La fondazione di parole

La mente dell'uomo è l'umano, il desiderio è il diavolo.

Il desiderio di sesso e il desiderio di potere creano l'inferno.

L'inferno ha il dominio nel mondo fisico, la bilancia, il sesso e, nel mondo psichico, la Vergine Scorpione, il desiderio di forma.

—Lo zodiaco

IL

PAROLA

Vol 12 NOVEMBRE, 1910. No. 2

Copyright, 1910, di HW PERCIVAL.

INFERNO.

NESSUNA parola ha antagonizzato e aggravato, turbato e spaventato, turbato e sofferto la mente umana più del pensiero e della parola inferno. Quasi tutti lo conoscono, molti non possono parlare senza di esso, alcuni rimuginano su di esso, ma, al di fuori di una chiesa e del confessionale, pochi ci pensano abbastanza a lungo senza pregiudizio per scoprire dove si trova, che cosa è e se è , perché lo è.

Il pensiero dell'inferno è postulato da tutti i sistemi religiosi ed è espresso da una parola data al popolo dai teologi di quella religione. Perfino le tribù selvagge intrattengono il pensiero dell'inferno; sebbene non abbiano una religione stabilita, non vedono l'ora di trovare un posto o una condizione che viene espressa nella loro mente da una parola che sta per inferno.

Il pensiero dell'inferno ci viene più in particolare da fonti ebraiche, greche e latine; da parole come gehenna, sheol, tartaros, hades. I teologi cristiani sono tornati alle antiche nozioni e hanno rivitalizzato, ampliato, dipinto, abbellito, quei vecchi significati in figure e scenari grotteschi, come suggerito dalle esigenze della religione e dai motivi che li hanno spinti. Quindi l'inferno è stato descritto come un luogo in cui chi entra subisce sofferenza, tormento e tortura di vari gradi di intensità e durata.

Si dice che l'inferno sia da qualche parte fuori dal mondo. Si dice che sia al centro della terra; e ancora, nelle parti inferiori della terra, e, per essere situato sotto di noi. Si parla in termini di buca, tomba, fossa o distruzione, fossa senza fondo, terra delle ombre, luogo o regione invisibile, dimora dei malvagi. Si dice che sia una cavità, una cavità, una casa di lavoro, una prigione, un luogo di contenimento doloroso, un luogo coperto o nascosto, un luogo di tormento, un fiume o un lago di fuoco, un luogo di spiriti disincarnati. Si dice anche che sia profondo, oscuro, tutto divorante, insaziabile, senza rimorsi e di tormento senza fine. È descritto come un luogo in cui il fuoco e lo zolfo bruciano incessantemente e dove il verme rosicchia e non è mai soddisfatto.

L'inferno teologico è stato usato per imprimere nelle menti delle persone l'urgente necessità per loro di ottenere la religione e quindi sfuggire all'inferno. Ma non accontentandosi di dare esempi sorprendenti alle persone adulte, i teologi si sono impegnati con impegno nel descrivere ai bambini piccoli alcune delle istituzioni dell'inferno. Scrivendo su alcuni degli inferni del Brahmanismo, Monier Williams li confronta favorevolmente con l'inferno cristiano e cita un libro cattolico romano per bambini scritto dal Rev. J. Furniss. Il reverendo padre, nella sua descrizione, è arrivato fino al quarto sotterraneo che è un bollitore in ebollizione. "Ascolta", dice, "c'è un suono simile a quello di un bollitore che bolle. Il sangue bolle nel cervello bruciato di quel ragazzo; il cervello bolle e ribolle nella sua testa; il midollo gli bolle nelle ossa. "Continua," La quinta prigione è il forno rovente in cui è un bambino piccolo. Ascolta come urla per uscire; guarda come gira e si torce nel fuoco; batte la testa contro il tetto del forno. " Questo libro è stato scritto a beneficio dei bambini da un padre della chiesa cattolica romana.

Monier Williams si riferisce a un altro autore che offre una visione ampia e generale della fine del mondo e del destino dei malvagi. Scrive: “Il mondo sarà probabilmente convertito in un grande lago o in un liquido globo di fuoco, in cui i malvagi saranno sopraffatti, che saranno sempre in tempesta, in cui saranno lanciati avanti e indietro, senza giorno di riposo né notte . . le loro teste, i loro occhi, le loro lingue, le loro mani, i loro piedi, i loro lombi e i loro organi vitali saranno per sempre pieni di fuoco splendente e fondente, abbastanza feroce da fondere le stesse rocce ed elementi. "

Tornando ai particolari, Monier Williams cita il sermone di un celebre predicatore, che dice al suo pubblico cosa potrebbero anticipare come il loro destino, a meno che non entrino in quella religione come la loro unica arca di sicurezza. “Quando credi che la tua anima sarà tormentata da sola; sarà un inferno per questo; ma nel Giorno del Giudizio il tuo corpo si unirà alla tua anima e tu avrai due inferni gemelli; il tuo corpo suda le gocce di sangue e la tua anima soffusa di agonia. In un fuoco feroce, esattamente come quello che abbiamo sulla terra, il tuo corpo sarà, come l'amianto, per sempre privo di consensi; tutte le tue vene percorrono le strade per i piedi del dolore; ogni nervo è una corda su cui il diavolo suonerà per sempre la sua diabolica melodia del lamento indicibile dell'inferno. "

Questa è una descrizione brillante e stimolante in tempi relativamente moderni. Ma man mano che le menti diventano più illuminate, argomenti così pittoreschi perdono peso, e quindi questi tipi di inferni passano di moda. In effetti, con il numero sempre crescente di nuovi culti, la credenza alla moda ora sta diventando: non c'è inferno. Quindi il pendolo oscilla da un estremo all'altro.

Secondo i tipi di menti che entrano nei corpi fisici, le credenze dell'uomo dentro, contro o sull'inferno sono cambiate e cambieranno di volta in volta. Ma c'è ciò che ha dato e provoca ancora opinioni e credenze sull'inferno. L'inferno potrebbe non essere quello che è stato dipinto. Ma se non c'è inferno adesso, allora non c'è mai stato un inferno, e tutte le grandi menti che hanno lottato con l'argomento hanno lottato con qualcosa che non esisteva, e gli innumerevoli milioni del passato che hanno vissuto e hanno pensato all'inferno hanno non vedevano l'ora e si preoccupavano per qualcosa che non è né lo è mai stato.

Una dottrina che è condivisa da tutte le religioni contiene qualcosa al suo interno che è vero, e ciò che l'uomo dovrebbe imparare. Quando le figure e gli affreschi vengono messi da parte, si scopre che gli elementi essenziali dell'insegnamento sono veri.

I due elementi essenziali della dottrina sono, in primo luogo, la sofferenza; a seguito di, secondo, azione sbagliata. C'è qualcosa nell'uomo che si chiama coscienza. La coscienza dice all'uomo quando non fare del male. Se l'uomo disobbedisce alla coscienza, sbaglia. Quando sbaglia, soffre. La sua sofferenza è proporzionata al fatto sbagliato; sarà immediato o differito come determinato dalle cause che hanno portato all'azione. La conoscenza intrinseca dell'uomo del giusto dal male, insieme alla sofferenza che ha sperimentato, sono i due fatti alla base della sua fede nell'inferno. Questi gli fanno accettare l'inferno dottrinale del teologo, che è progettato, costruito e installato con gli arredi, gli strumenti e il combustibile, necessari per il lavoro in corso.

Dal complesso sistema religioso alla semplice fede di una razza non coltivata, ognuno progetta e fissa un inferno come luogo e con le cose che sono idonee a causare il più grande disagio e dolore agli abitanti dell'inferno. Nei paesi tropicali la religione nativa fornisce un inferno caldo. Le persone che vivono a temperature polari hanno un inferno freddo. Nella zona temperata le persone hanno inferni caldi e freddi. Alcune religioni variano il numero. Alcune religioni forniscono ventotto o più inferni con sottodivisioni e dipartimenti in modo da avere alloggi adatti alle esigenze di tutti.

Le antiche religioni fornivano inferni per quelli della loro fede. Ognuna delle molte denominazioni della religione cristiana fornisce un inferno, non per quelli appartenenti alla sua denominazione e che credono nelle sue dottrine particolari, ma per altre confessioni cristiane, persone di altre religioni e coloro che non credono in nessuna religione. Dagli inferni di uno stato lieve e intermedio a quelli della più intensa e duratura agonia, si credono inferni di ogni tipo e grado.

Il principale fattore dell'inferno di una religione è il suo diavolo. Ogni religione ha il suo diavolo e ogni diavolo varia nella forma e nel servizio reso da altri diavoli. Il diavolo ha due scopi. Tenta e attira l'uomo a fare del male ed è sicuro di catturare l'uomo che lo fa. Al diavolo è concessa tutta la libertà che desidera nei suoi sforzi per tentare l'uomo, e se riesce nei suoi sforzi ottiene l'uomo come ricompensa.

Il fatto dietro la credenza nel diavolo è la presenza nell'uomo del desiderio e la sua influenza e potere sulla sua mente. Il desiderio nell'uomo è il suo tentatore. Se l'uomo cede al desiderio di un desiderio illegale - illegale come determinato dalla sua coscienza e dal suo standard morale - è incatenato da quel desiderio con la stessa sicurezza con cui si dice che il diavolo trattiene i suoi sudditi in schiavitù. Come molte forme di dolori e passioni sono associate al desiderio sfrenato, così ci sono molti diavoli, inferni e mezzi di sofferenza.

Le menti dei bambini, i creduloni e i timorosi sono state deformate e inadatte per le loro posizioni nella vita dalle diaboliche dottrine degli inferni teologici. Dio è stato bestemmiato e il diavolo è stato calunniato dagli esagerati, meschini o volgari esponenti della dottrina.

È sbagliato terrorizzare madri e bambini e spaventare le persone con temute dottrine sull'inferno. Ma è bene che tutti sappiano dell'inferno, dove, cosa e perché, e che cosa c'entra l'uomo. C'è molto di vero nelle affermazioni generali sugli inferni teologici, ma le dottrine e le loro variazioni sono state così scolorite, sconfinate, deformate, deformate, che la mente si oppone, ridicolizza, rifiuta di credere o ignora le dottrine.

L'inferno non è una punizione eterna, né per il corpo né per l'anima. L'inferno non è un luogo in cui prima o dopo il "giorno del giudizio" i cadaveri umani verranno risuscitati e gettati dove bruceranno per sempre e sempre senza essere mai consumati. L'inferno non è un luogo in cui i bambini o le anime dei bambini e dei non battezzati vanno e ricevono tormento dopo la morte. Né è un luogo in cui menti o anime ricevano punizioni di qualsiasi tipo perché non sono entrate nel seno di una chiesa o hanno accettato un credo particolare o articoli speciali di fede. L'inferno non è un luogo né una fossa, né un buco, né una prigione, né un lago di zolfo in fiamme in cui corpi o anime umani vengono scaricati dopo la morte. L'inferno non è un luogo per la comodità o l'eliminazione di un dio arrabbiato o amorevole e al quale condanna coloro che disobbediscono ai suoi comandi. Nessuna chiesa ha il monopolio dell'inferno. L'inferno non è a beneficio di nessuna chiesa o religione.

L'inferno ha il dominio in due mondi; il mondo fisico e il mondo astrale o psichico. Diverse fasi delle dottrine dell'inferno si applicano a uno o entrambi i due mondi. L'inferno può essere inserito e vissuto nel mondo fisico e l'esperienza può essere estesa al mondo astrale o psichico durante la vita fisica o dopo la morte. Ma questo non deve e non deve causare alcun terrore né paura. È naturale e sequenziale come la vita e la crescita nel mondo fisico. Il dominio dell'inferno nel mondo fisico può essere compreso da qualsiasi mente che non sia abbastanza deformata né troppo noiosa per impedirne la comprensione. Il dominio dell'inferno nel mondo psichico o astrale può anche essere compreso da uno che non insiste sul fatto che non esiste un mondo astrale o psichico e uno che non crede che la morte finisca tutto e che non ci sia stato futuro dopo la morte.

Ad ogni uomo verrà a volte dimostrato l'esistenza di quel qualcosa che è espresso dalla parola inferno. La vita nel mondo fisico lo dimostrerà a tutti gli uomini. Quando l'uomo entra nel mondo psichico la sua esperienza fornirà un'altra prova. Tuttavia, non è necessario che l'uomo aspetti dopo la morte per sperimentare un inferno astrale o psichico. Quell'esperienza può essere vissuta vivendo nel suo corpo fisico. Sebbene il mondo psichico possa essere un'esperienza dopo la morte, non può esserci affrontato in modo intelligente. Può essere conosciuto e trattato in modo intelligente mentre l'uomo vive in un corpo fisico e prima della morte.

L'inferno non è fisso né permanente. Cambia in qualità e quantità. L'uomo può toccare i confini dell'inferno o esplorare i misteri delle sue profondità. Rimarrà ignorante o imparerà dalle sue esperienze in base alla debolezza o allo sforzo e alla capacità della sua mente e in base alla sua volontà di sostenere i test e ammettere i fatti secondo le sue scoperte.

Sembra che ci siano due tipi di inferno nel mondo fisico. C'è il proprio inferno personale, che ha il suo posto nel suo corpo fisico. Quando l'inferno nel proprio corpo diventa attivo, produce i dolori con cui la maggior parte delle persone ha familiarità. Poi c'è l'inferno generale o della comunità, e in cui ogni persona ha una parte. L'inferno non viene subito scoperto e, se lo è, viene percepito debolmente e come un intero individuo. Non si vedono contorni netti.

Man mano che l'uomo continua a esplorare, scoprirà che "il diavolo e i suoi angeli" possono assumere - sebbene non una forma fisica. Il diavolo del proprio inferno personale è il desiderio dominante e dominante. Gli angeli dei diavoli, o i piccoli diavoli, sono gli appetiti, le passioni, i vizi e le passioni minori che obbediscono e servono il loro desiderio principale, il diavolo. Il desiderio principale viene rafforzato e intronizzato dal suo esercito di piccoli diavoli, i desideri, e gli viene dato potere e gli viene concesso il dominio dalla mente. Mentre gli viene dato o concesso il dominio, il diavolo non viene percepito e l'inferno rimane un regno sconosciuto sebbene attivo. Mentre l'uomo obbedisce, fa la pipì o fa affari o cede ai suoi desideri e alle sue brame, il diavolo e l'inferno non sono noti.

Anche se l'uomo attraversa i suoi confini e sperimenta alcuni dei dolori riscontrati alla periferia del dominio, questi non sono noti al loro vero valore e sono considerati le sventure della vita. Quindi, vita dopo vita, l'uomo entra nel mondo fisico ed esplora i confini dell'inferno, e gode di alcuni piccoli piaceri e paga per loro il prezzo o la pena dell'inferno. Anche se può andare bene nel dominio, non può vedere e non sa che sia un inferno. Quindi l'inferno rimane invisibile e sconosciuto agli uomini. Le sofferenze dell'inferno seguono le indulgenze innaturali, illegali e stravaganti degli appetiti e dei desideri, come la ghiottoneria eccessiva, l'uso eccessivo di droghe e alcol e le variazioni e gli abusi della funzione sessuale. Ad ogni porta dell'inferno c'è un incentivo per entrare. L'incoraggiamento è la sensazione di piacere.

Finché l'uomo segue gli istinti e i desideri naturali, non saprà molto sull'inferno, ma vivrà una vita naturale con i suoi piaceri naturali e con un tocco occasionale di inferno. Ma la mente non sarà soddisfatta di lasciare inesplorata qualsiasi parte o stato dell'universo. Quindi nella sua ignoranza la mente in qualche momento va contro la legge e quando fa l'inferno si entra. La mente cerca il piacere e lo ottiene. Man mano che la mente continua a godere, cosa che deve fare attraverso gli organi dei sensi, si affievoliscono; perdono la ricettività e richiedono uno stimolo maggiore; quindi la mente è esortata da loro a rendere i piaceri sempre più intensi. Alla ricerca di più piacere e cercando di aumentare il piacere, va contro le leggi e alla fine riceve la giusta pena di sofferenza e dolore. È solo entrato nell'inferno. La mente può uscire dall'inferno dopo aver pagato la pena della sofferenza derivante dall'atto illecito che l'ha causata. Ma la mente ignorante non è disposta a farlo e cerca di sfuggire alla pena. Per sfuggire alla sofferenza, la mente cerca come antidoto più piacere ed è trattenuta nelle forze dell'inferno. Quindi la mente di vita in vita si accumula, collegamento per collegamento, una catena di debiti. Questi sono forgiati da pensieri e azioni. Questa è la catena con cui è legato e con cui è trattenuto dal suo desiderio dominante, il diavolo. Tutti gli uomini pensanti hanno viaggiato un po 'nel dominio dell'inferno e alcuni sono andati bene nei suoi misteri. Ma pochi hanno imparato come o sono in grado di prendere osservazioni, quindi non sanno fino a che punto si trovano, né sanno in che direzione fare per uscire.

Che lo sappia o no, ogni uomo pensante che vive nel mondo fisico è all'inferno. Ma l'inferno non sarà veramente scoperto e il diavolo non gli sarà conosciuto con metodi naturali normali e facili. Per scoprire l'inferno e conoscere il diavolo si deve procedere a farlo in modo intelligente e bisogna essere pronti a prenderne le conseguenze. Le conseguenze sono nella sofferenza iniziale, che aumenta costantemente. Ma alla fine c'è la libertà. Non è necessario dire a nessuno che sta per trovare l'inferno e dominare il diavolo. Può e deve fare entrambe le cose mentre vive nel mondo.

Per trovare l'inferno e incontrare il diavolo si deve solo resistere, conquistare e controllare il suo desiderio dominante. Ma l'uomo spesso non sfida così il grande desiderio sottostante e dominante della sua natura. Questo grande desiderio si trova sullo sfondo, ma è il capo di tutti i suoi angeli, i piccoli diavoli, i desideri minori. L'uomo quindi, quando sfida il diavolo, incontra solo uno dei suoi capitani o dei suoi fratelli. Ma anche sfidare uno di questi è sufficiente per dare allo sfidante una grande battaglia.

Un'intera vita può essere occupata nel superare e controllare alcuni dei desideri minori. Combattendo e superando un particolare appetito, o rifiutando di essere dominato e lavorando per il raggiungimento di un'ambizione che è sbagliata, un uomo conquista uno degli angeli del suo diavolo. Tuttavia non incontra il grande diavolo. Il grande desiderio, il suo maestro-diavolo, rimane lontano sullo sfondo, ma gli si manifesta nei suoi due aspetti: sesso e potere; gli danno l'inferno, dopo il piacere. Questi due, sesso e potere, hanno la loro origine nei misteri della creazione. Conquistandoli e controllandoli in modo intelligente, si risolve il problema dell'esistenza e si trova la sua parte in esso.

Un deciso tentativo di superare il desiderio principale è una sfida e una convocazione del diavolo. Lo scopo del sesso è l'unità. Per conoscere l'unità non si deve essere superati dal desiderio del sesso. Il segreto e lo scopo del potere è il raggiungimento dell'intelligenza che aiuta tutti. Per essere intelligenti in questo modo, bisogna superare e diventare immuni dal desiderio di potere. Chi è controllato dal desiderio sessuale o che ha desiderio di potere non può sapere quale sia l'unità né quale sia quell'intelligenza utile. Dalla sua esperienza attraverso molte vite, la mente cerca lo sviluppo, attraverso processi intellettuali o aspirazioni alla divinità o da entrambi. Mentre la mente continua a progredire nel suo sviluppo, incontra molte difficoltà e deve mettere o soggiogare molte delle attrattive dei sensi e molte delle attrazioni della mente. La crescita e lo sviluppo continui della mente inducono inevitabilmente a impegnarsi nella grande lotta con il diavolo, nella lotta con il sesso e, successivamente, nella sottomissione finale del diavolo dal superamento del desiderio di potere.

Mistici e saggi hanno ritratto e descritto la mente impegnata nella lotta, attraverso ritratti o descrizioni come quella di Laocoonte, le fatiche di Ercole, il mito di Prometeo, la leggenda del vello d'oro, la storia di Ulisse, la leggenda di Elena di Troia.

Molti mistici sono entrati nell'inferno, ma pochi hanno superato e sottoposto il diavolo. Pochi sono disposti o in grado di continuare la lotta dopo il primo set-to e quindi, dopo essere stati contusi e sfregiati dal doppio pungolo del diavolo del desiderio di sesso e desiderio di potere, hanno ceduto, abbandonato la lotta, sono stati picchiati e sono rimasti soggetti ai loro desideri. Durante la lotta, hanno sofferto tanto del pungolo quanto erano disposti a resistere. Dopo aver ceduto, molti hanno pensato di aver vinto per il resto dopo il combattimento e per alcuni successi che seguono come ricompensa per la sottomissione dopo il combattimento. Alcuni si sono condannati come sognatori oziosi e sciocchi per essersi impegnati in un'impresa ridicola o impossibile. Non ci sono segni esteriori di successo quando uno ha combattuto e vinto il suo diavolo e ha attraversato l'inferno. Lo sa e tutti i dettagli sono connessi ad esso.

Il tipo o grado di inferno più grave, è la sofferenza o il tormento attraverso il corpo fisico. Quando il corpo fisico è in salute e conforto, non vi è alcun pensiero né suggerimento di un inferno. Questa zona di salute e benessere viene lasciata quando le funzioni del corpo sono disordinate, vengono inflitte lesioni al corpo o quando le voglie naturali del corpo non sono soddisfatte. L'unico tipo di inferno fisico che l'uomo può sperimentare è vissuto mentre vive in questo mondo fisico. L'uomo sperimenta l'inferno fisico a causa della fame e del dolore. Quando il cibo è necessario per la fame del corpo inizia e la fame diventa più intensa man mano che al corpo viene rifiutato il cibo. Un corpo forte e sano è più suscettibile alle fitte della fame di uno già emaciato e sfinito. Quando al cibo viene negato il corpo e il corpo grida cibo, la mente viene colpita e intensifica la fame pensando al cibo che non ha. Mentre la mente continua a pensare che la sofferenza del corpo si intensifichi, e giorno dopo giorno il corpo diventa più scarno e selvaggio. La fame diventa fame. Il corpo diventa freddo o febbrile, la lingua riarsa fino a quando il corpo diventa uno scheletro puro e per tutto il tempo la mente rende la sofferenza del corpo più intensa pensando ai desideri del corpo. Chi produce sofferenza attraverso il digiuno volontario non sperimenta quindi l'inferno se non nella sua fase più mite, perché il digiuno è volontario e per qualche scopo e inteso dalla mente. Nel digiuno volontario la mente non intensifica la fame lasciando il posto al desiderio di cibo. Resiste al pensiero e incoraggia il corpo a resistere per il periodo previsto, e di solito la mente dice al corpo che dovrà avere cibo quando il digiuno è finito. Questo è abbastanza diverso dall'inferno sopportato dalla fame involontaria.

La persona sana non inizia a capire cosa diavolo sia il dolore fisico fino a quando non ha avuto una tale esperienza come un mal di denti che salta. Se ha un occhio calibrato, le mascelle si schiacciano, il respiro diventa difficile; se cade in una vasca di acido bollente o perde il cuoio capelluto, o se ha un cancro alimentare alla gola, tutti i casi di sofferenze causate dai cosiddetti incidenti e di cui i giornali sono pieni, qualsiasi esperienza del genere ne metterà l'inferno . L'intensità del suo inferno dipenderà dalla sua sensibilità e dalla sua capacità di soffrire, nonché dall'intensificarsi della sofferenza del corpo da parte di una mente inorridita e apprensiva, come nel caso delle vittime dell'inquisizione spagnola. Coloro che lo vedranno non conosceranno il suo inferno, sebbene possano simpatizzare e fare per lui ciò che possono. Per apprezzare il suo inferno bisogna essere in grado di mettersi al posto del malato senza essere sopraffatto dal dolore. Dopo che è finito, colui che ha sofferto un tale inferno può dimenticarlo, o avere un ricordo sognante solo di esso.

Non esiste cosa o stato dopo la morte come l'inferno del teologo, a meno che l'architetto-decoratore non sia in grado di portare con sé i quadri che ha dipinto durante la sua vita fisica. Questo è difficilmente probabile; ma anche se in grado, altri che lui non li sperimenterebbe. Gli inferni delle immagini esistono solo per chi li ha dipinti.

La morte è naturale come la nascita. Gli stati dopo la morte sono naturali e sequenziali come gli stadi consecutivi di crescita nel corpo fisico. La differenza è che, dall'infanzia alla piena virilità, c'è un raggruppamento, un incontro, di tutti i componenti del trucco dell'uomo; mentre, alla morte o dopo la morte, c'è un graduale rimpiazzo da parte della mente di tutte le parti grossolane e sensoriali, e un ritorno a un'innocenza ideale nativa.

La mente che si aggrappa più appassionatamente alle sensazioni carnali e ne gode la più grande gioia avrà l'inferno più severo. Il suo inferno sta nella separazione della mente dal desiderio e dalla sensazione, negli stati dopo la morte. L'inferno termina quando la mente si separa dai desideri sensuali che vi si aggrappano. Alla morte c'è a volte, ma non sempre, una continuità di identità come la stessa persona di senso che nella vita fisica. Alcune menti dormono per un po 'dopo la morte. Le menti delle personalità che aderiscono al concetto di cui sono composte e dipendenti dai sensi hanno l'inferno più violento. L'inferno dopo la morte inizia non appena la mente è libera dal corpo fisico e cerca di dare espressione all'ideale dominante della sua vita passata. Il desiderio dominante della vita, rafforzato da tutti i desideri minori, rivendica l'attenzione della mente e cerca di costringere la mente ad ammettere e riconoscere fedeltà. Ma la mente non può, perché è di un regno diverso e cerca la libertà da quei desideri che non sono in linea con un ideale tenuto nella vita ma a cui non è stato in grado di dare piena espressione. L'inferno dura solo per il periodo richiesto dalla mente per liberarsi dai desideri che gli impediscono, la mente, di cercare il proprio regno. Il periodo può essere solo di un momento o può essere di lunga durata. Il periodo, la questione della durata dell'inferno, è quello che ha dato origine all'inferno eterno o senza fine del teologo. Il teologo stima che il periodo dell'inferno sia infinito, come un'estensione infinita della sua nozione di tempo nel mondo fisico. Il tempo fisico, o il tempo del mondo fisico, non esiste in nessuno degli stati dopo la morte. Ogni stato ha la sua misura del tempo. In base all'intensità della sensazione, un'eternità o un periodo di immensa durata possono sembrare attirati in un momento o un momento può essere esteso a un'eternità. Per una mente comprensiva di azione rapida, l'eternità dell'inferno può essere un'esperienza di un momento. Una mente noiosa e stupida può richiedere un lungo periodo di inferno. Il tempo è un mistero più grande dell'inferno.

Ogni mente è la sola responsabile del suo lungo o breve inferno dopo la morte e della vita. Durante il periodo successivo alla morte e prima che possa andare oltre l'inferno, la mente deve incontrarsi e superare il diavolo. In proporzione alla forza della mente e alla definizione del pensiero, il diavolo prenderà forma e sarà percepito dalla mente. Ma il diavolo non può prendere forma se la mente non è in grado di dargli forma. Il diavolo non appare lo stesso nella forma di tutte le menti. Ogni mente ha il suo diavolo. Ogni diavolo è abbastanza abbinato in qualità e potere alla rispettiva mente. Il diavolo è il desiderio che ha dominato tutti i desideri della vita appena conclusa, e la sua forma è una forma composita composta da tutti i pensieri terreni e carnali di quella vita. Non appena il diavolo viene percepito dalla mente, c'è una battaglia.

La battaglia non è di forconi, tuoni e fulmini, fuoco e zolfo, contro corpo e anima. La lotta è tra mente e desiderio. La mente accusa il diavolo e il diavolo accusa la mente. La mente comanda al diavolo di andare e il diavolo rifiuta. La mente fornisce una ragione, il diavolo risponde mostrando un desiderio che la mente aveva sanzionato durante la vita fisica. Ogni desiderio e azione fatti o acconsentiti dalla mente durante la vita sono insinuati e impressi sulla mente. I desideri causano tormento. Questa sofferenza è il fuoco infernale, lo zolfo e il tormento che è stato attorcigliato dal teologo nei suoi inferni teologici. Il diavolo è il desiderio principale di una vita, modellato nella forma. Le molte forme che le diverse chiese hanno dato ai loro diavoli sono dovute alla varietà di diavoli e desideri, date forme dopo la morte da così tante menti individuali.

Alcune religioni del nostro tempo non sono così premurose come quelle antiche. Alcune delle antiche religioni permettevano alla mente di uscire dall'inferno per poter godere della sua ricompensa per il bene che aveva fatto durante la vita fisica. Una denominazione della religione cristiana trattiene il suo diavolo e lascia che l'uomo esca dall'inferno, se i suoi amici pagheranno la sua multa e consigli alla chiesa. Ma nessun caso sarà preso per nessun uomo che non fosse abbastanza furbo da entrare in quella chiesa prima di morire. Deve rimanere sempre all'inferno, e il diavolo può fare con lui come vuole, così dicono. Altre denominazioni riducono i loro redditi essendo più rigide nelle loro decisioni. Non c'è modo di fare affari o di uscire dal loro inferno. Se entri devi rimanere. Se entri o tieni fuori dipende dal fatto che non credi o credi nel credo di ciascuna di queste chiese.

Ma qualunque cosa le chiese possano dire, il fatto è che dopo il diavolo, il desiderio nella forma, ha mostrato e accusato la mente di tutti i torti che ha fatto durante la vita, e dopo che la mente ha subito i tormenti causati dai desideri ardenti, allora il diavolo non può più trattenere la mente, la mente si separa e c'è la fine di quell'inferno. La mente procede per godersi il periodo di riposo o per sognare attraverso i suoi ideali, propedeutici al suo ritorno nel mondo fisico per iniziare un altro periodo di scolarizzazione nella sua classe di vita. Il diavolo rimane nel suo stato di desiderio per un po ', ma quello stato non è quindi l'inferno per il desiderio. Non avendo idea, il diavolo non è in grado di continuare come una forma e così viene gradualmente risolto nelle particolari forze del desiderio di cui è stato costituito. Questa è la fine di quel particolare diavolo.

L'inferno e il diavolo non dovrebbero essere pensati con paura e tremore. L'inferno e il diavolo dovrebbero essere pensati da tutti coloro che possono pensare e che hanno un interesse per la sua origine e il suo futuro. È un bugaboo per coloro che soffrono ancora di una svolta data la loro mente dalla formazione iniziale. Potremmo essere sicuri che se l'inferno e il diavolo esistono non potremo sfuggirli cercando di scappare e rimanere ignoranti. Più uno sa del diavolo e dell'inferno, meno ha paura di loro. Ignorali se per favore, ma continueranno finché non li conosciamo e li elimineremo.

Ma perché la mente dovrebbe soffrire l'inferno, e qual è lo scopo? La mente soffre l'inferno perché non ha raggiunto la padronanza di se stessa, perché le sue facoltà non sono sviluppate, coordinate e adattate l'una all'altra, perché c'è in essa ciò che è ignorante, che è contro l'ordine e l'armonia, che è attratto da sensazione. La mente sarà soggetta all'inferno fino a quando non svilupperà e adeguerà le sue facoltà, sostituirà l'ignoranza con la conoscenza e raggiungerà la padronanza su se stessa.

Lo scopo del mondo e del desiderio, il diavolo, è di esercitare ed educare la mente fornendole esperienze attraverso la sensazione, che possa distinguere tra l'azione delle proprie facoltà e i risultati della sensazione, e quello dal superamento della resistenza offerte dal desiderio si sviluppano le facoltà della mente, e così la mente arriva finalmente a una comprensione e padronanza di se stessa e da una padronanza di se stessa, alla conoscenza di se stessa e alla libertà. Senza esperienza, nessuna sensazione; senza sensazione, nessuna sofferenza; senza sofferenza, nessuna resistenza e senza resistenza nessuna padronanza di sé; senza padronanza, nessuna conoscenza; senza conoscenza, nessuna libertà.

L'inferno è fornito alla mente dal desiderio, che è una forza animale cieca e ignorante e che brama il contatto della mente, perché la sua espressione attraverso la sensazione può essere intensificata solo dalla mente. Il desiderio si diletta tanto nel dolore quanto nel piacere, perché fornisce la sensazione e la sensazione è la sua delizia. La sensazione non delizia la mente, la mente superiore, non incarnata.

L'inferno è il campo di battaglia della mente e del desiderio. L'inferno e il desiderio non sono della natura della mente. Se la mente fosse della natura del desiderio, il desiderio non darebbe l'inferno o la sofferenza alla mente. La mente sperimenta l'inferno perché è diversa e non è la stessa in natura di quella di cui è fatto l'inferno. Ma soffre perché ha preso parte all'azione che ha portato all'inferno. La sofferenza della mente dura per tutto il periodo necessario per separarsi da ciò che è diverso nel suo genere. Nel liberarsi dal desiderio e dall'inferno dopo la morte non trova la libertà per sempre.

Il motivo per cui la mente deve contattare e lavorare con il desiderio, che è diverso e non è, è che in una delle facoltà della mente esiste una qualità che è della natura del desiderio. Questa qualità è la facoltà oscura della mente. La facoltà oscura della mente è quella nella e della mente da cui il desiderio attira la mente. La facoltà oscura è la facoltà più indisciplinata della mente e quella che rende possibile la sofferenza alla mente. La mente è attratta dal desiderio a causa della facoltà oscura della mente. La vita sensuale e sensuale nei corpi fisici e il principio universale del desiderio hanno potere sulla mente. Quando la mente conquista e controlla la sua oscura facoltà, il desiderio non avrà alcun potere sulla mente, il diavolo sarà domato e la mente non subirà più l'inferno, perché non c'è nulla in essa che i fuochi dell'inferno possano bruciare.

La libertà dall'inferno, o il diavolo, o la sofferenza, può essere raggiunta solo mentre si è nel corpo fisico. L'inferno e il diavolo sono sopraffatti dalla mente dopo la morte, ma solo temporaneamente. La battaglia finale deve essere decisa prima della morte. Fino a quando la battaglia finale non è stata combattuta e vinta, la mente non può conoscere se stessa come un essere continuamente consapevole della libertà. Ogni mente in qualche vita fisica si impegnerà nella sua lotta per la libertà. Potrebbe non uscirne vittorioso in quella vita, ma la conoscenza acquisita attraverso la sua esperienza di combattimento aumenterà la sua forza e la renderà più adatta alla lotta finale. Con uno sforzo continuo ci sarà inevitabilmente un combattimento finale e vincerà in quel combattimento.

Il desiderio o il diavolo non sollecitano mai la lotta finale. Quando la mente è pronta, inizia. Non appena la mente resiste a essere spinta dal desiderio e rifiuta di cedere a qualsiasi desiderio a cui intrinsecamente sa di non cedere, allora entra nell'inferno. L'inferno è uno stato di sofferenza della mente nel suo sforzo di superare la propria ignoranza, per acquisire padronanza di sé e conoscenza. Mentre la mente mantiene la propria posizione e non cede, il diavolo diventa più attivo e usa il suo pungolo e i fuochi dell'inferno bruciano più ardentemente. Ma a meno che la lotta non venga completamente abbandonata, i fuochi vengono riaccesi dal rimorso, dal rimpianto e dall'agonia della mente per il suo cedimento e il suo apparente fallimento. Mentre rinnova la lotta o continua a resistere, tutti i sensi sono tassati al limite della tensione; ma non si romperanno. Tutte le astuzie, gli istinti e le insinuazioni derivanti dalle epoche del desiderio appariranno sul sentiero della mente nella sua "discesa" all'inferno. I fuochi dell'inferno aumenteranno di intensità man mano che la mente continua a resistere o a sollevarsi da essi. Mentre la mente rifiuta di gratificare o cedere il passo a ciascuna delle ambizioni che la attirano, e mentre si rifiuta di cedere al rosicchiare o al desiderio del sesso, il bruciore diventa sempre più intenso e quindi i fuochi sembrano spegnersi. Ma la sofferenza non è diminuita, poiché al suo posto provengono un vuoto e una sensazione di essere bruciati e un'assenza di luce, che è terrificante come il fuoco più caldo. Il mondo intero diventa un inferno. Le risate sono come una risata vuota o un gemito. Le persone possono sembrare maniaci o folli illusori che inseguono le loro ombre o si impegnano in giochi inutili e la propria vita sembra essersi prosciugata. Eppure, anche nel momento della più intensa agonia, la mente saprà che potrà resistere a tutte le prove, prove e tribolazioni di qualunque tipo, e che non potrà fallire, se non cederà, e che supererà se lo farà resistere.

Il diavolo da combattere non è nel corpo di nessun'altra donna o uomo. Il diavolo da combattere e superare è nel proprio corpo. Nessun'altra persona o corpo diverso dal proprio deve essere biasimato da chi ha sfidato il diavolo ed è entrato nell'inferno. Tale nozione è un trucco del diavolo, che quindi cerca di gettare la mente fuori dai binari e di impedire a chi combatte di vedere il vero diavolo. Quando uno incolpa un altro per quello che soffre, quello sicuramente non sta combattendo il vero combattimento. Mostra che sta cercando di scappare o proteggersi dal fuoco. Soffre di orgoglio ed egotismo, altrimenti la sua visione è troppo annebbiata e non può continuare la lotta, quindi scappa.

La mente saprà che se cede e lascia il posto alle seduzioni dei sensi o alla sua ambizione di potere, che in quella vita fisica non può diventare immortale e ottenere la libertà. Ma la mente che è pronta sa che se non cederà ai sensi o alle ambizioni, che in quella vita sottometterà il diavolo, spegnerà l'inferno, vincerà la morte, diventerà immortale e avrà libertà. Fintanto che la mente può soffrire l'inferno, non è opportuno essere immortali. Che nella mente o nella mente o con la mente che può soffrire di un fuoco infernale non può essere immortale e deve essere bruciato perché la mente sia consciamente immortale. L'inferno deve essere attraversato e i suoi fuochi devono bruciare fino a quando tutto è bruciato che può essere bruciato. Il lavoro può essere svolto solo dall'uomo volontariamente, coscientemente e intelligentemente e senza replicare. Non ci sono compromessi. L'inferno non fa cenno a nessuno ed è evitato dalla maggior parte degli uomini. Coloro che sono pronti per esso entreranno e lo supereranno.

Nel numero di dicembre, l'Editoriale riguarderà HEAVEN.