La fondazione di parole

Ciò che è consapevole senza i sensi è I.

—Lo zodiaco

IL

PAROLA

Vol 5 LUGLIO, 1907. No. 4

Copyright, 1907, di HW PERCIVAL.

I NEI SENSI.

ABBIAMO PROFUMO E GUSTO e ascoltiamo, vediamo e sentiamo; viviamo nei sensi, agiamo con i sensi, pensiamo attraverso i sensi e spesso ci identifichiamo con i sensi, ma raramente o mai mettiamo in discussione l'origine dei nostri sensi, né il modo in cui l'occupante li abita. Soffriamo e ci divertiamo, ci sforziamo e schiavizziamo per nutrire e gratificare i sensi; pensiamo, pianifichiamo e lavoriamo per il raggiungimento delle nostre ambizioni senza renderci conto che queste ambizioni sono tutte collegate ai sensi e che noi siamo i loro servitori. Creiamo ideali basati su percezioni sensuali. Gli ideali diventano idoli e noi idolatri. La nostra religione è una religione dei sensi, i sensi dei nostri dei. Creiamo o selezioniamo la nostra divinità secondo i dettami dei nostri sensi. Lo dotiamo degli attributi del senso e adoriamo devotamente attraverso i viali dei nostri sensi. Siamo educati e coltivati ​​in base alle nostre capacità e all'illuminazione dell'età in cui viviamo; ma la nostra cultura ed educazione ha lo scopo di rendere omaggio e omaggio ai nostri sensi in modo artistico ed estetico e secondo metodi scientifici. La nostra scienza è una scienza dei sensi. Cerchiamo di dimostrare che le idee sono solo forme sensuali e che i numeri sono figure inventate per la comodità del conteggio e da utilizzare per ottenere le comodità e il godimento dei sensi nell'età in cui viviamo.

Lasciati ai sensi dovremmo essere circoscritti e chiusi dal mondo dei nostri sensi; dovremmo nutrire, agire, vivere e morire come animali nel mondo dei nostri sensi. Ma c'è l'io che è l'abitante dei sensi - da cui i sensi dipendono per la loro acume della sensazione - e sebbene i sensi siano i suoi padroni attuali, ci sarà un giorno in cui l'io si sveglierà dal suo stupore e sorgerà e getterà via le catene dei sensi. Terminerà il suo periodo di schiavitù e rivendicherà i suoi diritti divini. Con la luce che irradia dissiperà i poteri delle tenebre e dissiperà il fascino dei sensi che lo hanno accecato e lo hanno cullato nell'oblio della sua origine divina. Silenzierà, sottometterà, disciplinerà e svilupperà i sensi in facoltà superiori e diventeranno i suoi servitori volenterosi. Quindi l'io come regno divino regnerà con giustizia, amore e saggezza sull'universo dei sensi.

L'io conoscerà quindi il regno dentro e oltre i sensi, che è la fonte divina di tutte le cose, e sarà partecipe dell'ineffabile presenza che è la Realtà Unica in tutte le cose, ma che noi, mentre siamo accecati dal nostro i sensi, non sono in grado di percepire.

All'inizio dell'universo una sostanza omogenea differenzia e, attraverso il suo unico attributo, la dualità, si manifesta come materia-spirito. Da e come materia spirituale vengono prodotte tutte le forze. Così nasce un universo senza forma. Nel corso dell'involuzione le forze producono gli elementi come i loro veicoli. Ogni forza ha il suo veicolo corrispondente. Questo veicolo o elemento è l'espressione più grossolana della forza. È il rovescio della sua forza, così come lo spirito-materia e lo spirito-materia sono i poli opposti di ciò che era sostanza. Tutte le forze e gli elementi non si manifestano contemporaneamente all'inizio, ma si manifestano solo come e nel grado in cui producono le condizioni per la manifestazione. Ci sono sette forze, con i loro veicoli corrispondenti, sette elementi. Questi costituiscono un universo nella sua involuzione e nella sua evoluzione. Lo zodiaco mostra questa involuzione ed evoluzione con i suoi sette segni dal cancro (♋︎) attraverso la bilancia (♎︎) al capricorno (♑︎). All'inizio del primo periodo (rotondo) della manifestazione, ma una forza si esprime e attraverso il suo particolare elemento. Questo elemento serve in seguito come mezzo per l'espressione della seconda forza anche con il suo secondo elemento. In ogni periodo (rotondo) si manifesta una forza e un elemento aggiuntivi. Il nostro universo attuale ha attraversato tre periodi così grandi ed è ora al suo quarto. I nostri corpi sono il risultato dell'involuzione delle forze e dei loro elementi che si manifestano e si stanno manifestando. Nel quarto periodo è il punto di svolta dall'involuzione all'evoluzione.

Con l'involuzione degli elementi, vengono prodotti corpi che entrano in contatto con gli elementi e attraverso i quali operano gli elementi. Gli elementi sono coinvolti nei corpi e diventano i sensi del corpo organizzato. I nostri sensi sono riunire e fondere gli elementi in un solo corpo. Ogni senso è collegato con la sua parte particolare del corpo quale parte è il suo organo e il particolare centro attraverso il quale il senso agisce sul suo elemento corrispondente e attraverso il quale l'elemento reagisce sul senso. Così sono stati coinvolti gli elementi di fuoco, aria, acqua e terra; e il quinto ora si sta evolvendo come etere. Il sesto e il settimo senso sono ora, e devono ancora essere evoluti attraverso i loro corrispondenti organi e centri nel corpo. Le forze che operano attraverso gli elementi di fuoco, aria, acqua, terra ed etere sono luce, elettricità, la forza d'acqua che non ha ancora un nome scientifico, magnetismo e suono. I sensi corrispondenti sono: vista (fuoco), udito (aria), sapore (acqua), odore (terra) e tatto o sentimento (etere). Gli organi di questi elementi nella testa sono l'occhio, l'orecchio, la lingua, il naso e la pelle o le labbra.

Questi elementi con le loro forze sono entità, non sono cose caotiche. Sono riuniti e uniti per produrre il corpo dell'uomo con i suoi sensi.

Quasi ogni forma animale è dotata di cinque sensi, ma nessuno nella stessa misura dell'uomo. I sensi nell'animale sono governati e controllati dai loro elementi corrispondenti, ma nell'uomo l'io offre resistenza all'intero controllo da parte degli elementi. I sensi nell'animale sembrano essere più acuti di quelli dell'uomo. Questo perché gli elementi non incontrano opposizione quando agiscono sull'animale, e quindi l'animale è guidato più realmente dagli elementi. I sensi dell'animale sono semplicemente coscienti dei loro rispettivi elementi, ma l'io nell'uomo mette in discussione l'azione dei suoi sensi mentre tenta di metterli in relazione con se stesso, e quindi ne consegue un'apparente confusione. Meno resistenza l'io offre ai sensi in cui si trova, più gli elementi guidano veramente i sensi, ma se gli elementi guidano interamente l'uomo attraverso i suoi sensi, è meno intelligente e meno responsabile. Più vicino alla natura l'uomo vive, più prontamente risponderà e sarà guidato dalla natura attraverso i suoi sensi. Sebbene l'uomo primitivo possa vedere e sentire più lontano e il suo odore e gusto siano più acuti secondo linee naturali, tuttavia non può distinguere tra colori e sfumature di colore, che l'artista vede e apprezza a colpo d'occhio, né può distinguere la differenza di toni e armonie che il musicista conosce, né ha l'entusiasmo del gusto che l'epicure ha coltivato o lo sviluppatore esperto di tè sviluppato, né è in grado di rilevare la differenza e la quantità di odore che si può chi ha disciplinato il suo olfatto.

L'uomo sta sviluppando un sesto senso che gli animali non hanno. Questa è la personalità o il senso morale. Il senso morale inizia a risvegliarsi nell'uomo primitivo e diventa un fattore più dominante man mano che l'uomo migliora nella riproduzione e nell'educazione. L'elemento corrispondente a questo senso non può essere percepito dall'uomo sebbene sia presente, ma si pensa alla forza che usa attraverso il senso della personalità e della moralità, ed è attraverso il pensiero che si risveglia all'interno dei sensi dell'uomo il suo vero "io" che è il settimo senso, il senso dell'individualità, della comprensione e della conoscenza.

La storia passata del nostro universo, dell'involuzione degli elementi della natura e di tutta la vita animale, viene ricostruita nella formazione di un corpo umano. L'involuzione degli elementi termina alla nascita e inizia l'evoluzione dei sensi. Il graduale sviluppo dei sensi nelle razze passate può essere meglio studiato attraverso un'attenta osservazione dell'essere umano, dalla nascita allo sviluppo completo come uomo. Ma un metodo ancora migliore e più sicuro per imparare come vengono sviluppati i sensi è quello di tornare al tempo della nostra infanzia e osservare la graduale evoluzione dei nostri sensi e il modo in cui li abbiamo utilizzati.

Un bambino è un oggetto meraviglioso; di tutte le creature viventi è la più indifesa. Tutti i poteri della terra vengono chiamati per aiutare nella fabbricazione del corpicino; è in verità una "Arca di Noè" in cui sono contenute le coppie di tutte le forme di vita e di ogni cosa. Le bestie, gli uccelli, i pesci, i rettili e i semi di tutta la vita si trovano in quell'universo. Ma a differenza dell'altra creazione animale, un bambino ha bisogno di cure e protezione costanti per molti anni, poiché non può provvedere né aiutare se stesso. La piccola creatura è nata nel mondo senza l'uso dei suoi sensi; ma con la facoltà di farsi sentire all'arrivo e richiedere attenzione.

Alla nascita il bambino non è in possesso di nessuno dei suoi sensi. Non può né vedere, né sentire, né gustare, né annusare, né sentire. Deve imparare l'uso di ciascuno di questi sensi e lo fa gradualmente. Tutti i bambini non imparano l'uso dei loro sensi nello stesso ordine. Con l'udito viene prima di tutto; con gli altri, vedendo prima. In generale, tuttavia, il bambino è cosciente solo come in un sogno indistinto. Ognuno dei suoi sensi è aperto da uno shock, prodotto per la prima volta dal vedere o dall'udire, che è causato da sua madre o da qualcuno presente. Gli oggetti sono sfocati all'occhio del bambino, e non può in alcun modo vedere nulla in modo distinto. La voce di sua madre è udita solo come un ronzio o altro rumore che eccita il suo organo dell'udito. Non è in grado di distinguere gli odori e non può assaggiare. Il nutrimento preso proviene dalle cellule del corpo, che sono semplicemente bocche e stomachi, e non può sentire con esattezza né localizzare alcuna parte del suo corpo. All'inizio non riesce a chiudere le mani su nessun oggetto e tenta di nutrirsi con i pugni. Ciò che non può vedere sarà osservato dalla sua incapacità di focalizzare gli occhi su un determinato oggetto. La madre deve insegnargli a vedere e sentire, mentre insegna a nutrirsi. Con ripetute parole e gesti tenta di attirare la sua attenzione. Con pazienza la madre guarda nei suoi occhi vacillanti per uno sguardo di riconoscimento, e passano settimane o mesi prima che il suo cuore sia rallegrato da un sorriso intelligente. Quando è in grado di rilevare per la prima volta il suono, sposta rapidamente i suoi arti, ma non è in grado di localizzare il suono. Di solito con la posizione del suono arriva il senso della vista quando un oggetto luminoso viene mosso davanti ai suoi occhi o la sua attenzione viene attratta da un oggetto. L'osservatore attento che ha seguito lo sviluppo di qualsiasi bambino non può non comprendere le sue azioni quando uno di questi sensi viene usato correttamente. Se il tono usato per parlargli è mite e piacevole sorriderà, se aspro e arrabbiato urlerà di paura. Il momento in cui vede per la prima volta un oggetto può essere riconosciuto dal corrispondente aspetto di riconoscimento che l'oggetto eccita. In questo momento gli occhi saranno visti per focalizzare correttamente; altre volte rispetto a quando vede gli occhi non sono a fuoco. Possiamo testare il bambino se vede e sente con uno dei giocattoli preferiti, un sonaglio. Se scuotiamo il sonaglio e il bambino lo sente ma non vede, allungherà le mani in qualsiasi direzione e scalcia violentemente, che può o meno essere nella direzione del sonaglio. Questo dipende dalla sua capacità di localizzare il suono. Se vede il crepitio, immediatamente focalizzerà gli occhi sul sonaglio e lo raggiungerà. Ciò che vede o non vede è dimostrato spostando gradualmente il sonaglio verso gli occhi e ritirandolo di nuovo. Se non vede, gli occhi presenteranno uno sguardo vuoto. Ma se vede cambieranno la loro attenzione in base alla vicinanza o alla distanza del sonaglio.

Il gusto è il prossimo senso sviluppato. Inizialmente il bambino non è in grado di mostrare la sua preferenza per l'acqua o il latte o lo zucchero o altri alimenti che in realtà non irritano o vescicano le cellule del corpo. Prenderà tutto il cibo allo stesso modo, ma col tempo mostra la preferenza per uno rispetto agli altri piangendo per esso quando il particolare cibo viene improvvisamente ritirato. Quindi, per esempio, se un pezzo di caramella viene messo in bocca piangerà se la caramella viene rimossa e non sarà consolata né dal capezzolo né dal latte. Ma la sua attenzione può essere rimossa dal suo senso del gusto scuotendo un sonaglio o danzando un oggetto luminoso davanti ai suoi occhi. Il senso dell'olfatto viene rilevato dall'osservatore presentando determinati odori, la cui preferenza verrà mostrata da un sorriso, un cipiglio o il baby coo.

Il sentimento si sviluppa gradualmente e in proporzione agli altri sensi. Ma il bambino non ha ancora imparato il valore delle distanze. Raggiungerà la luna o un ramo ondeggiante di un albero con la stessa sicurezza che raggiungerà per il naso di sua madre o la barba di suo padre. Spesso piange perché non riesce a cogliere la luna o qualche oggetto distante; ma gradualmente apprende il valore delle distanze. Tuttavia, non impara così facilmente l'uso dei suoi organi, poiché cercherà di nutrirsi con i suoi piedi, il sonaglio o qualsiasi altro giocattolo. Solo dopo molti anni cesserà di provare a mettere tutto a portata di mano.

Nella prima infanzia i sensi sono controllati dagli elementi come lo sono gli animali. Ma in questa prima giovinezza i sensi non sono realmente sviluppati; poiché, sebbene esistano prodigi che sono eccezioni alla regola ordinaria, i sensi non iniziano realmente ad essere usati con intelligenza fino all'età della pubertà; quindi inizia il vero uso dei sensi. È allora che inizia il senso morale, il senso della personalità, e tutti i sensi assumono un significato diverso in questa fase del loro sviluppo.

Poiché ci sono forze che operano attraverso i loro veicoli, gli elementi, così ci sono anche principi che sono collegati e agiscono attraverso i sensi e i loro organi. All'inizio il primo elemento era il fuoco, la prima forza che si manifestava era la luce che operava attraverso il suo veicolo e l'elemento, il fuoco. All'inizio dell'uomo la luce come fuoco nell'universo è la mente, che, sebbene all'inizio sia nella forma più primitiva, contiene in sé i germi di tutte le cose che devono essere sviluppate e pone anche il limite al suo sviluppo . Il suo senso è la vista e il suo organo è l'occhio, che è anche il suo simbolo.

Poi viene il funzionamento della forza, l'elettricità, attraverso il suo elemento l'aria. Nell'uomo il principio corrispondente è la vita (prana), con il suo corrispondente senso dell'udito e l'orecchio come organo. La forza dell '“acqua” agisce attraverso il suo elemento acqua, e ha come corrispondenza il principio della forma (corpo astrale o linga sharira), con il suo senso, quello del gusto e il suo organo la lingua.

La forza del magnetismo opera attraverso l'elemento terra e ha il suo principio e senso corrispondenti nell'uomo, nel sesso (corpo fisico, sthula sharira) e nell'olfatto, con il naso come organo.

La forza del suono agisce attraverso l'etere del suo veicolo. Nell'uomo il principio corrispondente è il desiderio (kama) e la sua sensazione sensoriale, con la pelle e le labbra come i suoi organi. Questi cinque sensi sono comuni sia agli animali che agli uomini, ma in varia misura.

Il sesto senso è il senso che differenzia l'animale dall'umano. Il senso inizia, sia nel bambino che nell'uomo, con il senso di Io-essere. Nel bambino viene mostrato quando il bambino diventa ciò che viene chiamato "autocosciente". Il bambino naturale, come l'animale naturale o l'uomo naturale, è piuttosto senza riserve nei suoi modi, e non ha paura e confidenza nel suo comportamento. Non appena si rende conto di se stesso, tuttavia, perde quella risposta naturale dei sensi ai loro elementi esterni e si sente trattenuto dal suo sentimento di I.

Guardando indietro nel passato, l'adulto non ricorda le molte fitte e barattoli che la presenza di me ha causato alle sue sensazioni. Più l'io è consapevole di se stesso, maggiore sarà il dolore che causerà all'organizzazione sensibile. Ciò è particolarmente espresso dal ragazzo o dalla ragazza che sta raggiungendo la loro adolescenza. Quindi il sesto senso, il morale o il senso della personalità, viene evidenziato perché l'io è quindi più positivamente connesso con il corpo di quanto non fosse stato prima. È a questo punto che il principio del pensiero agisce attraverso il suo senso, il senso morale o la personalità. In questo senso la personalità è semplicemente il riflesso dell'io, la maschera dell'io, il falso ego. L'Io è l'individualità o il perfetto principio della mente, corrispondente allo sforzo iniziale della mente di esprimersi attraverso il suo primo senso, quello della vista, con la corrispondente forza della luce e il suo elemento fuoco.

I sensi sono rappresentati nello zodiaco. Se si estrae un diametro dai segni cancro (♋︎) al capricorno (♑︎), gli occhi nella testa sono sulla linea orizzontale dello zodiaco che divide la sfera in una porzione superiore e inferiore. La parte superiore dello zodiaco o della testa è la non manifestata, mentre la metà inferiore dello zodiaco o della testa è la metà manifestata e manifestante. In questa metà manifestante inferiore ci sono sette aperture, che indicano sette centri, ma attraverso le quali attualmente operano solo cinque sensi.

I principi enumerati da Mme. Blavatsky negli insegnamenti teosofici sono, il corpo fisico (sthula sharira), il corpo astrale (linga sharira), il principio di vita (prana), il principio del desiderio (kama), la mente (manas). Il principio della mente (manas) è di Mme. Blavatsky diceva di essere il principio individualizzante, che è l'unico tra quelli menzionati da lei che è eterno e l'unico principio immortale che si manifesta nell'uomo. I principi superiori non sono ancora manifestati e quindi sono rappresentati nella metà superiore dello zodiaco; ma in quanto il principio della mente è ciò che si manifesta nell'universo e nell'uomo, i segni dello zodiaco mostrano il modo in cui questo principio viene sviluppato attraverso il contatto con i principi transitori inferiori, nell'ordine naturale dall'involuzione all'evoluzione. Quindi, ad esempio, il primo respiro della mente, il cancro (♋︎), fruttifica il germe della vita, leo (♌︎), che gradualmente si sviluppa in forma, vergine (♍︎) e quale forma è determinata dal suo sesso e dalla sua nascita, la bilancia (♎︎). Il suo sesso si esprime con lo sviluppo del principio del desiderio, lo scorpione (♏︎). Qui finisce l'uomo fisico esclusivamente animale. Ma ci sono i sensi interiori, come la chiaroveggenza e la chiaroveggenza, che corrispondono al vedere e all'udire. Questi, con le facoltà della mente, hanno i loro organi e centri di azione nella metà superiore della testa. La mente e le sue facoltà devono essere disciplinate e sviluppate prima che i principi superiori (atma e buddhi) possano diventare attivi.

L'essere umano inizia il sesto senso di personalità e moralità che guida o è guidato dal pensiero, sagittario (♐︎). Man mano che il pensiero diventa strettamente morale e i sensi vengono utilizzati nelle loro funzioni proprie e vengono utilizzati correttamente, il pensiero come personalità e un riflesso dell'io si allinea con il suo vero io, l'individualità o la mente, che è il completamento di i sensi richiamando in azione il potere superiore della mente. L'organo attraverso il quale si riflette la personalità e su cui sorge il senso morale è in questa classificazione rappresentata dal corpo ipofisario. L'organo che rappresenta l'individualità, il capricorno (♑︎) è la ghiandola pineale. Come organo il corpo pituitario è posizionato dietro e a metà strada tra gli occhi. La ghiandola pineale è leggermente dietro e sopra di loro. Gli occhi simboleggiano questi due organi che si trovano dietro di loro.

Questi nostri sensi mentre agiamo attraverso i centri o gli organi della testa non sono semplici incidenti o possibilità - evoluzione per ambiente. Sono sia le stazioni riceventi che operative dalle quali il pensatore, l'uomo, può ricevere istruzioni e controllare o dirigere le forze e gli elementi della natura. Né si deve supporre che i segni dello zodiaco siano la denominazione arbitraria di certe costellazioni nei cieli. Le costellazioni nei cieli sono simboli così come i nostri pianeti. I segni dello zodiaco rappresentano così tante grandi classi o ordini. Alla testa di ogni classe o ordine c'è un'intelligenza troppo sacra per farci più che menzionare. Da ciascuna di tali grandi intelligenze si procede gradualmente in processione ordinata tutte le forze e gli elementi che compongono il corpo umano, e ciascuno di questi ha la sua corrispondenza nel corpo umano, come affermato.

I sensi sono distinti dall'io reale e non possono essere identificati con esso. Quando l'io entra in contatto con il corpo, i sensi lo illudono, lo intossicano, lo ammaliano e gli lanciano un fascino incantato che non è in grado di superare. L'Io non deve essere percepito dai sensi; è intangibile e impalpabile. Man mano che viene nel mondo ed è associato ai sensi, si identifica con alcuni o tutti i sensi, perché è nel mondo fisico delle forme in cui non c'è nulla che lo ricordi a se stesso, e non è che dopo molto tempo sofferenza e molti viaggi che inizia a identificarsi come distinto dai sensi. Ma nel suo stesso sforzo di distinguersi, all'inizio diventa ancora più innamorato e illuso.

Nello stato infantile o dell'uomo primitivo aveva l'uso naturale dei suoi sensi, ma con ciò non poteva discernersi. Attraverso la coltivazione e l'educazione i sensi furono portati a un più alto grado di sviluppo. Questo è rappresentato dai vari rami dell'arte. Come, ad esempio, lo scultore concepisce più chiaramente la forma e la proporzione e modella l'argilla di plastica o scolpisce il marmo massiccio in forme che si avvicinano alla bellezza che la sua mente concepisce. L'artista con il senso del colore allena il suo occhio per vedere e il suo principio di pensiero per concepire la bellezza non solo nella forma ma nel colore. Rileva le differenze di tonalità e tonalità di colore che l'uomo comune non concepisce nemmeno, e l'uomo o il bambino primitivo vede solo come una spruzzata di colore in contrasto con un'altra spruzzata. Anche l'uomo dell'educazione ordinaria nel guardare un volto vede solo il contorno e ottiene l'impressione generale del colore e delle caratteristiche. Da un esame più attento vede ciò che non può nominare come una particolare sfumatura di colore; ma l'artista non solo ottiene immediatamente un'impressione generale del colore, ma può ispezionare, all'ispezione, molte sfumature di colore sulla pelle che non si sospetta nemmeno siano presenti dall'uomo comune. Le bellezze di un paesaggio o di una figura eseguite da un grande artista non sono apprezzate dall'uomo comune e sono viste solo come imbrogli dall'uomo o dal bambino primitivo. Un animale non ha alcun riguardo per il colore, oppure ne è solo eccitato. Il bambino o l'uomo primitivo deve essere addestrato attentamente per cogliere l'idea di sfumature di colore e la prospettiva in un dipinto. Inizialmente un dipinto sembra essere solo una superficie piana che è chiara o scura in alcune parti, ma gradualmente la mente apprezza il primo piano e lo sfondo con gli oggetti e l'atmosfera che intervengono, e mentre impara ad apprezzare il colore il mondo appare diverso da esso . Il bambino o l'uomo primitivo riconosce solo un suono attraverso il sentimento o l'emozione che esso produce. Quindi distingue tra un rumore discordante e una semplice melodia. Successivamente può essere addestrato ad apprezzare suoni più complessi, ma solo il vero musicista è in grado di distinguere e apprezzare la discordia dall'armonia in una grande sinfonia.

Ma il fascino che deriva dalla coltivazione dei sensi lo lega ancor più da vicino ai sensi e lo rende più loro schiavo che finora. Dal loro servitore obbediente nell'ignoranza, diventa il loro fedele schiavo della cultura, sebbene attraverso l'istruzione e la cultura si avvicini al momento del risveglio.

Ognuno dei cinque sensi è alto o basso a seconda dell'uso che ne viene fatto dalla personalità. La civiltà e l'educazione tendono a legare l'Io ai sensi fintanto che l'Io e le facoltà di ragionamento saranno applicati ai fini materiali e l'Io è attaccato al mondo e a ciò che erroneamente concepisce essere i suoi possedimenti. Perdite, povertà, dolore, malattia, dolore, problemi di ogni tipo, gettano l'io su se stesso e lontano dai loro opposti che attraggono e illudono l'io. Quando l'io è abbastanza forte, inizia a discutere con se stesso su se stesso. Quindi è possibile che apprenda il significato e l'uso reale dei sensi. Quindi apprende che non è di questo mondo, che è un messaggero con una missione in questo mondo. Che prima di poter dare il suo messaggio ed eseguire la sua missione, deve conoscere i sensi come sono realmente e usarli come dovrebbero essere usati invece di essere illusi e controllati da loro.

L'io impara che i sensi sono davvero gli interpreti dell'universo, l'io e come tali dovrebbero essere ascoltati, ma che l'io deve imparare il loro linguaggio interpretativo e usarli come tali. Invece di essere ingannato dalla loro influenza, l'io impara che solo attraverso il controllo dei sensi è in grado di interpretare l'universo attraverso di loro, e che con il loro controllo, l'io, sta eseguendo un dovere dando forma al non formato e aiutando la materia nei suoi processi evolutivi ed evolutivi. L'I poi impara ancora che dietro e al di sopra degli elementi di cui parla attraverso i suoi sensi ci sono intelligenze e presenze con le quali può comunicare attraverso facoltà nuove e inutilizzate che nascono e vengono acquisite dal corretto uso e controllo del suo fisico sensi. Man mano che vengono sviluppate le facoltà superiori (come la percezione e la discriminazione) prendono il posto dei sensi fisici.

Ma come posso diventare consapevole di me e conoscermi? Il processo attraverso il quale ciò può essere fatto è semplicemente dichiarato, sebbene per molti possa essere difficile da realizzare. Il processo è un processo mentale ed è il processo di eliminazione. Non può essere fatto in una sola volta, anche se è del tutto possibile se gli sforzi continuano.

Lascia che chi riuscirà a eliminare i sensi sieda tranquillamente e chiuda gli occhi. Immediatamente si precipiterà nella sua mente i pensieri di ogni sorta di cose relative ai sensi. Lascia che inizi semplicemente l'eliminazione di uno dei sensi, diciamo quello dell'olfatto. Quindi lascia che interrompa il senso del gusto, in modo che non sia consapevole di tutto ciò che può odorare o gustare. Lascialo continuare eliminando il senso della vista, vale a dire che non sarà cosciente nel pensiero con alcun mezzo di qualsiasi cosa nella forma o nel colore. Lascia che elimini ulteriormente il senso dell'udito, in modo che sia consapevole di nessun rumore o suono, nemmeno il ronzio nell'orecchio o la circolazione del sangue attraverso il suo corpo. Lascia che proceda ulteriormente eliminando ogni senso di sentimento in modo che non sia consapevole del proprio corpo. Si concepirà ora che non c'è luce o colore e che non si vede nulla nell'universo, che si perde il senso del gusto, si perde il senso dell'olfatto, che non si sente nulla nell'universo e che non c'è nessun senso di sentire qualunque cosa.

Si dirà che uno da cui vengono tagliati i sensi della vista, dell'udito, del gusto, dell'olfatto e del sentimento non ha esistenza, che è morto. Questo è vero. In quel momento è morto, e non esiste, ma al posto dell'esistenza ha l'Essere, e invece di avere una vita sensuale, È.

Ciò che rimane cosciente dopo che i sensi sono stati eliminati sono I. In quel breve momento di tempo l'uomo è illuminato nella Coscienza. Ha conoscenza dell'io come io, distinto dai sensi. Questo non durerà a lungo. Diventerà nuovamente consapevole dei sensi, dei sensi, attraverso i sensi, ma li conoscerà per quello che sono e porterà con sé il ricordo del suo vero essere. Può quindi lavorare con e attraverso i sensi verso il momento in cui non sarà più il loro schiavo, ma sarà se stesso sempre se stesso, sarò sempre io nella giusta relazione con i sensi.

Chi ha paura della morte e del processo di morte non dovrebbe impegnarsi in questa pratica. Dovrebbe imparare un po 'la natura della morte e dei suoi processi mentali prima di andare così alla ricerca di I.