. Tali ideali e aspirazioni trovano la loro espressione dopo la morte nel mondo dei cieli.

La mente è straniera da un regno felice, il mondo mentale, in cui dolore, conflitto e malattia sono sconosciuti. Arrivando sulle rive del sensuale mondo fisico, il visitatore è assalito, incantato, sconcertato dalle seduzioni, dalle delusioni e dagli inganni di forme, colori e sensazioni. Dimenticando il proprio stato felice e cercando la felicità attraverso i sensi negli oggetti della sensazione, si sforza e lotta e poi i dolori per trovare avvicinandosi agli oggetti, che la felicità non c'è. Dopo un soggiorno di baratto e di affare, di conflitti, successi e delusioni, dopo aver risvegliato dal dolore e alleviato da gioie superficiali, il visitatore si allontana dal mondo fisico e torna al suo felice stato nativo, portando con sé l'esperienza.

La mente ritorna, vive e passa dal mondo fisico al suo mondo mentale. La mente diventa un viaggiatore logoro che ha spesso visitato, ma non ha mai suonato in profondità né risolto i problemi della vita mondana. L'uomo ha avuto molta esperienza con pochi profitti. Viene dalla sua casa eterna per trascorrere una giornata nel mondo, quindi passa di nuovo a riposare, per poi venire di nuovo. Questo continua fino a quando non scoprirà in se stesso, il suo liberatore, che domerà le bestie selvagge che lo assediano, che dissiperà le delusioni che lo sconcertano, che lo guiderà attraverso sensuali delizie attraverso l'ululante regione selvaggia del mondo e nel regno dove è autocosciente, non attratto dai sensi e non influenzato da ambizioni o tentazioni e non attaccato ai risultati dell'azione. Fino a quando non trova il suo liberatore e non conosce il suo regno di sicurezza, l'uomo può guardare al cielo, ma non lo saprà né entrerà in paradiso mentre deve venire inconsapevolmente nel mondo fisico.

La mente non trova gli elementi essenziali del paradiso in terra, e non è mai nemmeno per un breve periodo in perfetto accordo con l'ambiente circostante, con le sue emozioni, i sensi e le sensazioni che lo accompagnano. Fino a quando la mente non diventerà il conoscitore e il padrone di tutti questi, non può conoscere il paradiso in terra. Quindi la mente deve essere liberata dalla morte dal mondo fisico, per entrare in uno stato di felicità come ricompensa, per essere all'altezza degli ideali a cui ha guardato avanti ed essere liberata dalla sofferenza che ha subito e fuggire le tentazioni con cui ha lottato e di godere delle buone azioni che ha compiuto e dell'unione ideale a cui ha aspirato.

Dopo la morte non tutti gli uomini entrano in paradiso. Quegli uomini il cui pensiero e lavoro sono spesi per le cose della vita fisica, che non si considerano né si preoccupano mai di uno stato futuro dopo la morte, che non hanno ideali oltre al godimento o al lavoro fisico, che non hanno pensiero o aspirazione verso una divinità oltre o dentro di sé, quegli uomini non avranno il paradiso dopo la morte. Alcune delle menti appartenenti a questa classe, ma che non sono nemiche dell'umanità, rimangono in uno stato intermedio come in un sonno profondo, fino a quando i corpi fisici non sono di nuovo preparati e pronti per loro; poi entrano alla nascita in questi e da allora in poi continuano la vita e il lavoro come richiesto dalle loro vite precedenti.

Per entrare in paradiso, si deve pensare e fare ciò che rende il paradiso. Il paradiso non è fatto dopo la morte. Il paradiso non è fatto dalla pigrizia mentale, non facendo nulla, languendo, passando un tempo ozioso o sognando pigramente quando è sveglio e senza scopo. Il paradiso è fatto pensando al proprio benessere spirituale e morale degli altri e degli altri ed è guadagnato dal lavoro serio a tal fine. Si può godere solo del paradiso che lui stesso ha costruito; il paradiso di un altro non è il suo paradiso.

Dopo la morte del suo corpo fisico, la mente inizia un processo di eliminazione mediante il quale i desideri, i vizi, le passioni e gli appetiti grossolani e sensuali vengono bruciati o abbandonati. Queste sono le cose che la tormentano, ingannano, ingannano, illudono e confondono e gli causano dolore e sofferenza mentre era nella vita fisica e che gli impedivano di conoscere la vera felicità. Queste cose devono essere messe da parte e separate in modo che la mente possa avere riposo e felicità e vivere gli ideali che ha desiderato, ma che non è stato in grado di realizzare nella vita fisica.

Il paradiso è necessario per la maggior parte delle menti come il sonno e il riposo per il corpo. Quando tutti i desideri e i pensieri sensuali sono stati rimandati e eliminati dalla mente, allora entra nel cielo che aveva precedentemente preparato per se stesso.

Non si può dire che questo paradiso dopo la morte si trovi in ​​un determinato punto o località sulla terra. La terra conosciuta dai mortali nella vita fisica non può essere vista né percepita in cielo. Il cielo non si limita alle dimensioni con cui viene misurata la terra.

Chi entra in paradiso non è governato dalle leggi che regolano i movimenti e le azioni dei corpi fisici sulla terra. Chi è nei suoi cieli non cammina, non vola, né si muove con uno sforzo muscolare. Non prende cibi deliziosi, né beve pozioni dolci. Non sente o produce musica o rumore su strumenti a corda, in legno o metallici. Non vede le rocce, gli alberi, l'acqua, le case, i costumi come esistono sulla terra, né vede le forme fisiche e le caratteristiche di alcun essere sulla terra. Cancelli perlati, strade di diaspro, cibi dolci, bevande, nuvole, troni bianchi, arpe e cherubini possono trovarsi sulla terra, non si trovano in paradiso. Dopo la morte ognuno costruisce il proprio paradiso e agisce come il proprio agente. Non vi è alcun acquisto e vendita di merce o di alcun prodotto terrestre, poiché questi non sono necessari. Le transazioni commerciali non si svolgono in paradiso. Tutti gli affari devono essere seguiti sulla terra. Talenti acrobatici e spettacoli spettacolari, se testimoniati, devono essere visti sulla terra. Nessuno di questi artisti è stato organizzato nella gestione del paradiso, e nessuno sarebbe interessato a tali spettacoli. Non c'è lavoro politico in cielo, in quanto non ci sono posizioni da ricoprire. Non ci sono sette né religioni in cielo, poiché ognuna ha lasciato la sua chiesa sulla terra. Né si troveranno oggetti di moda e un'élite di società esclusiva, perché la tela, le sete e i lacci in cui è rivestita la società non sono ammessi in cielo e non è possibile trapiantare alberi genealogici. L'impiallacciatura, i rivestimenti, i bendaggi e tutti questi ornamenti devono essere stati rimossi prima di poter entrare in paradiso, poiché tutti in cielo sono come sono e possono essere conosciuti come sono, senza inganno e il travestimento della menzogna.

Dopo che il corpo fisico è stato messo da parte, la mente che era incarnata inizia a staccarsi e liberarsi dalle bobine dei suoi desideri carnali. Mentre dimentica e diventa inconsapevole di loro, la mente si sveglia gradualmente ed entra nel suo mondo paradisiaco. L'essenziale per il paradiso sono la felicità e il pensiero. Non è ammesso nulla che impedisca o interferisca con la felicità. Nessun conflitto o fastidio di alcun tipo può entrare in paradiso. La sfera della felicità, il mondo del cielo, non è così grande, timoroso o sublime da far sentire la mente insignificante o fuori posto. Né il paradiso è così indifferente, ordinario, disinteressato o monotono da permettere alla mente di considerarsi superiore e inadatta allo stato. Il paradiso è per la mente che entra, tutto ciò che permetterà a quella mente (non ai sensi) la sua felicità più grande e più completa.

La felicità del cielo è attraverso il pensiero. Il pensiero è il creatore, il modellatore e il costruttore del paradiso. Il pensiero fornisce e organizza tutti gli appuntamenti del paradiso. Il pensiero ammette tutti gli altri che prendono parte al proprio paradiso. Il pensiero determina ciò che viene fatto e il modo in cui viene fatto. Ma solo i pensieri di felicità possono essere usati per costruire il paradiso. I sensi possono entrare nel cielo di una mente solo nella misura in cui sono resi necessari alla felicità dal pensiero. Ma i sensi così usati sono di natura più raffinata dei sensi della vita terrena e possono essere impiegati solo quando non sono in conflitto con il pensiero del cielo. Il senso o i sensi che si occupano della carne non hanno parte o posto in cielo. Allora che tipo di sensi sono questi sensi celesti? Sono sensi creati temporaneamente dalla mente e per l'occasione, e non durano.

Sebbene la terra non sia vista né percepita come è sulla terra, tuttavia la terra può essere ed è percepita dalla mente quando i pensieri di quella mente si sono preoccupati della terra. Ma la terra in cielo è quindi una terra ideale e non viene percepita dalla mente nelle sue reali condizioni fisiche con le difficoltà che impone ai corpi fisici. Se il pensiero dell'uomo si fosse preoccupato di rendere abitabile e di abbellire alcune località della terra, di migliorare le condizioni naturali della terra e di trasformarle in vantaggio per il bene comune di se stesso e degli altri, o di migliorare il fisico, condizioni morali e mentali in qualsiasi modo, quindi la terra o le località della terra con cui si era preoccupato, nel suo cielo, si sarebbero realizzate nella più grande perfezione, con il suo pensiero, e senza gli ostacoli e gli ostacoli con cui lui aveva conteso nella vita fisica. Il pensiero prende il posto del suo metro e la distanza scompare nel pensiero. Secondo il suo pensiero ideale sulla e sulla terra, così sarà la sua realizzazione in cielo; ma senza il lavoro di chi lavora e senza lo sforzo di pensare, perché il pensiero che porta alla realizzazione si forma sulla terra e vive semplicemente in cielo. Il pensiero in cielo è il godimento e il risultato del pensiero che è stato fatto sulla terra.

La mente non si occupa del tema della locomozione a meno che il soggetto non fosse in relazione con il suo ideale mentre era sulla terra ed era considerato senza troppo interesse personale. Un inventore il cui pensiero sulla terra riguardava un veicolo o uno strumento di locomozione allo scopo di fare soldi con la sua invenzione, se fosse entrato in paradiso, avrebbe dimenticato e sarebbe completamente ignaro del suo lavoro sulla terra. Nel caso di un inventore il cui ideale era quello di perfezionare un tale veicolo o strumento allo scopo di migliorare le condizioni del pubblico o di alleviare gli individui di difficoltà, con un motivo umanitario, e anche nel caso di lui il cui pensiero era di fare e perfezionare un'invenzione con l'obiettivo di dimostrare una proposizione astratta - fintanto che il suo pensiero era senza il capo o il pensiero dominante di fare soldi - l'opera a cui pensava avrebbe fatto parte del paradiso dell'inventore e che avrebbe realizzato in piena misura ciò che lui non era stato in grado di realizzare sulla terra.

I movimenti o i viaggi della mente nel suo mondo paradisiaco non sono eseguiti da laboriose camminate o nuotate o volate, ma dal pensiero. Il pensiero è il mezzo con cui la mente passa da una località all'altra. Quel pensiero può fare questo è vissuto nella vita fisica. Un uomo può essere trasportato nel pensiero nelle parti più distanti della terra. Il suo corpo fisico rimane dov'è, ma il suo pensiero viaggia dove vuole e con la rapidità del pensiero. È facile per lui trasportarsi nei pensieri da New York a Hong Kong, come lo è da New York ad Albany, e non è più necessario del tempo. Un uomo seduto sulla sua sedia può assentarsi nel pensiero e rivisitare luoghi lontani dove è stato e può rivivere importanti eventi del passato. Il sudore può risaltare in perline sulla fronte mentre compie un grande lavoro muscolare. Il suo viso può essere soffocato di colore mentre, tornato indietro nel passato, risente di un affronto personale, oppure può trasformarsi in un pallore di cenere mentre attraversa un grande pericolo, e per tutto il tempo sarà ignaro del suo corpo fisico e l'ambiente circostante a meno che non sia interrotto e ricordato, o fino a quando non è tornato nei suoi pensieri al suo corpo fisico sulla sedia.

Poiché un uomo può agire e rievocare nel pensiero le cose che ha sperimentato attraverso il corpo fisico senza essere consapevole del suo corpo fisico, anche la mente può agire e rivivere idealmente in cielo secondo le sue migliori azioni e pensieri mentre sulla terra. Ma i pensieri saranno quindi stati dissociati da tutto ciò che impedisce alla mente di essere idealmente felice. Il corpo usato dalla mente per sperimentare la vita sulla terra è il corpo fisico; il corpo usato dalla mente per sperimentare la sua felicità in cielo è il suo corpo di pensiero. Il corpo fisico è adatto alla vita e all'azione nel mondo fisico. Questo corpo di pensiero è creato dalla mente durante la vita e prende forma dopo la morte e dura non più a lungo del periodo celeste. In questo corpo di pensiero la mente vive mentre è in paradiso. Il corpo del pensiero viene utilizzato dalla mente per vivere nel suo mondo celeste perché il mondo celeste è della natura del pensiero ed è fatto di pensiero, e il corpo del pensiero agisce in modo naturale nel suo mondo celeste come il corpo fisico nel fisico mondo. Il corpo fisico ha bisogno di cibo, per essere mantenuto nel mondo fisico. La mente ha anche bisogno di cibo per mantenere il suo corpo di pensiero nel mondo del cielo, ma il cibo non può essere fisico. Il cibo lì usato è di pensiero ed è i pensieri che sono stati intrattenuti mentre la mente era in un corpo mentre era sulla terra. Mentre l'uomo leggeva, pensava e idealizzava il suo lavoro sulla terra, così facendo, aveva preparato il suo cibo celeste. Il lavoro e il pensiero celesti sono l'unico tipo di cibo che la mente nel suo mondo celeste può usare.

La mente può realizzare discorsi e musica in cielo, ma solo attraverso il pensiero. Il canto della vita sarà accompagnato dalla musica delle sfere. Ma la canzone sarà stata composta dal suo stesso pensiero e secondo i suoi ideali mentre era sulla terra. La musica verrà dalle sfere dei mondi celesti di altre menti, poiché sono in armonia.

La mente non tocca altre menti o oggetti in cielo, poiché le cose fisiche entrano in contatto con altri corpi fisici sulla terra. Nel suo cielo il corpo della mente, che è un corpo di pensiero, tocca altri corpi con il pensiero. Chi conosce il contatto solo dal contatto della carne con altro materiale o dal contatto della carne con la carne, non apprezzerà la gioia che può essere offerta alla mente dal tocco del pensiero con il pensiero. La felicità è realizzata, quasi, dal tocco del pensiero con il pensiero. La felicità non può mai essere realizzata dal contatto della carne con la carne. Il paradiso non è un luogo solitario né uno stato in cui ogni mente è confinata nella solitudine di un paradiso privo di sensi. Eremiti, reclusi solitari e metafisici i cui pensieri si sono occupati quasi esclusivamente della contemplazione di se stessi individualmente o con problemi astratti, possono godere dei loro rispettivi cieli, ma è raro che una mente possa o meno escludere tutti gli esseri o altre menti dal suo mondo celeste.

Il paradiso in cui l'uomo abita dopo la morte è nella propria atmosfera mentale. Da ciò è stato circondato e in esso ha vissuto durante la sua vita fisica. L'uomo non è consapevole della sua atmosfera mentale, ma ne diventa consapevole dopo la morte, e quindi non come un'atmosfera, ma come un paradiso. Deve prima attraversare, crescere, la sua atmosfera psichica, cioè attraversare l'inferno, prima di poter entrare nel suo paradiso. Durante la vita fisica, i pensieri che costruiscono il suo paradiso dopo la morte rimangono nella sua atmosfera mentale. In larga misura, non sono vissuti. Il suo paradiso consiste nello sviluppo, nella vita e nella realizzazione di questi pensieri ideali; ma sempre, si ricordi, è nella sua atmosfera. Da questa atmosfera viene fornito il germe da cui è costruito il suo prossimo corpo fisico.

Ogni mente ha e vive nel suo paradiso individuale, come ogni mente vive nel suo corpo fisico e nelle sue atmosfere nel mondo fisico. Tutte le menti nei loro rispettivi cieli sono contenute nel mondo del grande cielo, così come gli uomini sono contenuti nel mondo fisico. La mente non si trova in cielo come gli uomini sono per posizione e località sulla terra, ma la mente è in quello stato per i suoi ideali e la qualità dei suoi pensieri. La mente può rinchiudersi nel proprio paradiso nel mondo del grande paradiso ed essere fuori dal contatto con altre menti di qualità o potere simili, allo stesso modo in cui un uomo si chiude dal mondo quando si assenta da tutta la società umana. Ogni mente può partecipare al paradiso di un'altra mente o con tutte le altre menti nella misura in cui i loro ideali sono uguali e nella misura in cui i loro pensieri sono in sintonia, allo stesso modo in cui gli uomini sulla terra di ideali affini sono riuniti e godono dell'associazione mentale attraverso il pensiero.

Il mondo del cielo è costruito e fatto di pensiero, ma solo di tali pensieri che contribuiranno alla felicità. Pensieri come: mi ha derubato, mi avrebbe ucciso, mi avrebbe calunniato, mi ha mentito o, sono geloso di lui, lo invidio, lo odio, non posso recitare in paradiso. Non si deve supporre che il paradiso sia un luogo o uno stato noioso perché costituito da cose così incerte e prive di sostanza come i propri pensieri. La principale felicità dell'uomo sulla terra, per quanto poco, proviene dal suo pensiero. I re dei soldi della terra non trovano felicità per i loro semplici accumuli d'oro, ma nel pensiero del loro possesso e del conseguente potere. Una donna non ottiene la sua scarsa misura di felicità dai molti pezzi di raffinatezza che sono usati nel trucco di un abito e dall'uso di quell'abito, ma la sua felicità deriva dal pensiero che la abbellisce e dal pensiero che comanderà l'ammirazione degli altri. La gioia di un artista non è nel prodotto del suo lavoro. È il pensiero che gli sta dietro che gli piace. Un insegnante non è soddisfatto solo dal fatto che gli studenti sono in grado di memorizzare formule difficili. La sua soddisfazione risiede nel pensiero che capiscono e applicheranno ciò che hanno memorizzato. La piccola felicità che l'uomo ottiene sulla terra, ottiene solo attraverso il suo pensiero, e non da alcun possesso fisico o successo. Sulla terra i pensieri sembrano essere immateriali e irreali e le proprietà sembrano molto reali. In cielo gli oggetti di senso sono scomparsi, ma i pensieri sono reali. In assenza di forme grossolane di senso e in presenza e realtà dei soggetti del pensiero, la mente è indicibilmente più felice della mente dell'uomo comune attraverso i suoi sensi mentre si trova sulla terra.

Tutti coloro che sono entrati nel nostro pensiero mentre erano sulla terra, o quelli con i quali il nostro pensiero era diretto al raggiungimento di un ideale, nel pensiero saranno presenti e aiuteranno a costruire il nostro paradiso. Quindi i propri amici non possono essere esclusi dal suo paradiso. Le relazioni possono essere continuate dalla mente nel suo mondo celeste, ma solo se la relazione è di natura ideale e non nella misura in cui è fisica e carnale. La fisicità non ha parte in paradiso. Non c'è pensiero del sesso o dell'azione del sesso in paradiso. Alcune menti mentre sono incarnate nei corpi fisici, invariabilmente associano il pensiero di "marito" o "moglie" ad atti sensuali, e può essere difficile per tali pensare a marito e moglie senza il pensiero della loro relazione fisica. Per gli altri non è difficile pensare a marito o moglie, come compagni impegnati nel lavoro verso un ideale comune o come soggetto di un amore altruistico e non sensuale. Quando la mente sensualmente inclinata si è separata dal suo corpo fisico ed è entrata nel suo mondo paradisiaco, anche questa non avrà il pensiero del sesso perché si sarà separata dal suo corpo carnale e dai suoi appetiti sensuali e sarà stata ripulita dal suo grossolano desideri.

La madre che sembra essere stata separata dalla morte dal suo bambino può incontrarlo di nuovo in cielo, ma poiché il cielo è diverso dalla terra, così la madre e il bambino saranno diversi in cielo da ciò che erano sulla terra. La madre che considerava suo figlio solo con un interesse egoistico e lo considerava come una sua proprietà personale, non desidera un figlio simile e non può averlo con sé in cielo, perché un tale pensiero egoistico di possesso fisico è estraneo ed è escluso dal cielo. La madre che incontra il suo bambino in cielo ha un diverso atteggiamento mentale nei confronti dell'essere a cui è diretto il suo pensiero, rispetto alla madre egoista nei confronti del suo bambino fisico, mentre è nel mondo fisico. I pensieri dominanti della madre altruista sono di amore, disponibilità e protezione. Tali pensieri non vengono distrutti né ostacolati dalla morte, e la madre che aveva tali pensieri per suo figlio mentre era sulla terra continuerà ad averli in paradiso.

Nessuna mente umana è limitata o racchiusa nel suo corpo fisico e ogni mente umana incarnata ha il proprio padre in cielo. Quella mente che ha lasciato la vita sulla terra ed è entrato nel suo cielo, e i cui pensieri migliori erano diretti o interessati a quelli che conosceva sulla terra, possono influenzare le menti di quelli sulla terra se le menti sulla terra raggiungono abbastanza in alto nel pensiero.

Il pensiero del bambino che la madre porta con sé in cielo non ha forma e dimensioni. Nella vita fisica conosceva suo figlio come un bambino, come un bambino a scuola, e più tardi forse come padre o madre. Durante tutta la carriera del suo corpo fisico il pensiero ideale di suo figlio non è cambiato. In cielo, il pensiero della madre di suo figlio non include il suo corpo fisico. Il suo pensiero è solo l'ideale.

Ognuno incontrerà i suoi amici in cielo nella misura in cui conosce quegli amici sulla terra. Sulla terra il suo amico può avere un ago o un occhio di luna, un naso di un bottone o di una bottiglia, una bocca come una ciliegia o una scogliera, un mento a forma di piatto o di scatola, una testa a forma di pera o una testa come un proiettile, una faccia come un ascia di guerra o una zucca. La sua forma potrebbe essere per altri come quella di un Apollo o di un satiro. Questi sono spesso travestimenti e la maschera che i suoi amici indossano sulla terra. Ma questi travestimenti saranno trafitti se conosce il suo amico. Se vedrà il suo amico attraverso i travestimenti sulla terra, lo conoscerà nel mondo del cielo senza quei travestimenti.

Non è ragionevole aspettarsi che dovremmo vedere o avere cose in cielo come le abbiamo sulla terra, o sentire che il paradiso sarebbe indesiderabile se non potessimo averle così. L'uomo raramente vede le cose come sono, ma come pensa che siano. Non capisce il valore dei suoi beni per lui. Gli oggetti come cose in se stessi sono della terra e sono percepiti attraverso i suoi organi fisici di senso. Solo i pensieri di questi oggetti possono essere portati in paradiso e solo tali pensieri possono entrare in paradiso in quanto contribuiranno alla felicità della mente. Pertanto la stessa mente che era il pensatore nel corpo sulla terra non subirà alcuna perdita rinunciando a ciò che non può contribuire alla sua felicità. Coloro che amiamo sulla terra e che amiamo ciò che è necessario alla nostra felicità, non soffriranno perché i loro difetti e vizi non sono portati con noi nel pensiero al cielo. Li apprezzeremo più veramente quando potremo pensarli senza i loro difetti e quando li considereremo come ideali. Le colpe dei nostri amici si scontrano con le nostre colpe sulla terra e la felicità dell'amicizia è rovinata e offuscata. Ma l'amicizia senza imperfezioni si realizza meglio nel mondo dei cieli, e li conosciamo più veramente come sono che quando appaiono con le scorie della terra.

Non è impossibile per la mente in cielo comunicare con uno sulla terra, né per quello sulla terra comunicare con uno in cielo. Ma tale comunicazione non viene effettuata per mezzo di alcuna produzione di fenomeni psichici, né proviene da fonti spiritiche né da ciò che gli spiritisti chiamano il loro "mondo spirituale" o "la terra d'estate". Le menti in cielo non sono gli "spiriti" di cui parlano gli spiritisti. Il mondo paradisiaco della mente non è il mondo spirituale o la terra estiva dello spiritista. La mente nei suoi cieli non entra né parla attraverso le terre estive, né la mente nei cieli si manifesta in modo fenomenale a uno spiritista o ai suoi amici sulla terra. Se la mente in cielo è entrata nelle terre estive o è apparsa a uno spiritista o si è manifestata in forma fisica e si è stretta la mano e ha parlato con i suoi amici in un corpo fisico, allora quella mente deve essere consapevole della terra e della carne e dei dolori, delle afflizioni o delle imperfezioni di coloro con cui comunicava, e il contrasto di questi avrebbe interrotto e disturbato la sua felicità e il cielo sarebbe finito per quella mente. Mentre la mente è in paradiso, la sua felicità non sarà interrotta; non sarà a conoscenza di alcuno dei vizi, delle colpe o delle sofferenze di quelli sulla terra e non lascerà il suo paradiso fino a quando il suo periodo di paradiso non sarà terminato.

La mente in cielo può comunicare con una persona sulla terra solo attraverso il pensiero e il pensiero e tale pensiero e comunicazione saranno sempre per la nobiltà e il bene, ma non consigliare mai alla terra come guadagnarsi da vivere, o come soddisfare il suo desiderio o per dare il semplice conforto della compagnia. Quando una mente in cielo comunica con una sulla terra, di solito è attraverso il pensiero impersonale che suggerisce qualche buona azione. È possibile, tuttavia, che il suggerimento possa essere accompagnato dal pensiero dell'amico che è nei cieli, se ciò che viene suggerito è associato al personaggio o a quello che era il suo lavoro sulla terra. Quando il pensiero di colui che è in cielo è compreso dalla mente sulla terra, il pensiero non potrà in alcun modo suggerire se stesso attraverso alcun fenomeno. La comunicazione avverrà attraverso il solo pensiero. In momenti di aspirazione e in condizioni adeguate, l'uomo sulla terra può comunicare il suo pensiero a uno in cielo. Ma tale pensiero non può avere alcuna contaminazione terrena e deve essere conforme all'ideale e correlarsi alla felicità della mente in cielo, e non ha alcuna relazione con la personalità del defunto. Quando la comunicazione tra la mente in cielo e la mente sulla terra viene portata avanti, la mente in cielo non penserà all'altro essere sulla terra, né l'uomo sulla terra penserà all'altro in cielo. La comunicazione può avvenire solo quando le menti sono in armonia tra loro, quando il luogo, la posizione, i possedimenti non influenzano il pensiero e quando il pensiero è della mente con la mente. Di ciò la persona comune non concepisce. Se si tiene tale comunione, il tempo e il luogo non appaiono. Quando si tiene tale comunione, la mente in cielo non scende sulla terra, né l'uomo sale al cielo. Tale comunione di pensiero è attraverso la mente superiore di quella sulla terra.

A causa della differenza di ideali e della qualità o del potere dei pensieri e delle aspirazioni degli uomini, il paradiso non è lo stesso per tutti coloro che vi si recano. Ognuno entra e percepisce e apprezza come il compimento di ciò che desiderava per la sua felicità. La differenza nei pensieri e negli ideali degli uomini ha dato origine alle rappresentazioni della numerazione e della classificazione dei diversi cieli di cui l'uomo gode dopo la morte.

Ci sono tanti cieli quante sono le menti. Eppure tutti sono all'interno di un mondo paradisiaco. Ognuno vive nel suo paradiso in felicità senza interferire in alcun modo con la felicità degli altri. Questa felicità può, se misurata, nel tempo e in termini di esperienza della terra, sembrare un'eternità senza fine. In termini reali della terra potrebbe essere molto breve. Per chi è nei cieli il periodo sarà un'eternità, che è un ciclo completo di esperienza o pensiero. Ma il periodo finirà, anche se la fine non sembrerà a chi è in paradiso la fine della sua felicità. L'inizio del suo paradiso non sembrava essere improvviso o inaspettato. Fine e inizio in paradiso si incontrano, significano completamento o realizzazione e non causano né rimpianto né sorpresa poiché queste parole sono comprese sulla terra.

Il periodo del cielo, determinato dai pensieri e dalle opere ideali prima della morte, non è lungo o breve, ma è completo e termina quando la mente si è riposata dalle sue fatiche e ha esaurito e assimilato i suoi pensieri ideali che non aveva realizzato sulla terra, e da questa assimilazione viene rafforzato e rinfrescato dall'essere sollevato e dimenticando le preoccupazioni, le ansie e le sofferenze che aveva sperimentato sulla terra. Ma nel mondo del cielo la mente non acquisisce più conoscenza di quella che aveva sulla terra. La Terra è il campo di battaglia delle sue lotte e la scuola in cui acquisisce conoscenza, e sulla terra deve ritornare la mente per completare la sua formazione e istruzione.

L'editoriale nel numero di gennaio riguarderà Heaven on Earth.