La fondazione di parole

IL

PAROLA

Vol 14 NOVEMBRE, 1911. No. 2

Copyright, 1911, di HW PERCIVAL.

SPERANZA E PAURA.

La SPERANZA si riposò alle porte del Cielo e guardò dentro i consigli degli dei.

"Entra, oh essere meraviglioso!" gridò l'ostia celeste e dicci chi sei e cosa vorresti da noi. ”

La speranza è entrata. L'aria intorno a lei era elettrizzata dalla leggerezza e dalla gioia prima sconosciuta in Paradiso. In lei, la bellezza fece segno, la fama protese la sua corona, il potere offrì il suo scettro e scorci di tutte le cose da desiderare si aprirono allo sguardo dell'immortale folla. Luce sovrana emessa dagli occhi della speranza. Respirava una fragranza rara su tutto. I suoi gesti hanno sollevato le maree della vita con un ritmo gioioso e delineato una miriade di forme di bellezza. La sua voce accarezzò i nervi, acuì i sensi, fece battere il cuore allegramente, diede nuovo potere alle parole, ed era musica più dolce di quella dei coristi celesti.

“Io, Hope, sono stato generato e nominato da Thought, tuo padre, e nutrito da Desiderio, Regina degli Inferi e sovrano delle regioni intermedie dell'universo. Ma sebbene sia stato così chiamato in essere dal nostro genitore immortale, sono preesistente, senza genitori ed eterno come il grande padre di tutti.

“Ho sussurrato al Creatore quando l'universo è stato concepito e mi ha respirato nel suo essere. All'incubazione dell'uovo universale, ho elettrizzato il germe e risvegliato le sue potenziali energie alla vita. Alla gestazione e alla modellistica dei mondi, ho cantato le misure della vita e ho assistito alla limitazione dei loro inseguimenti in forme. Con toni modulati della natura, inniò i nomi del loro Signore alla nascita degli esseri, ma non mi ascoltarono. Ho camminato con i figli della terra e in paure di gioia ho espresso le meraviglie e le glorie del Pensiero, il loro ceratore, ma non lo conoscevano. Ho mostrato un percorso luminoso verso il Cielo e ho tracciato la cadenza della via, ma i loro occhi non possono percepire la mia luce, le loro orecchie non sono in sintonia con la mia voce e, a meno che i fuochi immortali non scendano su di loro per accendere il combustibile che darò, il loro i cuori saranno altari vuoti, io sarò sconosciuto e non percepito da loro, e passeranno in quella mancanza di forma da cui sono stati chiamati, senza raggiungere quello per cui erano destinati dal Pensiero.

“Da quelli che mi hanno visto, non sono mai del tutto dimenticato. In me, figli del cielo, ecco tutte le cose! Con me puoi elevarti oltre le volte della tua sfera celeste e raggiungere altezze gloriose e inesplorate ancora non sognate. Ma non lasciarti ingannare da me, altrimenti perderai l'equilibrio, la disperazione e potresti cadere nei pozzi più bassi dell'Inferno. Eppure, all'inferno, in cielo o oltre, sarò con te se lo farai.

“Nei mondi manifestati, la mia missione è spronare tutti gli esseri verso i non raggiunti. Sono senza morte, ma le mie forme moriranno e riapparirò in forme sempre mutevoli fino a quando la razza umana non sarà gestita. Nei mondi manifestati più in basso sarò chiamato con molti nomi, ma pochi mi conosceranno come sono. I semplici mi loderanno come la loro stella zoppa e saranno guidati dalla mia luce. I dotti mi pronunceranno un'illusione e mi condanneranno per essere evitato. Rimarrò sconosciuto nei mondi inferiori a colui che non ha trovato in me il non manifesto. "

Avendo così rivolto agli dei affascinato, Hope fece una pausa. E loro, non ascoltando i suoi richiami, sorsero come una cosa sola.

"Vieni, l'essere più desiderato", esclamò ciascuno, "ti rivendico come mio."

"Aspetta", disse Hope. “Oh, figli del Creatore! eredi del cielo! colui che mi reclama solo per se stesso, mi conosce meno di me. Non essere troppo frettoloso. Lasciati guidare nella tua scelta da Reason, arbitro degli dei. La ragione mi dice: guarda come sono. Non confondermi con le forme in cui abito. Altrimenti sono condannato da te a vagare su e giù per i mondi e sarai auto-condannato a seguirmi e a camminare sulla terra con gioia e dolore in un'esperienza sempre ricorrente fino a quando non mi troverai nella purezza della luce e tornerai, redento con me in paradiso ".

“Parlo di conoscenza, beatitudine, assenza di morte, sacrificio, giustizia. Ma pochi di quelli che ascolteranno la mia voce capiranno. Mi tradurranno invece nel linguaggio dei loro cuori e in me cercheranno le forme di ricchezza mondana, felicità, fama, amore, potere. Tuttavia, per le cose che cercano le solleciterò; così che ottenere questi e non trovare ciò che cercano, avranno mai difficoltà. Quando falliranno, o sembreranno aver raggiunto di nuovo fallimenti, parlerò e ascolteranno la mia voce e ricominceranno la loro ricerca. E mai cercheranno e si sforzeranno finché non mi cercheranno per me stesso e non per i miei premi.

“Sii saggio, immortali! Heed Reason, o evocherai la mia sorella gemella, Paura, ancora sconosciuta a te. Nella sua spaventosa presenza c'è il potere di svuotare e fermare i tuoi cuori mentre mi nasconde dal tuo sguardo.

“Mi sono dichiarato. Amami. Non dimenticarmi. Eccomi. Prendimi come vuoi. "

Il desiderio si svegliò negli dei. Ognuno ha visto in Hope nient'altro che l'oggetto del suo desiderio risvegliato. Sordi alla ragione e incantati dal premio in vista, avanzarono e con voci tumultuose dissero:

“Ti porto speranza. Per sempre sei mia. "

Con ardore ognuno si fece audace per attirare la speranza su se stesso. Ma anche se gli sembrava di aver vinto il suo premio, Hope fuggì. La luce del cielo si spense con Hope.

Mentre gli dei si affrettavano a seguire Hope, un'ombra terribile si abbatté sulle porte del Cielo.

"Inizia, brutta presenza", dissero. "Cerchiamo speranza, e non un'ombra informe."

Nel respiro vuoto l'ombra sussurrò:

"I am Fear".

L'immobilità della morte si stabilì su tutto dentro. Lo spazio tremò mentre il sussurro del nome terrificante riecheggiava nei mondi. In quel sussurro gemette la sofferenza del dolore, gemette i dolori accumulati di un mondo in preda al dolore e singhiozzò la disperazione dei mortali che soffrivano inesorabili agonie.

"Vieni", disse Paura, "hai bandito Hope e mi hai convocato. Ti aspetto fuori dalle porte del cielo. Non cercare la speranza. È solo una luce fugace, un bagliore fosforescente. Accelera lo spirito a sogni illusori e quelli che ne sono affascinati diventano i miei schiavi. La speranza è sparita Resta nel tuo solitario Cielo, dei, o oltrepassa le porte e diventa il mio schiavo, e io ti guiderò su e giù nello spazio alla ricerca infruttuosa della Speranza, e non la troverai mai più. Mentre lei fa un cenno e ti allunghi per prenderla, mi troverai al suo posto. Guardami! Paura."

Gli dei videro la Paura e tremarono. Dentro le porte c'era vita vuota. Fuori tutto era buio e i tremori della Paura rimbombavano nello spazio. Una stella pallida brillava e la debole voce di Hope risuonava nel buio.

“Non evitare la paura; lei è solo un'ombra. Se imparerai da lei non potrà farti del male. Quando avrai attraversato e bandito la Paura, ti avrai riscattato, mi avrai trovato e torneremo in Paradiso. Seguimi e lascia che Reason ti guidi. "

Persino la Paura non poteva trattenere gli immortali che ascoltavano la voce di Speranza. Loro hanno detto:

“È meglio vagare in regni sconosciuti con Hope piuttosto che essere in un paradiso vuoto con Paura alle porte. Seguiamo la speranza. "

Con un accordo l'ostia immortale lasciò il Paradiso. Fuori dai cancelli, la Paura li afferrò e li annoiò e li fece dimenticare tutto il resto che Speranza.

Spinti dalla paura e dal vagare per mondi oscuri, gli immortali scesero sulla terra nei primi tempi e presero dimora e scomparvero tra gli uomini mortali. E Hope venne con loro. Da molto tempo hanno dimenticato chi sono e non possono, tranne attraverso la Speranza, ricordare da dove vengono.

La speranza svolazza nel cuore della giovinezza, che vede nella giovinezza un percorso disseminato di rose. Lo sguardo vecchio e stanco torna sulla terra per Speranza, ma arriva la Paura; sentono il peso di anni e la gentile speranza, poi rivolgono il loro sguardo al cielo. Ma quando con Speranza guardano in Paradiso, la Paura mantiene lo sguardo e non vedono oltre la porta, la morte.

Spinti dalla paura, gli immortali camminano sulla terra nell'oblio, ma la speranza è con loro. Un giorno, alla luce che si trova nella purezza della vita, dissiperanno la Paura, troveranno la Speranza e conosceranno se stessi e il Paradiso.